I consiglieri di opposizione chiedono un Consiglio comunale aperto sulla Sanità

Continua ad essere un tema discusso quello della sanità ad Umbertide. I consiglieri di opposizione hanno infatti richiesto la convocazione e riunione del Consiglio Comunale in seduta straordinaria e in presenza,  in una struttura idonea con il seguente ordine del giorno monotematico:
- Riflessi sui Servizi sanitari territoriali alla luce del Piano Sanitario Regionale. Analisi e proposte per la fase partecipativa.

La richiesta dei consiglieri Giovanni Codovini, Giampaolo Conti, Filippo Corbucci, Matteo Ventanni sarebbe stata effettuata,s econdo quanto dichiarato dagli stessi  "alla luce di un piano sanitario regionale che penalizza l'Alto Tevere e Umbertide e di fronte alle evidenti difficoltà del nostro ospedale e di tutti i servzi sanitari. Il Piano regionale cancella poi l’area e i servizi integrati dell’Alta Umbria, cioè di Umbertide, Gubbio e Castelllo. Infatti, Umbertide viene spostato nell’Usl nord ovest con il Trasimeno e Gubbio, con il suo ospedale, è assorbito nell’Usl nord est dell’assisano . Anni di battaglie, investimenti, competenze, servizi e risorse vengono buttate via.

"I cittadini meritano attenzione. - continuano i consiglieri - Le persone più fragili meritano attenzione. Rinunciare ad avere servizi sanitari efficienti con  personale  adeguato vuol dire rinunciare ad essere una comunità che si preoccupa del diritto alla salute e alla cura di tutti.

Per tale motivo ci rivolgiamo liberamente anche agli altri Consigli comunali del territorio, affinché si possa avviare insieme una discussione e una proposta comune territoriale più larga possibile per rafforzare un Piano sanitario pieno di limiti e contraddizioni".
 

 

Commenti

Inserisci un nuovo commento

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy