Notizie » Politica Umbertide, chiusa RSA e ridotta attività pronto soccorso. Pd: “Preoccupazione per i servizi sanitari”

“Causa Covid il pronto soccorso di Umbertide – dice il Pd - dopo le 20 non sarà più attivo”. Questo a seguito della positività al Covid-19 di alcuni operatori del reparto e quindi, a partire da ieri giovedì 15 ottobre, la struttura effettuerà un nuovo orario di apertura. Il pronto soccorso sarà aperto dalle 8 alle 20 mentre dalle 20 alle 8 resterà comunque attiva la postazione medicalizzata del 118 che garantirà tutte le prestazioni dovute, compreso l’eventuale trasferimento presso i presidi ospedalieri di riferimento. “Rimane alta la nostra attenzione e preoccupazione – si legge nella nota Pd - per i servizi sanitari, perché l’emergenza non può essere usata per depotenziare il nostro ospedale. Va preso atto che quando successe la stessa cosa a Città di Castello nel reparto di medicina lo scorso marzo medici di Umbertide andarono a lavorare nel nosocomio tifernate per garantire il servizio”. “Quello che ci lascia più perplessi – continua il Pd - è il fatto che anche l’RSA dell’ospedale umbertidese sia stata chiusa (nonostante non ci siano positivi al Covid) e il personale portato a lavorare a Città di Castello.  Avrebbe avuto maggior senso utilizzare le risorse professionali disponibili per garantire servizi efficienti ad Umbertide anziché spostarli altrove”. “Ora l'emergenza sanitaria implica rispetto cercando di evitare polemiche, ma vorremmo attenzione – conclude la nota -affinché il nostro ospedale non venga ulteriormente impoverito nei servizi. E la RSA rappresenta un servizio molto importante per le famiglie, gestito dagli operatori con grande professionalità e dedizione. Noi su questo vigileremo con forza e se anche l'Amministrazione volesse fare la sua parte sarebbe senz'altro utile”.                

16/10/2020 14:28:13 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello: nascondevano 20 grammi di cocaina in auto, arrestati

  Nella serata ieri i Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NORM della Compagnia di Città di Castello, collaborati da quelli dell’Aliquota Radiomobile, hanno segnato un colpo importante traendo in arresto due persone nella flagranza del reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.  Nell’ultimo periodo diverse erano le segnalazioni giunte ai Carabinieri su due uomini, verosimilmente stranieri, che continuavano a muoversi in maniera sospetta tra le frazioni a sud e quelle a nord di Città di Castello. Gli accertamenti avevano peraltro già consentito ai Militari dell’Aliquota Radiomobile di individuare i due, fermati pochissimi giorni fa a Coldipozzo a bordo di un’Alfa 147, ma i controlli in quel caso avevano dato esito negativo, non essendo stati rinvenuti stupefacenti nella loro disponibilità. I Carabinieri tuttavia, non hanno desistito, continuando pedinamenti ed osservazioni, sino alla serata di ieri quando gli investigatori dell’Aliquota Operativa, al termine di mirato servizio di osservazione, controllo e pedinamento, hanno deciso di intervenire fermando gli stessi giovani che a bordo stavolta di una VW Golf si muovevano nella frazione Cerbara. I due fermati, un 25enne ed un 31enne di nazionalità albanese, anagraficamente residenti in un area a cavallo tra le province di Firenze e Pisa, hanno ostentato la solita sicurezza, forti del loro “curriculum criminale” sostanzialmente illibato non essendo mai stati colpiti da provvedimenti inerenti gli stupefacenti. La perquisizione veicolare però ha consentito di rinvenire in un vano nascosto tra la tappezziera dell’auto, 11 dosi di stupefacente del tipo cocaina per un peso totale di oltre 20 grammi. Nelle tasche dei due fermati peraltro, una cifra contante importante di ben oltre un migliaio di euro, verosimilmente provento dell’attività di spaccio. Per i due giovani sono quindi scattate immediatamente le manette, il sequestro dello stupefacente, del denaro contante, ma anche del telefono cellulare presumibilmente utilizzato per tenere i conttati con gli acquirenti. Al termine della serata, i due arrestati sono stati due associati al carcere di Perugia, a disposizione dei Magistrati della Procura perugina. Su loro pende un’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, che potrebbe prevedere fino a quattro anni di reclusione.  

16/10/2020 10:05:46 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura La Settimana dell’Ambiente al Cinema Metropolis di Umbertide

  Il Cinema Metropolis è tornato ad essere operativo dal 10 settembre in assoluta sicurezza (mediante riduzione dei posti in sala, prenotazione dei posti e tutte le accortezze che questi tempi richiedono). Da poco è terminato il Festival Cinemambiente di Torino con il quale negli anni passati abbiamo collaborato. Questa settimana vi proponiamo quindi due film a tema ambientale: l'italianissmo TRASH, con il cinema d'animazione che torna prepotentemente in sala con una storia divertente e che fa riflettere; il bellissimo documentario GENESIS 2.0 che proietteremo per tutta la settimana in SALA ROMETTI, da non perdere se avete amato l'altrettanto bello ANTROPOCENE. Per questi e per tutti i film del Metropolis è attiva la promozione "Schermi tutti" valida per gli studenti delle superiori dell'Umbria in collaborazione con ANEC. Per gli altri, biglietto ridotto fino a 14 anni.   GENESIS 2.0 DI CHRISTIAN FREI, MAXIM ARBUGAEV DA GIOVEDÌ 15 OTTOBRE DOCUMENTARIO / DURATA 113 MIN / SVIZZERA, 2020 TRENT Un film sui segreti e i misteri della natura e un fondamentale sguardo sulla creazione e il ruolo dell’uomo in essa. I paesaggi primordiali, la colonna sonora maestosa di Max Richter che ricorda il Michael Nyman di Lezioni di piano (visto dagli uomini in tenda), la lotta titanica dell’infinitamente piccolo uomo per sopravvivere in terre comparse sulle carte geografiche solo tre secoli fa, gli echi di leggende arcaiche sulla malasorte che perseguita chi fa strazio di animali una volta considerati sacri (un antico poema ricorre in tutto il film, come promemoria della presunzione dei terrestri) non sempre si armonizzano con le incursioni in ambiti scientifici. Giovedì 15 ore 21:15 Venerdì 16 ore 21:15 Sabato 17 ore 18:30 - 21:15 Domenica 18 ore 18:30 - 21:15 Lunedì 19 ore 21:15 Martedì 20 ore 21:15 Mercoledì 21 ore 21:15   TRASH - LA LEGGENDA DELLA PIRAMIDE MAGICA DI LUCA DELLA GROTTA DA GIOVEDÌ 15 OTTOBRE ANIMAZIONE / DURATA 87 MIN / ITALIA - NOTORIUS Tornano i film di animazione al Metropolis! “Trash” affronta il tema attuale del riciclo dei rifiuti e di come tutti noi possiamo fare la differenza. Scatole, bottiglie, latte. Rifiuti. Abbandonati. Inerti. Finché non cala la notte… Slim è una scatola di cartone rovinata. Vive in un mercato, con il suo amico Bubbles – una bottiglia da bibita gassata – e altri compagni. Sopravvive nascondendosi dai Risucchiatori, macchine aspiratutto addette alla pulizia... Giovedì 15 ore 17:00 Venerdì 16 ore 17:00 Sabato 17 ore 17:00 Domenica 18 ore 17:00        

14/10/2020 15:43:54 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Il PD Umbertide continua la sua battaglia: “quale futuro per l'asilo nido comunale?”

“Ad oggi, e dopo varie interpellanze promosse dal PD a questa Amministrazione, non abbiamo ancora risposte certe”. Inizia così la nota stampa in riferimento all’asilo nido comunale da parte del Partito democratico, il quale mette subito in chiara che “ci rammarica è pensare che dove non esistono risposte certe esiste purtroppo, il più delle volte, la totale mancanza di una visione politica adeguata alle necessità del territorio”. “Proviamo dunque di seguito a ricordare alcune norme che regolamentano il servizio Asilo Nido ai fini di sensibilizzare una visione che tarda ad arrivare. Il Decreto Legislativo 13 Aprile 2017/n.65 emana nell’Articolo 1 il seguente principio: alle bambine e i bambini, dalla nascita ai 6 anni, per sviluppare potenzialità di relazione, autonomia, creatività e apprendimento, in un adeguato contesto affettivo, ludico e cognitivo, sono garantite pari opportunità di educazione e di istruzione, di cura di relazione e di gioco, superando diseguaglianze e barriere territoriali, economiche, etniche e culturali.” “Tale attenzione – commentano dal PD - è perfettamente in linea con quanto espresso dalla Convenzione ONU sui Diritti del fanciullo del 20 Novembre 1989 e con quanto richiesto ai paesi membri”. “Anche l’Unione Europea dal suo canto affronta oramai da diversi anni un grande e sempre più crescente interesse nei confronti dei servizi di educazione e cura dei bambini da 0 a 6 anni. Tali servizi – si legge ancora nella nota stampa - vengono comunemente chiamati ECEC (Educazione e cura della prima infanzia) e in questi ultimi anni si sta dando molta attenzione al tema della loro qualità e accessibilità sensibilizzando la costruzione di sistemi educativi più efficaci e più equi”. “Detto ciò – si conclude - ci chiediamo e chiediamo a questa Amministrazione quanto ancora dobbiamo aspettare per far sì che un servizio come l'asilo nido venga preso in debita considerazione? Continueremo a insistere su questo argomento perché il servizio comunale asilo nido non libera solo i diritti del bambino ma anche di tutto il contesto a cui esso stesso appartiene”.                  

14/10/2020 15:33:56 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy