Notizie » Politica Botta e risposta tra PD e Lega Umbertide

E' botta e risposta tra Lega e PD a suon di comunciati.   Il PD esordisce sull'operato dell'amminsitrazione Carizia: "Non male, ma.. malissimo!" "Ricapitolando: si svende la scuola di Civitella e sono state aumentate le tasse agli umbertidesi; la situazione del decoro urbano è sotto gli occhi di tutti, le opere pubbliche vanno a rilento (e comunque sono relative ai periodi precedenti); il sindaco, non conoscendo la legge probabilmente, sbaglia a fare le nomine (vedere caso Multiservices). Il sindaco Carizia, inoltre, non risponde alla richiesta ufficiale inerente le procedure per un referendum consultivo sui parcheggi in piazza Matteotti (che vorrebbe dire dare seguito ad una previsione statutaria; infatti a meno che non cambi lo statuto è obbligatorio e il PD ha chiesto che venisse approvato il regolamento conformemente alla previsione statutaria). Cosa ancor più grave, Carizia non risponde per iscritto alla nostra interrogazione per sapere se ci siano legami di parentela tra politici nazionali, amministratori locali e loro familiari con alcune figure nominate dall'Amministrazione stessa. Qualcuno pensa di essere al di sopra delle regole ma si sbaglia di grosso." Non si fa attendere la risposta della Lega MA IL PD DI UMBERTIDE ANCORA PARLA?L’AFFONDO DELLA LEGA UMBERTIDE “È veramente un paradosso. Il PD di Umbertide ora ha tutte le soluzioni per governare brillantemente la città. Peccato che dopo 70 anni sia stato sonoramente e democraticamente bocciato dagli italiani, che hanno scelto un cambio di passo per uscire dalla stallo sociale ed economico creato dai “democratici”. Questa la nota della Lega Umbertide che prosegue: “Il nostro è un impegno quotidiano per il bene comune di tutta la città senza fare figli e figliastri, cercando di destreggiarci tra mille difficoltà create sopratutto dalle amministrazioni precedenti. E questo è stato recepito dai cittadini che durante le ultime elezioni europee con il loro voto hanno espresso fiducia alla Lega di Matteo Salvini e all’amministrazione della nostra città. Il PD invece di fare ordine all’interno del proprio partito (o almeno di quello che ne rimane) continua arrogantemente ad attaccare. Non solo, dopo il mega scandalo in Regione Umbria, Zingaretti se ne esce dicendo che faranno le barricate per tutelare la salute degli italiani, proprio loro che, stando a quanto riportato dalle cronache locali, inserivano raccomandati non tanto per merito quanto per convenienza! Noi rispondiamo con un sorriso e continuiamo a lavorare per il bene di tutti, nessuno escluso”.

17/06/2019 19:13:37 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano A Santa Croce la conferenza “Canapa, Lino & Cotone”

“Canapa, Lino & Cotone” saranno il tema della conferenza che si terrà al Museo di Santa Croce alle ore 18 di venerdì 21 giugno. All’incontro, che fa parte della serie “Appuntamenti con la nostra cucina” ideata da Adriano Bottaccioli, interverranno Sara Pierucci, assessore alla Cultura del Comune di Umbertide e Lorenzo Sassolini, esperto del settore. Complementi essenziali della vita domestica, ma soprattutto della cucina, i tessuti hanno sempre rivestito un ruolo importante nella dotazione casalinga; lo testimonia il fatto che in ogni località esistevano tessitrici che producevano artigianalmente manufatti di canapa, lino e cotone ed anche ad Umbertide, fino alla prima metà del secolo scorso, tale attività era ancora fiorente, seppure prossima a scomparire. Fino a quel periodo la coltivazione di canapa e lino, anche se in genere limitata al fabbisogno familiare, era ancora compresa tra le attività agricole, mentre per i filati di cotone la provenienza era da luoghi più o meno lontani. Altre attività collaterali erano l’allevamento di bachi da seta (che avveniva anche nelle case private) e la follatura della lana tramite la gualchiera, alimentata dalle acque del Tevere, ma questi prodotti non avevano legami diretti con la cucina e con la biancheria da casa. Le ultime tessitrici umbertidesi, cessarono la loro attività dopo la seconda guerra mondiale, quando l’avvento di nuove fibre tessili di produzione industriale e dei moderni telai meccanici, resero praticamente inutile il loro lavoro del quale, purtroppo non restano neppure tracce salvo, forse, nel fondo del baule dimenticato delle nostre bisnonne.    

17/06/2019 18:56:29 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Nuovo quartier generale per l'MC System di Umbertide

La storia recente della M.C. System, azienda di Umbertide leader nel marcato della stampa digitale e delle soluzioni di stampa per ufficio, fa venire in mente un’altra storia molto più famosa. Una riscrittura, in chiave moderna, della sfida fra il giovane Davide ed il gigante Golia, con un finale però ben diverso: non culmina con l’uccisione a colpi di fionda del gigante, ma finisce in maniera molto più collaborativa con Davide e Golia che passeggiano concordi a braccetto mentre parlavo di nuove opportunità. Nella nostra trasposizione la M.C. System srl, concessionario Xerox di Umbertide presente da oltre trent’anni in Umbria, Lazio e Toscana,  rappresenta proprio il giovane Davide, piccolo ma dal grande ingegno, che propone una soluzione proprietaria ed esclusiva al gigante Xerox Corporation, casa madre d’oltre oceano, storica detentrice del brevetto della macchina per riproduzione xerografica su carta, più comunemente nota come fotocopiatrice. La soluzione, innovativa e ovviamente brevettata, riguarda proprio quel settore dove Xerox Corporation è leader mondiale, la stampa digitale. Grazie alla creazione di M.C. System denominata Bianco Digitale, alcune delle macchine Xerox più performanti possono stampare toner bianco su carta nera e supporti scuri, possono stampare colori fluorescenti che rendono effetti tridimensionali, nonché sfumature trasparenti, tinte argento e oro. Tutto questo con un semplice kit di modifica che si può applicare in pochi minuti alla macchina originale. In questo modo il dispositivo di stampa diventa uno strumento incredibilmente versatile in mano a tipografi, centri stampa, creativi e pubblicitari. Quello che fino a poco tempo fa si poteva ottenere solo grazie a dispositivi super costosi e proprio per questo destinati ad aziende molto strutturate, da adesso è anche alla portata di realtà più ridotte, quelle che comunemente vengono definite piccole e medie aziende che costituiscono la maggior parte delle imprese italiane.  L’accordo fra M.C. System srl e Xerox Corporation garantisce all’azienda di Umbertide la produzione in esclusiva di tutti i kit di modifica che verranno commercializzati in tutti i paesi del mondo dalla multinazionale americana. Xerox Corporation è una delle aziende che nel corso dell’ultimo secolo ha sfornato, dal suo celebre centro di ricerca a Palo Alto denominato PARC (Palo Alto Research Center), innumerevoli brevetti ed invenzioni di prodotti e software che sono diventati poi diffusissimi e di uso comune: il mouse, le interfacce grafiche (adesso presenti in tutti i sistemi operativi dei moderni computer), il protocollo di rete Ethernet usati in tutte le reti locali, alcuni dei più moderni linguaggi di programmazione.  Come è stato possibile quindi che un’azienda di Umbertide, molto solida ma molto piccola, potesse trovare una soluzione che si è rivelata poi così appetibile anche su scala mondiale ed anche per un colosso presente in 160 paesi e così propenso alla ricerca? La risposta è molto semplice: investire in ricerca e sviluppo paga sempre, a volte accade che i risultati superino di molto anche le più rosee aspettative. La cosa non banale è proprio questa: M.C. System srl ha un proprio dipartimento di ricerca e sviluppo, guidato da Lorenzo Lepri, dove idee ed esperienza dei fondatori storici dell’azienda vengono rielaboarate dalla nuove leve, una nuova generazione di nativi digitali tecnologicamente preparati sempre pronti a pensare soluzioni fuori dagli schemi. Investire in ricerca e sviluppo è la carta vincente che ogni azienda dovrebbe giocare, cosa necessaria per affrontare nella giusta maniera il nuovo paradigma dell’innovazione: al vecchio schema dove il pesce grande mangiava i pesci piccoli, si sta sostituendo il nuovo schema, dove il pesce veloce riesce a rubare il cibo al pesce più lento. Il concetto stesso di innovazione dove entrare a far parte della visione imprenditoriale, quella che caratterizza tutti i quadri dirigenziali di M.C. System, insieme anche ad una buona dose di coraggio e intraprendenza. Visione, coraggio, intraprendenza, tre cose che in M.C. System non mancano di certo. E’ lecito pensare che ci saranno ricadute positive anche a livello locale, l’accordo firmato è importante e di sicuro si apriranno nuove ed interessanti opportunità. Quella che fin da subito è evidente è l’opera di ripristino di una delle strutture più conosciute a livello locale: la vecchia fabbrica delle confezioni Fagnu’s. La ditta Fagnu's di Umbertide era un’azienda di spicco nel settore della sartoria industriale, con più di 150 dipendenti . Dal 1947 al 1997 (data della dichiarazione di fallimento) è stata un marchio di valore mondiale, oltre che essere stata una indubbia fonte di benessere ed occupazione per la comunità della zona.  L’edificio della vecchia e gloriosa fabbrica sembrava essere ormai destinata a rimanere una testimonianza di archeologia industriale, vuoto e destinato al naturale deperimento.  M.C. System ne ha fatto il proprio quartier generale stabilimento di produzione: in quei locali, ristrutturati e rimodernati, si produrranno i kit di Bianco Digitale che la Xerox Corporation spedirà poi in tutto il mondo, l’inaugurazione del nuovo centro è prevista per metà Giugno. Sembra di scorgere in questa conclusione, anche un significato simbolico: innovazione, visione imprenditoriale, fiducia alle nuove generazioni sono gli ingredienti giusti per tornare a prosperare e portare nel mondo, orgogliosamente, il nome di Umbertide.  

14/06/2019 15:46:13 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy