Attualità » Primo piano Aimet sbarca in Marche e Abruzzo

AIMET - Azienda Intercomunale Metano Energie del Territorio continua il suo processo di espansione e mira a diventare uno tra gli operatori energetici di riferimento del Centro Italia. Dal 1° luglio infatti l'azienda nata nel 2002 ad Umbertide aprirà i suoi sportelli anche nelle Marche ed in Abruzzo, risultato dell'operazione che ha visto la società, oggi amministrata da Libera Energia SpA, acquisire nuovi clienti in territorio marchigiano ed abruzzese. AIMET aggiunge quindi un altro importante tassello al processo di espansione avviato già da qualche anno e che ha visto sviluppare un modello di forte legame con il territorio che, insieme all'economicità delle offerte di gas e luce, è riconosciuto dalla clientela come un prezioso valore aggiunto. Sotto la guida del Gruppo Libera Energia SpA, Aimet non solo ha potenziato i servizi offerti a cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni, affiancando al mercato del gas naturale anche quello dell'energia elettrica, ma ha anche ampliato il proprio raggio di azione, fino a superare i confini regionali e fornire i suoi servizi anche nelle Marche e in Abruzzo. “In questi ultimi due anni AIMET è cresciuta molto, sia dal punto di vista territoriale che attraverso una diversificazione del prodotto offerto ai nostri clienti. - ha spiegato l'amministratore delegato ing. Patrizio Nonnato – Se i confini cambiano però i nostri valori restano sempre gli stessi: vicinanza al cliente attraverso sportelli territoriali con personale qualificato, prezzi convenienti e trasparenti, snellezza e qualità della gestione, rapporto costante con il territorio. L'espansione nelle regioni Marche e Abruzzo – ha aggiunto l'ing. Nonnato - farà di AIMET uno degli operatori energetici di riferimento del Centro Italia ma servirà anche per consolidare le radici di un'azienda che resta strettamente legata al territorio in cui nata”.

02/07/2015 12:00:50

Attualità » Primo piano Alberto Rondoni vincitore del Design Award promosso da Fsc

C'è anche un umbertidese tra i tre giovani studenti vincitori dell'edizione 2015 del Design Award promosso da Fsc – Forest Stewardship Council, Ong internazionale che promuove una gestione delle foreste rispettosa dell'ambiente, socialmente utile ed economicamente sostenibile. Si tratta di Alberto Rondoni, classe 1994, che insieme a Eloisa Ronchi ed Irene Zaccara ha conquistato il podio del prestigioso concorso dedicato quest'anno agli orti moderni, che ha visto i partecipanti progettare soluzioni, in legno o in cartone, per contenere piccole piante, per abbellire balconi, per trasportare ortaggi o semplicemente per condividere con gli amici il piacere di coltivare l'orto. E' stato quindi il progetto elaborato dai tre giovani, tra cui l'umbertidese Alberto Rondoni, dal titolo “Freedge”, a conquistare il primo posto del Design Award per la categoria studenti, sezione legno. La cerimonia di premiazione si è svolta presso il Coop Forum all'Expo di Milano. “Pensando ad un orto moderno, abbiamo voluto progettare un sistema che potesse facilitare la conservazione di verdura e frutta prodotta in casa in un modo alternativo. - ha spiegato Alberto, studente del Politecnico di Milano, da due anni attivo nel mondo del design - Tenendo in considerazione le caratteristiche di conservazione di ogni specifico ortaggio e il modo in cui si relaziona con gli altri, abbiamo costruito i vari moduli, selezionando specifiche tipologie di legno e costruendo forme adatte a vari scopi. Freedge è un prodotto pensato per chi, volendo mantenere inalterato il sapore originario dei prodotti del proprio orto, sceglie un metodo di conservazione naturale, personalizzabile e a basso impatto ambientale”.

01/07/2015 13:56:32

Attualità » Primo piano Al via la sostituzione degli infissi alla scuola media Mavarelli- Pascoli

La messa a norma e il miglioramento degli edifici scolastici sono tra gli obbiettivi principali dell'Amministrazione Comunale e per questo sono state presentate specifiche richieste di finanziamento al fine di intervenire sulle scuole del territorio. E' quanto affermato dal sindaco Marco Locchi in risposta all'odg presentato dal consigliere comunale del Pd Giovanni Valdambrini nel corso dell'ultima seduta consiliare che invitava la Giunta ad elaborare un piano di investimenti per l'edilizia scolastica e che è stato approvato all'unanimità. Nello specifico, subito dopo la chiusura della scuola, si è dato avvio all'intervento di miglioramento energetico delle scuole medie Mavarelli-Pascoli, che prevede la sostituzione degli infissi dei due plessi, per un importo complessivo pari a circa 500.000 euro. L'intervento, che consentirà un notevole risparmio in termini di consumi di gas metano, verrà concluso entro l'estate per garantire a settembre la regolare ripresa delle lezioni. Inoltre l'Amministrazione Comunale ha inoltrato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri la richiesta di accesso ai fondi dell'8 per mille per il miglioramento sismico e e la riqualificazione energetica della scuola primaria di Niccone e ha presentato un progetto di riqualificazione della scuola dell'infanzia Marcella Monini a valere sulle risorse del cosiddetto Decreto Mutui, che ad oggi risulta inserito nell'annualità 2016 per un importo pari a 2.272.000 euro. L'Amministrazione Comunale è inoltre intenzionata a partecipare ai bandi, di prossima uscita, che prevedono finanziamenti per interventi di contenimento e autosufficienza energetica degli edifici scolastici. 

24/06/2015 14:28:33

Attualità » Primo piano Puc 3: oltre 33mila euro a disposizione per le imprese presenti nel centro storico

L'Amministrazione Comunale ha provveduto a riaprire i termini per la presentazione delle domande per la selezione e l’ammissione a contributo di progetti imprenditoriali proposti da piccole e medie imprese operanti nel settore delle attività commerciali, turistico-ricettive o di servizio da inserire all’interno del Puc 3. Alla chiusura del precedente bando infatti, sono state ammesse a contributo proposte progettuali per un ammontare complessivo pari a 34.204,82. Dal momento che la somma complessiva dei benefici previsti per il Comune di Umbertide nel Programma PUC 3 è pari a 68.000 e che risultano ancora disponibili risorse residue pari a 33.795,18 euro, l’Amministrazione Comunale ha disposto, con apposita delibera di giunta, la riapertura dei termini per la presentazione delle domande. “Si tratta di un'ottima opportunità per tutte quelle attività commerciali, turistico-ricettive e servizio-ricettive ricadenti nel centro storico e nell'area limitrofa, dall'ambito urbano compreso tra via Battisti e via Spoletini fino a via Vittorio Veneto che intendono fare investimenti e che possono usufruire di un contributo a fondo perduto pari al 50% della spesa sostenuta – ha affermato il sindaco Marco Locchi – Le risorse ancora a disposizione ammontano ad oltre 33.000 euro, un piccolo aiuto che può però dare un'importante boccata di ossigeno alle attività produttive del nostro territorio”. Le domande dovranno pervenire entro le ore 13 di lunedì 29 giugno; le proposte presentate ritenute ammissibili verranno selezionate ed andranno a formare una graduatoria aggiuntiva a quella già approvata, fino al raggiungimento delle risorse residue.

23/06/2015 14:44:40

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy