Sport L'umbertidese Becchetti combatte per il Campionato del Mondo

Il primo dicembre c'è chi fa l'albero e chi sogna di diventare Campione del Mondo.Questa mattina (lunedì) alle 7.00 ora italiana, Nicola Bacchetti sarà uno dei 44 protagonisti dei Campionati del Mondo di Kazakh Kures, una variante orientale del judo.  Nicola rappresenterà l'Italia nella Capitale mondiale del Kazakh Kures, il Bulan Sholak di Almaty, la città più popolosa del Kazakistan. Tra poche ore, in una cornice da finale di Champions League, ci sarà il sorteggio e poi tra meno di ventiquattro i primi scontri diretti.  "Nicola - spiega il tecnico del Kdk Fratta Mirco Diarena - è uno dei più giovani partecipanti al Mondiale. Sarà dura per due motivi. Perché è al rientro alle gare internazionali dopo 8 mesi e perché è la prima volta che si cimenta in questo tipo di competizione. Becchetti comunque in questo periodo si è allenato con costanza per due volte al giorno e abbiamo studiato una tattica kamikaze incentrata sul ritmo. I suoi avversari saranno sicuramente più tattici ed esperti noi cercheremo di sfiancarli per piazzare il colpo del K.o. prima di metà incontro.  A questa competizione accedono i più forti over 90kg delle varie discipline di lotta di tutto il mondo. Il Campione Olimpico di judo Lukas Krpalec nell'edizione a cui ha preso parte si è classificato solo settimo e questo la dice lunga sul livello stratosferico della competizione". Ancora una volta il Kodokan Fratta porta in alto lo sport umbro, a decidere quanto saranno i muscoli di Nicola Becchetti, cuore compreso. 

02/12/2019 09:53:15 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Approvato dal Consiglio Comunale il regolamento sul Controllo di Vicinato

Nel corso del Consiglio comunale del 28 novembre è stato approvato il regolamento sul Controllo di Vicinato che rappresenta un importante strumento per la sicurezza urbana del Comune nell’ottica della massima collaborazione di tutti i cittadini e delle Forze di Polizia.   Il Controllo di Vicinato infatti, riconosce il ruolo dei cittadini nell’ambito della sicurezza valorizzandone la figura di segnalatore qualificato e conoscitore del proprio quartiere. La presenza sul territorio e la familiarità dei propri vicini rappresenta una fonte di informazione preziosa per comprendere i movimenti nel quartiere e individuare i fattori di illegalità. Il sindaco Luca Carizia, aveva immediatamente creduto nell’importanza del controllo di vicinato tanto da rappresentare il primo protocollo ufficiale sottoscritto con il Prefetto di Perugia. Successivamente con l’insediamento della Giunta, l’assessore alla Polizia Locale Francesco Cenciarini fin da subito ha avviato le complesse procedure per l’attivazione di questo nuovo strumento diretto al miglioramento della sicurezza urbana.   Sono stati infatti individuati i Consigli di Quartiere quale ambito territoriale omogeneo attraverso i quali sviluppare una rete di collegamento tra cittadini in grado di collaborare tra loro e segnalare eventuali fattori di insicurezza. Il sistema del Controllo di Vicinato sviluppato dal Comune di Umbertide si articola attraverso un regolamento che ne disciplina gli aspetti generali attraverso un “Progetto di Vicinato” che stabilisce la disciplina specifica dei gruppi di vicinato e definisce i ruoli dei partecipanti. Estremamente chiaro è di conseguenza il compito dei cittadini: ad essi spetta infatti il ruolo di osservatori della presenza di persone, di veicoli e delle situazioni di degrado e successivamente agli stessi spetta di riferire all’interno del gruppo di vicinato e ai coordinatori che si interfacceranno con il Comune e la Polizia Locale. Tale forma di controllo non sostituisce infatti né la denuncia di reato alle Forze di Polizia né costituisce uno strumento di intervento attivo aggiuntivo a quello delle Autorità preposte alla sicurezza ma consente ai cittadini di collaborare in “rete” con i propri vicini per garantire la sicurezza e il decoro del quartiere e segnalare le situazioni di irregolarità e degrado.   L’assessore Francesco Cenciarini evidenzia come la peculiarità delle informazioni fornite dai diretti interessati alla vivibilità dei quartieri rappresenti uno strumento importantissimo per la sicurezza della città e per la tutela del territorio che permetterà inoltre di generare una rete di rapporti tra i vari abitanti del vicinato fornendo altresì informazioni utilissime per le Forze di Polizia. Estrema soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco Luca Carizia che ha visto come il collegamento tra i cittadini, realizzato attraverso le piattaforme informatiche, rappresenti un intelligente impiego delle nuove tecnologie al servizio della sicurezza urbana e del contrasto al degrado urbano.      

02/12/2019 09:40:55 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Umbertide Cambia: voto contrario sul documento programmatico della giunta

Riceviamo e e pubblichiamo la nota stampa a firma di Umbertide Cambia dopo l’ultimo consiglio comunale   «Anche l’ultimo consiglio del 28 novembre ha certificato la situazione politica: la nostra è un’opposizione progettuale, vale a dire che proponiamo i nostri progetti integrandoli con quelli di chi governa. Tutto ciò senza pregiudiziali, per permettere alla città un salto di qualità. Ciò è avvenuto nell’ultimo Consiglio per l’accoglimento del progetto sul recupero e smaltimento degli oli esausti alimentari o per il sostegno al controllo di vicinato. Tuttavia, i consiglieri di maggioranza e la Giunta hanno alzato, come sempre, un muro di silenzio sulle questioni strategiche: ossia sul Documento unico di programmazione 2010-22 (Dup) e sulle aziende partecipate (Prosperius e Multiservice). Dove c’è  da prendere decisioni importanti la risposta è il silenzio, l’immobilismo e l’incompetenza».  Con queste parole il capogruppo di Umbertide cambia, Gianni Codovini, sintetizza politicamente un passaggio fondamentale dell’amministrazione e aggiunge che «nel DUP, vera carta di identità della Giunta, mancano totalmente le scelte sulla politiche produttive, industriali, occupazionali, sociali e della famiglia. L’ambiente e la salvaguardia del suolo è un tema completamente abbandonato: nemmeno un euro di investimento. Poi, senza politica territoriale, si affonda ancor più Umbertide nell’isolamento in cui già è; l’unica cosa fatta dalla Giunta è mettere le mani in tasca ai cittadini con l’aumento dell’addizionale Irpef, i cui proventi non si è capito dove sono stati investiti. Perché investimenti nel DUP proprio non se ne vedono».  Ma ormai quello «che è palese - conclude il capogruppo Codovini di Umbertide cambia -è la totale mancanza di idee e progetti da parte dei consiglieri della maggioranza e della Giunta, che peraltro non rappresenta più, per le loro beghe interne, quella uscita dalle elezioni. Non un intervento dei consiglieri, non una proposta, manco un elementare scambio di opinioni. I consigli e le commissioni sono diventati monologhi delle opposizioni, le uniche in grado di proporre e di avere idee. Se non ci fosse una solida struttura amministrativa degli uffici comunali, fatta di importanti risorse umane e di competenza, la macchina amministrativa, per l’impalpabilità e l’inadeguatezza di questa maggioranza di destra, sarebbe già bloccata. Difficile durare altri anni in questa condizioni: Umbertide rischia il declino.».

01/12/2019 13:32:38 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Movimento 5 Stelle Umbertide “inattività ed immobilismo dell'amministrazione comunale”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma Movimento 5 Stelle Umbertide   "Il documento unico di programmazione 2020-2022 del comune di Umbertide è sintomatico della inattività e dell’immobilismo della nostra amministrazione comunale, tutta tesa ad attività di propaganda delle vuote iniziative della Giunta, ma priva di contenuti programmatici e di una visione futura del paese. Le attività relative alla sicurezza si sono limitate all’armamento del corpo della polizia locale e dopo un anno e mezzo di governo, alla elaborazione del regolamento sul “controllo di vicinato”. Sulla attività urbanistica niente assoluto se non promesse di attuazione del PRG (che risale al 1950), di terminare i lavori del palazzo comunale (dopo un anno e mezzo di governo) Per verde e viabilità solo promesse e proclami senza alcuna visione organica o programmatica. Per i lavori pubblici : scuola materna Monini, si parla di avviare le procedure di gara, ferme a zero se non per l’avvio della gara per la progettazione, progettazione e non esecuzione,per di più  senza alcuna soluzione o prospettiva per l’asilo nido, che verrà si demolito, ma senza aver la minima contezza della ricostruzione. Per il plesso di Niccone niente, tutto rinviato al 2020, forse. Per il patrimonio pubblico, Piattaforma e PUC (ex tabacchi), poche idee in compenso molto confuse. Per la Sanità si chiede di intervenire per l’ammodernamento delle strutture, non si sa a chi con quali costi e come, dimenticando che la notte, in tutto  l’ospedale, (Prosperius, Pronto Soccorso e Reparti) ci sono solo due medici di guardia ! Per il sociale, sembra che nel DUP ci siano solo iniziative di propaganda, la serra disabili, la città cardioprotetta, tutte iniziative che rimandano ad una bella inaugurazione con tanto di taglio di nastro, senza alcun cenno alle attività vere, quelle di quotidiana assistenza ai soggetti disagiati, alle tossicodipendenze, alle ludopatie, tutti lavori oscuri senza taglio di nastri. Per Sport cultura e turismo un accenno a 150.000 euro per il palazzetto (ma solo nel 2022), un cenno alla fratta dell’800, senza alcun riferimento alle coperture finanziarie, per il turismo tante aspettative senza pensare minimamente che un comune di 16.000 abitanti ha un solo albergo e nessuna area di sosta camper degna di questo nome. Per l’ambiente ai attende l’esito della gara d’ambito indetta dall’AURI disconoscendo che la gara è stata annullata con sentenza del TAR di Perugia n. 518/2019 del 21/10/2019 Per l’equità fiscale e sociale, i tributi, interverremo sul recupero dei tributi non riscossi, ma la gara non è partita, una sola commissione ne ha parlato due mesi fa, poi più niente. Per lo sviluppo economico e l’agricoltura solo enunciazioni di principio e per la Partecipazione e la trasparenza tante lodi, ma ad oggi non possiamo mettere una pagina sul sito web a garanzia della comunicazione delle opposizioni, Un giudizio complessivo estremamente negativo sul DUP, determinato dall’assoluto immobilismo di questa amministrazione che per incapacità, ignavia o ignoranza dipinge un quadro estremamente preoccupante, perche privo di visione futura, della Umbertide del prossimo decennio….. perfettamente in linea con le precedenti amministrazioni".   

29/11/2019 14:49:37 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Nuova vittoria piena per il Volley Umbertide: Monini Green Spoleto superata con un netto 3 a 0

Nel turno casalingo della sesta giornata del girone di andata, le ragazze guidate da Maddalena Rosi mantengono sempre alta la concentrazione e grazie al risultato confermano il terzo posto in classifica Umbertide – Per mantenere il contatto con le prime della classe, serviva la conferma di quanto le biancorosse umbertidesi avevano dimostrato nel corso dell’ultimo impegno. Convinzione nei propri mezzi, che in campo si trasforma nel mettere in pratica qualità individuali e di squadra. Per la classifica serviva in ogni caso un risultato pieno, cosa questa che di solito arriva nei match nei quali scendono in campo quelle componenti. E c’era poi la necessità di mantenere alta la concentrazione nella sfida contro una formazione “green”, che certo non ha dalla sua l’esperienza, ma il cui entusiasmo può essere un brutto cliente.   In campo anche per la solidarietà Il Volley Umbertide aveva raccolto in pieno l’invito del comitato regionale a “schiacciare” contro la violenza sulle donne per dimostrare come lo sport sia per definizione messaggio di pace e condivisione di valori. Prima della partita a tutte le atlete, ad allenatori e dirigenti, agli ufficiali di gara, ma anche al pubblico presente sono stati distribuiti nastrini rossi. Le atlete ne hanno fatto uso come fermacapelli, dando un tocco di particolarità in più alla manifestazione. Come dire che le donne non si toccano nemmeno con un capello ... a partire dai capelli. Un gesto apparentemente “piccolo”, ma di grande significato e importanza per ricordare come la non violenza e il contrasto a quella fisica, verbale o di altro genere, siano una cosa da vivere nel quotidiano come faro guida dell’esistenza di tutti. Foto di rito, saluto e apertura delle “ostilità” in campo sotto il migliore degli auspici.   La partita La concentrazione delle padrone di casa è massima. Nonostante le spoletine difendano molto e si portino sull’1 – 3, l’attacco del Volley Umbertide macina gioco, soprattutto da zona 4 e in pochi minuti c’è l’aggancio e il sorpasso, firmato da due aces consecutivi di Bianconi (6 – 4). Da posto 4 si fa sentire Busti, che consente l’allungo del 9 – 5. Qualche sbavatura delle umbertidesi permette alle ospiti di non affondare nel punteggio, portandosi a – 2 (12 – 10). Coach Rosi chiede time out e alla ripartenza si rivede la squadra cinica dei primi scambi. Si va sul 17 – 11 e anche con il cambio della diagonale (Fiorucci in regia e Leveque in posto 2, rispettivamente per Ubaldi e Leonelli) il divario non cambia. Rientra in campo la diagonale titolare e il parziale è di Umbertide con un sostanzioso 25 – 17. La musica non cambia nella seconda frazione, che è in sostanza la fotocopia del primo. Anzi, la possibilità di agevole controllo del risultato, dà la possibilità di ampio turn over, sia quanto alla diagonale, sia in posto 4, ma anche nel reparto delle centrali. C’è spazio per la giovanissima Beacci al centro, ma anche per Palazzetti e Sarnari, che danno il loro contributo nell’ambito del set, peraltro aumentando il divario (25 – 14). Forse si torna in campo con il riposo domenicale già in mente, tanto che il punteggio, peraltro anche per merito delle ospiti, si mantiene in bilico per buona parte del terzo frangente. Si viaggia punto a punto fino al 13 pari, quando Leveque mette a segno un paio di attacchi che portano Umbertide sopra il break (16 – 13). Completano l’opera le attaccanti di palla bassa (22 – 16) e la chiusura e con un altro attacco potente di Bianconi, che cade a terra e consente la conquista del set (25 – 20) e del match.   Vittoria, classifica e lotta all’indifferenza Umbertide ha vinto e ha incamerato altri tre punti. Punti che consentono di mantenere la terza posizione a quota 13, a sole 3 lunghezze da Colleluna e da Narni, che nel prossimo turno saranno avversarie dirette. Una di loro perderà qualche punto, mentre le umbertidesi saranno ospiti di CLT Terni, dove cercheranno di rosicchiare qualcosa per avvicinarsi ancor più alla vetta della classifica. Un’impresa possibile, ma per la quale servirà mantenere ancora più alta la concentrazione e il livello di gioco visto negli ultimi due match. Oggi, però, vale la pena ricordarlo nuovamente, prima ancora della squadra che è risultata vittoriosa sul campo, ha vinto la solidarietà, hanno vinto la parola e il gesto contro l’indifferenza.   VOLLEY UMBERTIDE – MONINI GREEN SPOLETO   3 – 0 (25 – 18, 25 – 14, 25 – 20)   VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C) 3, Bianconi 13, Leonelli 10, Giorgi 2, Busti 7, Moretti 5, Sarnari, Palazzetti, Leveque 3, Fiorucci 1, Beacci 2, Girelli (L1), Giulietti (L2). Allenatore: Maddalena Rosi. Aiuto allenatore: Laura Burzacchi. (b.s. 10, b.v. 8, muri 3, errori totali 20)   MONINI GREEN SPOLETO: Iovieno 6, Pizzi 1, Radi 7, Loretoni 1, Capoccia 2, Mariano 6, Tizi 1, Cara, Gentileschi, Pazzogna (L1), Ponellini (L2). N.e: Moriconi, Cesaretti. Allenatore: Lorenzo Giannursini. Aiuto Allenatore: F. Fiocchi. Moriconi (b.s. 13, b.v. 4, muri 3, errori totali 32)     Arbitro: Paolo Pocceschi      

26/11/2019 19:38:13 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy