Notizie » Politica Marco Locchi: chiarezza sui numeri e sul bilancio

In vista del consiglio comunale di oggi in cui verrà discusso il bilancio di previsione Marco Locchi precisa "come stanno realmente le cose al fine di rappresentare la situazione reale senza mistificazioni politiche" Intanto facciamo chiarezza oggettiva sui numeri. Per fare questo bisogna prendere la relazione di fine mandato  della Amministrazione Locchi, “certificata”, per la parte tecnica, dall’ufficio bilancio  del comune, dai sindaci revisori ed inviata agli organi competenti. L’ amministrazione Locchi, contrariamente a quanto scritto anche oggi da 5 stelle, ha mantenuto invariate tutte le imposte: IMU, add.le comunale, pubblicità, affissioni e Tosap. Ha ridotto la TASI dello 0,80%. Blocco delle tariffe  per i servizi  di refezione, asilo nido, trasporti scolastici e servizi cimiteriali. Tutti servizi sono stati mantenuti e c’è stata una riduzione costante del personale. L’indebitamento del comune era nel 2012 di € 15.559.000, mentre nel 2016 di € 10.337.000 con un tasso di indebitamento che è passato da 4,91% a 3,18%. Tra inizio e fine mandato c’è stata una riduzione delle spese del personale di circa € 233.000, risparmi sugli  interessi passivi su indebitamento di € 270.000 e sul rimborso quota capitale di € 773.000. Quindi la precedente amministrazione non ha messo le mani nelle tasche dei cittadini, anzi ha restituito qualcosa. Restiamo stupiti che l’ attuale assessore al bilancio, che era tale anche nella precedente amministrazione,  non abbia ricordato   tali risultati dei quali dovrebbe andare fiero. Lo stesso assessore che oggi è artefice della manovra attuale che interrompe un percorso virtuoso in quanto un incremento della addizionale IRPEF di oltre € 400.000 non è uno scherzo  ed è politicamente sbagliata. Evidentemente  è stata persa quella “vena creativa” che nella precedente amministrazione era attiva. E quindi  diciamo   al Sindaco (responsabile vero del bilancio in quanto i bilanci nei comuni li fanno sempre i sindaci), di non rendersi  artefice   di questi errori politici in quanto  prima o poi  si pagano: il non essere riusciti  a trovare altre soluzioni (possibili!) e/o un approccio graduale da condividere con le parti sociali e i cittadini  è un limite politico  non da poco che avrà ripercussioni  negative a catena. Le vibranti reazioni delle opposizioni confermano che la scelta di colpire una platea così ampia  con un incremento così sproporzionato sarà difficilmente accettabile dai nostri concittadini.

28/03/2019 10:21:11 Scritto da: Eva Giacchè

Cultura Cosa vedere al Metropolis dal 28 marzo al 3 aprile

L'elefantino è arrivato! In uscita nazionale il meraviglioso DUMBO di Tim Burton targato Disney in programmazione al Metropolis per tutta la settimana. In sala Rometti vi presentiamo il film DAFNE, bellissimo e necessario, vincitore del Premio Fipresci nella sezione Panorama dell’ultima Berlinale. Tornano anche i CINEMADAYS, dal 1° al 4 aprile il biglietto del cinema costa solo 3 euro (e non è un pesce d'aprile!). DUMBO DI TIM BURTON dA giovedì 28 MARZO COMMEDIA, AVVENTURA/ DURATA 112 MIN / USA 2019 DISNEY Nel nuovo film Disney live action Dumbo, diretto da Tim Burton, Holt Farrier(Colin Farrell) è una ex star del circo che al ritorno dalla guerra trova la propria vita sconvolta. Il proprietario del circo Max Medici (Danny DeVito) assume Holt, insieme ai figli Milly (Nico Parker) e Joe (Finley Hobbins), chiedendo loro di occuparsi di un elefantino appena nato le cui orecchie sproporzionate lo rendono lo zimbello di un circo già in difficoltà. Ma quando i figli di Holt scoprono che Dumbo sa volare, il persuasivo imprenditore V.A. Vandevere (Michael Keaton) e l’affascinante e spettacolare trapezista Colette Marchant (Eva Green) fanno di tutto per trasformare l’insolito elefante in una star... Giovedì 28 ore 18:30 - 21:15 Venerdì 29 ore 18:30 - 21:15 Sabato 30 ore 16:00 - 18:30 - 21:15 Domenica 31 ore 16:00 - 18:30 - 21:15 Lunedì 1 ore 18:30 - 21:15 [biglietto 3 euro] Martedì 2 ore 18:30 - 21:15 [biglietto 3 euro] Mercoledì 3 ore 18:30 - 21:15 [biglietto 3 euro]   DAFNE DI FEDERICO BONDI dA GIOVEDI 28 MARZO DRAMMATICO / DURATA 94 MIN / ITALIA, 2019 CINECITTA Dafne ha trentacinque anni, un lavoro che le piace, amici e colleghi che le vogliono bene. Ha la sindrome di Down e vive insieme ai genitori, Luigi e Maria. L’improvvisa scomparsa della madre manda in frantumi gli equilibri familiari: Dafne è costretta ad affrontare non solo il lutto ma anche a sostenere Luigi, sprofondato nella depressione. Grazie all’affetto di chi le sta intorno, alla propria determinazione e consapevolezza, Dafne trova la forza di reagire e cerca invano di scuotere il padre. Fino a quando un giorno accade qualcosa di inaspettato: intraprenderanno insieme un cammino in montagna verso il paese natale di Maria, e, nel tentativo di guardare avanti, scopriranno molto l’uno dell’altra. Giovedì 28 ore 18:30 - 21:30 Venerdì 29 ore 18:30 - 21:30 Sabato 30 ore 18:30 - 21:30 Domenica 31 ore 18:30 - 21:30 Lunedì 1 ore 18:30 - 21:30 [biglietto 3 euro] Martedì 2 ore 18:30 - 21:30 [biglietto 3 euro] Mercoledì 3 ore 18:30 [biglietto 3 euro]  

27/03/2019 17:24:22 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano La scomparsa di Giuseppe Cozzari

E' scomparso all'età di 96 anni il signor Giuseppe Cozzari, uomo di grande cuore e senso civico, figura di riferimento per Pierantonio e per Umbertide tutta, tanto da essere anche il presidente onorario della Banda cittadina. Ad esprimere le condoglianze all'intera famiglia la Pro Loco di Pierantonio "LA PRO LOCO DI PIERANTONIO PARTECIPA AL DOLORE CHE HA COLPITO LA FAMIGLIA COZZARI PER LA PERDITA DEL LORO CARO GIUSEPPE, UN UOMO CHE HA FATTO LA STORIA DEL NOSTRO PAESELLO........CI MANCHERAI PEPPINO." e l'amministrazione comunale di Umbertide che ricorda Cozzari come "figura di spicco nel mondo del lavoro e importante punto di riferimento dell'associazionismo nel Comune di Umbertide. Il sindaco Luca Carizia e l'Amministrazione Comunale tutta esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia". A queste e alle molte altre manifestazioni di affetto che siamo sicuri giungeranno alla famiglia cozzari in queste ore si aggiungono le più sentite condoglianze della redazione di Informazione Locale che ha deciso di ripubblicare una breve intervista rilasciata al nostro giornale nel 2009, in cui il signor Cozzari parlava proprio della "sua" Pierantonio: Pierantonio ha subito una grande trasformazione lungo il corso degli anni. Mi ricordo ancora della prima volta in cui sono arrivato: c’erano solo sei case e intorno solo campi. Non c’era niente di tutto quello che si vede oggi. Piano piano è partito lo sviluppo e la nostra frazione è cresciuta, anche e soprattutto grazie al commercio. La prima vera anima di Pierantonio è stata la fornace. Molte donne lavoravano lì, facevano i mattoni a mano e si diceva che fossero fortunate perché a quei tempi erano quasi tutti contadini. Qui la gente ha sempre avuto voglia di fare, tanto che la prima scuola è stata costruita dagli stessi cittadini che andavano al fiume con il carro e i buoi a raccogliere le pietre da portare ai muratori. Poi le fabbriche e le storiche attività, come la nostra, hanno fatto la loro parte nell’aiutare la frazione a crescere. Il commercio porta gente, soprattutto da fuori e questo è un bene per tutti. Molto movimento è stato portato anche dal nuovo svincolo che collega Pierantonio a Magione. All’inizio si era parlato di realizzarlo nei pressi di Pian d’Assino ma in questo modo i pierantoniesi sarebbero stati penalizzati, ora invece ci troviamo in un punto di snodo molto importante. Non abbiamo mai avuto grandi problemi con l’Amministrazione comunale, nemmeno per quanto riguarda la viabilità che è stata sistemata bene. Da noi si respira ancora un’atmosfera familiare e c’è ancora voglia di tradizione. A giugno la festa di S. Antonio riscuote molto successo, interviene la banda cittadina e c’è una bellissima processione. C’è creatività e passione nel fare soprattutto da quando è stata creata la Pro Loco, che fa molto per la comunità, come la nuova Sagra della Pasta fatta in casa, che si terrà tra pochi giorni. Proprio per l’occasione sono stati installati dei tendoni vicino al Cva, che purtroppo è poco capiente. A Pierantonio non siamo molti, 1400-1500 anime, ma siamo orgogliosi e vogliamo che la nostra frazione non muoia e continui a crescere. Nonostante la crisi, speriamo che le attività più in difficoltà si riprendano e che quelle ancora forti rimangano tali. Molti progetti ci vedono protagonisti per il futuro e noi non possiamo che esserne contenti.     Giuseppe Cozzari

25/03/2019 15:39:16 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy