Notizie » Politica Nasce “Umbertide Civica”: intervista al promotore Luigino Orazi

di Fabrizio Ciocchetti © L’ Associazione “Umbertide civica” si è presentata alla città di Umbertide con Luigino Orazi e Mauro Santini dietro il tavolo dei promotori, presso il Centro “Giannino Balducci”. Presenti il Sindaco, il Vicesindaco e tutti gli amministratori della nuova Giunta, oltre che molti rappresentanti di ”Umbria civica” (che si è fatta conoscere alle ultime elezioni regionali) l’associazione civica frattigiana ha mosso i primi passi, scegliendo come frase del proprio logo:”Insieme per unire”. Quindi una prima uscita nel segno dell’unione e non della divisione della frammentazione. Abbiamo rivolto alcune domande ad Orazi per capirne di più. Innanzitutto chi è Luigino Orazi? Molti umbertidesi mi conoscono perché sono stato consigliere comunale ad Umbertide dal 2004al 2017. Eletto nelle file del PSI , ho dedicato poi dal 2006 il mio impegno politico nel movimento civico locale all’opposizione dei vari governi a guida PD che si sono succeduti. Nel2018. Ho dedicato il mio impegno per la tutela cittadini in campo ambientale, sanitario e della sicurezza. Nel 2018 mi sono di nuovo candidato a livello comunale  per una lista civica, dichiarandomi poi in sede di ballottaggio il mio appoggio al candidato sindaco di Umbertide di centro-destra, Luca Carizia. Con quale intento nasce Umbertide civica? Innanzitutto riconosco che tanto è stato fatto da questa amministrazione  nonostante le critiche che sentiamo a volte, ma molto di più si può fare e per farlo c’è bisogno anche del nostro aiuto, dell’aiuto di un movimento civico. Non si può per esempio lasciar morire un Ospedale come il nostro. Il PUC 2, che ha portato alla costruzione di una struttura assolutamente inutilizzata, deve vedere uno sbocco. Altro punto è la gestione dei Rifiuti che va sicuramente migliorata con il passaggio da Gesenu a Sogepu, per poi ritornare a Gesenu (è evidente che qualcosa non funziona). Per quanto riguarda la Piattaforma, bisogna trovare una formula di affidamento più appetibile. Bisogna affrontare quindi in maniera più decisa il discorso delle Frazioni (pensiamo a Preggio che ha una strada per arrivarci che sembra quasi una mulattiera) e anche Montecastelli necessita di interventi. Cosa deve fare in concreto l’Amministrazione? Noi vogliamo dare una mano a questa amministrazione e per questo ci proponiamo. Tutto quello che l’amministrazione ha realizzato va fatto arrivare alla gente. Come, per esempio, che per la prima volta un Consiglio di amministrazione si è ridotto i compensi. Ci pensate? In Italia quando si vanno a toccare i soldi tutti si tirano indietro nonostante le grandi idealità. Ai cittadini va comunicato questo. Va portata la trasparenza che è la base della democrazia. Va aperta la comunicazione dell’amministrazione verso i cittadini. Bisogna dire ai cittadini che tutti quelli che adesso sembrano avere una risposta ai problemi della città, che sono stati questi ultimi a crearli e a lasciarci questa pesante eredità. Ci sono nel nostro bilancio una serie di ammanchi che sono andati a coprire le spese scellerate di qualche amministratore senza scrupoli! Ma c’è stato veramente il cambiamento a Umbertide? Il cambiamento c’è stato a Umbertide, dopo decenni di immobilismo. Questo cambiamento si è avuto e si può toccare con mano. Abbiamo un Sindaco che è realmente nuovo, perché non è stato allevato nelle sedi dei partiti. Noi vogliamo portare dei cittadini nelle stanze del potere. Partite non per essere di contrasto ma per aiutare, collaborare con questa amministrazione, è  vero? Noi vogliamo collaborare con questa amministrazione. Chi parla è sempre stato in minoranza; ho cominciato a fare politica nel 2004 ed ero anche allora la minoranza. Non voglio tornare a fare l’opposizione. Ho avvertito uno scollamento tra la politica e la gente. La politica dovrebbe tornare in mezzo alla gente, ascoltare le persone e i loro problemi. Il civismo va un po’ a sopperire questa mancanza da parte dei partiti. I partiti storici abbiamo visto tutti che fanno molta fatica e il civismo può fare da collante tra i partiti in senso tradizionale e la gente, i cittadini. Anche a Umbertide si avverte questa necessità. Questa è solo una proposta civica che nasce dal contributo volontario di cittadini che animati da passione politica e amore per la città, hanno deciso di mettere a disposizione le proprie energie al servizio di Umbertide per dare un contributo concreto ed operativo al miglioramento del nostro vivere civile e sociale.   Tante le persone presenti ad affollare la sala per questa prima uscita di Umbertide Civica. Stiamo a vedere se il civismo lascerà un segno anche qui alla Fratta.          

03/02/2020 12:08:54 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, blitz della finanza: scoperti 154 lavoratori irregolari e un milione non dichiarato

La Guardia di Finanza di Città di Castello ha smantellato una rete di 154 lavoratori irregolari nel settore della macellazione e lavorazione carni. L'operazione oltre alle Fiamme Gialle ha coinvolto anche l'Ispettorato territoriale del lavoro e l'Inps, portando alla scoperta di tre aziende gestite solo formalmente dai rispettivi rappresentanti, che in realtà eranos emplici dipendenti. Secondo quanto ricostruito le attività erano di fatto amministrate da un unico soggetto che elargiva buona parte dello stipendio ai propri dipendenti senza applicare le ritenute previste dalla legge. Somme "aggiuntive" che nelle buste paga venivano indicate Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „con diciture improbabili come, ad esempio, “prestiti” o “somme aggiunte al netto”. 154 i lavoratori irregolari scoperti, Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „le cui posizioni sono ora sotto indagine per verificare che non sussistano casi di “reddito di cittadinanza” percepito irregolarmente. “Gli accertamenti hanno portato anche alla scoperta di Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „redditi non dichiarati superiori al milione di euro e il mancato versamento di 500 mila euro di Iva e di un milione e mezzo di ritenute (in questo caso regolarmente applicate).“   Potrebbe interessarti:http://www.perugiatoday.it/cronaca/citta-di-castello-finanza-aziende-lavoratori-evasione-fisco.html Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/PerugiaToday/100142986753754  

03/02/2020 10:29:51 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Montone: Investiti 200 mila euro per l’edificio di ERS pubblica in via Garibaldi

Sono ufficialmente terminati, a Montone, i lavori sull’edificio di proprietà comunale destinato all’edilizia residenziale pubblica (ERS), gestito dall’Ater e situato in via Garibaldi. Per tale intervento nel corso degli anni 2018-2019 sono stati investiti circa 200 mila euro. Si tratta di lavori significativi, in quanto hanno restituito decoro e prestigio a un edificio di forte significato per il centro storico e, allo stesso tempo, hanno permesso di dare una risposta importante alle famiglie residenti. Entrando nel dettaglio delle operazioni, nel 2018 con i fondi del PUC 3 (Regione e Comune) si è provveduto al ripristino del manto di copertura fatiscente, con installazione di materiale isolante, guaina impermeabilizzante e rifacimento canali pluviali. L’anno seguente, invece, tramite fondi pubblici a destinazione vincolata, uniti alla stretta collaborazione tra Comune di Montone, Ater Umbria e Soprintendenza, sono stati realizzati interventi per il ripristino delle facciate dell’edificio di via Garibaldi. Nello specifico, in questa ultima fase, è stato fatto il consolidamento preventivo di tutte le superfici decorate e degli intonaci antichi, opere di cuci-scuci di muratura disaggregata, esecuzione di intonaco e tinteggiatura a calce per le porzioni di intonaco restanti e, per quanto riguarda le opere edili accessorie, si è pensato all’installazione di nuovi infissi e persiane in legno verniciato. “Esprimo grande soddisfazione per il risultato raggiunto – commenta il sindaco Mirco Rinaldi –. Questo intervento dimostra quanto sia forte l’attenzione dell’amministrazione comunale nei confronti del patrimonio pubblico e verso le giuste esigenze dei cittadini che vi risiedono. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare il personale interno del Comune e Ater Umbria per la professionalità e l’impegno dimostrato, senza dimenticare le ditte che hanno eseguito i lavori, i professionisti e la Soprintendenza. Oggi – conclude il primo cittadino - portiamo a termine un altro importante impegno per la nostra Comunità”. 

31/01/2020 15:01:43 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano All'Istituto Prosperius Tiberino il convegno “L'allenamento della forza nel calciatore: mito o realtà”

“L’allenamento della forza nel calciatore: mito o realtà”: è questo il titolo dell’incontro che si svolgerà lunedì 3 febbraio alle ore 18.30 presso l’Istituto Prosperius Tiberino di Umbertide. L’evento è organizzato dall’Associazione italiana allenatori calcio (Aiac) Umbria nella figura del presidente Pierluigi Vossi, in collaborazione con Prosperius ed Elav-Ricerca e alta formazione per le scienze motorie. A presentare il convegno sarà Alessandro Scaia, preparatore atletico professionista e referente Aiac Preparatori Umbria.   L’introduzione al convegno sarà a cura del direttore tecnico del Prosperius Tiberino, professor Stefano Fiorini, preparatore atletico professionista e responsabile riabilitazione del gruppo Prosperius. Seguiranno i saluti del presidente dell’Istituto Prosperius Tiberino, Giuseppe Barberi, del presidente dell’Aiac Umbria, Pierluigi Vossi e del sindaco di Umbertide, Luca Carizia.   L’incontro, moderato dal giornalista Mario Mariano, vedrà gli interventi di numerosi addetti del settore e di importanti professionisti nel campo della medicina come il professor Giuliano Cerulli e del mondo del calcio come l’allenatore Walter Alfredo Novellino.   L’istituto, da sempre all’avanguardia per quanto riguarda i servizi di riabilitazione e di riatletizzazione, propone così un importante evento rivolto ad atleti che hanno bisogno di recuperare le loro abilità sport-specifiche e a tutte le società sportive del territorio. “Con questa iniziativa – afferma il presidente dell’Istituto Prosperius Tiberino, Barberi - vogliamo continuare a essere un punto di riferimento per coloro che a livello amatoriale, dilettantistico e professionistico praticano sport e si trovano a dover recuperare la forma fisica a seguito di un infortunio. In passato numerosi atleti dalla carriera brillante, come ad esempio i calciatori Gabriel Batistuta, Marco Delvecchio e Fabio Bazzani (attuale viceallenatore del Perugia con Serse Cosmi) e la pallavolista Tai Aguero, si sono affidati al nostro istituto in seguito a gravi infortuni, riuscendo poi a recuperare ottimamente la loro abilità performativa”.

31/01/2020 13:04:50 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide ha ricordato l'appuntato Donato Fezzuoglio a quattordici anni dal suo sacrificio

Questa mattina Umbertide ha ricordato a quattordici anni dalla sua scomparsa Donato Fezzuoglio, l'appuntato dei carabinieri medaglia d'oro al valor militare, che perse la vita il 30 gennaio 2006 nel tentativo di sventare una rapina ai danni del Monte dei Paschi di Siena in via Andreani. La cerimonia è iniziata con la deposizione delle corone di alloro alla lapide eretta nel luogo in cui il militare fu colpito a morte, dove questa mattina autorità militari e civili, studenti e cittadini umbertidesi si sono stretti intorno al dolore della vedova, Emanuela Becchetti e del figlio Michele.   Erano presenti il sindaco del Comune di Umbertide Luca Carizia, il comandante della Legione Carabinieri Umbria generale Massimiliano Della Gala, il comandante provinciale colonnello Giovanni Fabi, il comandante della Compagnia di Città di Castello capitano Giovanni Palermo, il maresciallo Antonio Raganato, comandante della stazione dei Carabinieri di Umbertide, il questore di Perugia Mario Finocchiaro, il prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, il presidente della Provincia di Perugia, Luciano Bacchetta, rappresentanze delle associazioni combattentistiche e dell'Arma. Hanno preso parte alla cerimonia anche la vicesindaco Annalisa Mierla, gli assessori Francesco Cenciarini e Alessandro Villarini e il presidente del Consiglio comunale di Pietralunga, Bruno Bani. Terminata la toccante cerimonia civile hanno preso la parola il sindaco Luca Carizia e il generale Massimiliano Della Gala, che nei loro interventi hanno salutato affettuosamente i familiari di Fezzuoglio e ringraziato le autorità intervenute   “Quattordici anni fa – ha detto il sindaco Carizia - con l'estremo sacrificio di Donato Fezzuoglio, caduto eroicamente per proteggere la sua città da una banda criminale, Umbertide viveva uno dei giorni più drammatici della sua storia. Colgo l'occasione quindi per ringraziare pubblicamente tutte le forze dell'ordine per il sostegno e il contributo quotidiano messo in campo per far rispettare la legalità, per garantire la sicurezza di cui tutti noi abbiamo bisogno e per stare vicino alla comunità umbertidese. Donato, come altri uomini e donne (veri e propri eroi come lui) caduti per servire le nostre comunità, rappresentano un faro per tutti noi e soprattutto per l'educazione delle nuove generazioni. Oggi il più sentito pensiero va a Emanuela, a Michele e a tutti i cari di Donato, che con forza e determinazione da quattordici anni a questa parte tengono vivo il ricordo di un grande italiano”.   “Oggi sono presenti tanti studenti per ricordare il sacrificio di una persona, di un simbolo, di un uomo al servizio dello stato e della comunità - ha affermato il generale Della Gala – Commemorazioni come quella di oggi devono darci lo spunto per essere sempre più efficienti, con la consapevolezza di quanto sia importante il nostro lavoro, anche nelle attività più semplici che fanno parte della quotidianità. Il sacrificio e l'esempio di Donato sono sempre vivi in tutti noi. Lo scorso anno è stata anche intitolata in suo ricordo la stazione dei carabinieri di Bella, sua città natale, a dimostrazione di come da un brutto evento nascono dei germogli che ci devono guidare e portare verso il futuro”. Presso la Chiesa di Cristo Risorto, successivamente è stata celebrata la cerimonia religiosa presieduta dal vescovo di Gubbio, monsignor Luciano Paolucci Bedini, al termine della quale è stata letta la Preghiera del Carabiniere. Per rendere omaggio alla memoria di Donato Fezzuoglio la facciata della scuola primaria “Giuseppe Garibaldi” nel pomeriggio del 29 e del 30 gennaio si è illuminata e si illuminerà di rosso e di blu, colori dell'Arma dei Carabinieri.

30/01/2020 15:35:43 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy