Sport C. di Castello. Bicicletta sulle gradinate del palazzetto. Daspo per due persone

L’Ufficio Prevenzione Generale del Commissariato ha segnalato per la successiva applicazione del provvedimento del D.A.S.P.O. (acronimo di Divieto di Accedere alle manifestazioni SPOrtive) due soggetti, A.A. di anni 43 originario di Arezzo ed una donna Z.M. di anni 43 originaria di Cesena, in quanto in occasione del Torneo Nazionale di Pallavolo Femminile dedicato a Francesca Fabbri under 14-16, svoltosi a Città di Castello tra il 27 ed il 30 dicembre u.s., perveniva richiesta alla Sala Operativa 113 del Commissariato da parte di un custode del palazzetto dello Sport, circa il comportamento e gli atteggiamenti tenuti dai soggetti sopra menzionati. L’equipaggio della Volante, giunto sul posto, appurava la presenza di una bicicletta sulle gradinate, la cui posizione metteva a repentaglio la sicurezza di altri spettatori. Preso atto che la proprietà era riconducibile ad A.A., gli operatori chiedevano di spostare immediatamente la bicicletta. L’atteggiamento ricevuto era palesemente oltraggioso e debordante, sostenuto anche dall’intervento di Z.M.; malgrado i ripetuti inviti alla calma ed alla ottemperanza di quanto richiesto, i due soggetti insistevano, tanto che si rendeva necessario il loro accompagnamento presso gli uffici del Commissariato, per i rilievi foto dattiloscopici e la loro compiuta identità. Nei giorni successivi veniva redatto dettagliata comunicazione al Questore di Perugia, che emetteva per i due in questione, il provvedimento interdittivo del D.A.S.P.O. per anni 2.

03/02/2014 16:10:03

Cultura Inaugurata la mostra In Techa al Museo di Santa Croce ad Umbertide

E’ stata inaugurata “In Techa”, la mostra organizzata dalla Commissione e dall'Assessorato per le Pari Opportunità del Comune di Umbertide, che per la prima volta è stata allestita al Museo Civico di Santa Croce. L’esposizione, curata da Claudia Andreani, ha coinvolto sei giovani artisti accomunati dalla stesso percorso di studi, sei ragazzi provenienti dall'Accademia di Belle Arti di Perugia che hanno accolto la sfida di proporre sei opere studiate appositamente per questo spazio. Al taglio del nastro, che ha visto la presenza di molte persone tra cui il direttore dell’Accademia delle Belle Arti di Perugia Paolo Belardi, hanno partecipato per l’Amministrazione comunale il sindaco Marco Locchi, che ha sottolineato l’impegno del Comune nel promuovere e sostenere i giovani artisti, e l’assessore alle Pari Opportunità Simona Bellucci che ha ricordato come la mostra sia diventata un appuntamento oramai fisso che si ripete annualmente dal lontano 1998 e che nel tempo ha visto esporre più di cento artisti. Sei teche in vetro ospitano quindi le sei opere realizzate da Camilla Spini, Simona Damiani, Alessandra Tescione, Letizia Cassetta, Federico Becchetti e Agata Kwiathowska; attraverso la tecnica e l’espressione stilistica di ciascuno di loro, la mostra esprime quel concetto di “IN”, inteso come “un disporsi all'interno di uno schema”, sia esso sociale e culturale, “IN” inteso come spazio comunicativo in cui ciascuno ha voce e libertà di forma espressiva, “IN” letto ed eletto ormai a simbolo delle Pari Opportunità, che questa volta ha voluto far parlare giovani menti creative. La mostra sarà visitabile fino al 9 marzo nei giorni di venerdì, sabato e domenica dalle 10,30 alle 13 e dalle 15 alle 17,30.

03/02/2014 15:25:59

Notizie » Politica Servizi sociali ad Umbertide. L'operato dell'assessore Bagnini

Sono racchiusi nel documento "Umbertide sociale", consultabile sul sito del Comune di Umbertide www.comune.umbertide.pg.it,  gli oltre 35 servizi sociali e socio-sanitari che l'Amministrazione Comunale è in grado di offrire con continuità ai cittadini e che sono stati illustrati dall'assessore ai Servizi sociali e alla Cultura Stefania Bagnini durante la conferenza stampa di fine anno. “I servizi esistenti in una città sono il termometro del grado di civiltà e solidarietà che vi si rinviene, giacché consentono di garantire una quotidianità dignitosa alle persone che ne usufruiscono e che, senza tali servizi, si troverebbero in grave difficoltà. - ha affermato l'assessore Bagnini - Tuttavia  "vino nuovo in otri nuovi", citando un noto passo evangelico, e cioè l'azione continua dei servizi sociali non è solo quella di erogare ed implementare i servizi ma soprattutto quella di convertirli o modificarli secondo il tempo e le necessità che emergono dal tessuto sociale, in un confronto vivo e continuo con gli uomini e le donne alle quali si rivolgono. Il Comune pertanto nell'anno 2013 non solo è riuscito a non tagliare i servizi rivolti a famiglie, bambini, anziani, giovani e disabili ma tra le varie attività di  ascolto attivate ha altresì promosso un tavolo di confronto anche  con le organizzazioni sindacali e le associazioni di volontariato attive sul territorio al fine di condividere le azioni necessarie da mettere in campo per la difesa di quel senso di responsabilità sociale che deve essere patrimonio culturale di tutti i cittadini e conseguentemente per la difesa degli oltre 35 servizi attivi sul territorio”. Quanto agli eventi più significativi  avvenuti nell'anno 2013 è stata sottoscritta la convenzione di rete con le scuole del territorio e l'associazione Gruppo Volontari per il servizio di assistenza scolastica agli alunni disabili ed è stato implementato il  laboratorio per i bambini affetti da dislessia e  disturbi dell'apprendimento. Per i giovani, è stato inaugurato un punto del servizio Informagiovani presso l’Istituto Leonardo Da Vinci ed implementato lo Sportello per l’imprenditoria giovanile con l’ingresso delle associazioni di categoria Cia e Confindustria, sportello che ha anche promosso un concorso di business plan che ha permesso ai vincitori di svolgere stage estivi retribuiti. Inoltre l’Osservatorio per le dipendenze Cities ha promosso una campagna di sensibilizzazione nelle scuole sulla dipendenza da gioco d'azzardo  dal titolo " al gioco d'azzardo si perde è matematico", mentre a fine anno ha preso il via il progetto della web radio. Nel 2013 è poi entrato a regime anche l'Emporio della solidarietà che nel corso dell'anno ha permesso di assistere oltre 100 famiglie umbertidesi fornendo loro beni alimentari e di prima necessità, mentre grazie al protocollo sottoscritto con Asl, Regione ed Emergenza Sorrisi è stato possibile operare tre bambini iracheni affetti da gravi malformazioni al volto; infine, in occasione della Giornata internazionale della disabilità, è stato organizzato un open day delle strutture che si occupano dei disabili. Per quanto riguarda la cultura, altra delega dell’assessore Bagnini, nonostante il Comune sia stato costretto a ridurre le risorse a disposizione, sono state comunque organizzate importanti mostre alla Rocca e al Museo di Santa Croce, che è stato anche inserito nel circuito “Capolavori in Valtiberina” e che ha ospitato le interessanti domeniche di concerti d’organo, è stata riproposta la stagione al Teatro dei Riuniti per terminare con le tradizionali Feste di fine Ottocento che quest’anno hanno coinciso con le celebrazioni per i 150 anni del cambio del nome da Fratta a Umbertide. 

03/02/2014 15:17:06

Sport Serie A1 Basket Femminile. L'Acqua&Sapone Umbertide vince contro Venezia 63-60

Dopo una partita dove si sono susseguiti tanti colpi di scena, l’Acqua&Sapone Umbertide esce vittoriosa dal Pala Taliercio battendo le padrone di casa del Venezia 63-60. Salgono così a sette le vittorie consecutive per la squadra di coach Serventi che rafforza anche il terzo posto nella classifica generale. Ad aprire le marcature ci pensa Black, ma poco dopo Venezia si porta avanti. Ci pensano Fontenette e Santucci a riportare in vantaggio la compagine bianco- blu. Vantaggio che si rafforza con una realizzazione di Black che fa segnare sul tabellone 10-4 per le umbertidesi. Le padrone di casa tornano a farsi sentire e a 4′ minuti dalla prima sirena si portano a -2 dalle ospiti. L’Acqua&Sapone non si lascia perdere d’animo e con il doppio centro di Gorini e due punti di Black arriva alla fine dei primi  10′ di gioco a +4 da Venezia, con il risultato di 16-12. Il secondo quarto si apre con una tripla di  Putnina, che centra due punti dalla lunetta del tiro libero. Con due punti di Dotto, un libero realizzato da Black e due punti di Fontenette a 5′ dall’intervallo le umbre portano il risultato a 26-19. Nella seconda metà dei secondi 10 minuti di gioco con altri quattro punti di Putnina e due di Consolini, le bianco- blu vanno a +13 dalle lagunari che tentano di rialzare la china, ma un tiro libero del capitano e due punti Black fanno disattendere le loro attese e si va al riposo sul risultato di 35-28 per Umbertide. All’inizio della ripresa Fontenette mette subito a segno tre punti. A 3′ dalla fine del terzo parziale, le veneziane riagganciano l’Acqua&Sapone appaiandosi a 44 punti, ma Putnina, Fontenette, Dotto e Consolini riportano le umbertidesi avanti facendo terminare la penultima frazione di gioco 51-44 per la Pfu. Negli ultimi 10′ del match le padrone di casa tentano di riagganciare le ospiti nell’ultimo giro d’orologio, ma due punti di Dotto mettono la parola fine sull’incontro, facendo conquistare all’Acqua&Sapone la settima vittoria di fila. Miglior giocatrice del match per le umbertidesi è stata Putnina,  con 13 punti segnati a referto, 8 tiri liberi su 8 messi nella retina e 22 di valutazione da parte della Lega. Fontenette è invece la miglior realizzatrice delle umbre. Per lei sono 15 i punti totalizzati. Doppia doppia per Black: 13 punti e 13 rimbalzi, di cui 10 difensivi e 3 offensivi. Dopo la vittoria in terra veneta, le ragazze di coach Serventi saranno impegnate sul parquet amico del Pala Morandi, domenica prossima alle 18 contro Virtus La Spezia. Finale: 60-63 (12-16; 28-35; 44-51) Umana Venezia: Melchiorri 2, Carangelo, Peresson ne, Zara 12, Scaramuzza, Formica, Ruzickova 15, Mc Callum 13, Nicolodi ne, Mandache 15, Penna 3. All. Liberalotto Acqua&Sapone Umbertide: Consolini 9, Gorini 4, Puliti, Ortolani ne, Cristofani ne, Linguaglossa, Dotto 5, Putnina 13, Black 13, Fontenette 15, Villarini ne, Santucci 4. All. Serventi

02/02/2014 22:09:03

Notizie » Società Civile Legambiente Alto Tevere: no alla trasformazione dell'E45 in autostrada

“Una visione arretrata e inadeguata, espressione di una classe politica ferma ad un’idea di sviluppo anacronistica legata all’idea che cemento, infrastrutture viarie, consumo di suolo portano progresso e benessere – è il commento di Simone Cumbo Presidente di Legambiente «Alta Valle del Tevere» dopo l’ultimo sostegno bipartisan in consiglio regionale alla trasformazione della E45 in autostrada. “L’unica preoccupazione della maggior parte dei consiglieri di maggioranza e minoranza è che gli umbri non paghino il pedaggio e che ci siano sufficienti uscite ed entrate lungo il percorso – continua Cumbo – nessun allarme e attenzione per le devastazioni ambientali che questa strada procurrà con i 396 km di lunghezza, i 139 km di ponti e viadotti, le 64 km di gallerie, i 20 cavalcavia, i 226 sottovia, i 83 svincoli, le 2 barriere di esazione, le 15 aree di servizio. Senza contare l’impatto su Perugia del “nodo”, anch’esso ampiamente caldeggiato dai sostenitori dell’autostrada”. “Questa opera è inutile e dannosa – ribadisce il Presidente di Legambiente  – economicamente insostenibile, provocherà gravi danni ambientali, consumo inutile di suolo, inquinamento e privilegia, in contrasto con gli indirizzi comunitari in materia di trasporti, il trasporto su gomma a scapito di quelli ferroviario molto più sostenibile. In una regione dove il trasporto ferroviario è insufficiente e dove i pendolari pagano il prezzo maggiore per servizi inadeguati e inefficienti, non si sente proprio la necessità di un’opera che non porterà nessun beneficio né agli spostamenti interni, né verso altre regioni. La politica locale farebbe bene a misurarsi con un’idea di sviluppo e un modello di pianificazione del territorio più moderno e sostenibile dal punto di vista ambientale, ma anche sociale ed economico”.

02/02/2014 14:36:45

Attualità » Primo piano Primarie ad Umbertide. Si candida Sergio Bargelli

E' il professor Sergio Bargelli il primo candidato alle primarie del centrosinistra per il Partito Democratico. Bargelli, classe 1950, laureato Scienze biologiche, ha svolto la professione di insegnate di matematica e scienze presso la scuola media "Mavarelli- Pascoli" di Umbertide ed è stato anche dirigente scolastico. Attualmente ricopre la carica di presidente del Centro Socio- culturale San Francesco e in passato è stato presidente dell'II. RR. B e assessore e vice-sindaco della nostra città. Il professore ha fatto questa scelta dopo aver visto quest'ultima legislatura chiudersi in cattivo modo per il Pd sia locale che nazionale, che come si sa, è spaccato al proprio interno. "Iscritti e simpatizzanti del Pd ed elettori del centrosinistra- dichiara Bargelli- mi hanno chiesto di candidarmi: spero di dare un contributo al partito per ottenere una più ampia partecipazione alla scelta del candidato a sindaco. Sarebbe auspicabile, anzi, che si presentassero altri candidati alle primarie, per consentire una scelta davvero democratica".  "La legislatura che si chiude- prosegue il professore- ha vissuto situazioni particolari che non sempre sono state ben viste dai cittadini. Capisco le difficoltà economiche e il momento non felice per la politica in generale, ma i cittadini umbertidesi sono giustamente attenti ed esigenti ed abituati a partecipare attivamente alla vita della città e pretendono sempre il meglio. C'è bisogno di un momento di riflessione, occorre un sindaco che rappresenti al meglio tutti i cittadini, nel quale la maggior parte si possa riconoscere, che sappia motivare una giovane Giunta ad impegnarsi  nell'amministrazione della città. Umbertide ha bisogno che gli abitanti possano riappropriarsi dei suoi spazi, che li vivano, realizzando attività culturali e momenti di incontro e di scambio che favoriscano una maggiore socializzazione".  

02/02/2014 11:58:36

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy