Attualità » Primo piano Nuovo anno scolastico: lettera del sindaco di Umbertide Locchi e dell'assessore Montanucci

Riceviamo e pubblichiamo “Oggi, lunedì 15 settembre, è un giorno importante per i tanti studenti umbertidesi che questa mattina per la prima volta hanno fatto il loro ingresso nel mondo della scuola ma anche per tutti coloro che sono tornati a sedersi sui banchi, studenti e docenti, ma anche dirigenti e operatori scolastici, perché l’inizio di un nuovo anno scolastico coincide sempre con l’inizio di una nuova fase della propria vita. La scuola è un pilastro fondamentale della società, il luogo in cui si costruisce, giorno dopo giorno, il futuro dei nostri figli ed è compito di noi amministratori, ad ogni livello, tutelare l'istruzione, garantendo agli studenti il diritto universale allo studio e consentendo a docenti, dirigenti e personale scolastico di lavorare nelle migliori condizioni possibili, al fine di offrire ai nostri giovani una didattica di qualità e un ambiente sano e sicuro in cui crescere come cittadini e in cui sviluppare le proprie attitudini e capacità. Solo se torneremo ad investire nell’istruzione e ad avere stima e fiducia negli insegnati, il nostro Paese potrà tornare a crescere, mettendo a disposizione delle nuove generazioni una base solida sulla quale costruire il loro futuro. Le scuole di Umbertide sono un patrimonio insostituibile per il nostro territorio, un patrimonio che va salvaguardato e valorizzato, nonostante i continui tagli ai trasferimenti statali che rendono sempre più difficile per le Amministrazioni locali far quadrare i bilanci. E’ per questo che nel programma di mandato 2014-2019 è stata inserita tra le azioni prioritarie la messa in sicurezza degli edifici scolastici, perché innanzitutto abbiamo il dovere di garantire agli studenti e a tutti coloro che vivono il mondo della scuola strutture sicure e adeguate, e abbiamo previsto un fondo per sostenere gli studenti volenterosi che si trovano in situazioni disagiate negli studi universitari o post diploma. L’Amministrazione Comunale continuerà a sostenere con convinzione l’offerta formativa delle scuole di Umbertide, nella consapevolezza che la nostra comunità possa crescere soltanto se offriamo ai nostri ragazzi strumenti adeguati per formarsi e diventare “grandi”. Intendiamo quindi rivolgere un sentito grazie a tutti coloro che quotidianamente si impegnano per far funzionare al meglio il nostro sistema scolastico rinnovando i migliori auguri di buon lavoro agli studenti e agli operatori della scuola. Buon anno scolastico a tutti”.   Il sindaco Marco Locchi e l’assessore all’Istruzione Cinzia Montanucci

15/09/2014 14:10:12

Notizie » SLIDER Fratta '800:calato il sipario sull'edizione 2014

E’ calato il sipario sulla 13esima edizione della Fratta dell’800, la rievocazione storica promossa dal Comune di Umbertide con il sostegno di A.I.Met., che per quattro giorni ha animato vie e piazze del centro storico di Umbertide. Nonostante le temperature decisamente invernali che hanno caratterizzato in particolar modo i primi due giorni di festa, sono state tantissime le persone, sia umbertidesi che visitatori provenienti da altri comuni, che si sono ritrovate nel centro storico per assaggiare i piatti della cucina contadina preparati dalle taverne e per assistere ai numerosi spettacoli in cartellone. Anche l’edizione 2014 ha infatti proposto un programma ricco e variegato; dal festival dei burattini per i più piccoli ai numeri circensi del Circo arena dei Fratelli Pettè, dai balletti proposti dalle scuole di danza Oplas e Centro Studi Danza, alle improvvisazioni artistiche degli attori dell’Accademia dei Riuniti. Ed ancora spettacoli di magia, giocoleria di fuoco, danza aerea, balli e canti popolari, fino al grande spettacolo di sabato sera quando piazza del Mercato ha ospitato prima il concerto delle più belle arie del melodramma che ha visto esibirsi sulla suggestiva scalinata 80 cantanti tra solisti e coristi diretti dal maestro Paolo Fiorucci, poi la rappresentazione storica del passaggio di Giuseppe Garibaldi ad Umbertide alla quale hanno preso parte i figuranti delle taverne. Tutto il centro è poi stato animato dalle incursioni musicali della banda cittadina di Umbertide, dalle classiche scorribande tra gli allegri briganti e gli incontenibili garibaldini che hanno proposto anche quest’anno scatenati can can e divertenti quadriglie, dai bersaglieri e dalla loro fanfara, dalle esercitazioni militari dei fucilieri del Battaglione estense di Modena. E anche quest’anno, come è oramai tradizione, non è mancato il goliardico scherzo dei briganti che, nottetempo, hanno assaltato la città conquistando il Comune e instaurando la loro reggenza; così all’ingresso di piazza Matteotti è stata innalzata una nuova porta con tanto di cartello di benvenuto alla “città di Catarinella”, in onore delle brigantesse, e le coccarde tricolore appese alle finestre, così come la bandiera italiana in cima alla Rocca, sono state sostituite dai vessilli della nuova reggenza dei briganti che hanno provveduto anche a cambiare  l’intera toponomastica del centro storico, suscitando come sempre ilarità e simpatia.

15/09/2014 13:59:04

Notizie » Economia Birra artigianale: da prodotto a moda

La produzione di birra artigianale nasce, o meglio rinasce,  negli Stati Uniti degli anni ottanta, nel periodo della cosiddetta “Reinassance Americana”, durante la quale molti immigrati europei riescono a tener vivi alcuni prodotti del vecchio continente che altrimenti sarebbero andati perduti.  Si differenzia essenzialmente dalla birra prodotta con tecniche industriali, nel processo di produzione in quanto prodotto non pastorizzato e generalmente, non filtrato.  Vengono utilizzati il più possibile ingredienti naturali, pure utilizzando prodotti provenienti dai differenti territori d’appartenenza. Il fenomeno dei birrifici artigianali si ripropose poi col passare degli anni pure in Europa ed Italia, tornando di prepotenza nelle idee e nei progetti di cittadini ambiziosi e “commercialmente attivi”;  un po’ quello che accaduto ai gestori del “Birrificio Artigianale Fortebraccio”, con sede a Montone, dei fratelli Alessio, Donatello e Paolo Pacini.  La loro è un’attività da poco avviata, frutto delle idee di tre ragazzi intraprendenti e con tanta voglia di fare, spinti dalla passione e dalla curiosità di confrontarsi con un settore fino a pochi mesi fa estremamente lontano dalla loro quotidianità. «A dire il vero non è stato un vero e proprio lampo di genio, in quanto da tempo quest’idea vagava nelle nostre menti. E’ un po’ una passione coltivata nel tempo che con l’età adulta si è trasformata in realtà »Un’iniziativa questa, come affermato dai gestori del birrificio, in grado di regalare enormi soddisfazioni sia su un piano economico che morale; prodotti sempre di prima qualità e autenticità. L’avventura è partita lo scorso Ottobre con l’esordio pubblico durante  “La festa del bosco di Montone”, offrendo ai clienti e ai tanti visitatori birre tipiche, tra le quali, la  “Birra alle Castagne”, ma ancora oggi non si può definire un progetto stabile, ma in continuo movimento. Infatti, come pure confermato dai tre fratelli, quello della birra artigianale è un mercato in continua espansione, che vede di giorno in giorno, di mese in mese, un incremento delle nascite di piccoli birrifici e quindi di concorrenza e che spinge i vari produttori a mettersi in gioco continuamente e cercare nuove soluzioni;  non a caso si parla di questo settore come una tendenza, una moda. «E’ vero, tanti altri birrifici artigianali sono presenti in zona e non rappresentiamo più una novità, non siamo più una mosca bianca. Sappiamo quindi di  dover confrontarci con un mercato arduo, che richiede acume e pure fantasia». Quella fantasia mostrata, ad esempio, al Birra Show di Bastia lo scorso Novembre, alla quale si presentarono alla manifestazione proponendo un’originalissima“cassa da birra”. Una bara funebre  contenente varie tipologie di birra, dalla chiara alla rossa, dalla nera alla blanche, dalla speziata alla cruda (o a bassa fermentazione).  «Pensiamo che buone idee e trovate interessanti possano permetterci e garantirci un futuro ambizioso. Un futuro commerciale pure fuori dai confini umbri, che riesca a mettere alla prova le nostre qualità e  possibilità, magari pure esaltandole. Non ci precludiamo alcuna strada» Tale espansione deve passare  in particolar modo attraverso la riconoscibilità del marchio, che, in questo caso fa leva sull’immagine bella e affascinante di uno dei borghi più belli d’Italia. Infatti il birrificio prende il nome dal capitano di Ventura braccio Fortebraccio da Montone, come testimoniato dal retro bottiglia d’ogni loro prodotto “Il Birrificio Fortebraccio nasce della terra che fu di Braccio da Montone, capitano di ventura tra storia e leggenda. Le sue imprese lo resero famoso e temibile tra il 1368 e il 1424, anno della sua morte. Oggi la storia ne riscopre la gloria” che sottolinea il forte attaccamento alle origini e alle tradizioni del posto  . Ma qual è l’ingrediente per riuscire in queste attività?  Alla base di queste realtà ci sono tanto coraggio ed intraprendenza. Delle qualità morali importanti, che ti aiutano a tener botta ad un mercato duro ed in continuo aumento, e riescono a fare di idee nuove e fuori dal comune un vero e proprio motore, dando alla società linfa vitale e freschezza, in un momento nel quale ne si avverte estrema necessità. David Gonfia

13/09/2014 20:44:41

Notizie » Altotevere Export in Umbria negativo

ll dato dell’Umbria sull’export nel primo semestre 2014 a prima vista è negativo (-2% rispetto al I semestre 2013), tanto da essere tra i peggiori di Italia. Lo rileva l’Ista tnel rapporto “Le esportazioni delle regioni italiane”. Ma per avere un quadro più preciso occorrerà attendere i dati provinciali, perché come noto le esportazioni complessive della regione sono pesantemente condizionate dall’andamento delle vendite all’estero dell’acciaio prodotto all’Asti di Terni, che rappresenta un capitolo a sé stante. Tanto per fare un esempio, nel I trimestre 2014 l’export umbro è sceso dell’1,5%, ma al netto della siderurgia ha fatto +3,1%, con un ottimo +7,6% in provincia di Perugia. Una situazione che potrebbe replicarsi nei dati del primo semestre. L’Istat, per il I semestre 2014, parla di «contrazione delle vendite di metalli di base e prodotti in metallo», per cui è ragionevole immaginare che, tolto l’acciaio, nel primo semestre 2014 l’Umbria abbia in realtà registrato un aumento delle vendite all’estero, con la provincia di Perugia in ottima forma su questo versante. A livello nazionale, le esportazioni sono aumentate in valore dell’1,3% (quindi l’Umbria ha fatto peggio della media nazionale per 3,3 punti percentuali), con l’incremento maggiore registrato nel Nord-Est (+3,4%), mentre il Centro evidenzia +0,6%. Il Nord-Ovest mette a segno +1,2% e l’Italia meridionale +2,1%. È molto pesante, invece, il bilancio dell’Italia insulare (-11,1%). L’Istituto nazionale di statistica fornisce anche l’elenco delle province in cui l’export nel primo semestre 2014 aumenta di più: si tratta di Torino, Massa Carrara, Vicenza, Modena, Taranto e Bergamo. Le peggiori, invece, sono le province di Roma, Milano, Arezzo, Cagliari e Siracusa. Iniziativa di Confindustria Intanto Confndustria Umbria, attraverso Umbria Export (la sua agenzia per l’internazionalizzazione delle imprese), organizza per lunedì e martedì una due giorni dedicata a un focus sul mercato della Tunisia, di cui l’Italia è in secondo partner commerciale. Saranno analizzate le possibilità per le aziende dei settori biomedicale, meccatronica, energie rinnovabili, Ict (information and communication technology, meccanica automotive e aeronautica). L’iniziativa è rivolta alle aziende associate e prevede una serie di incontri settoriali con l’Agenzia di promozione dell’industria e dell’innovazione (Api) della Tunisia. Lo scopo è quello di illustrare le opportunità settoriali in Tunisia, anche in vista della prossima edizione del Salone internazionale Cat 2014, uno tra i più importanti eventi di incontro e scambio tecnologico tra aziende tunisine ed estere, che si terrà nel mese di ottobre. Gli incontri si svolgono a Perugia, nella sede di Confindustria Umbria. In particolare, il pomeriggio di lunedì sarà dedicato alle imprese che operano nel settore biomedicale e della meccatronica. Mentre l’intera giornata di martedì sarà riservata ai comparti delle energie rinnovabili, dell’Ict, della meccanica automotive e aeronautica.

13/09/2014 20:38:52

Notizie » Politica Officina FCU. Quale futuro

Isindaco Marco Locchi ha incontrato il personale dell’officina riparazioni della ex FCU, oggi Umbria Mobilità Esercizio srl, di Umbertide per un confronto sulle preoccupazioni espresse dai dipendenti e dalle organizzazioni sindacali relativamente al futuro della storica officina, l’unica in Umbria per la manutenzione e la riparazione dei treni circolanti sia sulle linee della ex Fcu sia sulla rete RFI. Nello specifico il personale ha chiesto alla direzione di Umbria Mobilità Esercizio srl di intervenire per far fronte all’attuale carenza di mezzi e di forza lavoro che incide negativamente sul regolare svolgimento dell’attività. Inoltre ha evidenziato la necessità di un intervento urgente sul tetto dello stabilimento per porre fine alle continue infiltrazioni di acqua in caso di pioggia. Il sindaco Marco Locchi ha sottolineato l’assoluta rilevanza che l’officina ricopre non solo per la città di Umbertide ma per l’attività stessa del servizio ferroviario offerto da Umbria Mobilità, dal momento che garantisce personale altamente esperto e qualificato nella riparazione e manutenzione dei treni; la strategicità di Umbertide e il suo essere snodo fondamentale per la ferrovia umbra, sono stati ribaditi anche nel nuovo Piano regionale dei trasporti, in fase di elaborazione, nel quale è previsto il potenziamento dell’officina umbertidese. Nel corso dell’ultimo incontro tra la direzione di Umbria Mobilità e le organizzazioni sindacali è emerso che verranno programmate future riunioni per discutere del futuro dell’officina di Umbertide, anche alla luce del nuovo piano regionale dei trasporti. In seguito a ciò, il sindaco si è impegnato a convocare quanto prima un incontro con i vertici di Umbria Mobilità al fine di affrontare concretamente la questione relativa alla strategicità dell’officina della ex FCU.

13/09/2014 20:29:22

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy