Attualità » Primo piano Il Movimento 5 Stelle di Umbertide attacca il Comune sul PUC2

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Movimento 5 Stelle umbertidese "Sabato 15 Febbraio sarà inaugurato il PUC 2, ex stabilimento tabacchi. Premesso che non vogliamo indagare circa l’aspetto tecnico, aspetto su cui molti illustri tecnici hanno già espresso i loro dubbi e il loro dissenso, noi vogliamo fare delle serie riflessioni sulle domande che molti cittadini si pongono con disperazione: era veramente così necessaria, così utile e urgente, quest’opera? Perché per noi tanti sacrifici, tasse, privazioni, disoccupazione, ecc, mentre tonnellate di euro sono bruciate per realizzare monumenti che sono “testimoni muti” della vanagloria di politici che, ignorando di essere anche amministratori, continuano a costruire, ancora oggi, la “torre di Babele”? Facciamo un po’ di conti; nel nostro Comune, negli ultimi tre anni, sono stati spesi: per il PUC2 e per il “forum” del PUC2 2.730.328 euro (cribbio!), mentre 2.625.053,49 euro per l’ampliamento di quell’altro capolavoro del Sottopasso Ferroviario. E pur tralasciando il parco della Regghia, l’aria di fronte alla Torre, quella davanti alla stazione F.S., ecc, il Comune ha sborsato, in questo breve tempo, 1.233.432 euro per opere che, servono più alla loro nullità amministrativa che ai cittadini.  Ebbene, se consideriamo il momento di profonda crisi che stiamo vivendo, noi pensiamo che questo sia un atto di disprezzo verso quelli che non riescono a pagare le tasse, verso i disoccupati e quelle famiglie che stanno vivendo in un contesto di povertà senza precedenti. Pensiamo che sia un atto immorale verso le p.m. imprese e verso quei commercianti che, avendo grande dignità, non chiudono per pudore e per garantire lo stipendio ai loro dipendenti. Ecco, a questi si doveva dare priorità, di questi ci si doveva preoccupare, senza tralasciare le altre cose. Ma forse, per fare il bene della comunità, si ritengono più vantaggiosi e interessanti i grandi appalti, quelli a sette cifre, anche se inutili e costosi. Forse perché alcuni progetti creano più attrattiva, più sono costosi e più affascinano la fantasia di cert’uni, in questo modo li si può vestire di voluttà e creare nei cittadini l’illusione che anch’essi sono partecipi del”progetto”. Ci scusiamo con i cari “numerocratici” ma nonostante tutti gli sforzi che facciamo, per trovare in loro una parvenza politica, non ci riusciamo. La colpa è di tutti quei sinistri individui che da anni usano come prostituta l’Italia assumendo l’unico ruolo possibile, quello del “cassiere” delle prestazioni altrui. Tra le tante voci di spese, di questo inutile sciupìo di cifre astronomiche, se ne poteva baggettare un’altra: “Aiuto alle imprese e alle famiglie”. Ciò li avrebbe nobilitati agli occhi dei cittadini. Purtroppo, sono anni che essi non percorrono più le vie del bene comune, sono anni che hanno dimenticato che le Persone non sono l’oggetto della politica, ma il soggetto di essa, anni che hanno sposato la presuntuosa logica del “Io sono”. Per questo tutto viene calato da altri poteri, la colpa non sarà mai di nessuno e nessuno sarà mai tenuto a confrontarsi con il presente e i reali bisogni dei cittadini. Sanno che il presente è povero, sanno che è un presente colmo di difficoltà, senza speranza e senza futuro.  Sarebbe bello se, i politici, invece di essere costruttori d’illusioni fossero progettisti di riflessioni etiche. Auspichiamo, per loro, l’apprendimento di un alfabeto che sappia dialogare e condividere il linguaggio di chi sta vivendo con sofferenza e in modo drammatico la crisi economica".

09/02/2014 15:36:48

Notizie » Editoriale Coerenza umbertidese

Come volevasi dimostrare. L’accordo piovuto dall’alto sul nome del prossimo sindaco di Umbertide (Locchi) rappresenta la cartina tornasole della politica cittadina, che conferma di essere un’anomalia nel quadro regionale. E già questo non ci conferisce autorevolezza: il rischio è sempre quello di essere percepiti come fuori dalla realtà, che è molto diversa da quella che alcuni intendono proporci. Soprattutto quell’accordo, figlio di un compromesso personale e regionale che nulla a che fare con i destini della città, fatto a Perugia, tra la componente dell’onorevole Giulietti e quella del presidente della Provincia Guasticchi, la dice lunga sulla coerenza politica. Degli uni e degli altri. Basterebbe andare a rileggere le dichiarazioni, ad esempio, di Giovanni Natale, portavoce umbertidese di uno dei circoli di Renzi e della componente di Guasticchi, dopo il successo delle primarie. Le riportiamo, lasciando al lettore il giudizio. Questo il testo: “Pertanto la proposta di essere di fatto esclusi dall’Unione Comunale e di partecipare simbolicamente alla segreteria tradirebbe il nostro impegno con gli elettori delle ultime primarie, il 60 % ad Umbertide. Non siamo in vendita ed esprimeremo pertanto un nostro candidato sindaco alle primarie di coalizione, aperte a tutti i cittadini, in modo da chiudere una volta per tutte questo periodo di interregno di un apparato “nominato” dall’alto ma sconfitto dalla gente comune con un modesto 36 per cento". Bene: non siamo in vendita, primarie aperte, un nostro candidato sindaco non nominato dall’alto! La realtà ora? C’è un sindaco nominato dall’alto, delle primarie nemmeno l’ombra e la svendita è avvenuta. Un bel risultato di coerenza. Ma la città non può essere ostaggio personalismi, che nulla hanno a che fare con essa. Ragioniamo su questo e agiamo di conseguenza. Dimenticavamo: lo slogan “Umbertide cambia verso” era azzeccato e, in fondo, anche coerente. Veramente Umbertide ha cambiato verso; ma verso contrario alla Storia e al segno dei tempi. È andata in un'altra direzione. Coerentemente.  

08/02/2014 16:17:46

Attualità » Primo piano Umbertide Aperta: partecipazione per combattere politica arrogante e presuntuosa

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del movimento civico Umbertide Aperta. "Vediamo sempre più spesso come i politici siano spesso "poco sensibili" alle osservazioni, alle critiche, agli stimoli, ai suggerimenti che gli arrivano dalla loro "base".  Il termine "poco sensibili" è ovviamente un eufemismo per affermare che spesso non hanno capacità di ascolto o ignorano deliberatamente le comunicazioni della loro base e da questo momento inizia il processo dell'autoreferenzialità. Autoreferenzialità che porta appunto al non riconoscimento delle osservazioni "scomode", delle critiche al loro operato, delle richieste che possono mettere in dubbio il loro ruolo, la loro posizione, il loro potere.  Manca nella nostra cultura da troppo tempo un'educazione all'autoanalisi ed all'autocritica, manca la cultura del servizio e della qualità (intesa nel senso della ricerca delle migliori soluzioni per il soddisfacimento dei bisogni).  Non è quindi un caso se assistiamo a politici che "non ascoltano" la propria base elettorale quando invia messaggi "chiari e forti" di cambiamento.   Oggi ad Umbertide stiamo assistendo a tutto questo: politici sordi alle richieste dei cittadini che vogliono un cambiamento nella  cultura e nel modo di fare politica. Di fronte a tutto questo la politica resta chiusa in un recinto personalistico e arroccata su questioni di potere. Inciuci, tradimento alle parole date, accordi esclusivamente sulla base di una spartizione delle poltrone,  dimenticandosi che sono lì per il bene comune,  fregandosene di tutto e di tutti, fuorché di se stessi e delle loro carriere politiche.  E’ una politica arrogante, presuntuosa e autoreferenziale che dobbiamo combattere e portare al fallimento. Questo  significa stare lì giorno dopo giorno a denunciarla e mostrarla per quello che è, significa andare contro anche se questo comporta qualche sacrificio, significa smettere di essere ostaggi delle convenienze di pochi e riuscire a ragionare con la propria testa.  Qualcosa comunque sta cambiando, lo vediamo quotidianamente nei discorsi delle persone, nella volontà di tutti di partecipare e la partecipazione è il nemico principale di questa classe politica miope e sempre più in affanno nel rapportarsi con i  cittadini.  Umbertide Aperta è pronta a rappresentare e realizzare questa rivoluzione democratica".

08/02/2014 15:39:19

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy