Attualità » Primo piano San Giustino, continuano i controlli del Comune durante l'emergenza Covid-19

Prosegue l'attività della Polizia Locale del Comune di San Giustino, guidata dal comandante Nicola D’Avenia, rispetto all'emergenza CoVid19. A fare il punto sulla situazione dell’operato è l’assessore del Comune di San Giustino, Andrea Guerrieri. "Stiamo lavorando per continuare ad effettuare controlli e soprattutto informazione – dichiara -  La cittadinanza nel complesso, nonostante alcune sanzioni, sta rispondendo al meglio e la voglio ringraziare per l'impegno che sta mettendo nell'adeguare i propri comportamenti all'emergenza. Questo dimostra grande senso di responsabilità e di rispetto della propria comunità". Nell’ultimo periodo sono state controllate più di 300 persone e attenzionati 36 esercizi commerciali; 15 le sanzioni comminate connesse ai decreti in materia. Sono invece 3 le sanzioni per violazioni al codice della strada tra cui un veicolo sequestrato e una patente ritirata. "Continuiamo a mantenere alta l'attenzione – prosegue Guerrieri -. La strada intrapresa è quella giusta. Anche la Polizia Locale, che in questo periodo ha necessariamente dovuto riorganizzare le proprie attività, dovrà continuare soprattutto a svolgere un ruolo di supporto alle persone più fragili". "Per questo - conclude Guerrieri – in vista di una ‘fase 2’ e in sinergia con il comando di Polizia abbiamo avviamo una campagna d’informazione con il gruppo volontari della Protezione Civile per sensibilizzare e prevenire il rischio di truffe connesse all'emergenza, legate in particolar modo a tamponi e disinfestazione".    

22/04/2020 12:20:21 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Si possono coltivare orti e giardini: la conferma della Regione Umbria

Sono consentite la coltivazione di orti per il consumo familiare e la cura di giardini privati, nel rispetto delle norme e delle misure di sicurezza dettate dall’emergenza sanitaria, anche se orti e giardini non sono adiacenti alla propria abitazione. È quanto precisa la Regione Umbria, che ha chiesto al riguardo chiarimenti alla Prefettura di Perugia, richiamando quanto previsto dalle misure adottate dal Governo nazionale, in particolare nelle disposizioni del Dpcm del 10 aprile.  “È consentito, anche al di fuori del Comune di residenza, lo svolgimento di attività lavorative su superfici agricole, anche di limitate dimensioni, adibite alle produzioni per autoconsumo, non adiacenti alla prima o altra abitazione – si spiega – poiché la coltivazione del terreno per uso agricolo e l’attività diretta alla produzione per autoconsumo rientrano nel codice ATECO “0.1.” e sono quindi consentite, a condizione che il soggetto interessato attesti, con autodichiarazione completa di tutte le necessarie indicazioni per la relativa verifica, il possesso di tale superficie agricola produttiva e che essa sia effettivamente adibita ai predetti fini, con indicazione del percorso più breve per il raggiungimento del sito”.  “Tra le attività consentite – si spiega inoltre - rientrano la cura e manutenzione di parchi e giardini pubblici e privati e del paesaggio agrario e rurale. Per quanto concerne i giardini privati delle case diverse dall’abitazione principale e ubicate in un altro comune, è consentita l’attività di cura e manutenzione solo da parte del personale incaricato che svolge attività imprenditoriale riconducibile al codice Ateco 81.30, restando fermo che per i proprietari o locatari l’accesso alla seconda casa è consentito solo se dovuto alla necessità di porre rimedio a situazioni sopravvenute e imprevedibili (quali crolli, rottura di impianti idraulici e simili, effrazioni, ecc.) e comunque secondo tempistiche e modalità strettamente funzionali a sopperire a tali situazioni”. Resta “fermo altresì che nei territori dei Comuni per i quali è stata dichiarata un’emergenza fitosanitaria continuano a potere e dovere essere eseguite su tutte le superfici, anche di limitate dimensioni, le buone pratiche agronomiche ed ambientali”.

22/04/2020 12:07:48 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Umbertide, nascondeva droga in un terreno. Arrestato 25enne

Nella mattinata del 20 aprile 2020, i Carabinieri dell’Aliquota Operativa del NORM della Compagnia di Città di Castello, in collaborazione con i colleghi della Stazione di Umbertide, hanno data esecuzione ad una misura cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Perugia, a carico di un 25enne di nazionalità albanese. I Carabinieri, infatti, nelle scorse settimane hanno effettuato una serie di appostamenti in un’area periferica del Comune di Umbertide, dove erano stati segnalati movimenti sospetti. I Militari, in borghese, hanno notato il conducente di una Fiat Punto di colore grigio, fare frequenti transiti e soste presso un terreno, in modo circospetto. L'uomo, pregiudicato già noto alle forze dell’ordine​, è stato quindi bloccato, mentre prelevava alcune dosi di cocaina conservata in cellophane termosaldati, dall'interno di alcuni contenitori nascosti proprio nel terreno. I successivi accertamenti hanno quindi consentito di ricostruire una fitta trama di cessioni di stupefacente in favore di numerosi acquirenti della zona, alcune anche con cadenza quotidiana, durante le quali lo spacciatore cedeva cocaina ai suoi affezionati clienti,alcuni dei quali si fornivano da lui ormai da molti mesi, al prezzo di 60/70 euro al grammo. All’esito delle attività, i Carabinieri hanno sequestrato alcune decine di confezioni di dosi, per un peso totale di 15 grammi di cocaina. Nell’abitazione dell’uomo è stata inoltre sequestrata la somma contante di € 1.550, ritenuta dagli investigatori provento dell’attività di spaccio.  Al termine delle operazioni, l’uomo è stato quindi sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa dell’interrogatorio di garanzia da parte dei Magistrati.  

22/04/2020 11:45:37 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano 25 aprile: il programma delle celebrazioni “a distanza” della sezione ANPI di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo il programma delle celebrazioni del 25 aprile, che come sempre è un doppio ricordo per Umbertide. Anche nell'emergenza la sezione ANPI di Umbertide è riuscita ad organizzare una giornata ricca di appuntamenti. "Sabato 25 Aprile 2020 celebreremo il 75° anno della Liberazione e, anche se non potremo riunirci in piazza XXV Aprile come negli anni passati, ci ritroveremo insieme, dai nostri balconi e dalle nostre finestre, per commemorare un anniversario che per Umbertide ha un doppio significato perché oltre alla Liberazione dal nazifascismo ci ricorda anche il drammatico bombardamento di Borgo San Giovanni, il 25 aprile del 1944.   Così, anche in questa fase di grave emergenza sanitaria, la sezione di Umbertide dell’Anpi, celebra il 25 Aprile, in collaborazione con l’emittente radiofonica Radio Comunità Cristiana, che trasmetterà in diretta alcuni momenti delle celebrazioni, che potranno essere amplificati dalle nostre case tramite casse acustiche alle finestre, così da sembrare di essere tutti insieme in piazza a festeggiare. Per farlo basta sintonizzarsi sulla frequenza di R.C.C. (96.9 – Umbertide (PG), Trestina (PG) e Valle Del Nestore, 94.4 – Umbertide (PG) e Perugia Nord, 105.2 – Gubbio, 107.7 – Sansepolcro (AR), Città Di Castello (PG) e area Valtiberina Toscana) o collegarsi al sito www.radiorcc.com. Questo il programma della giornata: - ore 9:00 Trasmissione sincrona di “Bella Ciao” (classica) con la quale l’Anpi darà il buongiorno a tutti e spiegherà il significato del 25 Aprile ad Umbertide. - Lettura sul bombardamento di Umbertide, tratto dal DVD realizzato per il 60esimo anniversario e letture relative al ricordo del bombardamento e testimonianze di sopravvissuti o loro parenti. - ore 09,55 Musiche della Banda Città di Umbertide tratte dalle riprese del 25 aprile 2019  - ore 10,00 cerimonia religiosa e a seguire cerimonia civile  - al termine della cerimonia musiche della Banda Città di Umbertide tratte dalle riprese del 25 aprile 2019 e intervento del Presidente ANPI sezione di Umbertide Arnaldo Pucci Qui si interrompe l’amplificazione diffusa della mattinata e la Radio, con la sua programmazione, continuerà a trasmettere testimonianze che verranno pubblicate anche sulla pagina Facebook dell’ANPI sezione di Umbertide. - ore 14,30 collegamento con l’iniziativa nazionale “25 Aprile – Io resto libero”, in streaming sulla pagina Facebook 25 Aprile 2020 - Io Resto Libero o sul sito www.25aprile2020.it con gli interventi di Carla Federica Nespolo, Presidente dell’ANPI, Maria Lisa Cinciari Rodano, staffetta partigiana, e Sara Diena, giovanissima attivista per l’ambiente. - Ore 15,00 tutti insieme canteremo “Bella Ciao”. La Radio continua con la sua programmazione che verrà amplificata con testimonianze e musiche legate alla Lotta di Liberazione. - Ore 17,00 “Bella Ciao” (versione Modena City Ramblers) con l’invito a cantarla tutti dai balconi e a seguire una o più letture con riferimenti alla “Cremona” e ai partigiani, all’antifascismo e alla resistenza, intervallate da musiche e canzoni. - Chiusura con “Il Mondo canta Bella ciao”, versione cantata in tutte le lingue."

22/04/2020 10:30:23 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, Bacchetta: “Nessun nuovo caso ma evitiamo di pensare che sia tutto finito”

Questo l'aggiornamento del sindaco di Città di Castello Luciano Bacchetta: “Diamo il consueto aggiornamento sulla situazione Covid 19 con nessun nuovo positivo ed un nuovo guarito. Il totale complessivo è di 54 positivo e 56 guariti, numero più alto dei malati. Intanto le quarantene finiscono e quindi calano nel numero quanti sono in isolamento ma questo virus è particolarmente infido e pericoloso. 480 sono i tamponi relativi alla struttura ASL, operazione che insieme all’indagine epidemiologica permette il controllo dei contagi. Strutture ospedaliere e case di riposo sono i contesti più critici e nel nostro caso i dati non registrano casi di positività. Siamo ancora in una fase di doveroso controllo, e ci dobbiamo attenere rigorosamente alle indicazioni della Regione. Qualche consigliere comunale mi invita a riaprire i cimiteri ma io mi confronto con i livelli superiori e il sacrificio dei cittadini non può essere vanificato. Non ha senso fare i primi della classe, riaprendo il cimitero quando tutte le altre strutture umbre sono chiuse. Fino a quando non cambieranno le disposizioni, ci conformeremo anche perché, se ripartisse il contagio, la colpa sarebbe del Comune. Domani ci sarà un riunione valuterà eventuali aperture agli orti civici, luogo di incontro degli anziani. Se teniamo chiusa Muzi Betti, non possiamo aprire gli orti. Dobbiamo aspettare che l’emergenza sia alle spalle e non torni, ne ha bisogno la nostra economia, che deve ripartire. Ci vuole ancora un po’ di pazienza e – lo dico anche ai miei consiglieri -  chi amministra non può fare fughe in avanti, deve essere responsabile. Ringrazio oggi gli operatori Sogepu che stanno svolgendo un ottimo lavoro anche da parte di alcuni cittadini, in quarantena, che usufruiscono di questi servizi e mi hanno segnalato il loro senso del dovere. E’ in arrivo un’ordinanza che sabato 25, domenica 26 e venerdì 1 Maggio prescrive la chiusura  dei supermercati. E’ giusto per chi vi lavora e per evitare affollamenti. Evitiamo di pensare che sia tutto finito: non facciamo come Dorando Petri che sul traguardo cadde e non vinse il titolo olimpico”.    

21/04/2020 16:01:48 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Giovedì 23 si riunisce il Consiglio Comunale di Umbertide. La seduta in videoconferenza

  Il Consiglio comunale di Umbertide, seguendo il decreto legge n.18 del 17 marzo 2020 e il decreto del presidente Marco Floridi del 10 aprile scorso, si riunirà in videoconferenza in seduta straordinaria alle ore 15.00 di giovedì 23 aprile. Questi i punti all’ordine del giorno: approvazione verbali precedenti sedute; comunicazioni; interrogazioni, interpellanze, odg; tassa sui Rifiuti - TARI. Modifica scadenza rate anno 2020; variazione al bilancio di previsione finanziario 2020/2022. Ratifica della deliberazione di giunta comunale n. 54 del 12 marzo 2020; variazione al bilancio di previsione finanziario 2020/2022. Ratifica della deliberazione di giunta comunale n. 61 del 31 marzo 2020; rinnovo della convenzione per il Servizio Associato di Polizia Locale tra i Comuni di Umbertide, Lisciano Niccone, Montone e Monte Santa Maria Tiberina. “L’assise si svolgerà in videoconferenza tramite apposita piattaforma telematica – afferma il presidente Floridi - Per accedervi, i consiglieri, gli assessori, il sindaco e il segretario comunale, riceveranno, circa trenta minuti prima dell'inizio della seduta, una e-mail al proprio indirizzo contenente il link al sistema. Presso il Centro socio-culturale San Francesco, inoltre, sarà allestita una postazione di videoconferenza, con sedute poste in distanza sanitaria di sicurezza, presso la quale possono partecipare coloro che non riescono a collegarsi con tale modalità. Come di consueto sarà pubblicata all'Albo Pretorio online la registrazione della seduta".      

21/04/2020 15:49:08 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy