Attualità » Primo piano Forza Italia di Umbertide polemizza con il Comune sulla Giornata del Ricordo

Galmacci, Forza Italia, accusa il Comune di doppiopesismo nel commemorare due date simbolo: la Giornata delle Memoria e la Giornata del Ricordo. Dice Galmacci: "morti di qua morti di là, sempre morti sono; o quanto meno dovrebbero essere. L'uso del condizionale è d'obbligo, visto il diverso modo adottato dal Sindaco e dalla sua Assessora per commemorare le vittime del nazismo e del comunismo. In occasione della Giornata della Memoria, la così detta Shoah, il Comune si è dato un gran da fare stampando manifesti, locandine, e organizzando addirittura uno spettacolo teatrale intitolato "E per questo resisto", con tanto di complesso musicale e con la partecipazione di una attrice-narratrice con il compito di interrogare e coinvolgere il pubblico. C'è di più;il Comune ha organizzato la manifestazione in pieno orario scolastico e cioè dalle ore 9 alle ore 11, avendo cura di "invitare" alla cerimonia anche gli insegnanti e gli alunni delle scuole medie e dell'istituto superiore. Per il 10 febbraio, ovvero la Giornata del Ricordo delle migliaia di vittime che il comunismo ha fatto gettando nelle foibe d'Istria persone ancora vive e incatenate tra loro con del filo spinato, non sarà così: infatti nessuno spettacolo teatrale è stato organizzato e le scuole non interromperanno l'orario di lezione per parteciparvi dato che la breve cerimonia, annunciata in tono minore con uno scarno comunicato sul sito del Comune, si terrà alle ore 17 presso la sala consiliare. Personalmente, in segno di protesta e differentemente da quanto fatto negli anni precedenti, non vi parteciperò e invito i consiglieri di opposizione a fare altrettanto. E' con amarezza si badi bene, e non con rabbia o altri sentimenti che chiediamo spiegazioni al Sindaco e all'Assessora del perchè di questa disparità di comportamento nel commemorare le due tristi date".

07/02/2014 14:30:00

Attualità » Primo piano Umbertide. Alta partecipazione all'assemblea dei renziani

Molto partecipata l'assemblea dei  renziani di Umbertide che si sono ritrovati col loro leader Marco Guasticchi, alla presenza del candidato sindaco Marco Locchi. Guasticchi ha spiegato il perché della scelta di tenere unito il partito: “Mentre a livello nazionale il nostro segretario Matteo Renzi sta portando avanti con tenacia la linea di un Pd forte e unito, a Umbertide non potevamo andare a briglia sciolta, tradendo le indicazioni dei nostri punti di riferimento. Come membro della direzione nazionale, sono a stretto contatto con Renzi e il suo gruppo dirigente. A Umbertide il nostro gruppo è formato da renziani della prima ora. Questa coerenza ci ha dato la forza per difendere sempre le nostre scelte. Chi ci attacca sul fronte della coerenza non conosce la nostra storia”. Il candidato a sindaco Marco Locchi ha ricordato che Umbertide vive un momento di grande difficoltà economica e sociale, talmente grave che deve essere affrontata con unità e compattezza: “Solo un Pd forte e unito può affrontare con decisione e spirito risolutivo i problemi enormi che ci attendono nei prossimi cinque anni di governo. Le guerre fratricide in seno al Pd locale non sarebbero utili a nessuno. Dobbiamo stare tutti uniti vicino al nostro segretario nazionale”. Ha quindi blindato l’accordo affermando che “la partita è chiusa”. Il coordinatore dei circoli Renzi, Giovanni Natale, affiancato da Paolo Leonardi, ha presentato il lavoro programmatico dei renziani di Umbertide: “Abbiamo proposte e persone in grado di dare un contributo decisivo per dare una svolta a Umbertide, incidendo in maniera concreta sui problemi aperti in questi anni”.

07/02/2014 11:26:46

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy