Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:''SERVONO PROPOSTE, NON POLEMICHE''

Riceviamo e pubblichiamo UMBERTIDE CAMBIA: SERVONO PROPOSTE, NON POLEMICHE Cominciamo a fare. Umbertide cambia risponde alle polemiche con delle iniziative. La prima sull’ambiente. Domenica prossima, 29 aprile, è in programma la passeggiata ecologica, utile per sensibilizzare cittadini e istituzioni su due temi fondamentali: lo smaltimento degli oli alimentari e le discariche abusive. “Vogliamo essere molto concreti su questi temi” spiegano Claudia Dominici e Alessio Tardocchi, candidati di Umbertide cambia, organizzatori dell’evento. “Attraverso la nostra iniziativa intendiamo ribadire la necessità di una maggiore attenzione e di un diffuso impegno civico per il rispetto dell’ambiente, ma anche lanciare proposte concrete. Ad esempio, un progetto per la raccolta degli oli alimentari che preveda la distribuzione di contenitori adatti alle famiglie ed alle attività ristorative e punti di raccolta. Ed un accordo con l’azienda che si occupa dello smaltimento dei rifiuti per stabilire misure che agevolino il deposito presso l’isola ecologica dei materiali solitamente abbandonati abusivamente in campagna. A fronte di questa opportunità – sottolineano i candidati di Umbertide cambia – occorre però potenziare i controlli”. Per quanto riguarda la Moschea Umbertide cambia non solo ha detto cosa farà, ma ha già fatto in concreto. Per primi abbiamo reso pubbliche intenzioni e disegni relativi ad un progetto fino ad allora tenuto nascosto dall’Amministrazione comunale, abbiamo cercato di sollecitare in Consiglio Comunale una riflessione profonda e responsabile su una materia complessa che nessuna forza politica ha raccolto, abbiamo presentato proposte che venivano da diversi settori della società civile e potevano essere discusse, abbiamo ribadito in questa campagna elettorale una chiara posizione: blocco del cantiere e nuovo patto di cittadinanza. Quello che continuiamo a non capire è la proposta di chi ci sta criticando.   27.04.2018   Umbertide cambia

27/04/2018 10:41:47

Attualità » Primo piano Perugia: brillante operazione dei Carabinieri, in manette due pregiudicati albanesi autori di numerosi furti in abitazione

Ancora una volta la costanza, la perseveranza e l’acume investigativo dei Carabinieri hanno permesso di assicurare alla giustizia due ladri recidivi. I Carabinieri della stazione di Ponte San Giovanni, a completamento delle indagini da tempo avviate, hanno arrestato con l’accusa di furto aggravato continuato, due cittadini albanesi, già noti alle forze dell’ordine e alle cronache giudiziarie, in esecuzione di un provvedimento di cattura emesso in data 4 aprile, dal Tribunale di Perugia che ha condiviso appieno le risultanze emerse all’esito delle investigazioni dei militari. Sono addirittura cinque gli episodi contestati ai due malviventi, tutti commessi nel capoluogo umbro durante il mese di marzo 2018, in relazione ad una serie di furti di gioielli, denaro e capi di abbigliamento, perpetrati all’interno di altrettante abitazioni, ubicate nell’hinterland perugino. Il modus operandi dei due uomini (caratterizzato da scaltrezza e abilità operativa) era, infatti, sempre lo stesso: approfittando della momentanea assenza dei proprietari degli appartamenti, i criminali, mediante l’effrazione di porte e finestre, s’introducevano all’interno delle abitazioni, asportando numerosi oggetti di valore, per poi darsi alla fuga utilizzando una macchina utilitaria risultata essere oggetto di furto. Ma, evidentemente, i ladri non avevano fatto i conti con l’arguzia e la tenacia dei Carabinieri. Infatti, all’esito delle indagini tecniche eseguite, corroborate dai riscontri acquisiti sul territorio, nonché dalle immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza e dai successivi riconoscimenti fotografici, i militari hanno meticolosamente ricostruito le illecite condotte delittuose, pervenendo alla compiuta identificazione dei due criminali, quali autori materiali dei furti. Al fine di assicurare alla giustizia i due malviventi, è stato quindi messo in campo un articolato dispositivo di servizio, protrattosi giorno e notte, per circa quindici giorni, attuato anche in zone campestri e casolari abbandonati della periferia cittadina, considerata la sopraggiunta irreperibilità sul territorio dei due cittadini stranieri, uno dei quali gravato dal provvedimento di divieto di ritorno nello Stato italiano emesso dalla Prefettura di Arezzo. Questa mattina, alle prime luci dell’alba, dopo aver localizzato i soggetti attenzionati e messo in sicurezza l’area circostante l’obiettivo, a tutela della collettività, è scattato il blitz ad esito del quale, al termine di una breve colluttazione, in cui sono rimasti lievemente feriti due Carabinieri e uno dei ladri, i criminali sono stati neutralizzati e tratti in arresto. Assolte le formalità di rito, i malviventi sono stati poi associati presso il carcere di Capanne, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

26/04/2018 08:16:44

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy