Attualità » Primo piano San Giustino: Coronavirus, polizia locale in azione per contrastare la diffusione del virus

Oltre quaranta posti di controllo, più di cento persone identificate con l’acquisizione delle relative autocertificazioni e tre soggetti segnalati all’autorità giudiziaria, perchè in circolazione senza un giustificato motivo, ai sensi dell’articolo 650 del codice penale. Sono solo alcuni dei dati rilevati dall’attività operativa del comando di polizia locale di San Giustino, che dall’inizio dell’emergenza coronavirus ha intensificato i controlli su tutto il territorio comunale, al fine di dare piena attuazione alle direttive per contrastare la diffusione del virus. Ai fatti sopra citati, si aggiungono dieci autocertificazioni ancora in corso di verifica e la presenza di oltre trenta servizi automontati di pattugliamento del territorio con l’ausilio di personale in borghese. Tali servizi sono stati predisposti ed eseguiti anche nelle giornate festive e nelle ore serali fino alle 22, come da direttive impartite dall’amministrazione comunale. Insieme ai controlli, in questo periodo la polizia locale ha provveduto alla diffusione di audiomessaggi per informare e sensibilizzare i cittadini e ha fornito il proprio supporto ai mezzi preposti alla sanificazione delle strade, il tutto in piena sinergia con l’amministrazione comunale, la locale stazione carabinieri e tutte le autorità preposte. Particolare attenzione sarà dedicata, nei prossimi giorni, alla vigilanza sul rispetto dell’ordinanza sindacale sull’utilizzo dei dispositivi di protezione, all’interno delle attività commerciali.  “I controlli da parte della polizia locale di San Giustino e di tutte le forze a presidio del territorio – spiega l’assessore comunale Andrea Guerrieri -  sono atti ad assicurare il rispetto delle disposizioni ministeriali adottate a tutela dell'incolumità e della salute della nostra intera comunità. Tali attività proseguiranno costanti nei prossimi giorni. Particolare attenzione sarà prestata all'obbligo di indossare guanti e mascherina per le persone che accedono in tutti gli esercizi commerciali aperti al pubblico, compresi uffici e banche. Per chi fosse sprovvisto di mascherina, è comunque obbligatorio coprirsi naso e bocca prima dell'ingresso in questi locali".  

27/03/2020 16:41:05 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Donazioni di materiale sanitario all'ospedale di Umbertide, avvenuta questa mattina la consegna

Numerose sono state in questi giorni le donazioni di materiale sanitario all'ospedale di Umbertide da parte di istituzioni, imprese e cittadini. Per questo, nella mattinata di venerdì 27 marzo, alla presenza del sindaco Luca Carizia, della vicesindaco Annalisa Mierla, del presidente del Gruppo Comunale di Protezione Civile Gabriele Lisetti, del dirigente medico della Usl Umbria 1, Gioia Calagreti, del responsabile dell'Unità Operativa di Chirurgia a ciclo breve, Marino Cordellini e dei coordinatori infermieristici Gilberto Baracchini e Fabio Falcini, alcuni volontari della ProCiv cittadina hanno consegnato al locale nosocomio i proventi della generosità degli umbertidesi. Nello specifico sono stati donati 200 tute in tyvek con cappuccio, 10 tute in polipropilene (Plp), 20 caschi con visiera, 6 scatole di guanti in in nitrile, una scatola di mascherine, 5 scatole di copriscarpe in plp, 25 occhiali protettivi con valvole per la circolazione dell'aria. “Anche in questo frangente il grande cuore dei nostri concittadini non ha tardato ad attivarsi verso un punto di riferimento come è il nostro ospedale – afferma il sindaco Carizia - Un ringraziamento sincero va a tutti coloro che si sono attivati in questa gara di solidarietà. Un profondo e sentito grazie va al Gruppo Comunale di Protezione Civile e soprattutto agli operatori sanitari del nostro ospedale, che stanno svolgendo un lavoro straordinario per contenere il virus”. Nei prossimi giorni, come informa la ProCiv umbertidese, seguiranno ulteriori donazioni sempre rivolte al locale ospedale.                  

27/03/2020 13:28:54 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Coronavirus: il Comune di Umbertide posticipa la Tari e stoppa le rette di nidi, Centro Bambini e trasporto scolastico

Sono state approvate dalla giunta comunale di Umbertide le delibere che stabiliscono l'esenzione per il mese di marzo delle rette del nido d'infanzia, del Centro Bambini, del trasporto scolastico e il rinvio delle scadenze della tassa sui rifiuti (Tari). Nel primo caso, vista la sospensione a seguito dell'emergenza Covid-19 come da decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 marzo 2020, delle attività educative dei servizi per la prima infanzia, nonché delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado fino al 3 aprile 2020, la giunta ha ritenuto opportuno intervenire a sostegno delle famiglie che in questo momento di difficoltà si trovano a fronteggiare pesanti disagi. L'amministrazione comunale ha quindi deciso di non procedere all'addebito delle tariffe relative ai servizi comunali del nido d'infanzia, del Centro Bambini, nonché del servizio trasporto scolastico, relativi al mese di marzo 2020 in quanto non utilizzati o utilizzati in misura assolutamente irrilevante. La misura potrà eventualmente essere estesa con un ulteriore atto specifico, anche ad un periodo successivo qualora si protraesse lo stato di emergenza in corso. Per quanto riguarda la tassa sui rifiuti la giunta ha deciso il rinvio delle rate per l'anno corrente nel seguente modo: la prima rata il 31 luglio, la seconda il 30 ottobre e la terza il 4 dicembre.  

26/03/2020 12:31:54 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy