Attualità » Primo piano a Umbertide l'unico centro nazionale per il trattamento delle patologie derivanti da effetti collaterali delle cure in malati di Aids

Da 5 anni è attivo presso l'ospedale di Umbertide l’unico centro nazionale per il trattamento delle patologie derivanti da effetti collaterali delle cure in malati di Aids, diretto dal dottor Marino Cordellini. I pazienti che vi afferiscono sono sottoposti a specifici trattamenti a secondo della complicanza che li colpisce. IL QUADRO GENERALE L’Aids, secondo gli ultimi dati aggiornati al 2018 continua ad avere una incidenza del 4,7% di nuovi casi per 100.000 abitanti. Nella nostra regione vengono segnalati circa 50 nuovi casi l’anno, dato questo in corrispondenza con quelli nazionali, con l’85,6 % di maschi rispetto al 14,5% di femmine. La fascia di età più colpita è stata quella tra 25 e 29 anni (11,8 nuovi casi ogni 100.000 abitanti), segue poi la fascia 30-39 anni. La causa di contagio è attribuibile per il 80,2 % di tutte le segnalazioni a rapporti sessuali non protetti, in particolare nel 41,2 si tratta di rapporti eterosessuali. In oltre il 57,1% dei casi la malattia è stata diagnosticata in fase avanzata. Pur essendo l’incidenza della infezione da Aids in lieve costante diminuzione, i decessi nel mondo per questa patologia nel 2018 sono stati 770.000 (Global Aids Update 2019). Il tasso di riduzione della mortalità a livello mondiale è stagnante. I farmaci che contribuiscono a ridurre l’incidenza della mortalità presentano degli effetti collaterali sulle strutture muscolari e sui tessuti molli in generale, che rendono i pazienti facilmente riconoscibili e discriminabile sul lavoro e nei vari aspetti della vita di relazione. Questi effetti collaterali si manifestano in modo diverso: si può verificare ad esempio accumulo di importanti quantità di tessuto fibro-adiposo nei più disparati distretti corporei, con la sede più frequente che è a livello della parete posteriore del collo (Buffalo Hump). Al contrario si può manifestare una atrofia spiccatissima dei muscoli e dei tessuti molli sottocutanei con ad esempio il volto di questi giovani pazienti che diviene profondamente scavato assumendo la maschera del grande attore Eduardo de Filippo. Queste alterazioni corporee modificano profondamente l’aspetto di questi pazienti che divengono facilmente identificabili come malati di Aids. IL SERVIZIO EROGATO A UMBERTIDE Presso l'ospedale di Umbertide i grandi accumuli di tenacissimo tessuto fibro adiposo sono sottoposti ad asportazione miniinvasiva con combinazione di tecnologie ultrasoniche e pressioni negative. La rimozione, spesso di diversi litri di questo materiale, permette ai soggetti di riacquisire non solo una morfologia ma anche una funzionalità dei distretti interessati. Spesso i pazienti affetti da gibbo di bufalo non riescono ad eseguire i movimenti di rotazione e di flesso estensione del collo. Al contrario le atrofie dei tessuti molli e di tutta la muscolatura, anche di quella mimica del volto, vengono operate mediante il trapianto di cellule adipocitarie autologhe, prelevate non senza grandi difficoltà da altri distretti corporei. Questo al fine di ripristinare una normale morfologia dell’estremo cefalico che soprattutto eviti ai pazienti di essere individuati come malati di Aids. Questa attività di chirurgia ricostruttiva, non certo meramente estetica, è condotta in maniera multidisciplinare in collegamento con i reparti di malattie infettive della nostra regione e di tutto il territorio nazionale. La percentuale di pazienti che arriva nel centro di Umbertide da altre regioni è di circa il 97%. I casi trattati negli ultimi cinque anni sono quantizzabili in circa 750. Da segnalare è il grandissimo encomio che merita il personale medico e paramedico che gestisce questo percorso con enorme altruismo; infatti in caso di ferita accidentale con materiale infetto, gli operatori si devono sottoporre a terapie profilattiche pesantissime come quelle attuate in caso di malattia conclamata. Nonostante questo nessuno si è mai tirato indietro.        

01/12/2020 18:00:03 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello: ubriaco sul monopattino si schianta contro un'auto

Nella mattinata odierna, i Carabinieri della Stazione di Città di Castello hanno deferito in stato di libertà un 29enne del posto, resosi responsabile di guida in stato di ebbrezza alcolica. Il giovane, nella serata di ieri, mentre percorreva via Togliatti alla guida di un monopattino elettrico, all’altezza della rotatoria di via Alcide de Gasperi, collideva violentemente con una Ford Fusion che sopraggiungeva. Rotolato in terra veniva immediatamente soccorso da personale del 118 e della locale Stazione Carabinieri, venendo medicato presso il locale ospedale ove gli venivano fortunatamente  riscontrate contusioni superficiali, giudicate guaribili in  pochi giorni.  Sottoposto però agli esami ematici di rito, sempre obbligatori in caso di sinistri stradali con feriti, è emersa una elevatissima presenza di alcol nel sangue pari a 3,5 g/l, quindi ben 7 volte il limite massimo consentito. Per lui è pertanto scattata la denuncia alla Procura della Repubblica di Perugia per essersi posto alla guida in stato di ebbrezza alcolica. Difatti, pur non essendo previsto il possesso di alcuna patente per la guida di un monopattino elettrico, essendo lo stesso assimilabile a qualunque altro veicolo, ricorre l’obbligo di rispettare le norme previste dal Codice della Strada.  Oltre al deferimento, i Carabinieri hanno proceduto anche al sequestro del monopattino ai fini della confisca, anch’essa obbligatoria quando il tasso alcolemico supera 1,5 g/l.   

27/11/2020 15:51:33 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Manutenzione stradale, in programma lavori per 100mila euro

Pronti ulteriori 100mila euro per le manutenzione di alcune strade e vie del capoluogo. La giunta comunale ha dato il via libera al progetto definitivo che prevede la sistemazione di alcune pavimentazioni stradali presenti ad Umbertide. Gli interventi, che saranno eseguiti con fondi provenienti dal bilancio comunale, si aggiungono agli altri che sono già iniziati nel capoluogo e in programma in altre frazioni del territorio del Comune di Umbertide. Le operazioni di sistemazione del fondo stradale si concentreranno in via dei Falegnami presso la zona Industriale Madonna del Moro, in via Cesare Battisti (anche al fine di portare a termine la riqualificazione dell’area dove sorgono il campo sportivo Usu e il magazzino Ex Tabacchi), in via della Repubblica, in via Caravaggio e in via Madonna del Moro, con un intervento di messa a punto della strada, essendo prevista a breve la sistemazione dell’incrocio di via dei Fabbri. "Questi sono altri importanti interventi che interesseranno la viabilità di alcune parti del nostro Comune,  volti al miglioramento e alla messa in sicurezza delle strade – affermano il sindaco Luca Carizia e l'assessore ai Lavori pubblici, Alessandro Villarini - Grazie a lavori di manutenzione e di rifacimento del manto stradale, avremo una migliore mobilità e qualità del nostro vivere quotidiano". Sindaco e assessore ricordano anche che tra poco prenderanno il via gli interventi di abbattimento barriere architettoniche e mobilità sostenibile nell'area compresa tra via Vittorio Veneto e piazza Mazzini. I lavori, che avranno un importo complessivo di 90mila euro erogati dal Ministero dell'Interno per l'annualità in corso, prevedono oltre alla costruzione di una nuova passerella pedonale sul torrente Reggia tra via Vittorio Veneto e piazza Mazzini, anche alla realizzazione di un corrimano lungo la scalinata che da piazza del Mercato conduce in via Guidalotti (imbocco di Piazza Mazzini), all'adeguamento di due passaggi pedonali su via Vittorio Veneto (il primo di fronte all'edicola, l'altro su piazza Caduti del Lavoro) e alla prosecuzione del marciapiede fino a sotto le mura del Teatro dei Riuniti.

25/11/2020 12:40:38 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Edilizia scolastica, in partenza lavori per 80mila euro in diversi plessi del territorio

  Sono in partenza ulteriori lavori nelle scuole di competenza del Comune di Umbertide. La giunta comunale ha infatti approvato il progetto definitivo per la realizzazione di interventi di manutenzione su diversi plessi scolastici presenti sul territorio. Le operazioni avranno un importo complessivo pari a 80mila, provenienti per intero da risorse comunali. Nel dettaglio gli interventi riguarderanno lavori edili presso la scuola secondaria di primo grado “Mavarelli-Pascoli” e presso la scuola primaria “Giuseppe Di Vittorio”, mentre opere termo-idro-sanitarie saranno effettuate all'interno della scuola primaria “Giuseppe Garibaldi” e delle scuole dell'infanzia presenti nelle frazioni di Montecastelli e Molino Vitelli. “Dopo i lavori di questa estate legati all'emergenza Covid-19, realizzati sugli edifici scolastici di competenza comunale,  sono stati programmati ulteriori interventi a beneficio delle nostre scuole – affermano il sindaco Luca Carizia e l'assessore all'Istruzione e ai Lavori pubblici, Alessandro Villarini - La Giunta ha infatti deliberato lavori per altri 80mila euro in diversi plessi scolastici, con l'obiettivo di proseguire con coerenza il cammino già intrapreso, che va nella direzione di avere scuole ancor più riqualificate sotto tutti i punti di vista, da quello energetico (come nel caso della palestra della scuola media Mavarelli-Pascoli e della scuola primaria di Pierantonio con annessa palestra) a quello dell'antincendio (con i lavori già effettuati nella scuola media del capoluogo e quelli che partiranno a breve presso la Di Vittorio) e più in generale con un nuovo adattamento degli spazi sia interni che esterni migliorando la loro funzionalità. Senza dimenticare i lavori per la realizzazione della nuova scuola dell'infanzia Marcella Monini. Si tratta di opere di miglioramento che con forza l'amministrazione comunale vuol perseguire e proseguire”.              

23/11/2020 12:29:29 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy