Attualità » Primo piano Operazione antidroga dei Carabinieri di Foligno: stroncato imponente traffico di hashish fra l’Umbria e l’Abruzzo

I Carabinieri della Compagnia di Foligno hanno concluso in questi giorni una complessa attività antidroga che ha permesso di chiudere un importante cerchio nella lotta al traffico di sostanze stupefacenti, con l’arresto di due persone e la sottrazione di 58,5 kg di hashish dalle piazze dello spaccio. L’attività, durata nel complesso circa 3 mesi, è stata avviata nel mese di giugno scorso quando i Carabinieri della Stazione di Trevi in perfetta simbiosi info-operativa con i colleghi della Stazione Forestale di Campello sul Clitunno, hanno avviato nella zona collinare di Trevi un’attività d’indagine d’iniziativa finalizzata alla repressione dello sversamento illecito di rifiuti speciali al suolo. Nel corso dei servizi svolti sul terreno sia di giorno che di notte, i militari hanno notato fra le campagne l’insolita presenza di un uomo che, in maniera circospetta si addentrava fra i cespugli per raggiungere un canale di scolo delle acque piovane. E proprio in prossimità del canale i militari hanno fermato l’uomo, un cittadino tunisino di 33 anni residente a Magione, trovato in possesso di 2,7 kg di hashish suddivisa in panetti da 100 grammi cadauno, che custodiva in un contenitore di plastica occultato proprio all’interno del canale di scolo. La successiva perquisizione all’interno dell’abitazione di Magione ha permesso di rinvenire ulteriori 10,3 kg della stessa sostanza. L’uomo è stato quindi tratto in arresto ed associato alla Casa di reclusione di Spoleto. L’attività d’indagine che ne è scaturita, condotta dal NORM di Foligno sotto il coordinamento della Procura di Spoleto, ha permesso in breve tempo agli inquirenti di focalizzare la loro attenzione su un altro cittadino marocchino, 40enne residente in Abruzzo e con numerosi precedenti di polizia, considerato dagli investigatori il canale di approvvigionamento del connazionale arrestato nel mese di giugno a Trevi. Infatti, il suo modo di vivere e spostarsi su tutto il territorio nazionale ha subito indotto a pensare che si trattasse di un personaggio di rilievo nel panorama del traffico degli stupefacenti, in grado di muovere consistenti quantitativi di droga e denaro. Pertanto, nel corso di uno dei numerosi servizi condotti dai Carabinieri di Foligno in Abruzzo, l’uomo è stato intercettato alla guida di un’Audi mentre percorreva a forte velocità l’autostrada A 24. Intuito che quello era il momento buono, si è deciso quindi di passare all’azione. All’uscita del casello di Celano (AQ), i militari di Foligno hanno sbarrato la strada all’uomo che, vistosi braccato anche alle spalle, ha lanciato a forte velocità l’auto facendo saltare la sbarra del casello autostradale ed urtando l’auto dei militari che è stata fisicamente spostata a causa del forte impatto con l’Audi. Ne è seguito un rocambolesco inseguimento che ha costretto l’uomo ad abbandonare subito l’auto e darsi alla fuga a piedi per le campagne limitrofe. All’interno dell’Audi sono stati rinvenuti 45,5 kg di hashish suddivisa in panetti da 100 grammi cadauno, confezionati nello stesso modo di quelli sequestrati a Trevi e Magione. La sua fuga non ha tuttavia impedito agli investigatori di identificarlo ed acquisire importanti elementi di prova a suo carico, permettendo così alla Procura di Avezzano (AQ) di emettere in tempi rapidi una ordinanza di custodia cautelare in carcere. Intanto il fuggitivo, convinto di aver fatto perdere le proprie tracce e sicuro di averla fatta franca, è stato nuovamente intercettato dagli investigatori dell’Arma folignate nel corso di una gita fuori porta con la sua famiglia verso il litorale abruzzese. Immediatamente fermato, l’uomo non ha opposto resistenza all’arresto ed è stato tradotto presso il carcere di Avezzano, in esecuzione della ordinanza di custodia cautelare a suo carico. L’attività investigativa ha permesso ai Carabinieri di Foligno di stroncare un importante canale di narcotraffico che si muoveva lungo l’asse Umbria-Abruzzo, sottraendo alla piazza dello spaccio circa 200 mila dosi di hashish che avrebbero fruttato al dettaglio 1 milione e mezzo di euro.

04/10/2017 19:42:41 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: pubblicato l'avviso per la sponsorizzazione della rotatoria lungo la Tiberina 3 bis

Riceviamo e pubblichiamo La Giunta comunale di Umbertide ha approvato l'avviso, pubblicato all'Albo Pretorio in data 28 settembre 2017, per la ricerca di sponsor per la realizzazione dell'arredo della rotatoria stradale situata lungo la ss Tiberina 3 bis all'incrocio con via Martiri della Libertà. Su proposta dell'assessore alla Cultura Raffaela Violini, l'Amministrazione comunale aveva già da tempo deliberato di ricorrere al sistema delle sponsorizzazioni private per abbellire determinate aree della città, tra cui la rotatoria lungo la ss Tiberina 3 bis che di fatto costituisce uno degli ingressi principali di Umbertide. “Sempre più spesso opere d’arte e monumenti vengono collocati al centro delle rotatorie piuttosto che delle piazze perché di fatto le rotatorie sono divenute l’opera pubblica più diffusa in ogni città. - ha affermato l'assessore Violini - Ciascuna di queste opere porta con sé la tentazione di dar loro un po’ di prestigio, superare l'anonimato e contribuire al miglioramento estetico della città. Il progetto di valorizzazione della rotatoria lungo la ss Tiberina 3 bis vuole diventare il simbolo di un ritorno a quello spirito illuminato che nel passato aveva fatto crescere le città dal punto di vista culturale ed architettonico. Noi con questa iniziativa intendiamo in qualche modo risvegliare il senso civico di cittadini, aziende ed associazioni affinché insieme possano dare vita ad opere importanti a favore della comunità”. Secondo quanto previsto dall'avviso pubblico, saranno ammesse solo proposte di sponsorizzazioni che sosterranno totalmente ogni onere economico per la realizzazione dell’arredo consistente in un'opera d’arte da collocare al centro della rotatoria stradale. L'opera d’arte dovrà avere delle specifiche caratteristiche compatibili con l’ambiente in cui sarà collocata e rispettare la normativa vigente sul codice della strada ai fini della sicurezza stradale. Dal canto suo l'Amministrazione comunale garantirà visibilità e riconoscibilità allo sponsor, cui sarà dedicata anche una targa nei pressi dell'opera. Il contratto di sponsorizzazione avrà una durata di dieci anni e non prevede alcun onere a carico del Comune. Per partecipare all'avviso è necessario presentare domanda entro le ore 13 del 6 novembre 2017. Del tema delle sponsorizzazioni private si è parlato anche nel corso dell'ultima seduta di consiglio comunale di venerdì 29 settembre con un ordine del giorno, presentato dal consigliere Monni ed approvato all'unanimità.

04/10/2017 11:59:05 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Umbertide Cambia:’’Partecipate da rivedere’’

Riceviamo e pubblichiamo Promuovere in una logica di sistema territoriale e nell’interesse delle comunità amministrate una azione tesa alla costituzione di aziende totalmente pubbliche per la gestione del servizio idrico, del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti e delle reti che consentono la distribuzione del metano. Questa la proposta di Umbertide cambia in materia di partecipate, respinta dalla maggioranza. “La delibera sulle partecipate così come presentata dalla Giunta – afferma il movimento civico – non indica alcun indirizzo politico, limitandosi ad una corretta operazione tecnica. Ci troviamo da un lato a ragionare di aziende, come Sviluppumbria e UmbriaDigitale, che di fatto sono regionali e nelle quali la presenza degli enti locali è puramente simbolica. Nella gestione di servizi che riguardano invece direttamente la comunità locale è necessaria a nostro parere una chiara inversione di tendenza. In materia di rifiuti siamo infatti fuori dall’azienda che gestisce il servizio, ma soprattutto fuori da una relazione territoriale d’ambito utile a tracciare una strategia condivisa. Mentre Umbra acque, che gestisce solo una parte del territorio regionale, è al 60% rappresentata da soggetti pubblici regionali, ma vede una partecipazione maggioritaria (40%) di un soggetto esterno, ACEA, che ha un azionariato composto per il 51% da Roma capitale e per il resto da azionisti privati. Una logica societaria che ci sfugge e che non condividiamo”. “Condividiamo invece l’impostazione di Multiservice, ma dobbiamo constatare come non ci sia la volontà di potenziare l’azienda e nemmeno di garantirne l’efficacia nella quotidiana operatività. Per quanto riguarda Prosperius, la valutazione è buona per ciò che concerne l’aspetto economico e l’impatto occupazionale, ma è necessario rivedere alcuni aspetti che ne caratterizzano l’attività, come ad esempio i posti riservati ai residenti che necessitano di cure ed alcune modalità di gestione operativa del servizio riservate alle persone ricoverate”. Umbertide cambia

03/10/2017 20:23:10 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Perugia: blitz della Polizia al parco della Verbanella, due arresti per spaccio

Blitz della squadra volante, domenica sera, al parco della Verbanella a Perugia, nell’ambito delle attività di contrasto al fenomeno dello spaccio di stupefacenti. I poliziotti hanno rintracciato due spacciatori, entrambi cittadini nigeriani di 22 e 25 anni. I due alla vista delle pattuglie hanno tentato di darsi alla fuga scappando in direzioni diverse, uno percorrendo le scalette verso via Canali, l’altro verso via del Lavoro. Bloccati, hanno opposto una strenua resistenza, tentando di divincolarsi per sottrarsi alla presa degli agenti. Fermati e perquisiti, il 22enne è stato trovato in possesso di 0,85 gr. di marijuana, 2 telefoni cellulari e 45 €; il connazionale, invece, nascondeva in tasca un involucro con 18,78 gr. della medesima sostanza, 4 cellulari e 105 €. Accompagnati in Questura, dagli accertamenti è emerso che gli stranieri risultavano privi di pregiudizi e richiedenti il riconoscimento dello status di rifugiato in altre province. Tratti in arresto per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e denunciati a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale, gli stranieri sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza della Questura in attesa di essere giudicati con rito direttissimo. Per il 25enne è scattata altresì la denuncia a piede libero per ricettazione. Dopo la convalida dell’arresto, stamattina è stato disposto per i due nigeriani il divieto di dimora in Umbria.

03/10/2017 12:32:55 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre I partigiani, il cibo e i contadini dell'alta Umbria premiati al Perso Film Festival 2017

Riceviamo e pubblichiamo I PARTIGIANI, IL CIBO E I CONTADINI DELL'ALTA UMBRIA PREMIATI AL PERSO FILM FESTIVAL 2017. IL DOCUMENTARIO "PANE & PARTIGIANI" -- REALIZZATO DA SLOW FOOD ALTA UMBRIA E DALLE SEZIONI ANPI DI MONTONE, PIETRALUNGA E UMBERTIDE RICEVE LA MENZIONE SPECIALE DELLA GIURIA DELLA SEZIONE "UMBRIA IN CELLULOIDE" Si è svolta il 1° ottobre al cinema Postmodernissimo di Perugia la cerimonia di premiazione della edizione 2017, la terza, del PerSO Film Festival (festival di cinema documentario a tematica sociale). Il presidente del festival è Giovanni Piperno, documentarista di grande esperienza, tra i più accreditati e premiati nel panorama italiano del Cinema del Reale che, dopo aver studiato fotografia all’istituto Europeo di Design e con Leonard Freed (agenzia Magnum), ha collaborato come assistente operatore con Terry Gilliam, Martin Scorsese, Nanni Moretti, Giuseppe Rotunno, Dante Spinotti, Giuseppe Lanci, John Seale, Janusz Kaminski, Roger Deakins. Il documentario Pane & Partigiani è stato selezionato per la fase finale insieme ad altri 34, scelto tra 400 opere iscritte. È stato inserito in concorso nella sezione "Umbria in Celluloide", destinata ad ospitare opere di autori umbri o aventi per oggetto l'Umbria. Il documentario ha ricevuto la menzione speciale della giuria dei rifugiati dei richiedenti asilo e migranti all'opera più innovativa nella sperimentazione e nel linguaggio con la seguente motivazione: "Poiché il film affronta il tema universale della lotta per la libertà attraverso il binomio originale del titolo, il pane simbolo concreto del nutrimento che ha dato forza ai partigiani nella loro lotta, la Giuria dei richiedenti asilo e dei rifugiati assegna la menzione speciale per la categoria Umbria in Celluloide al film Pane & Partigiani. La Giuria sottolinea inoltre il ruolo della donna come soggetto fondamentale delle lotte per la libertà del passato, presente e futuro. Alle donne la Giuria desidera dedicare un applauso del pubblico del Festival qui presente." Pane & Partigiani è stato realizzato da Daniele Canini, Federico Ciarabelli, Marino Marini e Marco Rosini.  

03/10/2017 12:14:50 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy