Notizie » Politica IL PESSIMO STATO DELLE STRADE

Nel Consiglio comunale del 16 ottobre si è finalmente discussa una interpellanza del M5S sulla manutenzione e pulizia delle strade nelle frazioni del territorio comunale. Durante la discussione abbiamo ribadito le condizioni in cui versano molte vie delle frazioni, sottolineando come la manutenzione e la pulizia delle strade e aree pubbliche del Comune dovrebbero essere periodiche, senza discriminazioni tra capoluogo e frazioni. Ci siamo inoltre soffermati sullo stato della strada che conduce a Preggio. La soluzione, in questo caso, non può essere solo una riduzione del limite della velocità, c’è necessità di un intervento strutturale. Va richiesto un impegno concreto anche alla Provincia per la manutenzione e per la pulizia delle strade di loro competenza. Proprio in virtù di questo, valuteremo la possibilità di presentare un ordine del giorno dove chiederemo all’Amministrazione di interagire con la Provincia per interventi migliorativi nelle strade provinciali. Fermo restando che la stessa Amministrazione deve tenere alta l’attenzione nelle strade del proprio territorio e controllare periodicamente la loro manutenzione, di fatto piuttosto carente. Nel frattempo invitiamo tutti i residenti del territorio comunale, in particolar modo quelli delle frazioni, a segnalare all’ufficio manutenzioni del nostro Comune, reperibile 24 ore su 24,  possibili disagi al fine di ottenere dei rapidi interventi.

19/10/2015 11:49:58

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: NASCE IL TAVOLO PER LO SPORT E PER L'EDUCAZIONE

Su proposta di Umbertide cambia il Consiglio Comunale approva all'unanimità un ordine del giorno condiviso che istituisce il Tavolo per lo sport e per l'educazione quale luogo di confronto e di programmazione tra i diversi agenti educativi: famiglie, scuole, associazioni sportive e culturali, parrocchie  Il Tavolo consentirà di promuovere la formazione dei giovani in un contesto sinergico, realizzando una rete tra i soggetti operanti e mettendo a disposizione una serie di competenze che possono fungere da supporto nello sviluppo di questa azione educativa condivisa. Il tutto teso anche a rinforzare il senso della comunità, civile ed educante. “L'allenamento sportivo è un processo pedagogico educativo complesso – ha detto il consigliere Stefano Conti presentando l'ordine del giorno di Umbertide cambia - ed è questo il concetto sul quale dobbiamo fondare un ragionamento che ci porti a definire efficaci politiche per lo sport ed in particolare lo sport dei giovani.  Il Tavolo per lo sport e l'educazione consente di costruire le condizioni attraverso le quali la pratica sportiva giovanile possa essere al tempo stesso educativa, formativa e competitiva ed abbia in sé un approccio sociale ed agonistico. In questo contesto possiamo tendere a valorizzare anche le eccellenze e promuovere le condizioni per le quali Umbertide possa diventare polo di attrazione per i migliori giovani talenti nazionali: dunque servizi ricettivi, offerta scolastica, strutture di recupero riabilitativo e funzionale. Condizioni che, a pensarci bene, non mancano, ma debbono essere rese funzionali rispetto all'obiettivo individuato”. “Questo per noi  - ha aggiunto il Consigliere del movimento civico -  in coerenza con altre proposte e con una impostazione generale della nostra azione politica, significa investire sui giovani, sulla loro educazione e sulla loro formazione e costruire la prospettiva sulla valorizzazione del capitale sociale ed umano che la nostra comunità esprime”.   “In un momento di crisi, o comunque di forte cambiamento dei valori e dei contenuti che riguardano i processi educativi di bambini e adolescenti – ha detto Conti nel suo intervento -  è necessario che una comunità come la nostra, relativamente piccola, ma ricca di potenzialità, esprima la capacità di costruire veramente un patto educativo, cioè un sistema educativo integrato che coinvolga i principali agenti. Ed al tempo stesso c'è bisogno di un supporto intelligente e positivo degli organi di informazione locali, che possono operare appunto come “media”, come strumento di mediazione e diffusione di buoni messaggi, quindi come strumento di buona informazione rispetto alle iniziate rivolte alla educazione dei giovani. Occorre ripristinare una condizione base dei processi di crescita: favorire un “ritorno al futuro”, ricostruire cioè una motivazione che possa far uscire i giovani dalla dimensione virtuale in cui troppo spesso oggi si chiudono e si rifugiano per tornare a valorizzare le relazioni sociali dirette. Ciò significa, da una parte far conoscere ai giovani stessi ed alle loro famiglie le potenzialità, ma anche i rischi insiti nei social network, promuovendone un uso coretto e responsabile: quindi educare alla rete, anche attraverso iniziative di pear education, dall'altra offrire occasioni significative e positive di impegno e confronto nelle dinamiche sociali reali del quotidiano. Al tempo stesso – ha aggiunto Stefano Conti - l’investimento sui giovani e sulla loro educazione giustifica un impegno economico dell’Amministrazione a sostegno della pratica sportiva, ma riteniamo sia anche un importante presupposto utile a richiamare capitali privati. La costituzione, del Tavolo per lo sport e per l'educazione è dunque la prima e fondamentale richiesta che emerge con decisione dall'ordine del giorno presentato dal gruppo consiliare Umbertide cambia. Il secondo obiettivo, connesso al precedente, è una sollecitazione rivolta  all’Amministrazione Comunale ad attuare, anche attraverso il Tavolo, ma non solo, una azione rivolta in particolare alle attività sportive giovanili ed agli sport cosiddetti “minori”. Il terzo obiettivo, per alcuni aspetti già raggiunto, è quello di affidare e controllare in un'ottica di trasparenza ed efficacia la gestione degli impianti sportivi”.

19/10/2015 09:36:20

Attualità » Primo piano Il Consiglio comunale approva all'unanimità odg per la bonifica dell'amianto

Il consiglio comunale di Umbertide ha trovato piena condivisione sulla questione amianto e questa mattina ha approvato all' unanimità un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi consiliari finalizzato all'attivazione di un programma di bonifica dell'eternit che prevede tra l'altro anche incentivi a favore dei privati per la rimozione e lo smaltimento del pericoloso materiale. Nel territorio comunale sono ancora presenti fabbricati pubblici e privati con coperture in eternit e l'onerosità delle procedure previste dalla legge per lo smaltimento favorisce l'abbandono di tale materiale sul ciglio delle strade o in luoghi poco frequentati, causando un grave danno all' ambiente e alla salute dei cittadini. L'odg impegna l'Amministraazione comunale ad attivare un serie di azioni che sensibilizzino e incentivino i privati interessati ad operare la bonifica d'amianto; in merito agli edifici pubblici l'Amministrazione si impegnerà a completare gli interventi di bonifica di siti di propria competenza mentre per gli immobili privati è previsto lo stanziamento, già nel prossimo bilancio comunale, di risorse che consentano di erogare incentivi attraverso apposito bando pubblico. Inoltre l'ordine del giorno mira anche ad attivare tutte le iniziative utili a ridurre i costi di bonifica e a semplificare le procedure amministrative mediante l'adozione di protocolli d'intesa con i soggetti pubblici interessati dagli interventi di bonifica (Usl, Regione e Provincia) e a promuovere iniziative di sensibilizzazione della popolazione anche attraverso l'attivazione di un ecosportello con funzioni informative. Sempre in tema bonifica dell'eternit inoltre il Comune di Umbertide ricorda che scadrà il 30 ottobre prossimo il termine ultimo per partecipare al bando, pubblicato dalla Regione Umbria, per il sostegno agli investimenti per l'efficienza energetica e l'utilizzo delle fonti di energia rinnovabile rivolto alle piccole, medie e grandi imprese extra agricole. Il bando prevede contributi, a valere sui fondi Por Fesr 2014-2020, fino al 55% per un importo massimo di 600.000 euro e tra gli interventi ammissibili è prevista anche la rimozione di coperture in eternit.

19/10/2015 09:26:37

Notizie » Società Civile La professoressa Guerra Lisi al Centro San Francesco per incontrare i neo genitori

Si sono incontrati questa mattina al Centro San Francesco le mamme e i papà con i loro bimbi che hanno partecipato al progetto “L'accoglienza nel grembo sociale. Un aiuto ai neo genitori” promosso dall'associazione di volontariato “Oltre la parola”, in collaborazione con la Cooperativa Asad e l'Università popolare MusicArTerapia Globalità dei linguaggi, progetto patrocinato dal Comune di Umbertide e finanziato dalla  Regione Umbria.  Ospite d'onore la professoressa Stefania Guerra Lisi, promotrice del metodo della Globalità dei linguaggi e fondatrice dell'Upmat (Università popolare MusicArTerapia Globalità dei linguaggi), che ha tenuto la sua lectio magistralis sul significato della nascita, intesa come un evento sociale, che non riguarda solo la famiglia ma l'intera comunità in cui il nuovo nato verrà accolto. Il progetto mira infatti a sostenere le neo mamme e i neo papà nel delicato compito dell'essere genitori, attraverso visite domiciliari da parte di volontarie appositamente formate. Questa mattina al Centro San Francesco è stato fatto il punto sull'andamento del progetto grazie alla relazione della professoressa Guerra Lisi e agli interventi della presidente dell'associazione Oltre la parola Donatella Floridi, della responsabile dell'area infanzia della Cooperativa Asad Monica Nanni, del sindaco Marco Locchi, del vicesindaco con delega alle Pari Opportunità Maria Chiara Ferrazzano, del dirigente del servizio Welfare della Regione Umbria Alessandro Vestrelli e della responsabile del progetto Chiara Chiarapica. “E' un'iniziativa che abbiamo visto nascere e che abbiamo sostenuto sin dall'inizio – hanno affermato il sindaco Locchi e il vicesindaco Ferrazzano – perché guida i genitori nel delicato passaggio del loro bambino dal grembo materno alla società ed è compito delle istituzioni creare un grembo sociale rispondente alle esigenze dei più piccoli”. Ad oggi sono state contattate e visitate 40 nuove famiglie ma il progetto proseguirà fino ad includere anche i nuovi nati nel mese di dicembre. Le famiglie hanno accolto favorevolmente le volontarie, il cui compito è quello di favorire la costruzione di un legame sicuro tra genitore e bambino, aumentando nelle madri e nei padri la fiducia nelle proprie abilità e offrendo alla puerpera la possibilità di parlare delle proprie ansie e paure. Ad ogni nuovo nato è stato inoltre donato il libro “E' nato un bimbo/a” sul quale i genitori potranno annotare la crescita e lo sviluppo del bambino, e alle madri è stato anche somministrato un questionario che servirà per comprendere meglio come le donne vivono il delicato periodo della gravidanza e del diventare mamma.

15/10/2015 15:16:06

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy