Cultura Presentata la mostra Umbertid'Arte

Una vera riscoperta darà il via alla stagione espositiva della Rocca-Centro per l’arte contemporanea di Umbertide. L’antica fortezza medievale che sorge nel cuore della città ospiterà, infatti, la mostra ‘Umbertid’Arte’. L’esposizione, organizzata dal Comune di Umbertide, verrà inaugurata l’8 marzo e sarà visibile fino al termine del mese. Un folto gruppo di artisti umbertidesi (di nascita o di adozione) presenterà i propri lavori più recenti, spaziando tra forme espressive e stili diversi: dalla pittura alla fotografia, dal disegno alle arti plastiche. Un’occasione che creerà un perfetto connubio tra arte e senso di appartenenza. Sarà anche un modo per rendere ancora più interessante e dinamico, agli occhi di tutti gli umbertidesi, il simbolo della città e per dare spazio allo spirito artistico di concittadini ‘insospettabili’ che nessuno di noi immaginerebbe potessero impiegare il proprio tempo libero a realizzare diverse forme d’arte. Questi gli artisti in mostra: Ettore Spatoloni, Antonello Renzini, Paola Panzarola, Emilio Leonardi, Bruno Anitori, Posy Abbott, Daniela Damiani, Marisa Forni, John Littlewood, Giampaolo Monsignori, Giuseppina Palombi, Camilla Spini, Vera Tamburini, Antonella Ubbidini, Valeria Roselli. ‘Umbertid’Arte’ è stata presentata nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte il sindaco Luca Carizia, l’intera giunta comunale, molti degli artisti coinvolti nel progetto e il professor Giorgio Bonomi, uno dei più longevi e qualificati curatori e organizzatori di mostre in Italia, che da anni collabora con la Rocca-Centro per l’arte contemporanea. “Con questa mostra intendiamo aprire la stagione espositiva alla Rocca in un modo del tutto inedito – ha dichiarato il sindaco Carizia – E’ assodato che l’arte è un valore universale che reca in sé il dovere di unire e non di dividere. Il nome di Umbertide davanti alla parola arte serve a dare un segnale forte a tutta la nostra comunità. Umbertide e gli umbertidesi hanno la necessità di ritrovarsi davanti a valori di cui non si può fare a meno, ovvero quelli dell’arte e della bellezza. Questo binomio indissolubile appartiene nella sua interezza alla nostra città e viene sintetizzato, non a caso, nel suo monumento più emblematico, ovvero la sua Rocca, simbolo dell’appartenenza a Umbertide”. “Ho trovato fin da subito una proficua ed entusiastica collaborazione da parte degli artisti protagonisti della collettiva – ha affermato l’assessore alla Cultura, Sara Pierucci – Alcuni di loro porteranno in mostra delle opere inedite, create appositamente per l’evento e tutti insieme si sono prodigati nella realizzazione del catalogo”. “Da oltre trenta anni la Rocca ospita eventi di altissimo livello – ha detto il professor Bonomi - Questa mostra, che vede la presenza di numerosi artisti del territorio, ha un valore importantissimo”.  

22/02/2019 17:52:45 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Emanuele Filiberto di Savoia di nuovo cittadino umbertidese

Dopo una parentesi all'estero, il principe Emanuele Filiberto di Savoia questa mattina si è recato in municipio per registrare la sua residenza nel Comune di Umbertide. “Sono stato sempre umbertidese da quando sono rientrato in Italia - ha dichiarato Emanuele Filiberto - Umbertide è stata la mia prima e unica residenza in Italia e sono orgoglioso di appartenere a questa comunità”. Il principe ha colto l'occasione della sua visita in Comune per effettuare le pratiche burocratiche legate alla residenza per incontrare il sindaco Luca Carizia per un colloquio informale. “Qui mi sento a casa - ha detto Emanuele Filiberto - Nel 2005 ho acquistato e ristrutturato un casale. Produco vino e olio, e mi ci trovo bene. Sono sempre molto felice ogni volta che ho la possibilità di passare un po' di tempo, insieme a mia moglie e alle mie figlie, nelle campagne umbertidesi; provo un grande senso di pace. Gli umbertidesi sono delle persone straordinarie, molto gentili e disponibili. Incontro sempre tanta gente che saluta con amicizia e con affetto”. Successivamente, una delegazione di iscritti della sezione di Città di Castello dell'Associazione Nazionale Carabinieri ha regalato al principe Emanuele Filiberto una riproduzione delle Regie Patenti, promulgate da Vittorio Emanuele I, che segnarono la nascita, il 13 luglio 1814, dell'Arma dei Carabinieri.   

22/02/2019 17:35:05 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano La campionessa di tiro al volo Jessica Tosti ha incontrato gli alunni della 'Di VIttorio'

È stato un incontro emozionante quello tra gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola Primaria “Giuseppe Di Vittorio” di Umbertide e Jessica Tosti, campionessa italiana di tiro al volo, in occasione del primo appuntamento legato al progetto “Campioni in cattedra” promosso dal Coni Umbria e accolto con entusiasmo dal II Circolo. La giovane atleta pluripremiata ha raccontato la sua esperienza sportiva fatta di perseveranza, preparazione e concentrazione, senza tralasciare i sacrifici e le difficoltà, perché raggiungere livelli così alti non è facile, ma quando l’amore e la passione per uno sport sono il motore propulsore tutto è possibile. “Quando si intraprende un percorso sportivo - ha detto Tosti ai bambini presenti- si devono porre degli obiettivi e ciò presuppone anche delle rinunce. Ho ripetuto un migliaio di volte lo stesso colpo per rompere il piattello alla perfezione, magari non sono andata alle feste a differenza dei miei coetanei, perché per me gli allenamenti e le gare erano più importanti”. Tosti non ha tralasciato nei suoi racconti le emozioni e le curiosità sulla sua vita, trasmettendo ai bambini la passione per questo sport e l’importanza di dedicarsi ad un’attività fisica: “Chi frequenta un ambiente sportivo conduce una vita sana che aiuta a maturare sotto tutti i punti di vista e nello stesso tempo si diverte. Inoltre la competizione gioca un ruolo importante nella crescita, sia quando si vince che quando si perde, anzi, le sconfitte insegnano molto di più”. Moltissimi sono stati gli interventi degli alunni che hanno dimostrato un grande interesse e hanno posto le loro domande alla campionessa, disponibilissima a rispondere e a ricambiare l’affetto dimostrato con cartoline autografate. All’evento, che si è tenuto nell’aula magna della Di Vittorio, erano presenti il delegato Coni di Perugia Roberto Sparnaccini, la vicepreside della scuola, Antonella Fortuna e l'assessore all'Istruzione del Comune di Umbertide, Alessandro Villarini. “La collaborazione tra istituzioni e scuola per promuovere lo sport è fondamentale – ha affermato l'assessore Villarini - Ringrazio il Coni Umbria per aver portato avanti anche quest’anno un importante progetto come 'Campioni in cattedra' e il Secondo Circolo per averlo abbracciato in pieno. Testimonianze dirette come quella di Jessica Tosti fanno apprendere in maniera perfetta alle nuove generazioni i principi e i valori veicolati dalle discipline sportive”. Questi i prossimi appuntamenti con “Campioni in cattedra”: il 28 febbraio alla scuola Primaria “Anna Frank” di Verna, il 14 marzo alla Primaria di Niccone e il 20 marzo alla Primaria di Lisciano Niccone.     

22/02/2019 17:27:12 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Al Campus 'Da Vinci' di Umbertide le prime Olimpiadi regionali di Debate

Giovedì 7 febbraio si sono svolte presso il Campus “Leonardo da Vinci” le prime Olimpiadi regionali di Debate. L’evento è stato organizzato dall'istituto superiore di Umbertide in qualità di scuola-polo regionale per la diffusione della metodologia Debate, in collaborazione con l'Ufficio scolastico regionale, al fine di selezionare la squadra che rappresenterà l'Umbria alle Olimpiadi nazionali di Debate, che si svolgeranno a Roma alla fine di marzo. Il Campus in questi anni si è fatto promotore di numerose iniziative formative per la diffusione della metodologia Debate, raccogliendo l’interesse e gli apprezzamenti di numerose scuole umbre. Grazie a questo prezioso lavoro, che ha visto una diffusione capillare e mirata del modello di Debate utilizzato per le Olimpiadi, è stato possibile organizzare la prima gara regionale a Umbertide. La gara ha visto la partecipazione di otto squadre, composte da quattro studenti ciascuna, in rappresentanza di altrettanti istituti delle provincie di Perugia e Terni. Oltre a quella del “Da Vinci”, si sono affrontate nel Debate le squadre del Franchetti–Salviani di Città di Castello, Iti Volta e Itet Capitini di Perugia, Liceo Properzio di Assisi, Ciuffelli–Einaudi di Todi, Licei Angeloni e Donatelli di Terni. La competizione si è svolta secondo le regole del modello “World schools debate”, di matrice anglosassone, che prevede, su un tema dato, l’alternarsi di interventi pro e contro da parte degli speaker di ciascuna squadra, con arringa finale. Le squadre si sono sfidate in un primo turno di dibattito, sul seguente tema preparato: “Il calendario scolastico dovrebbe essere rimodulato mantenendo gli attuali obblighi di legge, in modo da prevedere brevi pause, anziché una lunga pausa estiva”. L’abbinamento delle squadre delle singole scuole è avvenuto in maniera casuale, tramite estrazione a sorte, così come la posizione, pro o contro, che ciascuna squadra ha dovuto sostenere. In sostanza ogni squadra si è preparata sul tema, di cui ha ricevuto comunicazione 4 settimane prima della gara, non sapendo, fino a pochi minuti prima della gara, con quale squadra avrebbe dibattuto e quale tesi avrebbe dovuto sostenere. La squadra del Campus, composta dagli studenti Marco Avorio, Alessia Mitri, Gian Marco Polito e Omar Stollo, ha egregiamente difeso i colori della scuola, conseguendo un punteggio che le ha permesso di aggiudicarsi la prima posizione nella classifica, accedendo così, di diritto, alla finale, disputata con la squadra del Donatelli di Terni, seconda classificata. Le due squadre finaliste si sono sfidate su un tema dal titolo: “I cittadini dovrebbero superare un test di cultura politica generale prima di poter votare”, estratto a sorte in una terna di topic opportunamente selezionati. Gli studenti hanno avuto solo un’ora a disposizione per la preparazione del dibattito senza ausilio di materiale. La finale non ha mancato di “regalare” emozioni agli spettatori che hanno potuto apprezzare una straordinaria performance, dove entrambe squadre hanno dato prova di competenza e lealtà, al punto che arduo si è presentato il compito della giuria nel decretare la vittoria che, per pochissimi punti, è andata al liceo di Terni. Il giudice Fabrizio Tieri, proveniente dalla Toscana, vantando un’esperienza pluriennale nella valutazione del Debate, anche a livello internazionale, ha affermato che difficilmente nelle competizioni nazionali si vedono dibattiti di livello superiore a quello della nostra finale. Grande soddisfazione viene espressa dalla preside Franca Burzigotti la quale augura alla squadra vincitrice della gara regionale di ben rappresentare l’Umbria alle prossime Olimpiadi nazionali, complimentandosi con tutti gli studenti e i docenti che hanno partecipato alla giornata e creduto in questa avventura, che, pur al primo esperimento, ha avuto un bilancio più che positivo, aprendo la strada a numerose altre iniziative e confermando, ancora una volta, la competenza e la professionalità dei docenti del Campus. In particolare i complimenti per l'ottimo risultato conseguito vanno ai docenti del gruppo Debate, (Carmela Passarelli, Marco Marcucci, Carmen Nuzzaci, Gianluca Guiducci, coordinati da Vincenzo Genovese), che hanno curato l'intera organizzazione dell'evento e la preparazione degli alunni alle selezioni d'istituto e regionali. Ai ragazzi della squadra del Campus vanno le più vive congratulazioni per l'impegno profuso e il risultato ottenuto in un’attività al tempo stesso faticosa ma altamente formativa e di grande impatto in termini di competenze.    

19/02/2019 10:33:19 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy