Notizie » SLIDER Giornate Fai di primavera ad Umbertide. Visite alla Badia e alla Tenuta di Montecorona

Anche quest'anno il Gruppo Fai di Umbertide partecipa alle “Giornate Fai di primavera”, l'iniziativa giunta alla XXII edizione che si terrà sabato 22 e domenica 23 marzo. Per due giorni alcuni gioielli del patrimonio storico, artistico e architettonico del Belpaese, come chiese, palazzi, aree archeologiche, ville, borghi e giardini, per di più sconosciuti al grande pubblico, apriranno o riapriranno le porte a tutti coloro che vorranno conoscere più da vicino le bellezze del nostro territorio. Tra i beni che sarà possibile visitare in Umbria ci sono anche la Badia e la Tenuta di Montocorona, dove verranno organizzate visite guidate, curate anche quest’anno da “apprendisti ciceroni”, studenti dell'istituto superiore “Leonardo Da Vinci” che da anni aderisce all’iniziativa che consente ai ragazzi di entrare a contatto con il proprio territorio e di conoscere pezzi importanti della nostra storia e cultura. La millenaria Badia di San Salvatore di Montecorona con la sua Tenuta agricola, ben 2.000 ettari di terreno dove si coltivano, tra l’altro, anche le famose pesche di Montecorona, aprirà i battenti sabato 22 dalle ore 15 alle ore 18 e domenica 23 dalle ore 10 alle ore 13 e dalle ore 15 alle ore 18; in quest’occasione i visitatori saranno accompagnati dagli apprendisti ciceroni che ne illustreranno le caratteristiche sia in italiano che in lingua inglese. Sabato mattina sono inoltre previste visite guidate riservate alle scuole mentre per tutta la durata delle Giornate Fai di Primavera sarà possibile visitare anche “Montecorona: un’Azienda…storia, cultura, folclore”, mostra fotografica e documenti della storia della Tenuta di Montecorona. Il Gruppo Fai di Umbertide ringrazia studenti, docenti e dirigente scolastico dell’istituto “Leonardo Da Vinci”, don Renzo Piccioni Pignani parroco di Montecorona, Sai Agricola spa – Tenuta di Montecorona, il Comune di Umbertide, Roberto Zampieri, Fausto Fiorucci, Fabrizia Barbagianni, Giuliano Sabbiniani e tutti i volontari del Fai. 

22/03/2014 16:14:30

Notizie » SLIDER L'artista umbertidese Potsy sensibilizza le scuole

3’ B (indirizzo Chimica e biotecnologie ambientali) dell'istituto superiore Franchetti Salviani di Città di Castello ha incontrato venerdì scorso l'artista di Umbertide Pierluigi “Potsy” Monsignori. La sezione in particolare frequenta corsi rivolti alle tematiche ambientali dell'inquinamento e del risanamento ambientale; studia le biotecnologie rivolte al miglioramento ambientale e al controllo, nonché ad una sua migliore gestione e fruibilità. Ecco allora, da tempo, i ragazzi seguono progetti rivolti al riciclaggio. Ma la “lezione” dell'artista ha avuto uno sviluppo ben diverso. In sostanza è stato uno smuovere le coscienze dei ragazzi verso il non produrre rifiuti, non tanto nel porre rimedio al loro smaltimento. Pierluigi ha fatto toccare con mano quello che effettivamente produciamo... in senso di rifiuti. Il viaggio scolastico ha toccato le tappe fondamentali del lavoro di Pierluigi, le mete italiane e quelle europee, fino al parlamento italiano e quello europeo a Bruxelles. La docente Liliana Mascolo, che ha organizzato l'incontro, è stata molto soddisfatta delle dinamiche della giornata e dell'interesse dei ragazzi. Sono sorti numerosi spunti per gli studenti, nuove prospettive e idee da sviluppare durante l'anno scolastico, ma non solo. Un futuro futuribile (per usare le parole di Pierluigi) da portare fuori e dentro la scuola. Non solo perché le tecniche ambientali sono il futuro lavorativo di questi ragazzi, ma proprio perché a nessuno di noi piace trovarsi davanti la porta di casa e per la strada, tonnellate di rifiuti coi quali convivere. La scuola affianca le famiglie nella sensibilizzazione sociale e nel formare coscienze, anche attraverso l'arte e quello che essa comunica oggi nella nostra società. Potsy, attraverso le sue ecoballe, riesce di volta in volta a comunicare il senso odierno dei non valori, quelli che andrebbero cambiati. Dal consumismo disinteressato ai valori morali, agli affetti quotidiani. Insomma, i ragazzi avranno proprio da lavorare per il loro futuro rivolto ad un'eco-coscienza ed un'eco-consapevolezza. Dopo tutto,  la plastica, il polimero in senso proprio, ha rinnovato la vita e lo sviluppo, è stata una rivoluzione vera e propria; ma è diventata un'involuzione proprio sotto i nostri occhi.  L’installazione di Potsy sarà ospitat

22/03/2014 14:52:33

Notizie » Politica Il PdCI di Umbertide: unire la sinistra del centro- sinistra

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Partito dei Comunisti Italiani di Umbertide Il Partito dei Comunisti Italiani di Umbertide ha deciso la  propria collocazione in vista delle prossime elezioni amministrative  all’interno della coalizione di centro-sinistra che esprime Marco Locchi come candidato a sindaco. Questa decisione è maturata dopo aver constatato la condivisione di alcuni temi, come ad esempio il mantenimento del livello dei servizi erogati ai cittadini; una maggiore equità sui tributi richiesti; sostegno alle politiche sociali, ai lavoratori ad ai giovani, che hanno trovato spazio nel programma del centro- sinistra grazie al contributo del PdCI. Abbiamo chiesto inoltre la massima trasparenza nel funzionamento della macchina pubblica e nuove forme  di coinvolgimento dei cittadini nelle scelte importanti per la città. Il nostro partito, in questi giorni, sta valutando la possibilità di creare una unica lista insieme a Rifondazione Comunista, al fine di dare rappresentanza politica a tutti i comunisti e all’intera sinistra umbertidese. Infatti l’obiettivo è quello di non giocare il ruolo di semplici portatori d’acqua per la coalizione, ma di contare e di poter incidere sulle scelte che dovranno essere prese nei prossimi cinque anni. Da qui la necessità di unire le nostre forze con altri partiti come il Prc che condividono i nostri stessi ideali e di aprire  la nostra lista a tutti coloro che si ispirano ai valori della sinistra. Partito dei Comunisti Italiani- Sezione di Umbertide

21/03/2014 18:08:50

Notizie » Politica M5S Umbertide: incontra cittadini, commercianti e PMI

RICEVIAMO DAL M5S E PUBBLICHIAMO Pensare al bene del proprio paese, mettendo a disposizione il proprio impegno, fa di noi delle persone capaci solo di protestare, prive di qualsiasi buon progetto? Crediamo che sia un’immagine riduttiva e semplicistica quella che alcuni vogliono dare del M5S, e specificamente del M5S di Umbertide; ci pare che ad oggi siamo gli unici ad aver proposto un programma che ha fatto una lettura reale di quella che è la situazione del nostro paese, guardando anche a quella che sarà la situazione futura. Facile non entrare nel merito ed etichettare un movimento di gente pulita, nuova e anche competente (perché non ci riteniamo degli incapaci) dei sovvertitori dell’ordine. Per noi conta non l’ideologia, ma il cittadino, non le belle parole, che riempiono la bocca, ma le proposte, i progetti, rendere concrete le buone idee. A tal proposito mercoledì 26 marzo alle ore 21,00 presso la Residenza Balducci, in via dei Patrioti, organizzeremo un incontro aperto a tutta la cittadinanza per presentare un nostro progetto, una proposta concreta che mira a risollevare le sorti della piccola economia locale e che vuole coinvolgere tutte le persone perché ognuno si senta partecipe della  rinascita economica del proprio paese, perché si torni a sentire quella solidarietà che un tempo legava i cittadini e che ormai sembra essersi assopita.  Siamo aperti al confronto e allo scambio di idee per miglioraci e perfezionare le nostre iniziative proprio perché crediamo nella partecipazione, quella vera. Siccome non abbiamo la superbia di ritenerci portatori di un bagaglio conoscitivo più solido di qualsiasi altro individuo ci affianchiamo a persone esperte, che ci sappiano consigliare, come il dott. Maurizio Gustinicchi, consulente aziendale, managing director, articolista di temi macroeconomici e co-fondatore del gruppo “Economia 5 Stelle”, che interverrà al nostro incontro di mercoledì. Le nostre proposte nascono dal basso , pensate e create da e per i  cittadini, noi non vogliamo metterci su dei piedistalli, ma preferiamo restare in basso a parlare con la gente. Pavoneggiarsi sulle alte colline dell’autoreferenzialità lo lasciamo ad altri.   Movimento 5 Stelle Umbertide

21/03/2014 15:19:09

Notizie » SLIDER Il candidato sindaco Claudio Faloci si presenta

Una partecipata assemblea della lista civica "Umbertide cambia" per presentare le diverse tappe di avvicinamento all'elezione amministrative di maggio. Il candidato sindaco Claudio Faloci ha voluto chiarire, prima dell'ufficiale presentazione di sabato mattina, i metodi e il merito della sua candidatura, incontrando i rappresentanti di lista, sostenitori e mettendo in evidenza le priorità. Ha chiarito il ruolo civico della lista, "una forza tranquilla" per il cambiamneto della città, e la sostanza politica. Ha ribadito, come uomo di Stato (vice prefetto), che la sua competenza e indipendenza, sarà messa a disposizione di un cambiamento nei fatti e nello stile di fare amministrazione. Stefano Conti, uno dei promotori di "Umbertide cambia" che introdotto l'inocntro, ha ricordato i principi base della lista, che antepone il bene comune agli interessi personali e politici di una classe dirigente ormai chiusa in se stessa. Conti ha ribadito il carattere riformista , di competenza e il profilo di responsabilità dell'operazione elettorale. Una forza non antagonista ma per il cambiamento, diversa dal M5S (solo protesta) e dal Pd (totalemte chiuso alle riforme). Anche i candidati della lista sono persone di alta professionalità come l'avvocato Agea, che ieri sera è intevenuto, e la la ricercatrice universitaria dott.ssa Bartolini Alessia, che ha ricordato che la politica  è soprattutto servizio, come offre la lista Umbertide cambia. Faloci, Conti e Bartolini.

20/03/2014 17:24:32

Notizie » SLIDER L'artista Scassa dona l'arazzo con il gonfalone di Umbertide

l Comune di Umbertide ha ricevuto in dono dall’artista Ugo Scassa, protagonista della mostra “Scassa Arazziere – L’Arazzeria di Asti” allestita nell’estate 2010 alla Rocca- Centro per l’Arte Contemporanea, un arazzo raffigurante il Gonfalone di Umbertide. In segno di gratitudine per la mostra organizzata ad Umbertide in occasione del cinquantenario della sua arazzeria, l’artista astigiano ha infatti voluto omaggiare la città con lo ha ospitato con un’opera unica nel suo genere, un arazzo, di dimensioni 142 x 129 cm, “ad alto liccio” in lana, che è la forma prima e più nobile della tessitura ad arazzo oltre ad essere la più lunga, dal momento che per tessere un metro quadrato di arazzo occorrono in media 500 ore di lavoro). L’Arazzeria Scassa ha iniziato la propria attività ad Asti, per volere del suo fondatore Ugo Scassa, nel 1957, come laboratorio di annodatura a mano di  tappeti ed ha esordito, nel 1960, come manifattura di arazzi ad "alto liccio"; dal 2002 è stato istituito anche il Museo degli Arazzi Scassa, dove è possibile ammirare una raccolta unica, a livello internazionale, per numero di arazzi e per importanza degli artisti che hanno realizzato i bozzetti, tra cui Corrado Cagli, Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Renato Guttuso,  Umberto Mastroianni, Mirko Basaldella, Luigi Spazzapan, Emilio Vedova, Salvador Dalì, Max Ernst, Vasilij Kandinskij, Paul Klee, Henri Matisse, Joan Mirò e l’architetto Renzo Piano. L’arazzo raffigurante il Gonfalone del Comune di Umbertide verrà collocato nella Sala Consiglio della Residenza Comunale.

20/03/2014 11:29:17

Notizie » Politica Sel: la nostra scelta politica per Umbertide cambia

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO IL COMUNICATO DI SEL UMBERTIDE Sinistra Ecologia e Libertà Umbertide ha, in questi mesi, posto in essere consultazioni con tutte le forze politiche, i movimenti e le associazioni della città in vista delle prossime elezioni amministrative per effettuare una scelta politica condivisa e che rispettasse le istanze di cui ci siamo fatti portatori, quale nuova sinistra umbertidese moderna e distaccata dalle vecchie logiche che hanno pervaso la politica di tutta Italia. Il periodo storico che si è aperto a seguito della crisi economica del 2008 ha posto al centro delle richieste dell'opinione pubblica verso la politica di tutti i livelli, un vero e proprio cambio di marcia che ponesse fine a vetuste idee di apparato, clientelismo e appartenenza. Abbiamo posto al centro del dibattito che si è instaurato, i concetti di legalità, trasparenza e meritocrazia richiamando tutte le forze politiche ed i movimenti a farsene sani portatori per un dovere costituzionale, istituzionale e di rispetto verso i cittadini e gli elettori. Abbiamo richiesto che al centro del percorso che ci conduceva verso le elezioni fossero rimessi i programmi e non la politica dell'insulto, del disfattismo e dello “scambio di poltrone”. Proprio per questo, già nei nostri precedenti comunicati, avevamo affermato l'idea che, seppur rappresentanti di un elettorato di centrosinistra, non eravamo parte a priori di nessun “contenitore” politico e che avremmo dato il nostro appoggio a quelle forze che realmente e con i fatti si fossero impegnate verso un reale senso di cambiamento. Per un simile obbiettivo saremmo  stati disposti a rinunciare a tutto: al nostro simbolo, alla riconoscibilità, alla certezza di una poltrona. Non ci interessano! Ci interessa il programma che per i prossimi cinque anni sarà il faro di questa città. E per far questo abbiamo portato le nostre idee ed i nostri punti programmatici di rinnovamento e cambiamento alle forze politiche per vedere chi fosse disposto ad impegnarsi in un cambio di rotta definitivo. A capire chi volesse prendere quella che abbiamo definito “La Strada Giusta”. La scelta  di non aderire alla coalizione di centrosinistra formata da PD, PSI, Rifondazione Comunista e PCI è scaturita da una mancata adesione  alle nostre proposte di cambiamento sia politico che di percorso programmatico; in particolare non abbiamo trovato condivisibile il modus operandi che ha condotto alla scelta di Marco Locchi come candidato sindaco sia perché inevitabilmente legato ad un vecchio modo di far politica, sia perché attuata mediante l'annuncio di primarie che di tale hanno avuto solo il nome, dimostrandosi una pantomima di cui tutti erano coscienti sin dall'inizio. Per quanto la persona di Marco Locchi sia rispettabile, non siamo riuscito a non guardarlo come il frutto di un accordo tra tre correnti del PD che fino a mesi fa erano completamente spaccate e che fino ad una settimana fa si inveivano contro in ogni comunicato. Un accordo di cui non sappiamo i contenuti, ma che ragionevolmente pensiamo non si fondi sul programma. Sulle  basi valoriali che abbiamo già espresso,abbiamo accettato di renderci parte attiva nel percorso di cambiamento lanciato dal movimento Umbertide Aperta e che ha portato alla formazione della lista civica “UMBERTIDE CAMBIA”, a cui daremo il nostro contributo in termini di contenuti e valori e per cui ci impegneremo con persone e mezzi, senza logiche di apparato o appartenenza, tanto che rinunciamo per tale impegnativo obiettivo alla presentazione del nostro simbolo. La proposta di candidare a sindaco un soggetto di elevata competenza, professionalità ed esterno a qualsiasi formazione politica, quale il viceprefetto di Fermo e cittadino umbertidese Claudio Faloci e quella di avanzare candidati nuovi alla scena politica e di ampia capacità ognuno nel suo settore ci ha dato le basi per aderire. Il programma costruito e condiviso ci ha, infine, reso parte integrante del progetto,alla cui presentazione pubblica parteciperemo con convinzione ed entusiasmo,certi di contribuire così alla crescita ed al cambiamento che questa città merita.

20/03/2014 08:44:56

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy