Attualità » Primo piano Umbertide: il Consiglio comunale approva il rendiconto di gestione 2016

Riceviamo e pubblichiamo Il Consiglio comunale ha approvato a maggioranza con 9 voti favorevoli (Pd) e 6 contrari (Umbertide Cambia, M5S, Umbertide Viva) il rendiconto di gestione relativo all'anno 2016. Come illustrato dall'assessore al Bilancio Pier Giacomo Tosti, il rendiconto 2016 si è chiuso con un avanzo di amministrazione pari a 1.809.919,69 euro, generato dal concorso sia della gestione di competenza che della gestione residui. Secondo le disposizioni del nuovo ordinamento contabile, l'avanzo di amministrazione è costituito da fondo crediti di dubbia esigibilità, fondo rischi per passività potenziali, diritti di rogito, indennità di fine mandato, avanzo vincolato per spese correnti e fondi vincolati per investimenti. Inoltre l'Ente ha provveduto, in via prudenziale, ad accantonare nel fondo crediti di dubbia esigibilità una somma maggiore rispetto al minimo previsto per legge, pari a 100.000 euro. In sintesi si è quindi avuto un avanzo pari a 159.109,81 euro. Nel corso del 2016 poi il Comune di Umbertide non ha riconosciuto debiti fuori bilancio mentre in merito alla gestione delle entrate si è riscontrato un alto indice di accertamento delle entrate correnti. Sono stati inoltre rispettati gli equilibri di finanza pubblica (ex patto di stabilità). Buona anche la percentuale di realizzazione dei programmi, pari a circa il 75%, così come positivo è l'indice di tempestività dei pagamenti, pari a -4,19, ben al di sotto del limite massimo previsto dalla normativa, con un tempo medio di pagamento pari a 47 giorni dal ricevimento della fattura. Anche i servizi a rilevanza economica hanno avuto nel 2016 un trend positivo, soprattutto per quanto riguarda le farmacie comunali, mentre i servizi a domanda individuale mostrano una percentuale di copertura delle spese con le corrispondenti entrate pari al 50,99%. “Il 2016 si è chiuso con un saldo positivo, ha visto il rispetto degli equilibri di finanza pubblica, mettendoci quindi al riparo da eventuali sanzioni, il miglioramento rispetto allo scorso anno della tempestività dei pagamenti, il raggiungimento di ben il 75% degli obbiettivi”, è stato il commento dell'assessore Tosti. Dalle opposizioni sono state sollevate critiche verso il bilancio “politico” ed in particolare verso l'anticipazione di cassa e gli impegni assunti dall'Amministrazione e non ancora realizzati, mentre tutti hanno condiviso la bontà del bilancio dal punto di vista tecnico. “I conti tornano e su questo punto siamo tutti d'accordo – è stata la replica del sindaco – L'anticipazione di cassa è purtroppo inevitabile e serve a far fronte ai crediti non riscossi mentre le opere in programma verranno tutte realizzate”. Nel corso della seduta è stata inoltre approvata con 8 voti favorevoli (Pd) e 6 voti contrari (Umbertide Cambia, M5S, Umbertide Viva) una variazione al bilancio di previsione 2017/2019 per un importo pari a 198.137,79 derivante soprattutto dall'utilizzo dell'avanzo vincolato a spese correnti e da ulteriori contributi. E' stato poi approvato all'unanimità con 10 voti a favore (Pd e Umbertide Viva) e 5 astenuti (Umbertide Cambia e M5S) il rinnovo della convenzione per il servizio associato di Polizia locale con i Comuni di Montone e Lisciano Niccone, convenzione che, come spiegato dall'assessore alla Polizia municipale Paolo Leonardi, consente un maggiore controllo del territorio e favorisce l'accesso alle varie fonti di finanziamento di progetti in materia di sicurezza. Sempre l'assessore Leonardi ha illustrato infine il nuovo regolamento di Polizia urbana, che sostituisce quello attualmente in vigore, risalente ad oltre cinquant'anni fa, aggiornandolo quindi alle nuove normative. Il regolamento è stato approvato a maggioranza (contrari Umbertide Cambia, M5S e Umbertide Viva). 

25/05/2017 11:28:39 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Nessuna traccia dell'uomo scomparso da Deruta, gli amici organizzano una fiaccolata

Non si hanno ancora tracce di Fabio Ercolanoni, l'uomo di cui non si hanno più notizie da dodici giorni. Gli amici hanno creato una pagina Facebook dal nome ''Troviamo Fabio Ercolanoni''. Oggi sulla pagina è stato scritto un post: ' "TROVIAMO FABIO! A dodici giorni dalla scomparsa di FABIO ERCOLANONI ed a seguito dell’ingiusta sospensione delle ricerche abbiamo deciso di organizzare una fiaccolata in suo sostegno. Ci ritroveremo sul PONTE di PONTE NUOVO DOMENICA 28 alle ORE 21 e da qui ci dirigeremo a DERUTA con arrivo al piazzale adiacente l’ASSO DI COPPE. Le ricerche, nonostante si fosse palesata da subito la gravità della situazione, si sono dimostrate di scarsa entità per il limitato impiego di mezzi e risorse e per il lento procedere nonostante le nostre continue sollecitazioni, fino all’assurda decisione dei carabinieri di Deruta di sospendere le operazioni a seguito di alcuni avvistamenti, segnalazioni che al momento non sono ancora state verificate ma comunque date per vere. Non accettiamo questa decisione e non possiamo rimanere inermi difronte a tanta indifferenza, è nostro compito mantenere alta l’attenzione di tutti su questa vicenda e far si che le ricerche vengano riprese al più presto. FABIO è un AMICO e gli amici non si abbandonano mai, noi non ci daremo pace finche non lo avremo trovato.. AIUTATECI A FAR RIPARTIRE LE RICERCHE..!! AIUTATECI A TROVARE FABIO..!!"

24/05/2017 20:27:11 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Il Cardinale Gualtiero Bassetti è il nuovo presidente della CEI

E' il Cardinale Gualtiero Bassetti il nuovo presidente della CEI (Conferenza Episcopale Italiana). Bassetti è attualmente Arcivescovo della Diocesi di Perugia-Città della Pieve.  Un evento che tocca anche Umbertide, la parte a sud del nostro territorio che comprende in particolare le parrocchie di: Preggio, Pierantonio e Montecorona, fa parte della Diocesi perugina.  Il cardinale Gualtiero Bassetti ha rilasciato un breve comunicato: "Con tanta fiducia già in questo piccolo comunicato stringato vi apro il cuore. Il primo pensiero va al Santo Padre per il coraggio che ha mostrato nell’affidarmi questa responsabilità al crepuscolo della mia vita. È davvero un segno che crede alla capacità dei vecchi di sognare: anche anche i vecchi avranno dei sogni e delle visioni. La cosa che mi ha dato grande gioia, in questo momento in cui è avvenuto qualcosa che è superiore alle mie forze, è stata una telefonata affettuosa dei ragazzi di Mondo X di padre Eligio, che mi hanno detto: ‘Continua a essere un papà per noi’. Ecco l’ho ritenuta la raccomandazione più importante. Non ho programmi preconfezionati da offrire, perché nella mia vita, con gli scout da giovane prete, sono sempre stato abbastanza improvvisatore. Intendo lavorare con tutti i vescovi, grato per la fiducia che mi hanno assicurato e per l’abbraccio affettuoso anche di stamane avvenuto nella sagrestia della basilica di San Pietro. Il Papa ci ha raccomandato di condividere tempo, ascolto, creatività e consolazione. Ed è quello che cercheremo di fare insieme noi vescovi anche il Papa continua a raccomandarci: Vivete la collegialità, camminate insieme. È questa la cifra che ci permette di interpretare la realtà con gli occhi e il cuore di Dio. Mi incoraggiano le parole del cardinale Bagnasco, a cui mi sento legato da sincera amicizia, quando ha augurato al nuovo presidente di essere se stesso. E questo è quello che io desidero nel profondo del mio cuore".

24/05/2017 13:16:49 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Archivio della Memoria Umbertide:domenica 25 giugno torna la Marcia per la Pace Serra-Penetola

Riceviamo e pubblichiamo Il Coordinamento per la Pace Umbertide - Montone - Lisciano Niccone si è messo in moto in vista della Marcia per la Pace Serra -Penetola, in programma domenica 25 giugno, e invita le associazioni, le istituzioni, le scuole, i partiti e tutti i cittadini a partecipare all'organizzazione dell'iniziativa. "In questo giorno di giugno durante il quale, ogni anno, la nostra comunità ricorda due degli episodi più tragici avvenuti ad Umbertide durante la Seconda guerra mondiale, gli eccidi di Serra Partucci e Pentola, perpetrati dall’esercito tedesco nel giugno del 1944 ai danni di civili innocenti, vogliamo camminare insieme per avere il tempo e la possibilità di trasmetterci pensieri ed emozioni e ritrovare la forza per sostenere le nostre idee. - affermano dal Coordinamento - I partecipanti alla Marcia percorreranno i chilometri che separano queste due località, oggi immerse nella quiete della campagna Umbertidese, per ricordare le stragi ed il bombardamento subìto da Umbertide il 25 aprile del ’44. L’intento di questa Marcia, come delle precedenti, non è solo quello di non dimenticare quegli orrori di un conflitto ormai lontano, ma di ricordare che la guerra continua ad uccidere e causare sofferenze a milioni di innocenti in tanti paesi del mondo e tutto questo nell’indifferenza internazionale. Ancora oggi le parole del Presidente Sandro Pertini “Si svuotino gli arsenali di guerra, sorgente di morte, si colmino i granai di vita...” sono così attuali e così vere che vogliamo continuare a trarne la forza e trasmetterne il valore: il rifiuto della guerra, la giustizia sociale, la solidarietà, i diritti umani uguali per tutti. Sono questi gli stessi valori attorno ai quali seppero unirsi gli italiani per sconfiggere il fascismo e conquistare la democrazia facendone le basi per la nostra Costituzione. Nostro dovere oggi è resistere davanti al nuovo autoritarismo che avanza nel mondo, combatterlo e sconfiggerlo. Come per la prima Marcia anche ora vogliamo portare con noi per le strade del nostro paese e idealmente in tutta Italia i principi impressi nella nostra bellissima Costituzione. Essi indicano la corretta via per uscire dalla grave crisi sociale, umanitaria, economica e culturale nella quale viviamo. Crediamo che la Marcia sia un’occasione importante per la nostra comunità, per ritrovare lo spirito unitario che permise a persone di orientamenti, ideali e appartenenze politiche diverse di lottare per la pace e la libertà, di scrivere la Costituzione, costruire l’Europa e sancirne i valori fondamentali che sono la democrazia, la giustizia sociale, la realizzazione dei diritti umani, il ripudio della guerra, quindi la pace. Rivolgiamo a tutti questo appello  - conclude il Coordinamento per la Pace - ad aderire al comitato organizzatore della Marcia e a sostenerne la realizzazione nei modi e nelle forme che definiremo nelle prossime settimane".     

24/05/2017 12:57:32 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Corte dei Conti, l'Amministrazione risponde all'articolo a firma del gruppo Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo Non è stato avanzato alcun rilievo in merito al controllo di gestione e strategico  In riferimento all’articolo pubblicato dal gruppo Umbertide Cambia sul proprio sito internet e successivamente sui quotidiani locali, l’Amministrazione intende chiarire ancora una volta la situazione reale del bilancio rettificando le inesattezze riportate nell’articolo stesso. Umbertide Cambia cita testualmente: “Con propria delibera del gennaio 2017, la Sezione regionale di controllo dell’Umbria, dopo contraddittorio con l’Amministrazione, ha segnalato alla Procura della Corte dei Conti (e, guarda caso, al Collegio dei revisori) il mancato espletamento da parte del Sindaco e della Giunta del controllo di gestione e strategico”. In realtà le cose non stanno proprio così in quanto la Corte dei Conti con propria delibera n. 6/2017 in merito al controllo di gestione ha evidenziato quanto segue: ”Si richiama l’attenzione dell’Amministrazione sul fatto che, trattandosi di un referto sul controllo di gestione, è importante riportare non tanto gli obiettivi presenti nel PEG, quanto piuttosto il grado di raggiungimento di detti obiettivi, nonché il rapporto tra le risorse impiegate ed i risultati ottenuti, come richiesto dall’art. 147, c.2, lett. a) del Tuel. Alla luce di quanto sopra evidenziato, il Collegio ritiene non del tutto efficace il controllo di gestione svolto dal Comune di Umbertide nell’anno 2015”. Quindi né il Sindaco, né la Giunta soffrono di alcuna “patologia Amministrativa”, in quanto, come sempre comunicano sempre con estrema chiarezza e trasparenza sotto il profilo sia politico sia tecnico. Infatti, come si evince chiaramente dall’estratto della delibera, la Corte dei Conti non ha avanzato alla propria Procura alcun rilievo in merito al controllo di gestione e al controllo strategico, come invece riportato dalla stampa. Ancora una volta Umbertide Cambia riporta notizie non corrette; ulteriore dimostrazione di ciò si è avuta nel corso della recente prima commissione consiliare sul rendiconto di gestione 2016 dove, alla presenza del presidente del Collegio dei Revisori, nessuna richiesta di chiarimenti né domande né critiche sono state avanzate sull’argomento, anche se nei giorni precedenti erano stati pubblicati articoli molto critici sul tema in questione ai quali l’Amministrazione aveva risposto in maniera puntuale in data 8 maggio 2017. L’Amministrazione, inoltre, coglie l’occasione per ribadire la professionalità e la correttezza dei membri del Controllo di gestione che hanno sempre svolto il loro compito in maniera trasparente e legittima, adeguandosi immediatamente alle valutazioni e suggerimenti della Corte dei Conti.

24/05/2017 09:09:25 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy