Notizie » Politica Umbertide cambia: un regolamento sull'uso dei fitofarmaci

Riceviamo e pubblichiamo La presentazione del Regolamento sull’uso dei fitofarmaci si inserisce tra le proposte di Umbertide Cambia in difesa della salute e del bene comune, dell’agricoltura sostenibile e della difesa della qualità dei prodotti del nostro territorio.  «I temi dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale guidano il nostro programma e, soprattutto, le proposte che hanno a cuore l’interesse del bene comune». Con questa premessa generale, il presidente di Umbertide cambia Alessio Tardocchi e il consigliere Gianni Codovini presentano la proposta sul Regolamento sull’uso dei fitofarmaci nelle aree agricole e urbane.  «Abbiamo depositato il Regolamento sui fitofarmaci non solo perché la questione non è per niente disciplinata, ferma com’è ad un regolamento degli anni Cinquanta e ad una modifica nel 2008, ma soprattutto perché ci preme la salute e la vita dei cittadini. Per chi difende come noi l’agricoltura sostenibile e integrata, la salute ambientale e la difesa della qualità dei prodotti nella nostra terra diventa imprescindibile il rispetto rigoroso delle norme sull’uso dei fitofarmaci, senza per questo demonizzarli.». Secondo Alessio Tardocchi, «il Regolamento sui fitofarmaci è essenziale anche per le politiche territoriali. Infatti non possiamo avere in Alto Tevere zone che sono disciplinate e altre no. Si tratta di una politica territoriale condivisa, sapendo la specificità delle colture del nostro territorio. Non possono esserci zone di serie A e B: la tutela della salute è uguale per tutti. Per tale motivo, ci siamo ispirati nella nostra proposta al recente Regolamento del Comune di Città di Castello proprio per avere una visione unitaria e, soprattutto, sostenibile». Gianni Codovini conclude la presentazione del Regolamento ricordando che «parallelamente chiederò come Consigliere alle istituzioni preposte, compresa la nostra Amministrazione, il controllo della presenza di glifosato e del suo metabolita AMPA (acido aminometilfosfonico) nelle acque superficiali della nostra zona. Il monitoraggio, per almeno un anno intero, ci consentirà di fare un punto scientifico e oggettivo sul nostro ambiente. La tutela della salute vale più di ogni altra questione».  

22/07/2019 12:47:24 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide, maggiori benefici ai cittadini dall’accorpamento della postazione CUP nella hall dell’ospedale

Umbertide (Pg), 19 luglio 2019 – A partire da lunedì 5 agosto, in via sperimentale, la Usl Umbria 1 trasferirà la postazione Cup del Distretto di Largo Cimabue nella hall dell’ospedale, affiancandola a quella già esistente, permettendo l’apertura continuata dalle 7 alle 17,30 dal lunedì al venerdì. Presso largo Cimabue rimarrà comunque attivo un FarmaCup della Farmacia comunale 2, che garantirà prenotazioni e pagamenti del ticket, per l’intera giornata. La decisione è stata presa al fine di soddisfare il più possibile i bisogni dei cittadini, semplificando e velocizzando le modalità di prenotazione e pagamento dei ticket. In particolar modo, nella fascia dell’ora di pranzo, che fino ad ora non veniva coperta, sarà finalmente possibile usufruire di tutte le prestazioni fornite dal Cup. Grazie al trasferimento, infatti, sarà possibile avere presso l’ospedale, due postazioni attive con orario continuato no stop dalle 7 alle 17,30 dal lunedì al venerdì, ed anche il sabato mattina con un orario dalle 7 alle 12,30.  Ulteriori miglioramenti organizzativi saranno dati dall’apertura di una postazione Cup presso il laboratorio analisi, per facilitare gli utenti che si recano digiuni per il prelievo, ogni giorno dalle ore 7 alle 8,30. È prevista inoltre l’apertura di uno sportello dedicato che faciliti il ritiro dei referti istologici e della documentazione sanitaria. È opportuno ribadire che in prossimità della sede distrettuale del Centro di Salute di largo Cimabue rimane attiva una Farmacia comunale che effettua il servizio di FarmaCUP in cui sarà possibile continuare a prenotare le prestazioni erogate dalla Usl e pagare i ticket delle prestazioni prenotate, come anche presso gli sportelli FarmaCUP delle Farmacie Private e Comunali presenti in modo diffuso sututto il territorio comunale.  Il Centro di Salute ha avviato di recente una riorganizzazione dell’offerta assistenziale sia per l’assistenza primaria: apertura dell’ ambulatorio dell’Aggregazione Funzionale Territoriale (AFT) dei medici di medicina generale (tutti i giorni dalle 12 alle 16 ed il sabato mattina dalle 8 alle 14), con riorganizzazione degli spazi destinati all’assistenza infermieristica; che per l’assistenza specialistica: implementazione del percorso dell’assistenza protesica e per la tutela materno-infantile (implementazione dell’offerta, anche strumentale), prossima apertura di ambulatorio dermatologico.

19/07/2019 14:15:39 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura L'Oplas di Umbertide ed il Teatro dell'opera di Tunisi assieme in tour nei maggiori festival del nord Africa

Nel quadro delle attività di collaborazione interculturale iniziate nel 2018 con il Teatro dell’Opera di Tunisi, Luca Bruni e l’OPLAS / CENTRO REGIONALE DELLA DANZA UMBRIA continuano ad essere protagonisti della scena internazionale ospiti, nei prossimi giorni, di prestigiosi festival del nord africa: nel quadro del 55° Festival Internazionale di Hammamet, in Tunisia, sarà infatti messo in scena lunedì prossimo, 22 Luglio, lo spettacolo “Didone ed Enea”, fortemente acclamato dal pubblico sin dal suo debutto.  Il Festival di Hammamet è noto sulla scena mondiale per l’altissima qualità degli spettacoli presentati che generalmente costituiscono la punta di diamante del panorama artistico di ogni paese che qui si esibisce: basti ricordare il Ballet du XXeme Siecle di M.Bejart, che qui si esibì nel lontano 1965, e l’Aterballetto, la principale compagnia italiana.  Lo spettacolo “Didone ed Enea”, debuttato in anteprima a New York nell’ambito della piattaforma della danza italiana IDACO, ha visto il suo debutto ufficiale nella grande sala del Teatro dell’Opera di Tunisi lo scorso dicembre, dove è anche stato replicato più volte e in particolari occasioni come la Conferenza pan-Africana del marzo scorso. Inizialmente sostenuto dall’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi, ha per tema il dialogo fra i popoli del Mediterraneo: trae spunto dall’opera originale di  Purcell ma poi rivisitato in chiave contemporanea ( così come la musica per l’occasione composta da Marco Schiavoni ), dove i personaggi principali - Didone ed Enea - riassumono il dramma di popoli vicini per tradizioni e continuità geografica ma poi divisi, stando alla narrazione classica, da un destino avverso. Lo spettacolo, con più di 20 danzatori in scena, risulta di forte impatto visuale, dove le coreografie di Luca Bruni padroneggiano a pari passo con i meravigliosi costumi e le scenografie mobili di Mario Ferrari, nonché un disegno luci di grande suggestione. Luca Bruni e l’OPLAS continuano così a raccogliere traguardi artistici meritatissimi, vera eccellenza umbra nel campo dell’arte coreutica che dopo ben 26 anni di esistenza non cessa di sorprendere e di emozionare il pubblico nostrano ed internazionale.  Ma l’avventura in terra maghrebina non finisce qui: pochi giorni dopo Hammamet l’OPLAS sarà protagonista assieme all’Orchestra Sinfonica di Tunisi nello straordinario palcoscenico del Teatro romano di El Jem, questa volta ospiti del 34° Festival Internazionale di Musica Sinfonica di El Jem, ed il giorno seguente nel sito archeologico di Oudna. In queste due occasioni saranno i danzatori dell’OPLAS ( Mario Ferrari, co-direttore della compagnia, Michele Umberto Fuso, Benedetta Minelli, Jessica Regni ) che assieme allo stesso Luca Bruni prenderanno parte assieme ad altri cinque danzatori del Teatro dell’Opera di Tunisi alla messa in scena dell’opera originale di Purcell “Didone ed Enea”, con le musiche e i cori eseguiti dal vivo dall’orchestra tunisina: così facendo, dopo appena dodici mesi l’OPLAS salirà di nuovo su questo magico palcoscenico ( lo scorso anno fu con l’Orchestra della Scala di Milano ), suggellando una volta ancora la straordinaria collaborazione artistica fra l’Italia e la Tunisia: un’amicizia artistica di grande valore considerando che la Tunisia vanta da sempre un grande back-ground culturale, non a caso lo dimostrano i numerosi teatri - sempre affollatissimi - che animano Tunisi ed il paese intero, frutto anche di collaborazioni internazionali che da più di un secolo hanno condotto in questa terra i nomi più eccellenti dello spettacolo dal vivo. Le attività coreutiche dell’OPLAS riceveno da decenni il riconoscimento ed il sostegno della Regione Umbria.  

19/07/2019 12:59:19 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Pd Umbertide: sulla vicenda CUP una risposta piena di bugie

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma del Pd Umbertide relativo alla chiusura del CUP    "Carizia & Co. non sanno di cosa parlano, come al solito. Si cerca di prendere in giro di nuovo gli Umbertidesi. Il punto prenotazioni presso la Farmacia Comunale, alias FarmaCup, è già presente da tempo. Una bugia dire che verrà istituito, è già lì ma in una versione ridotta. Occorrerà quindi che il Comune provveda all'assunzione di un operatore a tempo pieno per coprire gli orari di apertura e surrogare il servizio svolto oggi dal Centro Salute. Le preoccupazioni che noi avevamo sollevato non erano semplici polemiche sterili, come ad esempio quelle esibite da un consigliere leghista all'ultimo Consiglio e che fanno parte del vademecum di questa amministrazione. Si cercava semplicemente di invitare la Giunta a esercitare il proprio ruolo nelle sedi opportune e fare in modo che la Asl lasciasse al Centro Salute il servizio del CUP, come fatto finora. Ma questa amministrazione non è in grado di interloquire con nessuno, non è interessata ai problemi comuni dei cittadini e soprattutto non sa di cosa parla. Alla fine il Comune spenderà più soldi per avere un servizio peggiore, il Centro Salute sarà impoverito di un servizio e i cittadini avranno più difficoltà ad accedere agli spazi per il loro diritto alla cura." Segreteria PD Umbertide    

19/07/2019 12:49:02 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide Partecipa sulla Tari: “il Comune avrebbe dovuto ridefinire nuovi criteri tariffari e non solo applicare una sentenza”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma dell'Associazione Umbertide Partecipa sul caso Tari di Umbertide   “Il Presidente CIA (Confederazione Italiana Agricoltori) Umbria, Matteo Bartolini ha buone ragioni per esultare vista l’importante vittoria che ha ottenuto ad Umbertide "costringendo" il comune ad applicare la sentenza n. 1162 del 19 febbraio u.s. Noi lo facciamo con lui  perché tutto ciò che aiuta imprese del territorio, incentivando presenze e turismo è positivo. Ora però il comune deve dire ai cittadini chi si farà’ carico di compensare queste minori entrate: le famiglie?? Le altre imprese ??? Infatti per come funziona la tari, tutti i costi devono essere coperti dai ricavi e quindi se si taglia da una parte qualcun altro dovrà farsi carico della differenza. E le altre attività??? Aspettiamo un’altra sentenza?  Così è la magistratura  che detta  le regole della politica economica e sociale del Comune e non la Giunta e/o il consiglio. Il Comune deve assicurare omogeneità di trattamenti e quindi avrebbe dovuto ridefinire, di concerto con i cittadini e le varie Associazioni (OO.SS. di categoria e consumatori) nuovi criteri tariffari la cui applicazione è necessaria per eliminare le distorsioni che l’attuale categorizzazione ministeriale produce.  Questo è ciò che una giunta con lungimiranza politica avrebbe dovuto fare, non limitandosi quindi alla applicazione di una sentenza, ma cogliendo l’occasione  per una rivisitazione generale dell’imposta. Ma evidentemente non era questo il vero obiettivo ma semplicemente quello di uscire un po’ sulla stampa con una operazione di facciata. Riteniamo quindi che sia doveroso da parte dei consiglieri di opposizione  e delle associazioni di categoria  farsi carico di una proposta progettuale che porti ad una più equa distribuzione della tari.”  

18/07/2019 12:40:39 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy