Attualità » Primo piano Splendorini, Comune di Umbertide ribadisce : ‘’No all'autorizzazione per 50mila ton/anno di rifiuti’’

Riceviamo e pubblichiamo L’Amministrazione comunale di Umbertide torna a ribadire la propria posizione in merito alla vicenda Splendorini che in questi giorni trova ampio spazio sulla stampa locale. In data 30 agosto 2017 il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza una delibera con la quale si esprime la contrarietà del Comune di Umbertide al mantenimento della autorizzazione unica di recupero rifiuti non pericolosi a favore della impresa Splendorini Ecopartner srl per il quantitativo di 50.000 ton/anno. Come riportato nel documento, il quantitativo di 50.000 ton/anno di rifiuti risulta assolutamente eccessivo, tenuto conto anche del degrado ambientale causato in località Calzolaro dalle emissioni odorigene dell’impianto per il trattamento dei rifiuti che nel tempo si è ulteriormente aggravato. Il Comune di Umbertide, come espresso nella delibera di Giunta prima e della delibera di Consiglio comunale dopo, ritiene che il quantitativo massimo trattabile non possa assolutamente superare quello del 2013, pari a 21.000 ton/anno eliminando totalmente le categorie di rifiuti maleodoranti (FOU). Tale delibera prevede inoltre che l’esercizio del trattamento dei rifiuti sino a 21.000 tonn/anno debba essere condizionato all’assenza di emissioni odorigene a danno della popolazione e, nel caso in cui vengano confermate le 50.000 tonn./anno di rifiuti, invita la Regione a delocalizzare tempestivamente l’impianto in zona distante dai centri abitati. A tutto ciò, si aggiunge il parere non favorevole all’eventuale acquisizione da parte di SOGEPU delle quote societarie della Splendorini Molini Ecopartner srl. Questa è l'unica posizione assunta dal Comune di Umbertide sulla questione, posizione che è stata espressa anche nel corso della Conferenza dei servizi tenutasi lo scorso 1 settembre in Regione, primo momento di confronto al quale ne seguiranno altri finalizzati ad approfondire i vari aspetti della vicenda. 

06/09/2017 20:13:39 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Perugia: spaccio di eroina e cocaina, arrestati due tunisini

Gli agenti della sezione antidroga della squadra mobile hanno concluso un’attività d’indagine svolta nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti a Perugia. L’attività investigativa avviata nell’ottobre 2016 e conclusa nell’agosto 2017, aveva quali obiettivi due magrebini, già noti alle forze dell’ordine per i loro trascorsi criminali nell’ambito dello spaccio di droga. Lo schema dell’attività di spaccio era il seguente: il principale indagato, tunisino, contattato telefonicamente dai vari assuntori, per effettuare gli scambi non si allontanava neanche dal proprio domicilio, situato nella zona di Settevalli, ma li attendeva sotto casa o all’interno, eseguendo la cessione, i cui dettagli erano stati già concordati telefonicamente, in maniera estremamente rapida. Talvolta lo spacciatore era coadiuvato o sostituito dal suo “socio” in affari, connazionale, il quale operava nella stessa maniera. Le risultanze investigative acquisite nel corso dell’indagine, non solo hanno consentito di accertare come i due pusher fossero operativi già da anni, essendo state documentate cessioni che risalgono al 2015, ma anche che il volume di affari fosse particolarmente importante, atteso che, dei vari assuntori, molti di essi erano abituali, acquistando stupefacente dai due tunisini con cadenza plurisettimanale o addirittura giornaliera. Il rapporto “commerciale” che si era instaurato, di conseguenza, era caratterizzato da una certa “continuità professionale”, in alcuni casi esclusiva. Il linguaggio utilizzato nelle comunicazioni di contrattazione, ovviamente, era dissimulato ma abbastanza chiaro: il principale indagato, noto come “Rocco”, ed i suoi clienti, parlavano di “roba bianca”, oppure di un numero variabile di “pallette”, oppure indicavano l’eroina chiamandola semplicemente “E” o la cocaina “C”. Le risultanze probatorie acquisite sono state compendiate in un’articolata informativa di reato che, inoltrata all’autorità giudiziaria, le hanno consentito in tempi rapidissimi di emettere un provvedimento che dispone l’applicazione, a carico dei due indagati, della misura cautelare carceraria, eseguita dagli uomini dell’antidroga previa notificazione del provvedimento ed accompagnamento a Capanne.

06/09/2017 14:21:41 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: tutto pronto per l'edizione 2017 delle Fiere di settembre

Si terrà da venerdì 8 a domenica 10 settembre la 32esima edizione delle Fiere di Settembre, tradizionale appuntamento del Settembre umbertidese, presentato ieri mattina al Museo Santa Croce dal vicesindaco Maria Chiara Ferrazzano insieme ai soggetti che hanno contribuito ad organizzare l'evento. “Da qualche anno a questa parte le Fiere di Settembre sono legate ad una tematica sociale perché crediamo che un evento di svago e divertimento possa essere anche un'occasione per riflettere – ha affermato il vicesindaco con delega al Commercio e alle Pari Opportunità Ferrazzano – Quest'anno la manifestazione sarà dedicata alle donne in generale e alle tabacchine in particolare, mettendo in risalto il ruolo di primo piano che queste hanno avuto non solo per l'economia italiana ed altotiberina ma anche per l'emancipazione femminile; accanto a questo vogliamo parlare di violenza di genere e far conoscere il Centro di ascolto attivo presso il centro salute di Umbertide, nella convinzione che affrontare certe tematiche possa essere di grande aiuto per le tante donne vittime di violenza Questa 32esima edizione delle Fiere di Settembre è un grande esempio di cooperazione perché grazie alla collaborazione di tante associazioni e volontari siamo riusciti a proporre un ricchissimo calendario di eventi che accompagnerà i visitatori nelle tre giornate dell'8, 9 e 10 settembre”. L'inaugurazione si terrà venerdì 8 settembre alle 16 con la partecipazione della Banda cittadina dopodiché si darà il via ai numerosi appuntamenti in programma. Le tabacchine saranno al centro di una serie di iniziative, promosse in collaborazione con la Fondazione Museo storico scientifico del tabacco, e finalizzate a far conoscere la storia e il ruolo di queste donne straordinarie: venerdì alle 18 e sabato alle 16:30 si terranno alcune letture a cura di Eleonora Giannelli con accompagnamento musicale di Elia Ceccagnoli mentre venerdì alle 18:30 e sabato alle 11:30 saranno i bambini del centro estivo Ciccibù e di Asad Lucignolo a proporre il canto delle tabacchine. Appuntamento di primo piano sabato alle 11 con l'intervista a Gianna Fracassi per parlare di donne, lavoro e diritti mentre grazie alla collaborazione della Compagnia toscana sigari sarà possibile partecipare a dimostrazioni di lavorazione dei sigari e degustazioni di tabacco del territorio (venerdì alle 17 e alle 18, sabato alle 10 e alle 16). Contro la violenza di genere, verrà poi organizzata una passeggiata per le vie delle Fiere, promossa in collaborazione con la Commissione Pari Opportunità al fine di sollecitare una riflessione su un tema purtroppo sempre molto attuale. Tanti saranno poi i momenti di puro svago ed intrattenimento: venerdì alle 19:30 si esibiranno gli alunni del coro della scuola primaria Garibaldi mentre a seguire alle 21 si terrà lo spettacolo dell'associazione Argento Vivo; sabato dalle 19 si terrà il concerto Micheal Zurino & Friends mentre dalle 21 la serata sarà allietata dalla musica del Gruppo Gerardo, Cleonice e Carlo. Domenica 10 dalle 18 sono in programma spettacoli itineranti mentre dalle 19 si terranno lo spettacolo “Cambiamo la musica” diretto da Michael Zurino e la rappresentazione teatrale della compagnia Gli Improvvisati di Montecorona. Dal vicesindaco Ferrazzano quindi un ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito ad organizzare le Fiere di Settembre e che hanno partecipato alla conferenza stampa: la Commissione Pari Opportunità di Umbertide e nello specifico la presidente Stefania Bagnini e la vicepresidente Elisa Boldrini, la Polizia Municipale di Umbertide con il comandante Gabriele Tacchia, la Fondazione per il Museo storico scientifico del tabacco (di cui fa parte anche il Comune di Umbertide) rappresentato dalla presidente Stefania Ceccarini e da Jacopo Galmacci in qualità di amministratore per il Comune di Umbertide, la Compagnia toscana sigari di Gabriele Zippilli, la Cooperativa Asad rappresentata da Monica Nanni, la scuola primaria Garibaldi e il piccolo coro degli alunni, Eleonora Giannelli, Michael Zurino, l'associazione Argento Vivo, Carlo Ugolini per le luci e Gabry Garden per l'allestimento floreale. 

05/09/2017 09:47:13 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy