Notizie » Politica Fatti di Umbertide, consiglieri PD:''La colpa è della Lega e dei suoi soci''

Riceviamo e pubblichiamo LA COLPA E’ DELLA LEGA E DEI SUOI SOCI I consiglieri Pd: “Chieste le ordinanze emesse sullo stabile in questione (non sulla generica particella) dal 2004 in avanti. Terremo informati l'opinione pubblica” Il Gruppo consiliare del Partito Democratico ha presentato la richiesta per avere a disposizione le ordinanze sindacali emesse sullo stabile dove è avvenuto l’incendio, nel quale ha perso la vita un uomo, e nel quale è rimasto ferito anche un vigile del fuoco durante le operazioni di soccorso e spegnimento delle fiamme. Marchetti (Lega) e Mancini (Lega) non possono continuare a dare colpe, giudizi fare la morale (da Città di Castello). Cosa ha fatto la lega oltre che a presentare un’interrogazione parlamentare? Non percepiamo nessun atto concreto, rispetto a tutto quello che ogni giorno dirigenti e attivisti leghisti sbandierano su giornali e Social. Evidentemente il ‘bene’ della nostra Comunità, adesso, gli interessa solo per qualche eventuale ambizioso progetto politico personale (ai due  tifernati). Non prendiamo lezioni da quelli che appartengo ad un partito che deve restituire 49 milioni di euro agli italiani. Risponda invece l’Amministrazione a questi quesiti: 1) Chi sono i proprietari dei locali dove è successo il fatto? 2) Possibile che nessuno sapesse che fosse occupato abusivamente? Che neppure le forze dell’ordine sapessero niente? 3) Chi ha gestito l'Amministrazione negli ultimi 5 anni è ora in giunta con la Lega. Non si erano accorti di nulla? Oppure hanno emesso ordinanze senza dar seguito alle stesse? (Esempio: messa in sicurezza della struttura e in caso di inottemperanza del proprietario il comune interviene per poi rivalersi in sede giudiziaria). Legalità e verità vanno di pari passo, speriamo sia chiaro anche per i dirigenti leghisti di Città di Castello che vorrebbero mettere le mani sulla nostra Città. Gruppo consiliare PD         Area degli allegati      

05/07/2018 18:59:13

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:’’UN NUOVO PATTO DI CITTADINANZA CON LE COMUNITA’ STRANIERE’’

Riceviamo e pubblichiamo “Non è un fatto marginale quello accaduto ad Umbertide la notte tra martedì e mercoledì scorso. Non lo è perché un uomo è morto. Non lo è perché emblematico di una situazione che va affrontata con decisione, come finora non è mai stato fatto”. Umbertide cambia valuta senza polemiche e pregiudizi l’episodio. Due gli aspetti sui quali agire, spiega il movimento civico in un comunicato. “Primo: è stato ed è un errore chiudere gli occhi di fronte alle diverse forme di illegalità, basta. Secondo: condividere un nuovo patto di cittadinanza con le comunità straniere. Rispetto al primo aspetto occorre dare immediatamente un messaggio forte alla città: lotta ad ogni forma di reato, che sia presenza clandestina, occupazione abusiva degli spazi, spaccio di droga, abusi edilizi, forme di lavoro irregolare. Scopriamo la pentola senza timore di chi troviamo dentro il cambiamento nell’affrontare queste situazioni deve essere netto. Parallelamente all’azione di controllo e repressione occorre mettere in campo strumenti di natura sociale e culturale, utili a prevenire e limitare situazioni di marginalità ed illegalità: spazi abitativi, fondo per l’occupazione di fasce marginali, strumenti a supporto della formazione dei giovani in ambito scolastico, sportivo, culturale, recupero delle aree degradate, ma prima ancora un nuovo patto di cittadinanza con le comunità straniere fondato sulla condivisione delle responsabilità”. “Dal loro interno – sottolinea Gianni Codovini, consigliere comunale di Umbertide cambia - deve nascere l’idea di favorire nuove opportunità così come la possibilità di gestire casi di marginalità. E dal loro interno deve crescere una nuova forma di collaborazione con le istituzioni, siano esse preposte all’ordine pubblico o alla protezione sociale. Questo il significato del Patto di cittadinanza che più volte abbiamo tentato di proporre: diritti e doveri, opportunità e responsabilità. Questa, secondo noi, è la strada della convivenza ed il passaggio verso l’integrazione”. 5.7.2018 Umbertide cambia  

05/07/2018 13:28:06

Notizie » Politica Fatti di Umbertide, Guasticchi:''No a facili strumentalizzazioni''

Il vice presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria Marco Vinicio Guasticchi, dopo i fatti avvenuti in via Emilia ad Umbertide, ha dichiarato:“No a facili strumentalizzazioni e proclami politici sulla pelle di chi ogni giorno vive a contatto con problemi e vicende che purtroppo non risparmiano nessuna area geografica del paese. Quello che è accaduto è grave e merita una giusta riflessione a ogni livello, in attesa che le indagini di magistratura e forze dell’ordine facciano chiarezza in maniera definitiva. Umbertide è sempre stata e sarà una comunità civile, inclusiva e tollerante dove però il rispetto delle regole e delle leggi deve valere per tutti, nessuno escluso. E così sarà anche in questo drammatico evento che ha registrato una vittima e creato notevole e giustificata apprensione fra la popolazione”. “Ora, chi governa a Roma – prosegue Guasticchi – dovrà indicare la via democratica per uscire da questa situazione che attiene alla sfera della sicurezza e della civile convivenza, e del rispetto delle regole che non può certo essere affrontata a suon di slogan o scaricabarile fra chi c’era prima e chi c’è adesso. I cittadini di Umbertide, così come gli Umbri e tutti coloro che vivono regolarmente nel nostro paese, hanno bisogno di certezze e di messaggi seri e responsabili a cui inevitabilmente dovranno seguire fatti concreti”. Guasticchi, nel rivendicare con orgoglio le proprie origini Umbertidesi e quelle della famiglia, testimonia “la propria vicinanza ai cittadini e alle istituzioni locali, e profonda gratitudine alle forze dell’ordine e alla magistratura per il prezioso e costante lavoro quotidiano che svolgono, in particolare adesso in questa drammatica vicenda che ha scosso tutta la comunità locale e non solo”.

05/07/2018 10:22:09

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy