Attualità » Primo piano Alla Farmacia Comunale 2 la campagna di prevenzione del melanoma 'E allora spogliati' lanciata dall'Aucc

Toccherà anche Umbertide la campagna di prevenzione del melanoma denominata “E allora spogliati” lanciata dall'Associazione Umbra per la lotta contro il Cancro onlus. La prima giornata di prevenzione si svolgerà all'interno della Farmacia Comunale 2, il giorno venerdì 15 novembre dalle ore 9.00 alle ore 17.00. Il melanoma è un tumore cutaneo maligno che in Italia colpisce, ogni anno, circa 11.300 persone. L’Associazione Umbra per la lotta Contro il Cancro onlus lancia la campagna di prevenzione del melanoma intitolata “E allora spogliati”. Un invito a monitorare la propria pelle la pelle e a consultare periodicamente il dermatologo. Il progetto è sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia e gode del patrocinio di Usl Umbria 1, dei Comuni di Umbertide, Lisciano Niccone, Pietralunga, Montone e di Avis Umbertide. La campagna si svolgerà tra novembre e dicembre nei comuni di Umbertide, Montone, Pietralunga, Lisciano Niccone. Obiettivo principale è sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione e sollecitare la popolazione a una maggiore attenzione ai fattori di rischio sottoponendosi a visite specialistiche. Oltre alla diffusione di informazioni l’Aucc onlus metterà a disposizione della popolazione medici dermatologi che offriranno visite e mappature dei nei gratuite. Si inizierà venerdì 15 novembre ad Umbertide e sabato 16 novembre a Pietralunga. Per proseguire il 29 e 30 novembre e altre quattro date a dicembre. Le visite gratuite sono rivolte a persone che non hanno mai effettuato una visita dermatologica o che non effettuano un controllo da almeno 4 anni. Per prenotare la visita è necessario telefonare al 3203613701. Il melanoma è il terzo tipo di cancro più comune nella popolazione under 50, tra i quali rappresenta l’8-10% del totale in entrambi i sessi, nel 13% dei casi la malattia viene scoperta quando è già in uno stadio avanzato e sono presenti metastasi. È uno dei tumori a maggiore crescita nelle società occidentali: e negli ultimi anni in Italia le diagnosi di questa patologia sono addirittura raddoppiate. Le motivazioni di questo trend d’incidenza in aumento non sono ancora ben note. Cambiamenti dello stile di vita, ragioni ambientali e fattori correlati alle alla familiarità e caratteristiche specifiche dell’individuo (fototipo, numero di nevi, storia di pregresse ustioni solari, ecc), sembrano i principali responsabili dell'aumentata incidenza. È il più temuto tra i tumori della pelle perché ha un’evoluzione aggressiva e un’elevata mortalità. La prognosi dei pazienti con melanoma cutaneo è correlata allo stadio della malattia al momento della diagnosi. Il melanoma in uno stadio avanzato non risponde, infatti, alle terapie convenzionali pertanto le prognosi sono spesso infauste. La prevenzione primaria e secondaria (la diagnosi precoce) rappresentano le uniche strategie efficaci nella lotta al melanoma. L’identificazione di soggetti a rischio di sviluppare una malattia spesso fatale è estremamente importante. È, infatti, possibile ridurre l’incidenza di malattia, mettendo in atto una vera prevenzione primaria, raccomandando ai soggetti a rischio, geneticamente suscettibili al melanoma, di limitare o evitare fattori di rischio esterni e comportamentali che possono aumentare la penetranza della mutazione genetica. A differenza di altri tipi di cancro, questo può essere spesso visto sulla pelle, rendendo più facile rilevarlo nelle sue fasi iniziali. Se lasciato inosservato, però, il melanoma può diffondersi in siti distanti o organi distanti.

13/11/2019 16:34:01 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Il Volley Umbertide cede al tie break contro Narni

Dopo aver conquistato il primo parziale e dopo lo svantaggio nel conto dei set, le biancorosse capitolano alla prima della classe  Le possibilità di fare il colpo grosso c’erano. Vale a dire di agganciare Narni a quota 9 punti e rimpolpare la classifica in modo consistente. D’altro canto le sensazioni scaturite dall’ultimo match erano quelle giuste. E con il rientro di Moretti tra le attaccanti di palla bassa, la cosa era certo alla portata della squadra di Maddalena Rosi. Il folto pubblico a spingere la squadra avrebbe sperato che si potesse dare seguito alle partenze brucianti alle quali le umbertidesi hanno abituato in questo scorcio di campionato. Ma il campo ha detto no, con Narni ad aggiudicarsi il match al gioco decisivo.   Eccellente avvio, ma qualcosa si perde per strada Il primo set non merita nemmeno la cronaca. Una racconto che, per chi non avesse visto la partita, potrebbe sembrare troppo di parte. Però è stato così: le umbertidesi hanno annichilito le avversarie, sfoderando gioco a tratti spumeggiante e senza fronzoli quando è servito. Tutto ha funzionato alla perfezione e il punteggio è stato di quelli che non ammettono chiavi di lettura diverse: 25 – 12. Ottima partenza anche nel secondo set, anche se un leggero calo c’era da aspettarselo. L’attacco delle padrone di casa è meno efficiente, soprattutto da zona 4. Ma il resto continua a girare a mille e consente di controllare il punteggio. Si arriva sul 21 – 16, quando inaspettatamente i meccanismi si sono come bloccati dalla parte di Umbertide. Le narnesi impattano e nonostante spediscano fuori dai nove metri sul 23 – 24, beneficiano dello stesso errore delle avversarie e riescono a chiudere il parziale a loro favore alla prima occasione utile successiva.   Ripartenza con affanno, tie break fatale Al rientro in campo Umbertide sembra un’altra squadra. Ma soprattutto le ragazze di coach Rosi non riescono a scrollarsi di dosso l’occasione persa nel parziale precedente. Le ospiti allungano subito sullo 0 – 4 e il tecnico di casa ferma il gioco. Ma non basta, perché le sue atlete non riusciranno a recuperare, dando una grossa mano alla squadra di Lalleroni, che pur non limitandosi a fare il cosiddetto minimo sindacale, può controllare agevolmente e fare suo il frangente (20 – 25). A quel punto sarebbe servita una reazione d’orgoglio, ma anche una sferzata. L’orgoglio lo mette in campo l’opposto di casa Alessandra Leonelli, mai doma e autrice di una prestazione maiuscola in tutte le situazioni di gioco (con ben 32 centri all’attivo, dei quali 8 aces e 2 muri punto). La sferzata è il cambio in posto 4, con l’ingresso in campo della schiacciatrice Chiara Sarnari, che attacca senza timore e insieme alla ritrovata sicurezza del reparto delle centrali, consente ad Umbertide di spuntarla ai vantaggi (26 – 24). Al gioco decisivo Narni riesce ad allungare subito portandosi sull’1 – 4. Recupera qualcosa Umbertide (5 – 7), ma si va al cambio di campo con un nuovo + 3 delle ospiti (5 – 8). La partita, che forse era già finita con il secondo set ceduto in modo quasi incredibile, finisce definitivamente lì. Il Volley Umbertide non riesce a reagire e Narni si aggiudica il set (9 – 15) ed il match.   Classifica ancora corta, ma ... La classifica è ancora corta, con Narni a 11 lunghezze e Umbertide al quarto posto con 7. Ma in un campionato nel quale nella seconda fase le squadre si “mischieranno” con quelle dell’altro girone e porteranno in dote i punti accumulati nella prima, ogni punto è prezioso. Anche perché chi ha ambizioni di arrivare in alto, se dovesse non approdare al primo posto e guadagnare la promozione diretta, classificandosi alla fine al secondo o al terzo posto del rispettivo girone, sarebbe costretto a disputare un complicato playoff  con semifinale e finale. E se si dovesse arrivare a gara 3 della finale, quella partita si disputerebbe il 13 giugno, cioè quando già in molti sarebbero sotto gli ombrelloni di lidi più o meno famosi. Quindi meglio prepararsi prima, tentando di accumulare il maggior numero di punti possibili, ma soprattutto non gettare alle ortiche le occasioni.   VOLLEY UMBERTIDE – SCALO 82 NARNI   2 – 3   (25-12, 24-26, 20-25, 26-24, 9-15)   VOLLEY UMBERTIDE: Ubaldi (C) 7, Bianconi 7, Leonelli 32, Giorgi 9, Busti 5, Beacci 7, Sarnari 4, Palazzetti, Fiorucci, Girelli (L1), Giulietti (L2). N.e.: Leveque, Beacci. Allenatore: Maddalena Rosi. Aiuto Allenatore: Laura Burzacchi. (b.s. 13, b.v. 9, muri 6, errori totali 30)   SCALO 82 NARNI: Camilli 22, Pettini 13, Eresia 11, Rocchetti 5, Novelli 1, Rossi 5, Pioli 2. N.e.: Arbuatti, Silveri, Cesaroni, Ferrante. Allenatore: Nicola Lalleroni. (b.s. 13, b.v. 9, muri 5, errori totali 33)   Arbitro: Paolo Pocceschi    

12/11/2019 19:04:13 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Libriamoci: gli alunni della Di Vittorio promuovono estemporanee di lettura per Umbertide: tappe alla Prosperius, Residenza Balducci e all’asilo nido 'Il ranocchio”

L’importanza della lettura come strumento di crescita personale e di conoscenza di sé, ma non solo. I libri, infatti, regalano benessere, sono terapeutici. Le “cure narrative” sono fatte di parole che circolano, guariscono, coccolano, nutrono, accarezzano la mente di chi ascolta. Si tratta di cure che prendono forma e sostanza all’interno della relazione lettore/ascoltatore. Così, in occasione di “Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole”, iniziativa del Centro per il libro e la lettura prevista dall’11 al 16 novembre 2019, gli alunni delle classi seconde della scuola Primaria “G. Di Vittorio” promuoveranno “Ti racconto una storia”, momenti di lettura in giro per le vie della città interrompendo le frenetiche attività di tutti i giorni, in particolar modo allietando i pazienti dell’Istituto Prosperius, gli ospiti della Residenza Protetta “Giannino Balducci e i piccoli bimbi dell’asilo nido “Il Ranocchio”. Sarà una settimana dedicata alla scoperta del piacere che si prova a prendere in mano un libro e lasciare che la storia in esso narrata si snoccioli via via che le pagine, pregne di quell’odore inconfondibile di stampa, sfilano sotto i polpastrelli, ma sarà anche il modo per condividere momenti piacevoli con chiunque assisterà alle estemporanee di lettura e l’occasione per regalare un sorriso a chi é solo o attraversa un periodo difficile della propria vita. Ricordiamo che Libriamoci nasce con l’intento di diffondere l’importanza e il valore della lettura non solo come momento ricreativo ma anche come fondamentale strumento culturale e formativo, un obiettivo questo che si sposa perfettamente con quello perseguito da tempo dal II Circolo Di Vittorio e in sintonia con il progetto contenuto nel PTOF dal titolo “Casa Editrice 2° Circolo”, in cui sono pensati proprio percorsi di lettura (di racconti o di giornali) e di scrittura (di storie inventate o di articoli) finalizzati al potenziamento delle competenze linguistiche, conoscitive, comunicative ed espressive.  

12/11/2019 19:00:06 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Marchetti (Lega): “Locchi scaricato dalla politica: utilizzi meglio il tanto tempo libero”

Riceviamo e pubblichiamo la risposta a Locchi dell'On. Riccardo Augusto Marchetti (Lega)  “L’unica analisi frettolosa è proprio quella di Locchi - ha attaccato l’Onorevole Riccardo Augusto Marchetti (Lega) in risposta alla nota diffusa dallo stesso Locchi- e lo dimostrano i suoi errori di calcolo delle percentuali della Lega, uscita inequivocabilmente vincitrice dall’ultimo scontro elettorale. Tra il risultato della Lega a Umbertide alle Europee e quello delle Regionali c’è un inconsistente scarto di soli 55 voti e non certo i tre punti secchi di cui parla. Il navigato Locchi dovrebbe inoltre sapere che è pura follia paragonare i numeri delle due tonate elettorali perché il voto regionale non è soltanto politico ma anche amministrativo, ed essendoci stati molti candidati Umbertidesi, a differenza di quanto accaduto alle Europee, questi hanno preso i voti del territorio riversandoli in altre liste, tra cui le civiche. Nonostante questo, la Lega a Umbertide ha raddoppiato i consensi riscossi alle amministrative del 2018 e riconfermato il plebiscito delle recenti consultazioni Europee: questa è la dimostrazione più evidente dell’ottimo lavoro svolto da tutti, dal Sindaco Luca Carizia, da tutti gli amministratori e dai militanti, sul territorio”. “È esilarante inoltre - ha proseguito Marchetti - che Locchi si lanci in considerazioni sulla Lega, straparlando, senza alcuna cognizione di causa, di logiche di partito ed equilibri interni. Viene da domandarsi che interessi abbia nel promuovere esponenti del nostro partito, proprio lui che per il suo passato politico non è mai stato troppo vicino alla Lega e che di recente continua a mostrarsi particolarmente ostile al nostro movimento. In linea con i suoi tanti vaneggiamenti, non ha risparmiato amenità neppure sull’assetto amministrativo di Umbertide, auspicando un rimpasto di giunta, che non ha alcun motivo di esistere dato che la Lega si è confermata la prima forza della coalizione. Locchi parla di poltronari ma al tempo stesso chiede una nuova spartizione di poltrone: forse che nutra qualche interesse o ambizione personale?” “Consiglio a Locchi - ha chiosato Marchetti - di non darsi alcuna pena per questioni che non lo riguardano e di impiegare meglio il tanto tempo libero del suo forzato pensionamento politico”.

11/11/2019 17:27:31 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Ad Umbertide arriva l'Università della Terza età, la presentazione il 14 novembre

Si svolgerà giovedì 14 novembre alle ore 17 presso il Museo Santa Croce la presentazione e l'inaugurazione dell'anno accademico 2019/2020 dell'Università della Terza Età di Umbertide. All'evento prenderanno parte il sindaco Luca Carizia, il vicesindaco Annalisa Mierla, l'assessore Sara Pierucci e il presidente nazionale di UniTre, Gustavo Cuccini. Introdurrà i lavori il presidente dell'Università della Terza Età di Umbertide, Corrado Baldoni.   L'Università della Terza Età, che si è costituita a Umbertide nel settembre di quest'anno, contribuisce alla promozione culturale e sociale. Promuove, sostiene e attua studi, ricerche e altre iniziative culturali. Favorisce il confronto fra culture e generazioni diverse, incoraggia la socialità, la condivisione e la convivialità.   Un primo elenco degli argomenti che saranno trattati vede inclusi: arte e storia dell'arte; storia; poesia e letteratura; sociologia; scienza; informatica; nuove tecnologie e trasformazioni sociali e comportamentali indotte dalla loro diffusione; ceramica; danza; inglese, francese e altre lingue; religioni; gioco; ecologia e territorio; gite turistico-culturali. Il comitato direttivo dell'associazione è composto da Corrado Baldoni (presidente), Maria Grazia Scapicchi (vicepresidente), Pietro Migliorati (segretario), Adriano Bottaccioli (direttore dei corsi), Anna Maria Salciarini (tesoriere), Chiara Ciarapica e Marcella Broggi (consiglieri).   Le iscrizioni all'Università della Terza Età, saranno raccolte nel corso dell'incontro di presentazione alla città o presso la segreteria dell'associazione situata al Centro Balducci in via dei Patrioti 13 nei seguenti orari: lunedì, martedì e mercoledì dalle 10 alle 12, giovedì e venerdì dalle 16 alle 18. Per informazioni è possibile contattare il numero 338 8562845.  

11/11/2019 17:12:41 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Presentata la stagione 2019/2020 del Teatro dei Riuniti

E' stato presentato alla presenza dell'assessore alla Cultura del Comune di Umbertide, Sara Pierucci e del presidente dell'Accademia dei Riuniti, Vittorio Betti il programma della stagione 2019/2020 del Teatro dei Riuniti di Umbertide, il primo firmato dal direttore artistico Massimiliano Civica. Il sipario sulla nuova stagione si alzerà il 16 novembre alle ore 21 con Chocolat, spettacolo presentato dalla Compagnia “Nuova Costellazione” di Formia pluripremiato in numerosi festival teatrali in Italia e in Europa, tratto dall'omonimo romanzo di Jeanne Harris. Sempre a novembre, il 24 alle 17.30, la Compagnia “Piccola Ribalta” di Pesaro proporrà il classico della drammaturgia americana “Improvvisamente l'estate scorsa” di Tennessee Williams.   Il 14 dicembre (ore 21) l'appuntamento è “Imprò”, lo spettacolo di improvvisazione teatrale più rappresentato in Italia nel quale i migliori professionisti italiani si sfidano in una battaglia a colpi di Shakespeare, Pirandello, musical e De Filippo. A gennaio si torna in scena il 18, alle 21, con  “Andromaca” di Euripide della compagnia teatrale “I sacchi di sabbia”: un classico dell’antichità viene esplorato nei suoi confini tra comico e tragico. Il 25 sarà la volta della compagnia “Gli omini”, con lo spettacolo di Giulia e Luca Zacchini “L'asta del santo”: un uomo di fronte alla folla e un mazzo di carte disegnate; ogni carta corrisponde a un santo, a ogni santo una vita di straordinarie avventure.   Nel mese di febbraio si inizia il 1°, alle ore 21, con la spettacolo “Il mistero dietro la porta” (liberamente tratto da “Otto donne e un mistero”) della compagnia “Argento Vivo” di Umbertide. La sera del 22 torna la tradizionale festa in maschera con il “Veglione al Teacine”. Il 29 ci sarà “L'esodo”, omaggio ad Achille Roselletti, di Nicola Mariuccini con Caterina Fiocchetti: Elettra è una donna molto legata al suo mondo, entrerà in un tunnel ossessivo credendo di essere in esilio volontario.    A marzo due saranno le conferenze spettacolo a cura del direttore artistico Massimiliano Civica (entrambe alle ore 21): la prima il 7 (“Scampoli”), mentre la seconda (“L'emozione del pudore”) il 28. Il 14, alle 21, sarà proposto lo spettacolo “Absurderie” di Daniele Marcori, un omaggio ai padri del teatro dell’assurdo che vedrà la presenza di Giulia Bornacin e Daniele Marcori. Tre saranno le produzioni targate Accademia dei Riuniti. Si comincia l’8 febbraio con “Bowie stories”: l’incredibile storia di David Bowie sarà raccontata attraverso uno spettacolo che mette insieme la musica dal vivo dei “Just for one day”, video e aneddoti celebri. Si continuerà poi il 17 e 18 aprile (ore 21) con la divertente commedia british “Tom, Dick e Harry” di Michael e Ray Cooney, nuova produzione dell’Accademia che marca il debutto alla regia di Birgitta Roselletti e Giulia Gagliardini. La stagione terminerà l’8 e il 9 maggio, quando alle 21, verrà proposto lo spettacolo tra musica dal vivo e teatro “Club 27” nel quale saranno raccontate le storie di strepitosi talenti musicali accomunati da un tragico destino: morire all’età di 27 anni.   La serata di presentazione della stagione, condotta da Achille Junior Roselletti, è stata aperta dal monologo di Luciano Bettucci che ha vinto il premio nazionale “Guerriero di Capestrano”. E’ stato reso omaggio al light designer Ingo Maurer, che firmò il progetto di illumino tecnica del Teatro dei Riuniti e a Francesco Torchia, che insieme ad Achille Roselletti realizzò la prima versione dello spettacolo “Balera”. Inoltre, quest’anno a regalare un’opera al Teatro dei Riuniti è stato l’artista umbertidese Giampaolo Monsignori, che ha fatto dono della sua creazione “Histrix”.   Il direttore artistico Civica, impossibilitato a prendere parte alla presentazione e che tramite un video ha inviato il proprio saluto ai presenti, ha detto: “Gli amici di Umbertide non scherzano ma giocano a fare il teatro. Come i bambini, giocano seriamente. Da questo ho capito subito che non sarebbe stata una passeggiata ma un bel lavoro insieme a gente che ama il teatro e che gioca al teatro. Speriamo questo sia un anno in cui, insieme agli spettatori giocheremo insieme divertendoci con la serietà dei bambini”. “L’Accademia dei Riuniti, oltre a generare questa splendida programmazione – ha affermato l’assessore Pierucci – ha concesso alcune date a delle associazioni di volontariato del nostro Comune che metteranno in campo progetti di grande valenza sociale. Complimenti quindi all’Accademia per il lavoro che svolge, diretto non solo agli amanti del teatro ma a tutta la nostra comunità”. “Come sempre cerchiamo di fare il nostro meglio per far funzionare il teatro e per regalare al nostro pubblico delle novità – ha dichiarato il presidente dell’Accademia, Betti – Abbiamo degli spettacoli tradizionali, fatti da validissime compagnie del teatro amatoriale italiano che hanno raggiunto traguardi prestigiosi. E’ stato dato anche spazio all’innovazione, all’improvvisazione e allo stesso tempo anche alla musica, perché abbiamo visto che il binomio teatro-musica dal vivo funziona. E’ una stagione veramente ricca. Ogni volta speriamo di fare qualcosa che incuriosisca il pubblico e che allo stesso tempo lo soddisfi”.  

11/11/2019 17:10:42 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Cerimonia di commemorazione a Perugia del monumento eretto in ricordo di Donato Fezzuoglio

Venerdì scorso (8 novembre), alla presenza di numerose Autorità civili e militari, a Perugia, in via Chiusi, organizzata dalla locale Sezione A.N.C., con il patrocinio del Comune di Perugia e dell’Istituto Comprensivo “Perugia 5”, si è svolta la cerimonia di commemorazione del monumento eretto in ricordo dell’Appuntato M.O.V.M. Donato Fezzuoglio. Il militare, il 30 gennaio 2006 (all’epoca effettivo all’Aliquota Radiomobile della Compagnia CC di Città di Castello), durante un servizio perlustrativo, fu chiamato a intervenire, unitamente al Capo Equipaggio (Brigadiere Enrico Monti), in occasione di una rapina che tre pericolosi malviventi stavano perpetrando in danno di un Istituto di Credito di Umbertide (PG). Dopo aver costretto alla fuga i malviventi, fu attinto mortalmente, alle spalle, da un colpo esploso da uno di essi, accasciandosi esanime al suolo. Il 17 maggio 2007, gli fu concessa la Medaglia d’Oro al Valor Militare. Nella circostanza, intorno alla meravigliosa cornice offerta dalla presenza della nutrita scolaresca del citato istituto, il Vice Sindaco della città di Perugia, Dott. Gianluca Tuteri, accompagnato dal Prefetto della città di Perugia, Dott. Claudio Sgaraglia, dal Comandante della Legione Carabinieri “Umbria”, Gen. B. Massimiliano Della Gala, dal Comandante Provinciale dei Carabinieri di Perugia, Colonnello Giovanni Fabi e dall’Ispettore Regionale dell’Associazione Nazionale Carabinieri, Generale Antonio Cornacchia, ha deposto una corona d’alloro presso il monumento eretto in ricordo del caduto. A conclusione della cerimonia, il Comandante della Legione, ha consegnato all’Istituto Comprensivo “Perugia 5”, intitolato proprio al commemorato eroe, la bandiera nazionale, nell’ambito delle celebrazioni previste per il IV Novembre, “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate”. A seguire, nel plesso scolastico, nell’ambito del progetto culturale didattico “Cultura della Legalità”, istituito nel 2017 grazie alla collaborazione tra l’Arma dei Carabinieri, il Comune di Perugia, la Direzione Didattica “I.C. Perugia 5”, l’Associazione Nazionale Carabinieri e la Signora Emanuela Becchetti, vedova Fezzuoglio, sono state consegnate 8 borse di studio per l’anno 2018-2019, finanziate dalla medesima in favore di altrettanti studenti dell’“I.C. Perugia 5”, meritevoli per rendimento scolastico e fattiva partecipazione alle attività didattiche, risultati vincitori del concorso “Borsa di studio in onore dell’Appuntato dei Carabinieri Donato FEZZUOGLIO”.

11/11/2019 10:49:00 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy