Sport Il Volley Umbertide non fa sconti e supera CLT con un netto 3 a 0

Nonostante una situazione di classifica più che tranquilla, le ragazze di Maddalena Rosi non fanno sconti e nemmeno calcoli, aggiudicandosi il match senza concedere nulla alle ternane   Umbertide – L’ultima fatica di questa prima fase di campionato, secondo le valutazioni di alcuni, avrebbe potuto essere la partita dei calcoli. Già perché i “matematici” in questione avevano avanzato l’ipotesi in virtù della quale, siccome la sfida diretta tra Narni e Colleluna era andata a favore della prima, che quindi si era portata a quota 33 e che, anche se raggiunta, sarebbe stata comunque prima in virtù di una migliore classifica avulsa, la terza piazza sarebbe stata migliore. Questo perché piazzarsi al terzo posto, sulla base degli incroci della seconda fase, avrebbe garantito di evitare il girone nel quale sarà presente Libertas Perugia, forte di 39 punti in classifica, con un ruolino di 13 vittorie su 14 partite e un quoziente set di ben 7,4. Dunque, sempre secondo i calcolatori di cui sopra, sarebbe stato meglio piazzarsi al terzo posto. Ma per fare ciò le ragazze di Maddalena Rosi avrebbero dovuto addirittura cedere l’intera posta in gioco nella sfida contro CLT. Cosa non improbabile e nemmeno impossibile, ma solo giocando sul campo. E siccome non si scende mai in campo per fare calcoli, le umbertidesi non ne hanno fatti, regolando le ternane del CLT con un sostanzioso 3 a 0. Segno che questa squadra non teme nessuno, tanto meno le avversarie che a causa degli incroci previsti dalla formula hanno accumulato punti e risultati da rullo compressore.   La partita Che coach Rosi avrebbe fatto di tutto per fare bottino pieno e per non cedere nulla, si era intuito fin dall’ingresso in campo dello starting six: diagonale Ubaldi Leonelli, schiacciatrici Bianconi e Busti, centrali Giorgi e Moretti, liberi Girelli e Giulietti. E si visto anche quando la partita è cominciata, con perentori parziali di 5 – 1 e 8 – 3. Leonelli spinge in attacco (9 – 4), Giorgi mura come sa (10 – 4) e Busti è superprecisa sull’attacco in parallela (11 – 4). Solo qualche distrazione consente alle avversarie di riavvicinarsi (13 – 10), ma dopo il time out le padrone di casa ricomiciano a macinare gioco: il primo tempo di Moretti conferma il + 7 (18 – 11) e Leonelli allunga ancora da zona 2 (21 – 12). Cambio di diagonale per le padrone di casa con l’ingresso in campo di Fiorucci in regia e Leveque e poco dopo è Giorgi che chiude il parziale con l’attacco di palla basa a terra (24 – 14) e con un altro muro vincente (24 – 18). Alla ripresa del gioco c’è abbastanza equilibrio, ma rompono gli indugi Busti (10 – 8) e Leonelli, che mette a referto tre attacchi vincenti (16 – 11) e due ace sul suo turno dai nove metri (20 -11). Allunga ancora Beacci appena entrata al posto di Moretti (23 – 13) e sull’errore in attacco di Terni scorrono i titoli di coda anche sul secondo frangente (25 – 15). Le ospiti rientrano in campo molto determinate e si portano a + 4 (6 – 10). Ma dura poco, perché le padrone di casa incidono molto al servizio ed è su una loro ricezione abbondante che Moretti piazza lo slash vincente del pareggio (10 – 10). Umbertide mette la freccia con il mani out di Sarnari (13 – 12) e le ragazze di coach Gargagli si vedono costrette a forzare molto, ma sbagliano altrettanto e consentono alle biancorosse di allungare ancora (19 – 13, 22 – 13). Tutto fila liscio per le umbertidesi, che chiudono il set (25 – 16) e il match con il primo tempo vincente di Moretti.   Un eccellente secondo posto La vittoria conquistata consente di raggiungere Narni a quota 33, che tuttavia, grazie al maggior numero di vittorie, è prima in classifica. Ma quei 33 punti valgono un secondo posto di tutto rispetto, anzi l’eccellenza. Una piazza d’onore conquistata con diverse indisponibilità, soprattutto negli ultimi tempi; e con la necessità di trovare l’amalgama giusta con quattro elementi nuovi rispetto alla passata stagione. I valori individuali e quelli di squadra alla fine sono emersi. E poco conta se nel girone che si andrà a comporre la prima della classe ha già 6 punti di vantaggio, perché la squadra guidata da Maddalena Rosi ha certamente acquisito la consapevolezza di potersela giocare con chiunque. E tanto che ci siamo, non sarà superfluo ribadirlo, di non fare calcoli né sconti. D’altra parte nella pallavolo non si pareggia e per dirla con Boniperti, se vincere non è importante, vincere è però l’unica cosa che conta. E queste ragazze hanno certo dimostrato che per loro l’unica cosa che conta è vincere.   VOLLEY UMBDERTIDE  - CLT TERNI  3 – 0 (25 – 18 , 25 – 15 , 25 – 16)   VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C), Bianconi, Leonelli, Giorgi, Busti, Moretti, Sarnari, Palazzetti, Leveque, Fiorucci, Beacci, Girelli (L1), Giulietti (L2). Allenatore: Maddalena Rosi.   CLT TERNI: Porcu (C), Bobbi, Petrozzi, Paciucchi, Bighi, Faedi, Manciucca, Bogdan, Zeduari, Laudizi, Troiani (L1), Gigli (L2). Allenatore: Cristina Gargagli   Arbitro: Stefano Fiorucci

28/01/2020 15:48:56 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Il 30 gennaio Umbertide torna a commemorare Donato Fezzuoglio

Umbertide torna a commemorare l’appuntato Donato Fezzuoglio a quattordici anni dalla sua scomparsa. Il giovane carabiniere perse la vita il 30 gennaio 2006 nel tentativo di sventare una rapina ai danni della filiale del Monte dei Paschi di Siena in via Andreani. Nella mattinata di giovedì, la città tornerà a stringersi intorno ai familiari della medaglia d'oro al valore militare, per omaggiare la memoria del giovane carabiniere. La cerimonia avrà inizio alle ore 10 con gli onori militari e la deposizione della corona di alloro in via Andreani, luogo in cui l'appuntato perse la vita.   Saranno presenti il sindaco del Comune di Umbertide, Luca Carizia, il generale Massimiliano Della Gala, comandante della Legione Carabinieri Umbria e i vertici territoriali dell'Arma. Saranno presenti anche la vedova di Fezzuoglio, Emanuela Becchetti, il figlio Michele, e i familiari del carabiniere. Alla cerimonia sono stati invitati a partecipare, tra le autorità civili, la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, il presidente della Provincia di Perugia, Luciano Bacchetta, il prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, il questore di Perugia Mario Finocchiaro, il procuratore generale della Repubblica di Perugia, Fausto Cardella, il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, i sindaci dell'Alto Tevere e i parlamentari umbri. Sarà presente una nutrita rappresentanza di studenti delle scuole cittadine. Alla cerimonia civile seguirà alle ore 10,30 la cerimonia religiosa con la celebrazione da parte del vescovo di Gubbio, monsignor Luciano Paolucci Bedini, della santa messa presso la Chiesa di Cristo Risorto.  

28/01/2020 15:33:56 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Giornata della Memoria, il sindaco Carizia ad Assisi per il conferimento della Medaglia d'Onore all'umbertidese Amedeo Faloci

Il sindaco di Umbertide, Luca Carizia, nella mattinata di lunedì 27 gennaio in occasione della Giornata della Memoria (istituita dal Parlamento italiano il 20 luglio 2000 per commemorare le vittime dell'Olocausto nel giorno dell'abbattimento dei cancelli del campo di Auschwitz) ha partecipato ad Assisi alla cerimonia di consegna da parte del prefetto di Perugia, Claudio Sgaraglia, della Medaglia d'Onore conferita dal Presidente della Repubblica all'umbertidese Amedeo Faloci e ad altri quattro cittadini residenti nella Provincia di Perugia deportati o internati nei lager nazisti e destinati al lavoro coatto per l'economia di guerra durante l'ultimo conflitto mondiale. Amedeo Faloci, nato nel 1927 a Montone, aveva 17 anni quando i tedeschi lo catturarono, strappandolo alla sua famiglia. Venne imprigionato e prima venne deportato a Kahla, in Germania, e in seguito fu mandato al campo di lavoro di Rosemberger. Insieme ad altri era addetto alla costruzione di gallerie dove i nazisti custodivano gli aerei. In uno di questi tunnel, Faloci ha scritto il suo nome nel cemento fresco. La sua prigionia durò circa un anno: fu deportato nel maggio del 1944 e fece rientro a casa nel giugno del 1945. Faloci, oggi ultranovantenne vive a Umbertide. La cerimonia, che ha avuto luogo all'interno del Museo della Memoria, ha visto la presenza anche della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, del presidente dell'Assemblea legislativa dell'Umbria, Marco Squarta, del sindaco di Assisi, Stefania Proietti, del vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino, monsignor Domenico Sorrentino e di altre autorità civili e militari. L'onorificenza è stata consegnata nelle mani di Silvia Martini, nipote di Amedeo Faloci e presente all'evento insieme ad altri familiari. “Giornate come quella del 27 Gennaio hanno il dovere di farci ricordare il passato, di farci vivere il presente e di proiettarci verso il futuro – afferma il sindaco Carizia – Il sacrificio e la sofferenza di chi visse sulla propria pelle la ferocia dell'Olocasuto e della prigionia nei campi nazisti servono a tutti noi per non far ripetere una delle pagine più buie della storia dell'umanità”. Sempre per quanto riguarda le celebrazioni legate alla Giornata della Memoria, domenica pomeriggio, presso il salone del Centro socio-culturale San Francesco, si è svolto un partecipato evento, al quale ha preso parte l'assessore alla Cultura Sara Pierucci, che ha visto alternarsi momenti di lettura a cura del gruppo “Dallo scaffale a te” e intermezzi musicali eseguiti da Fabrizio Bagiacchi e Salvatore Zampini.    

28/01/2020 14:58:22 Scritto da: Eva Giacchè

Usl Umbria 1, il commissario Pasqui incontra i sindaci dell’Altotevere

Città di Castello, 28 gennaio 2020 - Il commissario straordinario della Usl Umbria 1 Silvio Pasqui, insieme al direttore amministrativo Doriana Sarnari e al direttore sanitario Teresa Tedesco, ha incontrato i sindaci dell’Altotevere e gli operatori sanitari dell’ospedale di Città di Castello e del distretto dell’Altotevere per un confronto sulle linee programmatiche del mandato e sugli obiettivi da raggiungere al fine di garantire la qualità della struttura.     Al centro dell’incontro ci sono state le grandi novità per il territorio e le partite ancora aperte, a partire dalla riconversione in Casa della Salute del vecchio ospedale di Città di Castello. Un’opera che richiede un finanziamento ingente e per la quale sta collaborando anche il Comune grazie al lascito Mariani, destinato, appunto, ai servizi sanitari del territorio.  “Stiamo lavorando – ha spiegato il commissario Silvio Pasqui –per continuare a garantire un alto livello di servizi. In particolare ci stiamo concentrando sulle liste di attesa per le quali abbiamo già trovato soluzioni, sia allungando l’orario di alcune prestazioni, come ad esempio la risonanza magnetica, che aprendo collaborazioni con gli altri territori. Per la risonanza, comunque, al momento c’è un solo macchinario funzionante ma l’acquisto di una nuova macchina è già stato previsto. Siamo inoltre in attesa della nuova gara per poter dotare l’ospedale di Città di Castello di un nuovo mammografo con tomosintesi. Sono pronti anche i finanziamenti per rifare l’asfalto della viabilità interna dell’ospedale e i lavori potranno partire a breve ”.    Per quanto concerne, invece, le prospettive future, l’intento del commissario straordinario Silvio Pasqui e della direzione della Usl Umbria 1 è quello di implementare l’endoscopia per aumentare ancora di più il livello di attrattività degli ospedali di Città di Castello e Umbertide e di lavorare per migliorare ancora di più il Prosperius, centro di eccellenza per la riabilitazione. C’è anche il progetto, inoltre, di migliorare le collaborazioni con i territori vicini per offrire più servizi e un’assistenza migliore ai cittadini.    Dal canto loro i sindaci si sono dimostrati soddisfatti per l’incontro con il commissario straordinario Pasqui. Il sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta ha voluto porre l’accento sulla necessità di accelerare le procedure per migliorare il distretto sanitario, che versa in pessime condizioni, e per sbloccare le procedure per l’apertura della Casa della Salute del vecchio ospedale.     Al termine dell’incontro con i sindaci il commissario, il direttore sanitario e il direttore amministrativo, introdotti dalla direttrice del distretto Daniela Felicioni, hanno incontrato le associazioni del territorio, gli operatori dell’ospedale di Città di Castello e del distretto Altotevere.  -- 

28/01/2020 14:57:10 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Al Centro San Francesco la mostra 'Dallo spirito di Ventotene all'Europa. Altiero Spinelli: il sogno di una Europa libera e unita'

Sarà ospitata presso il Centro socio-culturale San Francesco dal 30 gennaio al 9 febbraio la mostra “Dallo spirito di Ventotene all'Europa. Altiero Spinelli il sogno di una Europa libera e unita”.   L'iniziativa, organizzata dall'Associazione nazionale Partigiani d'Italia (ANPI) provinciale di Perugia, dall'ANPI Umbria e della sezione di Umbertide, con la collaborazione del Museo diffuso della Resistenza di Torino, della scrittrice Camilla Poesio e dell'autore Mauro Remondini, è patrocinata dalla Regione Umbria e dal Comune di Umbertide.   Anche quest'anno il Campus “Leonardo da Vinci” di Umbertide, ha dato l’adesione al progetto, per una partecipazione e collaborazione attiva all’iniziativa. Come evidenziano gli organizzatori, la mostra rappresenta un’opportunità educativa, sia per la rilevanza dell’esposizione che per il progetto didattico ad essa collegato.   All’inaugurazione dell'esposizione, che si terrà giovedì 30 gennaio alle 10.30, parteciperanno l’assessore alla Cultura del Comune di Umbertide Sara Pierucci, il presidente della sezione ANPI di Umbertide, Arnaldo Pucci, e la presidente dell’ANPI provinciale, Mari Franceschini. La mostra sarà visitabile tutti i giorni presso il Centro San Francesco dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 16.00 alle 18.00. Inoltre, sabato 8 febbraio sarà presentato alle 16.30 il libro “La tragedia del confine orientale” alla presenza dell'autore Giorgio Giannini.

28/01/2020 14:53:19 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Sabato 25 gennaio l'evento finale del progetto “Navigoteca: la rotta del libro in rete”

Sabato 25 gennaio si svolgerà presso il Campus “Leonardo Da Vinci” di Umbertide l'evento finale del progetto “Navigoteca: la rotta del libro in rete”. Il programma della conferenza, alla quale parteciperà a nome dell'Amministrazione Comunale l'assessore all'Istruzione, Alessandro Villarini, prevede alle 8.30 in aula magna l'apertura dei lavori con i saluti della preside Franca Burzigotti. Alle 8.45 incontro con l’autore Marco Versiero, politologo e studioso di Leonardo da Vinci: “Leonardo: la natura allo specchio”. Alle 10 la conferenza di chiusura del progetto, con gli interventi dei dirigenti degli istituti scolastici in rete. Alle 10.15 restituzione dei lavori prodotti e realizzati dagli istituti. Coordina la docente Anna Maria Boldrini. Il progetto ha visto il coinvolgimento attivo e l’ampia partecipazione di studenti, insegnanti, genitori e cittadini dei comuni coinvolti: Umbertide, Marsciano, Città di Castello e Perugia.   Interverranno docenti e studenti delle scuole protagoniste presentando i risultati e i prodotti delle attività che hanno caratterizzato questo percorso di letture, laboratori, momenti di condivisione. Referenti del progetto sono Stefania Brunacci ed Elisa Vannocchi, che hanno coordinato i lavori e la rete di scuole con eccellente capacità organizzativa e rigorosa attenzione alla qualità dei risultati. Coordinato dal Campus "Da Vinci" di Umbertide, "Navigoteca" ha visto in campo otto scuole del primo e secondo ciclo dell'Alta e Media Valle del Tevere che hanno ospitato fino al mese di dicembre una moltitudine di iniziative dedicate alla promozione della lettura e del patrimonio librario.   Il progetto è stato possibile grazie al finanziamento di 25mila euro del ministero dell'Istruzione ottenuto lo scorso anno dal Campus "Da Vinci". E' stato riconosciuto alla proposta progettuale il punteggio massimo in Italia (98/100) tra le 40 scuole vincitrici. Lo scopo era di costituire di un polo territoriale teso allo sviluppo e alla diffusione della "lettura" dentro e fuori la scuola anche grazie all’utilizzo di tecnologie digitali.   Il partenariato con le scuole umbre ha funzionato alla perfezione se si considera la ricchezza e la qualità delle iniziative che sono riuscite a mettere in programma le scuole in rete grazie alla loro forte attenzione al tema della lettura, alla cura delle loro biblioteche scolastiche, alla promozione di eventi ed attività extrascolastiche che hanno coinvolto molti altri soggetti pubblici e privati a livello locale, regionale e anche nazionale. Ecco quindi che si è concretizzato un vero e proprio polo per la promozione della lettura che, partendo dalle scuole, ha aggregato biblioteche comunali e private, associazioni, centri culturali, librerie di un territorio vasto.  

24/01/2020 17:59:11 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy