Notizie » SLIDER Lunedi di Pasqua: la Santa Spina a Montone

Importante momento storico e simbolico. Il lunedì di Pasqua si celebrerà a Montone la rievocazione storica della “Donazione della Santa Spina”. La manifestazione è un anicipo di quella che sarà la settimana dedicata alla Santa Spina, l’avvenimento più atteso per Montone che si terrà, come di consueto, ad agosto. La giornata prende il via alle 10,30 con la lettura del “Proclama de lo Gran Gonfaloniero”, cui seguirà il corteo storico, la messa solenne nella Chiesa Collegiata, celebrata dal vescovo di Città di Castello monsignor Domenico Cancian. Nel pomeriggio l’attenzione ricadrà sugli arcieri di Montone che renderanno omaggio alla corte dei Fortebracci, con un grandioso torneo nel piazzale San Francesco, affrontando le compagnie di Assisi e Foligno alle 16 ,30. La festa vedrà anche l’iniziativa “Viaggio alla scoperta di Braccio Fortebraccio nel suggestivo borgo medievale di Montone”, una visita teatralizzata itinerante in costume a cura di sistema museo. Durante il pomeriggio, a partire dalle 15, sarà possibile visitare il mercato medievale dei mestieranti di Montone e dintorni. Alle 18, infine, ci sarà la presentazione della neonata Associazione Culturale “I Bracceschi” con l’investitura del cavaliere e una piccola degustazione finale. La manifestazione del Lunedì dell’Angelo ha un fondamento storico importante, infatti si narra che tra il 1470 e il 1477 Carlo Fortebracci, combattesse al servizio della Serenissima Repubblica di Venezia dalla quale ricevette in dono una Spina della Corona del Cristo. La portò in dono a Montone e ne decretò la festa il Lunedì dell’Angelo. Per l’occasione, domani il Reliquiario della Santa Spina sarà visitabile durante tutto il pomeriggio presso la Chiesa Collegiata

20/04/2014 17:53:42

Notizie » Editoriale La ricchezza ad Umbertide

Dalla radiografia finanziaria del Comune alla radiografia della ricchezza ad Umbertide. Oggi ci concentriamo su alcuni dati fondamentali per capire la situazione economica ad Umbertide e nel territorio, sperando che anche questi dati non vengano letti con gli occhiali dell’ideologia, come è stato fatto per la passata analisi statistica (comunque grazie veramente per la vivace e produttiva discussione). Qui non c’entra alcunché la politica o l’amministrazione. Se forniamo i dati è solo per offrire basi concrete di discussione e interpretazione. Come si fa capire se un Comune produce più ricchezza di un altro? Uno dei tanti parametri - anche questo opinabile - è di analizzare i redditi di autonomi e di imprenditori. La classifica regionale in base ai dati 2013 (anno d’imposta 2012) ci restituisce una interessante radiografia dell’Umbria e del nostro territorio. La statistica che proponiamo distingue tra imprenditori e autonomi; meglio ancora tra imprenditori in contabilità ordinaria (normalmente imprese più strutturate) e imprenditori in contabilità semplificata (possono scegliere tale forma, le persone fisiche le società di persone che esercitano attività con ricavi non superiori a 400mila euro se esercenti attività di prestazione di servizi e a 700mila euro se esercenti attività di cessione di beni). Fin qui la tecnicalità: vediamo i numeri, che assicurano Umbertide come una città ricca, o meglio, anche onesta nei confronti del fisco. Per meglio dire: quella che produce più ricchezza. Infatti, la nostra città, se prendiamo gli imprenditori in contabilità ordinaria, si piazza in Umbria al terzo/quarto posto regionale con reddito medio Irpef di 35.155 euro, dietro solo a Castel Ritaldi, Otricoli ed, ex equo, Baschi. Ma, se scegliamo, come abbiamo fatto la scorsa volta, il criterio dell’omogeneità territoriale (comuni superiori a 15.000 abitanti), Umbertide si piazza nettamente al primo posto in Umbria. Non c’è storia. Nel nostro territorio (altro criterio di analisi), Città di Castello è staccata in modo marcato (25.319 euro) e San Giustino si blocca a 16.089.  Addirittura, rispetto al capoluogo, Perugia, i nostri imprenditori e lavoratori autonomi fanno la differenza: Perugia dichiara 23.650. Nemmeno la ricca Bastia, Comune su per giù paragonabile al nostro, deve renderci l’onore delle armi: dichiara 16.197 euro. Tuttavia, nella contabilità semplificata qualcosa cambia, ma i numeri confermano la posizione di eccellenza di Umbertide, che si attesta a 14.462 euro. Città di Castello ci supera con 16.123 e lo stesso fa San Giustino con 17.195. Ma non siamo gli ultimi, siamo a metà della classifica regionale. In una media generale rimaniamo il Paese più ricco. Ovviamente si tratta di dichiarazione dei redditi e, magari, non è detto che lavoratori autonomi e imprenditori che in un Comune risultano più benestanti rispetto a quelli di un altro lo siano per davvero. Di certo sono semplicemente più onesti. Ma questo dato ci dice la cultura civica e l’etica della responsabilità degli umbertidesi, che hanno un rapporto di correttezza con le istituzioni. Per questo ci fa specie e la dice lunga un altro dato. Se confrontiamo le entrate addizionali Irpef nei Comuni, tra il 2102 e il 2103, risulta che Umbertide ha avuto un aumento del 6,3%, passando da 800mila euro a 850mila euro. Lo merita con quanto abbiamo detto sopra?

20/04/2014 17:44:43

Attualità » Primo piano 25 Aprile ad Umbertide. Il programma delle celebrazioni

Quest’anno sarà un 25 aprile speciale per Umbertide. Oltre a celebrare la Festa della Liberazione, verrà infatti commemorato anche il 70esimo anniversario del bombardamento dell’antico Borgo San Giovanni. Era la mattina del 25 aprile del 1944 quando i cacciabombardieri Alleati, nel tentativo di abbattere il ponte stradale sul Tevere, colpirono Borgo San Giovanni causando la morte di 70 persone. Venerdì 25 aprile quindi, oltre alle tradizionali cerimonie religiosa e civile in Piazza XXV Aprile, è prevista anche una serie di iniziative per non dimenticare e per mantenere viva la memoria, soprattutto tra i più giovani, per far sì che quelle 70 vite non siano state spezzate invano. Il programma prevede alle ore 9,30 la celebrazione della santa messa officiata dal vescovo Mario Ceccobelli e dal vescovo emerito Pietro Bottaccioli insieme ai sacerdoti di Umbertide, per poi proseguire alle ore 10,30 con la cerimonia civile dal titolo “Il XXV Aprile Festa dell’Italia unita” alla quale interverranno il sindaco Marco Locchi, l’on. Giampiero Giulietti  e lo storico sen. Miguel Gotor. Alle ore 11 si terrà la tradizionale deposizione delle corone di alloro ai piedi dei monumenti ai caduti della Resistenza con il corteo per le vie della città accompagnato dalle note della Banda musicale Città di Umbertide diretta dal maestro Galliano Cerrini. Nel pomeriggio poi alle ore 28 nella Sala del Consiglio della Residenza Comunale si terrà la cerimonia di consegna delle pergamene commemorative ai familiari delle vittime del 25 aprile del 1944 mentre la sera, dalle ore 21 alle ore 23, sarà la volta della rievocazione storica del bombardamento di Borgo San Giovanni, dal titolo “L’ultima ora”, a cura degli alunni delle scuole umbertidesi per la regia di Giampiero Frondini. L’iniziativa, promossa da Comune di Umbertide, Centro socio-culturale San Francesco, Coordinamento per la Pace di Umbertide, sezione Anpi di Umbertide e Gal Alta Umbria, intende ripercorrere l’ultima ora prima del bombardamento, attraverso uno spettacolo itinerante che, nonostante la concomitanza con le vacanze pasquali e grazie alla disponibilità dei dirigenti scolastici, degli insegnati e dei genitori, ha saputo coinvolgere ben 200 studenti delle classi quinte delle scuole elementari, delle classi seconde e terze delle scuole medie e delle classi terze dell’istituto d’istruzione superiore. Da circa due mesi i ragazzi sono impegnati nelle prove dello spettacolo che metteranno in scena la sera del 25 aprile e proporranno in anteprima anche se in forma ridotta, la mattina dalle ore 8,30, prima della celebrazione della santa messa. Per far conoscere ai più giovani cosa accadde nel 1944, si è deciso infatti di coinvolgerli direttamente e di far vivere loro quella tragica esperienza; lo spettacolo ripropone il bombardamento dell’antico Borgo San Giovanni con effetti sonori e luminosi, ha una durata di una mezz’ora e verrà riproposto più volte per consentire la partecipazione di un numero più ampio possibile di persone (per partecipare è necessario prenotarsi direttamente in piazza XXV Aprile la mattina del 25 aprile dalle 11 alle 12). Le celebrazioni per il 25 aprile però non si svolgeranno soltanto ad Umbertide ma interesseranno anche le frazioni: alle ore 12,30 a Pierantonio in piazza XXV Aprile, al termine della messa officiata dal parroco don Roberto Biagini con la partecipazione del coro parrocchiale, si terrà la deposizione della corona d’alloro al Monumento ai Caduti alla presenza del sindaco Marco Locchi e dell’on. Giampiero Giulietti mentre alle ore 17 l’intera frazione di Montecastelli tornerà a commemorare il giovane carabiniere partigiano Giuseppe Bernardini con la deposizione di una corona d’alloro ai piedi della lapide a lui intitolata situata all’incrocio tra via della Chiesa e viale Europa alla presenza del sindaco Marco Locchi, dell’on. Giampiero Giulietti e del parroco don Graziano Bartolucci. 

20/04/2014 14:41:11

Notizie » SLIDER Studenti umbertidesi in visita al Cern di Ginevra

Dai banchi di scuola al CERN per conoscere da vicino gli straordinari risultati raggiunti in campo scientifico attraverso l’acceleratore di particelle LCH. Protagonisti sono stati i 110 studenti del corso di astronomia della scuola media Mavarelli- Pascoli che nel mese di marzo hanno partecipato ad un viaggio di istruzione presso il prestigioso centro di ricerca CERN di Ginevra. Sono ormai anni che nella scuola umbertidese si tiene il corso di astronomia per i ragazzi delle classi terze, progetto fortemente voluto dal collegio docenti ed in particolare dalla dirigente scolastica Gabriella Bartocci. Attraverso questo percorso sono stati realizzati alcuni progetti di notevole interesse come la costruzione di una meridiana orizzontale di ben tre metri di diametro posizionata all’interno del giardino della scuola ed una piccola guida astronomica rivisitata dai ragazzi del corso di astronomia dell’anno scolastico 2010/2011. Nell'anno scolastico in corso il prof. Pierluigi Mencaglia, docente del corso di astronomia, si è prefissato un obiettivo ancora più ambizioso:  preparare i ragazzi all’immensamente grande attraverso l’immensamente piccolo. Dunque, le lezioni di astronomia si sono basate sugli esperimenti del microscopio astronomico più potente al mondo, e cioè l’acceleratore di particelle del CERN di Ginevra, LCH. Grazie anche ad un contatto diretto e continuo con la dottoressa Fabiola Gianotti, uno dei più autorevoli scienziati del mondo e responsabile del progetto ATLAS che ha scoperto il famoso bosone di Higgs insieme con l’esperimento CMS, il prof. Pierluigi Mencaglia è riuscito a far comprendere agli studenti del corso di astronomia l’importanza della ricerca subnucleare in campo astronomico. La visita al CERN di Ginevra è stata quindi la coronazione di un sogno per i ragazzi della scuola che hanno potuto vedere con i propri occhi i magnifici traguardi tecnologici raggiunti attraverso l’acceleratore di particelle LCH ed apprezzare il valore della ricerca scientifica. Nel corso della visita gli studenti, motivati dal grande interesse verso gli argomenti affrontati, si sono distinti per il loro comportamento esemplare tanto da meritarsi  l'elogio pubblico da parte dei responsabili delle esposizioni permanenti del CERN. Questo viaggio di istruzione dimostra quanto sia importante offrire ai ragazzi continui stimoli anche rispetto ad argomenti estremamente complessi che, se affrontati con un adeguato approccio alla loro età, possono essere in grado di sollecitare la loro curiosità e aprire loro nuovi orizzonti. 

20/04/2014 11:29:39

Sport Premiati in comune gli atleti del Kodokan Judo Fratta

L’Amministrazione Comunale ha premiato ieri pomeriggio nella Sala Consiglio i ragazzi e le ragazze del Kodokan Judo Fratta che si sono distinti nelle varie competizioni nazionali ed internazionali di judo, classificandosi tra i migliori atleti della ranking list nazionale. Tra questi spiccano i nomi di Nicola Becchetti, terzo classificato ai Campionati italiani under 20 e primo classificato al Torneo internazionale di serie A a Genova, tra gli atleti di punta della Nazionale italiana, così come Stella Brachelente, primo nella ranking list nazionale per la categoria under 20 e Gaia Marchetti che ha avuto l’onore di partecipare alla European Cup a Zagabria ma tanti altri sono gli atleti che vantano posizioni di tutto prestigio nella ranking list, la lista che viene utilizzata per selezionare coloro che parteciperanno ad Olimpiadi, Campionati del mondo, Campionati europei e Coppa Europa. Questa la lista completa: Marchetti Gaia (20esima 52 kg under 18), Fancello Giacomo (70esimo 66 kg under 18), Sonaglia Nicola (41esimo 73 kg under 20), Becchetti Nicola (1classificato +100kg under 20), Brachelente Stella (6 classificata 48 kg under 20), Bifolchi Federica (44esima 63 kg under 20), Marchetti Giacomo (22esimo 73 kg seniores), Lascialafari Matteo (49esimo 73 kg seniores), Brachelente Francesco (16esimo 100 kg seniores), Nicola Becchetti (4 classificato +100 kg seniores), Bifolchi Federica (28esima 63 kg seniores). Nel corso della cerimonia il Kodokan Judo Fratta, attraverso il suo tecnico Mirco Diarena, ha inoltre ringraziato l’Amministrazione Comunale per avere concesso all’associazione l’utilizzo della palestra e di alcuni spazi dell’impianto sportivo Morandi.

19/04/2014 15:03:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy