Notizie » Politica Umbertide Cambia: interrogazione sulla bretella ferroviaria di Pierantonio

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia Il gruppo consiliare Umbertide cambia ha presentato una interrogazione all’amministrazione comunale chiedendo di sospendere i lavori di completamento della bretella ferroviaria di Pierantonio, che collega una parte dell’area industriale alla stazione. Intervento inutile, visto che tutte le scelte compiute dalla Regione Umbria negli ultimi lustri rendono evidente come la rinuncia al trasporto merci su ferro sia ormai definitiva. Un vero e proprio spreco di denaro pubblico. Denaro che potrebbe essere ad esempio destinato per la messa a norma di tutti i marciapiedi e gli attraversamenti pedonali del comune, eliminando ogni barriera architettonica. Dunque, stop ai lavori, almeno finchè non ci sarà certezza circa la reale funzionalità dell’opera.   Premesso che in zona P.I.P. Pierantonio è gia stato realizzato il primo stralcio di una bretella ferroviaria che dovrebbe collegare l’area industriale alla locale stazione – scrive Umbertide cambia nella interrogazione - e che con determinazione n. 43 / 59 del 24 luglio 2014 è stato approvato lo schema di “Avviso pubblico per la manifestazione di interesse da parte di operatori economici qualificati” per l’affidamento tramite procedura negoziata dei lavori di completamento del raccordo in oggetto, ma considerato che al momento la ferrovia centrale umbra non prevede il trasporto merci, e che tutte le scelte compiute dalla Regione Umbria negli ultimi lustri rendono evidente come la rinuncia al trasporto merci su ferro sia ormai definitiva, con la presente interrogazione si chiede: per quali finalità è stata progetta la bretella ferroviaria, a quanto ammontano i costi di progettazione, quanto è già stato speso per il primo lotto dei lavori, quanto si prevede di spendere per il completamento, con quali finanziamenti vengono coperte le spese relative all’intervento.   Umbertide cambia chiede anche di rendere conto circa l’integrità e la consistenza quantitativa del materiale a suo tempo acquistato (in particolare le traverse di legno).   Considerata la attuale inutilità dell’opera Umbertide cambia chiede infine se l’Amministrazione non ritenga opportuno sospendere i lavori di completamento, onde evitare altro spreco di denaro pubblico, nonché di destinare il finanziamento previsto per la messa a norma di tutti i marciapiedi e gli attraversamenti pedonali del comune, che sono difformi dalle norme in oltre metà dei casi. Difformità che sono aumentate negli ultimi anni sebbene la legge 5 febbraio 1992, n. 104, art, 24 comma 9, abbia ribadito l’obbligo di attuare il PEBA (Piano Eliminazione delle Barriere Architettoniche), integrandolo con i P.A.U. (Piani di accessibilità Urbana).

03/09/2014 16:25:57

Notizie » Società Civile Umbertide: torna la tombola dell'Aucc

Lunedì 8 settembre, in occasione della Festività del Patrono di Umbertide, torna come da tradizione la tombola di beneficenza promossa dall’Aucc. L’appuntamento è come sempre in piazza Matteotti alle ore 23 circa, al termine del concerto della banda cittadina. Sono oramai 25 anni che il Comitato di Umbertide dell’Aucc, Associazione umbra per la lotta contro il cancro, organizza l’iniziativa finalizzata a raccogliere fondi per sostenere le attività dell’associazione che da 28 anni offre assistenza oncologica domiciliare gratuita su tutto il territorio di Umbertide, Lisciano Niccone, Montone e Pietralunga, tutti i giorni, compresi i festivi, 24 ore su 24. Per 365 giorni l’anno l’Aucc costituisce infatti un punto di riferimento fondamentale per i tanti malati di cancro del territorio e le loro famiglie, fornendo loro assistenza medica, infermieristica, psicologica, fisioterapica e trasporto presso i centri di diagnosi e terapia. Nel 2013 il Comitato Aucc di Umbertide ha assistito a domicilio 147 pazienti, 77 uomini e 70 donne, attraverso i quattro infermieri professionali e le altre figure specialistiche, mentre sono stati 38 i pazienti mobilitati con il servizio di trasporto, per un totale di 16.414 km percorsi, e un costo complessivo di 72.143,22 euro. Risorse che sono il risultato della generosità dei cittadini ma anche del mondo del volontariato locale; anche quest’anno infatti alcune associazioni come il Vespa Club Fratta, l’associazione Pescasportivi e l’associazione Per sempre noi, hanno voluto sostenere l’Aucc, versando importanti contributi. Anche il ricavato della tombola andrà quindi a sostenere l’importante attività dell’associazione; per partecipare è necessario acquistare le cartelle al costo di 2,50 euro l’una. Tre i premi in denaro in palio: 100 euro per il terno, 300 euro per la cinquina e 600 euro per la tombola. 

03/09/2014 16:06:21

Cultura Umbertide: ingaugurate presso la Rocca le mostre di Giampaolo Monsignori e Massimiliano Poggioni

Sono state inaugurate sabato 30 agosto le due mostre “Melting Pot” di Massimiliano Poggioni e “L’arte illumina l’arte” di Giampaolo Monsignori allestite presso la Rocca – Centro per l’arte contemporanea e visitabili fino al 12 ottobre. Erano presenti anche il sindaco Marco Locchi e l’assessore alla Cultura Raffaela Violini insieme ad Ivano Alunni di Banca Mediolanum, sponsor della mostra di Poggioni. “E’ con piacere che la Rocca ospita la mostra di due artisti umbertidesi – ha affermato il sindaco Locchi – Poggioni è un artista già affermato, che con le sue opere ha portato il nome di Umbertide fino oltre i confini nazionali, per Monsignori si tratta invece di una piacevole novità. Questa mostra è il primo esperimento di una doppia esposizione, che vedrà la partecipazione anche di altri artisti locali protagonisti di una serie di eventi collaterali di musica e poesia che si svolgeranno nel mese di settembre. Un grazie infine ad Alunni per aver contribuito a sostenere l’evento”. “La Rocca si fa in due e di questo devo ringraziare Poggioni che ha aperto le porte a Monsignori dando vita a un grande evento di condivisione – ha aggiunto l’assessore Violini – Nei sotterranei della Rocca hanno trovato spazio le originali lampade di Monsignori, inserite in una location unica e suggestiva, mentre i piani superiori ospitano le opere grafiche e pittoriche di Poggioni, unite dal filo conduttore dell’essere umano e dei suoi sentimenti”.  “L’arte illumina l’arte” presenta le “ecogenioluci” di Monsignori, così definite in quanto opere che nascono da scarti di lavorazioni metalmeccaniche che vengono lavorati, assemblati e trasformati fino a dare vita a figure fatte più di vuoti che di pieni che lasciano filtrare la luce creando affascinanti incastri e geometrie. “Melting Pot” è invece suddivisa in due parti, una dedicata alle opere pittoriche che si soffermano sull’indagine dell’essere umano e dei suoi sentimenti, la seconda invece è composta dalle grafiche che nascono da una riflessione sulla società moderna e le sue contraddizioni, per un totale di 44 opere.

02/09/2014 19:37:05

Attualità » Primo piano Occupazione e imprese: gli impegni dell'Amministrazione comunale di Umbertide

Il Comune come motore attivo e volano di sviluppo per la ripresa economica di Umbertide. E’ l’impegno assunto dall’Amministrazione Comunale ed inserito nelle linee programmatiche della legislatura 2014-2019 illustrate dal sindaco Marco Locchi nel corso dell’ultima seduta di consiglio comunale. Obbiettivo primario l’individuazione di nuovi strumenti di finanziamento per le imprese; da anni infatti l’Amministrazione interviene con uno specifico capitolo di bilancio ma è necessario fare di più, puntando su nuove fonti di finanziamento e su collaborazioni con soggetti quali Regione, Sviluppumbria ed istituti di credito. In merito alle banche, l’Amministrazione è intenzionata a chiedere interventi concreti quali ad esempio il taglio sui costi dei servizi, ma sarà fondamentale anche promuovere sinergie con i vari livelli istituzionali al fine di promuovere momenti di incontro e dibattito tra istituzioni, banche e mondo delle imprese. Nei piani dell’Amministrazione Comunale c’è poi anche lo sviluppo di forme innovative di imprese, attraverso la realizzazione di un incubatore, che possa agevolare l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro;  si tratta nello specifico di un centro di sviluppo di idee imprenditoriali che agirà in stretto collegamento con le scuole, ed in particolare con l’istituto superiore “Leonardo Da Vinci” dove già da tempo opera con successo lo Sportello per l’imprenditoria giovanile, e le imprese del territorio, favorendo la ricostruzione del tessuto imprenditoriale locale e contribuendo a creare nuove realtà che sappiano legare tradizione ed innovazione. Sempre per favorire le imprese, nel programma di mandato è prevista l’attivazione in tempi rapidi della banda larga al fine di favorire l’accesso ad internet, e verrà approfondita la possibilità di poter usufruire delle varie forme di finanziamento previste dal bandi europei. Sul fronte del commercio inoltre per l’Amministrazione si vince se si fa sistema, quindi sarà necessario promuovere un percorso di forte innovazione della qualità del prodotto e delle tecniche di marketing, introdurre voucher tra varie attività, promuovere iniziative periodiche che sappiano attirare potenziali acquirenti e favorire la nascita di siti internet cooperanti e continuamente aggiornati.

02/09/2014 19:33:10

Attualità » Primo piano Umbertide: stage in corso per gli studenti del liceo Da Vinci

Sono in corso gli stage formativi dei ragazzi risultati vincitori del concorso “Lavoro sì, ma come?” organizzato dal Tavolo per l’imprenditoria giovanile, iniziativa promossa dal Comune di Umbertide, in collaborazione con Sviluppumbria, CIA, CNA, Confartigianato, Confesercenti, Confcommercio e Confindustria. L’iniziativa era rivolta agli studenti delle classi quarte dell’istituto “Leonardo da Vinci” di Umbertide  che, divisi in quattro gruppi, sotto il coordinamento di Aldo Manuali in rappresentanza del Tavolo per l’imprenditoria giovanile, sono stati chiamati ad elaborare un business plan in cui sviluppare la propria idea imprenditoriale.  Le idee vincitrici sono risultate essere “Il foro”, che si è classificata al primo posto, e “Di tutto di più”, che si è classificata seconda. La prima riguarda la ristrutturazione e il rinnovamento dei locali della Piattaforma, la seconda la realizzazione di un mercatino dell’usato che sfrutta le incredibili potenzialità delle più moderne piattaforme multimediali. I sette ragazzi vincitori del concorso – Giulio Ciocchetti, Niccolò Beccatini, Edoardo Torrioli, Michele Lucaccioni, Dario Pannacci, Nicola Ruiu, Alexander Piccioni - hanno quindi avuto la possibilità di partecipare a stage formativi retribuiti, in corso di svolgimento. Quattro ragazzi stanno effettuando lo stage presso l’Informagiovani, uno presso l’ufficio stampa del Comune di Umbertide, uno presso il centro per le energie rinnovabili “Mola Casanova” e uno presso lo Iat.I ragazzi si dicono soddisfatti dell’iniziativa e soprattutto dell’importante ponte che si è venuto a creare tra scuola e mondo del lavoro.

02/09/2014 19:29:17

Attualità » Primo piano La cavallina albina alla Mostra del Cavallo di Città di Castello

La cavallina “albina” sarà ospite della 48^ Mostra Nazionale del Cavallo di Città di Castello, che si terrà dal 12 al 14 settembre alla Fattoria Autonoma Tabacchi di Cerbara. Dopo il mini-tour nei principali ippodromi del trotter estivo, la cavallina “bianca”, unica in Europa pronta a scendere in pista, farà passerella, sabato 13 settembre, anche alla manifestazione tifernate. Ad accompagnarla saranno il proprietario, il noto allevatore di cavalli da trotto di Assisi, Sergio Carfagna, padre Danilo Reverberi, frate francescano, vero e proprio “team manager” della scuderia. La cavallina “albina”, che sta facendo letteralmente impazzire il “web” e sta mobilitando la scienza a livello internazionale, guadagnandosi prime pagine su quotidiani nazionali e Tg, sarà protagonista, assieme a “mamma” Melodiass (il papà è Gruccione Jet, come la madre trottatore di lungo corso), di una giornata in Mostra accanto ai mille splendidi esemplari di tutte le razze che sono iscritti quest’anno alla rassegna. Ora anche la scienza si occupa della cavallina “albina”, nata fra lo stupore generale lo scorso 4 aprile nell’allevamento di Sergio Carfagna ad Assisi, in uno scenario mozzafiato ai piedi della Basilica di San Francesco. Rincorsa dai media di tutta Europa (anche siti web americani specializzati si stanno facendo avanti), corteggiata come una star dagli ippodromi che la vogliono in pista per una passerella, omaggiata da continue visite di famiglie e bambini in scuderia, la cavallina “bianca” è seguita con scrupolo e attenzione, da mesi, dallo staff del professor Maurizio Silvestrelli, ordinario per la “Zootecnia generale e miglioramento genetico”, presso la facoltà di Medicina e Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia e direttore del Centro Studi del Cavallo Sportivo, riferimento nazionale per tutto il settore allevatoriale e per il mondo delle corse. “La puledra bianca nata ad Assisi è un caso raro ed unico nella razza del Trottatore Italiano”, spiega Silvestrelli, che evidenzia come “i cavalli bianchi nascono, raramente, in tutte le razze, ma, per i Trottatori a livello internazionale, sono riportati solo due casi nello Standardbred: una femmina nata nel 1998 in Ontario (Canada) e un maschio nato il 6 maggio 2012 nel New Jersey (USA)”. “La definizione di bianco nel cavallo – prosegue il professor Silvestrelli - è molto spesso utilizzata in maniera errata in quanto, nella stragrande maggioranza dei casi, viene comunemente definito bianco un cavallo che in realtà è grigio”. “La confusione nasce dal fatto che spesso si focalizza l’attenzione solo sulla presenza di peli bianchi diffusamente distribuiti sull’animale: ciò è fortemente limitativo e fuorviante”. “Nel caso della cavallina di proprietà dell’allevamento di Sergio Carfagna – puntualizza l’esperto - il gene candidato ad essere il responsabile del colore del mantello è il KIT”. “I ricercatori del Centro di Studio del Cavallo Sportivo del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Perugia stanno testando le diverse mutazioni, utilizzando le innovative tecniche molecolari che richiedono la massima precisione ed attenzione e comportano quindi tempi piuttosto lunghi di analisi”, conclude Silvestrelli. “Ho accettato subito il cordiale invito del Presidente della Mostra nazionale del cavallo, Fausto Bizzirri – ha precisato Carfagna – essere in questa prestigiosa manifestazione con la cavallina bianca, che sta diventando il simbolo della rinascita dell’ippica e dell’allevamento, è motivo di orgoglio e soddisfazione”. “L’allevamento umbro non teme confronti, siamo pronti a fare la nostra parte con l’aiuto delle istituzioni e delle associazioni di categoria”, sottolinea Carfagna. Particolare curioso: la cavallina “bianca” avrà lo stesso paddock e la medesima sistemazione logistica che furono riservati due anni al mitico “Varenne”, il “Capitano”, che alla Mostra di Città di Castello registrò un vero e proprio bagno di folla.

31/08/2014 20:30:57

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy