Attualità » Primo piano Le precisazioni dell'Amministrazione comunale di Umbertide sulla vendita di un terreno al centro islamico

L'Amministrazione comunale di Umbertide, attraverso un comunicato, compie delle precisazioni sulla vendita di un terreno all'Associazione Islamica Umbertide in zona Madonna del Moro. "In merito alla questione della vendita di un terreno in zona Madonna del Moro all’Associazione islamica Umbertide- afferma l'Amministrazione- sono state fatte affermazioni dettate presumibilmente più dalla necessità di fare campagna elettorale che dallo stato reale delle cose. Non corrisponde infatti al vero l’affermazione secondo la quale l’area sarebbe stata svenduta; come è stato chiaramente spiegato in sede di Consiglio Comunale, il lotto acquistato è costituito da una zona edificabile e da una zona destinata a parcheggio e, come dovrebbe essere noto, le aree hanno costi differenti. L'area edificabile, pari a 1.401 mq, ha un valore di 70 euro al mq per un importo complessivo di 97.200 euro, valore ragguardevole, specie se rapportato alla SUC realizzabile, che tutto fa pensare meno che ad una svendita; l’area destinata a parcheggio invece, di 448 mq, ha  un costo pari a 19,20 euro al mq, per un importo complessivo di 8.600 euro. Inoltre, a differenza da quanto affermato da talune forze politiche e movimenti civici, l'argomentazione relativa alla stasi del mercato immobiliare non è stata posta a “giustificazione” della vendita del terreno. Tale elemento di analisi è stato preso in considerazione non per la vendita del lotto, avvenuta tramite asta pubblica, alla quale tra l'altro avrebbe potuto partecipare chiunque, ma soltanto per valutare la successiva richiesta dell’associazione islamica finalizzata all'assegnazione di una seconda rata di terreno in ampliamento alla prima. E' del tutto infondato quindi parlare di regali o di procedure di assegnazione eludenti l'evidenza pubblica. Si ribadisce inoltre che alla data odierna non è stato presentato alcun progetto da parte del proprietario dell’area pertanto le affermazioni apparse sulla stampa riguardanti la nascita di una moschea risultano del tutto infondate, dettate per lo più da esigenze propagandistiche di carattere elettorale. Si ricorda anche che oggi il “Centro Culturale Islamico di Umbertide” utilizza per le proprie attività alcuni locali posti all’interno dell’immobile “ex manifattura tabacchi” lungo via Battisti i quali vengono segnalati non più adeguati ed idonei alla loro funzione di ritrovo. La soluzione prospettata con l’area di Via Madonna del Moro intende quindi far fronte a tale necessità, dal momento che l’area acquistata consente solo ed esclusivamente la realizzazione di una struttura di tipo ricreativo/culturale, che è cosa ben diversa da una moschea."

15/04/2014 13:48:45

Notizie » Società Civile Grande successo per il primo Giro Turistico in Alto Tevere di auto, vespe e moto storiche

Domenica 13 Aprile 2014 si è tenuto il 1° Giro Turistico in Alto Tevere,passeggiata in auto, vespe e moto storiche. L'evento è stato organizzato dall'A.I.A.C (Associazione Italiana Automotoveicoli Classici) di Perugia in collaborazione con il Vespa Club Fratta Umbertide ed il Vespa Club Città di Castello. I Mezzi si sono ritrovati presso la Città della Domenica (PG) dove dopo le iscrizioni e la colazione si sono diretti verso il centro di Montone passando per Umbertide. A Montone ad accogliere i partecipanti c'erano il Sindaco di Umbertide Marco Locchi ed il Sindaco di Montone Mariano Tirimagni insieme ai quali gli appassionati dei mezzi d'epoca hanno potuto visitare gratuitamente il bellissimo Museo San Francesco per poi degustare l'aperitivo in piazza a Montone offerto dai bar "Antica Osteria"e "Aries Cafè". La mattinata è terminata con il pranzo presso il ristorante il Boschetto" a Città di Castello dove si sono effettuate le premiazioni ed i ringraziamenti finali. è stata una bellissima esperienza la quale ha avuto un ottimo riscontro fra i presenti, ed ha visto consolidarsi una già affiata amicizia fra i Vespa Club Fratta Umbertide, Città di Castello e l'associazione A.I.A.C di Perugia che è stata ribadita al termine del pranzo dai rispettivi presidenti Massimo  Bifolchi(V.C fratta) Lilo Lazzaro Gaudenzi-Fiorucci (V.C Città di Castello) Dario DI Bello (A.I.A.C) che si sono dati appuntamento per ripetere l'evento al prossimo anno.    

15/04/2014 12:37:20

Attualità » Primo piano C. di Castello. Algerino arrestato dai Carabinieri per spaccio di droga

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia Città di Castello, l’altro ieri mattina hanno arrestato un cittadino algerino di 29 anni. L’uomo era ricercato da un paio di settimane poiché colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Perugia su richiesta della Procura della Repubblica. Il provvedimento è giunto a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dagli uomini dell’aliquota operativa, che nel 2013 aveva attenzionato un gruppo di nordafricani dediti allo spaccio di stupefacenti nel centro storico di Città di Castello. L’indagine ha permesso di portare alla luce una consolidata e remunerativa attività di spaccio condotta in via principale da due pregiudicati algerini, da diverso tempo domiciliati in città. I servizi di osservazione e pedinamento avevano permesso di effettuare numerosissimi recuperi di stupefacente e di identificare decine di clienti, quasi tutti giovani del posto. I due spacciatori agivano soprattutto nei pressi di Piazza Gabriotti e nei vicoli limitrofi, nonché lungo le sponde del Tevere. Da qui il nome dell’operazione: “RIVER”. In seguito all’emissione delle ordinanze di custodia cautelare, circa due settimane fa i Carabinieri del N.O.RM. avevano arrestato uno dei due malviventi, B.S., di 39 anni. L’uomo, che per il suo atteggiamento violento ed aggressivo era considerato particolarmente pericoloso anche dai suoi stessi connazionali, venne arrestato a Città di Castello e si trova tuttora in carcere. Il secondo indagato, B.M., anch’egli con precedenti di Polizia, riuscì a sottrarsi alla cattura poiché nel frattempo, temendo un imminente arresto, si era allontanato da Città di Castello nonostante una compagna italiana e la loro figlia. I Carabinieri, grazie ad una approfondita attività info-investigativa ed a pedinamenti, in poco tempo sono riusciti a localizzarlo a Napoli. Alcuni militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Città di Castello si sono recati nel capoluogo campano dove, in collaborazione con gli uomini della Compagnia Napoli Stella, hanno effettuato mirati accertamenti ed indagini finalizzati all’individuazione del ricercato. Sabato mattina i Carabinieri lo hanno individuato nei pressi della stazione ferroviaria di Piazza Garibaldi da dove era in procinto di partire per il nord Europa. E’ stato quindi bloccato ed ammanettato. Si trova attualmente recluso presso il carcere di Poggioreale in attesa dell’interrogatorio di garanzia.

14/04/2014 12:22:56

Attualità » Primo piano Moschea ad Umbertide. L'intervento del consigliere di Fratelli d'Italia Monni

Fratelli d'Italia - AN, con il consigliere Monni, ha interrogato il sindaco Locchi in ordine alla realizzazione della moschea, chiedendo, in particolare, se l'Associazione aggiudicataria dell'asta pubblica ha  intenzione di realizzare un edificio destinato al culto e se ha già presentato il progetto tecnico. "Abbiamo avuto a sapere- dichiara il consigliere Monni- che il lotto non è destinato a tale finalità e che nessun incartamento per ora  è stato depositato in comune. Siamo fermamente contrari alla realizzazione della struttura che, con tutta evidenza, sarà destinata alla preghiera, per un duplice ordine di motivi. È paradossale ritenere che nell'area industriale si dovesse prevedere un'area ludico ricreativa se non per soddisfare e privilegiare taluno. Ed è vergognoso confondere l'apertura culturale, che certamente deve esservi, con la prostrazione ad una cultura, quella islamica, con la quale non abbiamo reciprocità di condizioni. Basti pensare che nei paesi di fede mussulmana non ci è sempre consentito realizzare edifici di culto, ci viene negato il diritto alla preghiera in pubblico e subiamo troppo spesso atrocità e persecuzioni fisiche. Umbertide- conclude il consigliere di Fratelli d'Italia- deve mettere al centro dei suoi interessi gli Umbertidesi e i loro bisogni, conservare la nostra cultura e la nostra tradizione, poiché preservare non significa predicare il razzismo ma dare precedenza alla nostra gente che da circa venti anni pare avere sempre il secondo posto." 

14/04/2014 10:57:00

Notizie » SLIDER Comune Umbertide: no al depotenziamento dei servizi sanitari

In merito alla situazione della sanità locale, l’Amministrazione Comunale di Umbertide dichiara quanto segue: “I servizi sanitari di Umbertide e dell’Alto Tevere non possono e non devono essere depotenziati. Nonostante l’inevitabile processo di riorganizzazione e razionalizzazione previsto dalla riforma sanitaria regionale, dobbiamo difendere con forza l’elevato livello qualitativo e quantitativo raggiunto nel nostro sistema sanitario, facendo sì che il presidio ospedaliero di Città di Castello – Umbertide continui a svolgere l’indispensabile ruolo di polo dell’emergenza-urgenza. La carenza di risorse e i continui tagli ai trasferimenti statali obbligano a rivedere l’intero sistema sanitario umbro, ma questo non può in alcun modo mettere a repentaglio il diritto, sacrosanto, alla salute dei cittadini. In merito all’ospedale di Umbertide, la struttura è riuscita fino ad oggi ad offrire servizi di eccellenza, come la chirurgia plastica che  vanta un peso medio del DRG chirurgico (vale a dire l’indice oggettivo dell’importanza dell’intervento) superiore agli altri nosocomi dell’Asl 1. Inoltre nel 2013 nel reparto di medicina generale sono stati effettuati ben 923 ricoveri con un alto tasso di occupazione dei posti letto che, a partire da aprile, verranno potenziati con l’attivazione di 12 posti di RSA (Residenza Sanitaria Assistita). In merito alla spesa sanitaria, l’ospedale di Umbertide non può essere considerato un “peso”, anzi: Umbertide risulta il presidio ospedaliero dell’Alta Umbria che registra la performance migliore in termini di mobilità attiva, come dimostra il numero di interventi su pazienti provenienti da fuori Asl, passati dai 577 del 2008 ai 969 del 2012, con un fatturato positivo di oltre 6.000.000 di euro. Certo, anche ad Umbertide si riscontra qualche difficoltà, come ad esempio per la prenotazione, diventata obbligatoria, per l’accesso al punto prelievi, ma il personale addetto è riuscito a gestire nel migliore dei modi la nuova fase, continuando a garantire un servizio efficiente e di qualità ed impegnandosi a ridurre al minimo i disagi per gli utenti”.   L’Amministrazione Comunale di Umbertide  

14/04/2014 10:41:47

Attualità » Primo piano Avanzamento opere pubbliche ad Umbertide. L'Amministrazione comunale fa il punto della situazione

Nel corso della ultima seduta di Consiglio Comunale, in risposta ad un’interpellanza presentata dal Gruppo consiliare del Pd, l’Amministrazione Comunale ha illustrato lo stato di avanzamento degli interventi che erano stati inseriti nel bilancio di previsione 2013 approvato lo scorso luglio. In merito alle opere finanziate con il mutuo sottoscritto in sede di approvazione del bilancio di previsione di importo pari a 756.855 euro, sono stati portati a compimento i seguenti interventi: rinnovo finiture interne ed esterne degli spogliatoi del campo sportivo Usu (30.000), completamento Puc 2 “Forum urbano nel parco”, che è stato inaugurato lo scorso 15 febbraio (234.133), riparazione danni alla sponda del Tevere a seguito degli eventi di piena (22.092). Sono inoltre in corso gli interventi di manutenzione straordinaria sulla viabilità e sul patrimonio pubblico, di un valore pari a 250.000 euro, che hanno permesso il rifacimento degli asfalti di molte vie della città (i lavori, iniziati il 24 febbraio, sono ora sospesi per consentire la posa delle fibre ottiche e riprenderanno a maggio), ma anche il completamento dell’impianto di illuminazione dell’antistadio di Pierantonio, la sistemazione di un’aula della scuola di Verna da destinare ad attività di vita associativa, l’adeguamento degli spogliatoi dell’impianto sportivo di Spedalicchio, la ripulitura del fosso Rio e, nelle prossime settimane, l’installazione di tre punti luce a Montecastelli. Inoltre sono iniziati il 26 febbraio i lavori di riqualificazione urbana del borgo di Preggio consistenti nella ristrutturazione delle pavimentazioni delle due piazze, dell’illuminazione e della rete sentieristica, che termineranno entro maggio (53.460); sono stati invece aggiudicati l’8 aprile scorso i lavori per il recupero e la rifunzionalizzazione dei locali dell’ex biblioteca e dell’archivio storico presso il Centro San Francesco per i quali era stato ottenuto un finanziamento dalla Regione pari a 180.000 euro (per tale intervento il Comune ha stanziato ulteriori 43.375 euro) mentre sono in corso i lavori di adeguamento alle nuove norme di prevenzione incendi presso il Centro museale di piazza Marx (25.000 euro). Infine si sta espletando la gara per la sistemazione degli infissi esterni dell’asilo nido comunale (15.000 euro), è in corso di affidamento la progettazione esecutiva per l’intervento di eliminazione delle barriere architettoniche da via Forlanini al centro storico (35.346 euro) mentre è in fase di elaborazione la progettazione esecutiva per la realizzazione di un impianto fotovoltaico sulla copertura dell’edificio ex tabacchi (46.449 euro). In merito al Piano triennale delle opere pubbliche, per il 2014 è previsto il completamento del raccordo ferroviario di Pierantonio per il quale il Comune è in attesa dell’assegnazione definitiva del contributo da parte della Regione per poi procedere alla gara d’appalto (590.000 euro), è in corso la gara per l’intervento di prevenzione del rischio sismico sul magazzino comunale (187.610 euro finanziati dalla Regione), è avvenuta il 31 marzo scorso la consegna dei lavori per l’intervento di adeguamento sismico della scuola primaria di Pierantonio che verrà completato entro l’estate (150.000 euro finanziati con fondi Por-Fesr), è in avanzata fase di realizzazione il completamento delle opere di urbanizzazione dell’area Pip di Pierantonio (445.000 euro) ed è prevista anche la realizzazione di un edificio da destinare ad attività lavorative per finalità sociali legate all’handicap, intervento vincolato alla vendita di un lotto di terreno (250.000 euro). 

14/04/2014 10:04:56

Attualità » Primo piano Acqua&Sapone ad un passo dall'impresa

Un’impresa sfumata proprio all’ultimo respiro, con il buon sapore della vittoria che ormai iniziava ad addolcire le labbra per poi repentinamente lasciare posto all’amaro fiele della sconfitta. È mancata solo una manciata di secondi ad Acqua&Sapone Umbertide per portare a casa quello che sarebbe stato un successo straordinario date le circostanze. E invece è arrivato un k.o. che suona davvero beffardo, e poco consola che a parti invertite il finale di gara-1 sia stato simile. Ragusa si porta così avanti 2-1 nella serie, ma il risultato è, seppur pesante, forse l’unica nota negativa di una partita nella quale le ragazze umbre probabilmente non potevano dare di più. Ai problemi di stanchezza e ai tanti acciacchi fisici lasciati in eredità dall’intensissimo calendario delle ultime settimane, si è aggiunta l’assenza di Black: rotazioni ancora più corte quindi per coach Serventi e gestione delle scarse energie rimaste di conseguenza sempre più complicata. L’avvio di gara è scoppiettante, con entrambe le squadre che trovano il canestro con grande facilità. Ragusa va a segno con Gatti, ma Fontenette risponde subito con una tripla, Malashenko riporta avanti le padrone di casa ma subito Consolini mette ancora una conclusione dalla grande distanza, subito imitata però dal lungo ucraino che immediatamente comincia a produrre punti. Putnina subisce il fallo di Walker e con il 2/2 dalla lunetta sigla il 7-8. La statunitense di Ragusa si fa perdonare con due canestri consecutivi, il primo dei quali con fallo subito e libero supplementare convertito. Le locali salgono così 12-8 sfruttando in questa fase soprattutto un predominio a rimbalzo abbastanza marcato. Putnina però con un gioco da 3 punti riavvicina le ospiti e Consolini completa il sorpasso sul 12-13. Gorini risponde a Malashenko e lo stesso fa Putnina dalla lunetta a Gatti. Wabara però trova il bersaglio e dà un nuovo vantaggio a Ragusa, che poi con la tripla di Galbiati allunga sul 21-17 che conclude il primo quarto.     Il secondo parziale si apre con Malashenko che risponde a Fontenette e poi con un altro canestro da dietro l’arco di Galbiati e la marcatura di Gatti che valgono il 28-19, massimo vantaggio Raguso e primo tentativo di fuga. Potrebbe essere un colpo da k.o. vista la qualità espressa in questa fase dalle padrone di casa e considerata la situazione di Umbertide, che invece da questo schiaffo trova la forza di reagire. Gorini suona la carica con cinque punti di fila, Walker, appena rientrata in campo va a segno, ma Santucci, Fontenette e altri due liberi di Putnina, fermata con un fallo da Malashenko, concludono il parziale di 11-2 che consente ad Acqua&Sapone di impattare a quota 30. Williams con un lampo mette dentro la tripla che vale il nuovo allungo di Ragusa, ma prima Santucci e poi ancora Putnina dalla linea della carità piazzano addirittura il sorpasso. Si va quindi al riposo lungo con Umbertide avanti 34-33. Il terzo quarto è giocato ad altissimo livello dalle ragazze di coach Serventi. Nonostante le difficoltà fisiche la difesa riesce ad aumentare l’intensità, così per Ragusa diventa più difficile attaccare con efficacia e le percentuali delle siciliane si sporcano piuttosto nettamente. La ripresa si apre subito con un nuovo parziale ospite siglato da Putnina, Fontenette e Consolini. Ragusa accorcia con Malashenko e Walker ma la tripla del capitano lascia a +6 Umbertide sul 43-37. Per 3 minuti non segna più nessuno, finché Walker non riporta sotto Ragusa con due canestri di fila, ma Dotto e Fontenette ristabiliscono le distanze per il 47-41 con cui si entra nell’ultimo quarto. L’unica brutta notizia per Umbertide nel corso della terza frazione è il quarto fallo di Consolini, che deve così sedere in panchina per tutta la prima metà del quarto periodo. E l’assenza peserà sugli equilibri soprattutto offensivi di Acqua&Sapone. Le prime due marcature sono di Malashenko e Putnina, poi però Umbertide si inceppa e non riesce più a segnare. Anche Ragusa in attacco non brilla, ma con Walker e Malashenko si riporta a -2 e poi due viaggi in lunetta da 1/2 della stessa ucraina e di Williams valgono il pareggio a 49. Umbertide ha però un sussulto con la tripla di Putnina e poi Consolini, rientrata sul parquet, si presenta in lunetta ma fa solo 1/2. Ancora Williams accorcia le distanze, ma Consolini segna il nuovo +4 e Gorini mette il libero del 56-51. Mancano meno di 3 minuti alla fine, ma Ragusa si aggrappa ancora a Williams, che dopo una serie piuttosto sottotono in questo finale di partita appare scatenata. La statunitense sigla il 56-53, prima che a poco più di un minuto dalla fine Gatti peschi la tripla del pareggio. Umbertide ormai è sulle gambe e ancora Williams porta addirittura avanti le padrone di casa. Gatti dalla lunetta chiude il 9-0 con cui Ragusa ribalta completamente la partita sul 60-56. Dotto trova il canestro rapido da 2 punti, ma la playmaker italiana delle siciliane è ancora infallibile dalla lunetta sul fallo tattico e spegne così le residue speranze di Umbertide. Finisce così 62-58. Non è bastata ad Acqua&Sapone una grande Putnina, non lontana dalla tripla doppia con 18 punti, 9 rimbalzi e 7 falli subiti, con anche Consolini e Fontenette in doppia cifra con 13 e 11 punti. Nel finale l’esplosione di Williams (9 punti nel quarto periodo) e i 7 punti di un’ottima Gatti nell’ultimo minuto o poco più hanno fatto la differenza. Maggiore d’altronde la freschezza delle padrone di casa, rispetto ad una squadra che è stata costretta a schierare quattro giocatrici per più di 36 minuti (e Consolini si è fermata a 33 solo per i problemi di falli). Le gambe pesanti di Umbertide si sono viste soprattutto in attacco, dove da 2 la percentuale si è fermata al 36,5%. Anche Ragusa, dopo un primo quarto dal 70& al tiro, ha visto le proprie percentuali calare bruscamente nella ripresa, soprattutto quelle dalla lunga distanza, dove dopo la grandinata di triple di gara-2 ci si è fermati ad un deludente 22% (spicca in particolare lo 0/5 di una Micovic che ha litigato per tutta la serata con il ferro). Solito corposo contributo in punti invece da Malashenko (16) e Walker, che ai 13 punti ha aggiunto pure 13 rimbalzi. Proprio sotto i tabelloni ovviamente Umbertide ha sofferto l’assenza di Black, perdendo 39-32 la battaglia, riuscendo comunque a difendersi anche grazie al contributo degli esterni, in particolare quello di Gorini che ne ha raccolti ben 8. Ora come detto si torna a Umbertide per gara-4, quando Ragusa avrà sulla racchetta il match point per raggiungere la finale. Passalacqua si è confermata in queste prime 3 partite una squadra di altissimo livello. Ma se Acqua&Sapone riuscirà a ripetere la prestazione di questa sera, con il supporto del pubblico del Pala Morandi, la strada che porta verso la sfida con la vincente di Schio – Lucca per le siciliane sarà tutt’altro che in discesa. Matteo Romanelli TABELLINO PASSALACQUA RAGUSA: Malashenko 16 (5/10, 1/4), Walker 13 (5/8), Micovic (0/1, 0/5), Williams 12 (3/5, 1/5), Gatti 13 (3/5, 1/1), Mauriello ne, Galbiati 6 (0/1, 2/5), Wabara 2 (1/2), Soli (0/1, 0/1), Valerio (0/1 da 3). All. Molino. T.L. 13/16. Rimbalzi 39 (Walker 13) ACQUA&SAPONE UMBERTIDE: Putnina 18 (3/8, 1/1), Santucci 4 (2/5, 0/2), Consolini 13 (3/11, 2/4), Fontenette 11 (4/9, 1/2), Gorini 8 (2/9, 1/1), Puliti, Ortolani ne, Linguaglossa ne, Dotto 4 (2/3, 0/1), Black ne, Villarini ne. All. Serventi. T.L. 11/13. Rimbalzi 32 (Putnina 9)  

13/04/2014 21:32:30

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy