Notizie » Politica Amministrative Umbertide 2018, Luca Carizia:''Un centro-destra unito può restituire ad Umbertide la dignità che si merita''

Riceviamo e pubblichiamo Luca Carizia: “Un centro-destra unito può restituire ad Umbertide la dignità che si merita” “Non possiamo commettere lo stesso errore del PD, perché quel tipo di sistema non ci appartiene”   “Un centro-destra unito può restituire ad Umbertide la dignità che si merita”. All’indomani della positiva presentazione ai cittadini, Luca Carizia chiede unità alle altre realtà politiche e si auspica una coalizione forte e coesa. "Visto il momento storico e le richieste che ci giungono dai cittadini – spiega Carizia -  auspico che il centro-destra corra unito e provi realmente a conquistare Umbertide liberandola dal giogo della vecchia ed usurata politica. Come ho già ribadito in altre occasioni, l’obiettivo nostro è quello di rinsaldare, attraverso politiche del buon senso, i nodi di un tessuto sociale indebolito e ricreare un’identità precisa. Per raggiungere questo traguardo servono persone preparate che mettano Umbertide e gli umbertidesi al primo posto, che vedano nella sicurezza una priorità assoluta e la costruzione della moschea un effettivo pericolo, non solo per la cittadinanza ma per l’intera Regione. Per il bene del nostro comune ritengo auspicabile, anzi invito esplicitamente tutte le forze di Centro-destra a riunirsi attorno ad un tavolo e lavorare, insieme, su programmi condivisi affinchè prevalga l'interesse che più di tutti, ognuno di noi ha a cuore, ovvero quello dei cittadini. È’ strettamente necessario ed essenziale anteporre i programmi amministrativi ai singoli personalismi – continua Carizia - la strada del dialogo si deve trovare perché la politica è servizio ed è solo con la buona politica che si può dare risposte concrete ai cittadini. In gioco c'è il futuro di una città forte, bella, martoriata per anni da lotte interne al Pd che l’hanno portata sino al commissariamento. Non possiamo commettere lo stesso errore, perché quel tipo di sistema non ci appartiene e i cittadini lo sanno visto che hanno premiato la coalizione di centro-destra anche alle ultime elezioni politiche. È un impegno che dobbiamo prendere per il bene della città perché, insieme e facendo squadra, si ricostruisce il tessuto sociale di una comunità, uniti si può vincere”

07/05/2018 19:35:56

Sport Serie D femminile: il Volley Umbertide si prende il ''lusso'' Fossato di Vico, già vincitrice del campionato regionale e neopromossa

Nell’inusuale posticipo disputato di giovedì, Umbertide supera con un convincente 3 a 1 la prima della classe e blinda il quinto posto in classifica di Raffaello Agea Umbertide – Nel posticipo … molto posticipato della dodicesima e penultima giornata di ritorno di regular season disputato di giovedì, la squadra di mister Gabriele Violini si prende la soddisfazione di battere Fossato di Vico, già da qualche giornata inarrivabile al primo posto della classifica del campionato, oltre che neopromossa. La vittoria, però, al di là di di un’ipotetica mancanza di motivazione delle avversarie e di qualche avvicendamento delle titolari, è stata frutto di una partita di quelle vere, perché le ospiti hanno lottato onorando il campo fino alla fine. Per le padrone di casa, invece, c’era la necessità di mettere un punto fermo sulla classifica finale, aggiungendo tre punti che le avrebbero rese irraggiungibili al quinto posto, ma anche per poter pensare al quarto posto. In avvio Fossato di Vico parte forte, mentre Umbertide stenta a decollare, soprattutto in attacco. A tenere banco sono le ottime coperture delle neopromosse, che soprattutto sugli attacchi in diagonale, anche quando il muro non tocca, riescono a difendere egregiamente e a ricostruire.  A complicare le cose per il Volley Umbertide, poi, come nel corso di tutta la stagione, c’è il reparto delle centrali, che ha costretto Violini all’ennesimo avvicendamento. Ma Cecilia Rometti, schierata in questo ruolo insieme ad una ormai pienamente ritrovata Chiara Moretti, riesce a trovare una buona intesa sia con la sempre ottima regista Martina Ubaldi, sia a muro con le compagne di prima linea. Umbertide cede il primo set (22 – 25) più per propri demeriti che per quanto fatto dall’altra parte della rete. Il secondo parziale è quello della svolta. Svolta che si concretizza a metà del game, quando l’attaccante di banda Francesca Massetti, da qualche partita tornata in squadra dopo una lunga e forzata assenza, subentra a Giada Palazzetti, che peraltro aveva comunque svolto egregiamente i propri compiti. Da quel momento l’attacco del Volley Umbertide comincia a girare a dovere anche con l’altra attaccante di posto 4 Matilde Ercolani, oltre che con la solidità dell’opposta Greta Ottaviani, una delle migliori del campionato in questo ruolo. Il set va ai vantaggi, ma l’impressione è che Umbertide sia in grado di mantenere agevolmente il controllo, tanto da aggiudicarselo con il punteggio di 26 a 24. Il terzo frangente vede il rientro di Giada Palazzetti in banda e mentre in seconda linea la sicurezza del libero Althea Giulietti si alterna alla dinamicità della pari ruolo Martina Giulietti, la prima linea diventa un rullo compressore con tutti suoi terminali ed il punteggio, dopo ripetuti allunghi, non è mai in discussione: si finisce con un significativo 25 a 15 in favore di Ubaldi e compagne. Con la squadra che dimostra sicurezza, per concedere un po’ di respiro a Matilde Ercolani c’è spazio anche per Elisa Governatori, sempre pronta a dare il suo contributo quando chiamata in causa. Nel corso del quarto set, nonostante un buon avvio di Umbertide, Fossato di Vico prova a rimettersi in carreggiata, con uno sforzo finale quando il punteggio comincia a farsi caldo. Ma le padrone di casa mantengono ferma la barra del timone, rimanendo a distanza di sicurezza e chiudendo 25 a 20 in loro favore. La vittoria ottenuta consente al Volley Umbertide di blindare il quinto posto a quota 49, con Foligno al sesto a 44, che in ogni caso non potrebbe raggiungere la squadra di Violini. Però c’è un’ultima partita da giocare contro Marsciano. Una partita che sulla carta, vista la classifica delle avversarie (che sono penultime) potrebbe essere agevole. E di certo Umbertide farà di tutto per aggiudicarsi l’intera posta, poiché il gruppetto delle tre che la precedono è a quota 49 e magari un risultato favorevole potrebbe consentire di scalare una posizione. In ogni caso l’appuntamento sarà per i play off, un traguardo che il Volley Umbertide si è a ampiamente meritato nel corso della lunga stagione. Con la speranza che sia un “traguardo volante” e che il meglio del campionato sia ancora quello a venire. Il tabellino Volley Umbertide – A.S.D. Fossato Volley 3 – 1 Parziali: 22 – 25, 26 – 24, 25 – 15, 25 – 20 Volley Umbertide: Ubaldi (C), Ottaviani, Palazzetti, Ercolani, Moretti, Governatori, Massetti, Giuletti A. (L1), Giulietti M. (L2). N.e: Nicoletti, Beacci. Allenatore: Gabriele Violini A.S.D. Fossato Volley: Cardoni, Cerafischi, Fecchi, Gresta, Manuali, Monacelli, Mosconi, Rampini, Pascolini (L1), Marinelli (L2). N. e.: Baldoni, Bellucci. Allenatore: Cardella (dati relativi agli scores individuali ed altro non disponibili) Arbitro: Moretti Fabio

07/05/2018 10:52:13

Attualità » Primo piano E' scomparso Domenico Bruschi, ultimo partigiano di Umbertide

Con la morte di Domenico Bruschi, partigiano e presidente della sezione di Montone dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, scompare l’ultimo partigiano combattente della guerra di Liberazione residente a Umbertide. Domenico, nato nel 1925 in località Gaianello, nella frazione di Carpini del comune di Montone, abitava da molti anni ad Umbertide, ma era sempre rimasto legato al suo territorio di origine.  Ricevuta la cartolina precetto da parte della Repubblica Sociale Italiana, sfuggì all’arruolamento e, su sollecitazione di Bonuccio Bonucci, si unì alla Brigata proletaria d’urto San Faustino, entrando a far parte del “gruppo Capanne” guidato da Ruggero Puletti. Durante la sua attività di partigiano prese parte attiva alle azioni della Brigata San Faustino e tra queste alla battaglia di Montone del 6 maggio 1944 nel corso della quale Aldo Bologni restò ucciso. Tra gli incarichi che il suo gruppo fu chiamato a svolgere, vi fu anche quello di aiutare e proteggere il console degli Stati Uniti Walter W. Orebaugh, il quale, grazie al sostegno della Brigata, riuscì a raggiungere gli Alleati e a mettersi in salvo. Dopo la Liberazione Domenico fu sempre attivo e presente nella vita democratica e civile. Animatore delle attività dell’ANPI, ha profuso le sue energie per incontrare i giovani e raccontare le esperienze e le storie che lo videro attore e protagonista. Egli però non era solo un testimone, ma nelle sue parole ricordava sempre l’importanza delle lotte fatte per conquistare la Libertà e raccomandava a tutti difendere strenuamente la democrazia e la giustizia sociale. Figura esemplare, uomo onesto, lavoratore, di una umanità gentile e rara, ha contribuito al riscatto morale e alla liberazione dell'Italia dall'infame dittatura. 

07/05/2018 10:36:21

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy