Categorie

Sport Punti pesanti anche in trasferta per il Volley Umbertide: secco 3 a 1 alla Polisportiva CLT Terni

La squadra di Maddalena Rosi disputa un match di grande impatto e fa sua l’intera posta, confermando il terzo posto in solitario, ma a un solo punto dalla seconda e ad appena due dalla prima Terni – Le umbertidesi sfruttano in pieno l’occasione dello scontro diretto tra le squadre appaiate a tre punti di distanza in vetta alla classifica. Ma soprattutto disputano un match di grande intensità, alla vigilia non certo dei più facili. Già, perché nel corso della stagione bisogna sempre fare i conti con qualche assenza o qualche causa di forza maggiore. E in questo turno le assenze avrebbero potuto pesare molto. Coach Rosi ha dovuto fare a meno di Agnese Girelli, l’ormai insostituibile libero in ricezione, ma anche della seconda palleggiatrice Sara Fiorucci. Quest’anno il roster è abbastanza ampio da consentire anche cambi in corso d’opera, ma come sempre tutto dipende dalla prova dei fatti. Fatti che, tuttavia, hanno dato ampia ragione al tecnico del Volley Umbertide. A partire dalla scelta di convocare l’esordiente assoluta Giulia Morbidoni, classe 2003, di professione libero nelle giovanili e in seconda divisione, ma scesa in campo con la maglia “normale”. Avvio stentato Al fischio di inizio le ospiti sono costrette a fare i conti con un impianto ben più piccolo rispetto a quello nel quale sono abituate a giocare negli impegni casalinghi. E dall’altra parte c’era una squadra che, reduce dalla vittoria del campionato di I^ divisione nella passata stagione, ce l’avrebbe messa tutta per portare a casa il risultato. Il primo set è di quelli da dimenticare per le biancorosse, che al netto dei meriti avversari, non riescono mai ad esprimere il loro gioco. Vanno sotto come mai era successo, nemmeno nelle passate stagioni: 14 – 2 … Ma già a partire da quel momento si vedono le avvisaglie di una reazione, che è prima d’orgoglio, ma anche tecnica e di gioco. Il set è compromesso, ma considerato il fatto che le ternane se lo sono aggiudicate 25 a 15, il parziale a favore di Umbertide è di 13 a 11.   Il resto a braccio sciolto La situazione è quasi ribaltata alla ripresa del gioco. E se nel corso del primo set Umbertide aveva sofferto il servizio delle avversarie, Ubaldi e compagne trovano la misura anche dai nove metri. Le ospiti si mantengono costantemente sopra il break e a metà parziale la mossa vincente di Maddalena Rosi è la sostituzione del centrale di turno in battuta con Morbidoni, che incide come se fosse una veterana e dà una grande mano in seconda linea, producendosi anche nel servizio delle sue attaccanti quando il secondo tocco non potrebbe essere del palleggiatore. Umbertide vola sul 16 a 21 e il set finisce poco dopo, con un sostanzioso 18 – 25 che fa ben sperare per il resto del match. Nella terza frazione, fin dalle prime azioni, si fa sentire il muro delle Umbertidesi. Ma anche l’attacco, sia di palla bassa, sia di palla alta, non è da meno. Le ospiti scavano il solco ed è ancora Morbidoni a piazzare una serie al servizio impreziosita da due aces, che fa veleggiare le sue sul 18 – 10. Il gioco diventa a tratti spumeggiante e il frangente è ancora di Umbertide con largo margine (12 – 25). Terni si produce nel massimo sforzo, ma anche nel quarto set Umbertide controlla abbastanza agevolmente, riuscendo ad innescare con successo tutta la sua prima linea e trovando ancora ottimi servizi a mettere in difficoltà le avversarie, nonché punti diretti dai nove metri. Sul 16 – 20 la partita sembrerebbe finita, ma la padrone di casa non ci stanno. Vorrebbero il tie break, ma Umbertide allunga ancora e conquista 4 set point sul 20 – 24. Il primo lo annullano con un attacco a terra, il secondo con un errore di Bianconi in attacco che cerca un mani out, chiudendo poi alla terza occasione utile con lo stesso colpo.   Miccia innescata La vittoria ottenuta nella trasferta fuori provincia, è di quelle che lasciano il segno. Già perché a tutti è apparso chiaro come a questa squadra, grazie alla sapiente gestione del tecnico umbertidese, non manchi nulla per ambire ai traguardi finali. E poco contano le assenze, perché anche l’ingresso in campo di un’esordiente, vale ancora la pena di rimarcarlo, ha dato un contributo decisivo alla partita. Il resto sono l’esperienza, la tecnica e l’agonismo di tutte le componenti della compagine, che sapientemente mixati danno come risultato il cocktail delle vittorie e della classifica. Già, perché questo successo, che suggella la fine del girone di andata, consente di mantenere il terzo posto a quota 16, con Narni a 17 e Colleluna a 18. E se è ancora presto per fare ulteriori previsioni, l’attesa è proprio per i match del girone di ritorno, quando si spera che la miccia innescata sarà ancora lì ad ardere per propiziare ulteriori scoppi.   POLISPORTIVA CLT TERNI - VOLLEY UMBERTIDE    1 – 3 (25 – 15, 18 – 25, 12 – 25, 22 - 25)   VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C), Bianconi, Leonelli, Giorgi, Busti, Moretti, Sarnari, Morbidoni, Leveque, Giulietti (L), Palazzetti, Beacci. Allenatore: Maddalena Rosi   POLISPORTIVA CLT TERNI: Porcu (C), Bobbi, Petrozzi, Paciucchi, Bighi, Faedi, Manciucca, Bogdan, Zeduari, Laudizi, Troiani (L1), Gigli (L2). Allenatore: Cristina Gargagli Arbitro: Nicola Magnino Nota: scout non disponibili  

03/12/2019 11:56:42 Scritto da: Eva Giacchè

Sport L'umbertidese Becchetti combatte per il Campionato del Mondo

Il primo dicembre c'è chi fa l'albero e chi sogna di diventare Campione del Mondo.Questa mattina (lunedì) alle 7.00 ora italiana, Nicola Bacchetti sarà uno dei 44 protagonisti dei Campionati del Mondo di Kazakh Kures, una variante orientale del judo.  Nicola rappresenterà l'Italia nella Capitale mondiale del Kazakh Kures, il Bulan Sholak di Almaty, la città più popolosa del Kazakistan. Tra poche ore, in una cornice da finale di Champions League, ci sarà il sorteggio e poi tra meno di ventiquattro i primi scontri diretti.  "Nicola - spiega il tecnico del Kdk Fratta Mirco Diarena - è uno dei più giovani partecipanti al Mondiale. Sarà dura per due motivi. Perché è al rientro alle gare internazionali dopo 8 mesi e perché è la prima volta che si cimenta in questo tipo di competizione. Becchetti comunque in questo periodo si è allenato con costanza per due volte al giorno e abbiamo studiato una tattica kamikaze incentrata sul ritmo. I suoi avversari saranno sicuramente più tattici ed esperti noi cercheremo di sfiancarli per piazzare il colpo del K.o. prima di metà incontro.  A questa competizione accedono i più forti over 90kg delle varie discipline di lotta di tutto il mondo. Il Campione Olimpico di judo Lukas Krpalec nell'edizione a cui ha preso parte si è classificato solo settimo e questo la dice lunga sul livello stratosferico della competizione". Ancora una volta il Kodokan Fratta porta in alto lo sport umbro, a decidere quanto saranno i muscoli di Nicola Becchetti, cuore compreso. 

02/12/2019 09:53:15 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Nuova vittoria piena per il Volley Umbertide: Monini Green Spoleto superata con un netto 3 a 0

Nel turno casalingo della sesta giornata del girone di andata, le ragazze guidate da Maddalena Rosi mantengono sempre alta la concentrazione e grazie al risultato confermano il terzo posto in classifica Umbertide – Per mantenere il contatto con le prime della classe, serviva la conferma di quanto le biancorosse umbertidesi avevano dimostrato nel corso dell’ultimo impegno. Convinzione nei propri mezzi, che in campo si trasforma nel mettere in pratica qualità individuali e di squadra. Per la classifica serviva in ogni caso un risultato pieno, cosa questa che di solito arriva nei match nei quali scendono in campo quelle componenti. E c’era poi la necessità di mantenere alta la concentrazione nella sfida contro una formazione “green”, che certo non ha dalla sua l’esperienza, ma il cui entusiasmo può essere un brutto cliente.   In campo anche per la solidarietà Il Volley Umbertide aveva raccolto in pieno l’invito del comitato regionale a “schiacciare” contro la violenza sulle donne per dimostrare come lo sport sia per definizione messaggio di pace e condivisione di valori. Prima della partita a tutte le atlete, ad allenatori e dirigenti, agli ufficiali di gara, ma anche al pubblico presente sono stati distribuiti nastrini rossi. Le atlete ne hanno fatto uso come fermacapelli, dando un tocco di particolarità in più alla manifestazione. Come dire che le donne non si toccano nemmeno con un capello ... a partire dai capelli. Un gesto apparentemente “piccolo”, ma di grande significato e importanza per ricordare come la non violenza e il contrasto a quella fisica, verbale o di altro genere, siano una cosa da vivere nel quotidiano come faro guida dell’esistenza di tutti. Foto di rito, saluto e apertura delle “ostilità” in campo sotto il migliore degli auspici.   La partita La concentrazione delle padrone di casa è massima. Nonostante le spoletine difendano molto e si portino sull’1 – 3, l’attacco del Volley Umbertide macina gioco, soprattutto da zona 4 e in pochi minuti c’è l’aggancio e il sorpasso, firmato da due aces consecutivi di Bianconi (6 – 4). Da posto 4 si fa sentire Busti, che consente l’allungo del 9 – 5. Qualche sbavatura delle umbertidesi permette alle ospiti di non affondare nel punteggio, portandosi a – 2 (12 – 10). Coach Rosi chiede time out e alla ripartenza si rivede la squadra cinica dei primi scambi. Si va sul 17 – 11 e anche con il cambio della diagonale (Fiorucci in regia e Leveque in posto 2, rispettivamente per Ubaldi e Leonelli) il divario non cambia. Rientra in campo la diagonale titolare e il parziale è di Umbertide con un sostanzioso 25 – 17. La musica non cambia nella seconda frazione, che è in sostanza la fotocopia del primo. Anzi, la possibilità di agevole controllo del risultato, dà la possibilità di ampio turn over, sia quanto alla diagonale, sia in posto 4, ma anche nel reparto delle centrali. C’è spazio per la giovanissima Beacci al centro, ma anche per Palazzetti e Sarnari, che danno il loro contributo nell’ambito del set, peraltro aumentando il divario (25 – 14). Forse si torna in campo con il riposo domenicale già in mente, tanto che il punteggio, peraltro anche per merito delle ospiti, si mantiene in bilico per buona parte del terzo frangente. Si viaggia punto a punto fino al 13 pari, quando Leveque mette a segno un paio di attacchi che portano Umbertide sopra il break (16 – 13). Completano l’opera le attaccanti di palla bassa (22 – 16) e la chiusura e con un altro attacco potente di Bianconi, che cade a terra e consente la conquista del set (25 – 20) e del match.   Vittoria, classifica e lotta all’indifferenza Umbertide ha vinto e ha incamerato altri tre punti. Punti che consentono di mantenere la terza posizione a quota 13, a sole 3 lunghezze da Colleluna e da Narni, che nel prossimo turno saranno avversarie dirette. Una di loro perderà qualche punto, mentre le umbertidesi saranno ospiti di CLT Terni, dove cercheranno di rosicchiare qualcosa per avvicinarsi ancor più alla vetta della classifica. Un’impresa possibile, ma per la quale servirà mantenere ancora più alta la concentrazione e il livello di gioco visto negli ultimi due match. Oggi, però, vale la pena ricordarlo nuovamente, prima ancora della squadra che è risultata vittoriosa sul campo, ha vinto la solidarietà, hanno vinto la parola e il gesto contro l’indifferenza.   VOLLEY UMBERTIDE – MONINI GREEN SPOLETO   3 – 0 (25 – 18, 25 – 14, 25 – 20)   VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C) 3, Bianconi 13, Leonelli 10, Giorgi 2, Busti 7, Moretti 5, Sarnari, Palazzetti, Leveque 3, Fiorucci 1, Beacci 2, Girelli (L1), Giulietti (L2). Allenatore: Maddalena Rosi. Aiuto allenatore: Laura Burzacchi. (b.s. 10, b.v. 8, muri 3, errori totali 20)   MONINI GREEN SPOLETO: Iovieno 6, Pizzi 1, Radi 7, Loretoni 1, Capoccia 2, Mariano 6, Tizi 1, Cara, Gentileschi, Pazzogna (L1), Ponellini (L2). N.e: Moriconi, Cesaretti. Allenatore: Lorenzo Giannursini. Aiuto Allenatore: F. Fiocchi. Moriconi (b.s. 13, b.v. 4, muri 3, errori totali 32)     Arbitro: Paolo Pocceschi      

26/11/2019 19:38:13 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Kodokan Judo Fratta: finale di stagione col botto

Campionati del Mondo, Coppa Italia A2, Campionati Nazionali Csen, Campionati Italiani u15. È iniziato il gran finale di stagione del Kodokan Fratta. Un finale pirotecnico che è partito con il piede giusto. Sabato 23 novembre in quel di Policoro (MT) Stella Brachelente ha conquistato la medaglia di bronzo in Coppa Italia A2 nella “nuova” categoria dei 52kg. Stella proviene dalla categoria dei 48kg e al primo vero test nella categoria superiore ha dimostrato di non subire il cambiamento, anzi ha condotto lei con autorevolezza tutti gli incontri disputati. “Questa medaglia – ha detto il tecnico del Kdk Diarena – deve rappresentare un nuovo punto di partenza e non uno di arrivo. Stella in questi anni è stata stabilmente tra le top 5 d’Italia nei 48kg adesso inizia una nuova sfida”. In Coppa Italia, sempre nei 52kg, non è potuta essere presente Gaia Marchetti, rimasta a casa perché non in perfetta efficienza fisica. Lo stesso weekend, a Riccione, si sono svolti i Campionati Nazionali Csen. Il Kodokan Fratta ha ottenuto successi in tutte le categorie: Michele Liguori ha vinto la categoria dei 45Kg under 12, Nicolò Zebi ha ottenuto la medaglia di Bronzo nei 50kg under 14, Gabriele Scorsolini ha vinto il titolo nei 55kg under 23 conquistando anche l’ambita cintura nera, terza classificata cat 48kg under 13 Cleana Casagrande. In campo femminile: 1° posto di Greta Lika 57kg under 14, 5° di Anna Maria Vergati 63kg under 14 e Maddalena Bottai 70kg under 14, 1°posto di Caterina Mancinelli 70kg under 23 e 3° posto di Desirée Pettoruso 52kg under 23 al rientro alle gare dopo sei lunghi anni di inattività. I ragazzi a Riccione sono stati seguiti dal coach Francesco Caponeri. “Abbiamo iniziato con il piede giusto questo periodo di fuoco – ha concluso il tecnico Diarena -, domani Nicola Becchetti partirà per il Kazakistan per i Mondiali di Kazakh Kures, una variante orientale del judo che ha un’incredibile popolarità tra i Paesi dell’Est. Il vincitore si porterà a casa un assegno con tanti zeri e la certezza di essere uno degli atleti più forti del pianeta visto che partecipano gli over 90kg  di svariate discipline da combattimento. Nicola rappresenterà l’Italia affiancato dal coach della Nazionale Chiara Meucci che ha creduto nelle potenzialità del gigante umbertidese”. Chiuderà l’anno agonistico Anna Maria Vergati che quindici giorni fa ha conquistato il pass per la finale dei Campionati Italiani under 15. Una sfida molto impegnativa ma che potrebbe regalare un’altra bella sorpresa in casa Kodokan.

26/11/2019 19:23:34 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy