Notizie » Politica Servizi scolastici, Umbertide Cambia controbatte alla replica dell'Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo da Umbertide Cambia La prosopopea del comunicato della Giunta sul trasporto scolastico conferma totalmente quello che abbiamo affermato: che il “rinnovo” del contratto, a cui segue la “proroga” del servizio: vero Giunta?, non si poteva fare. E invece il rinnovo la Giunta lo ha fatto, mettendosi fuori dello stesso contratto. Proprio perché la gara unica regionale per il Trasporto pubblico locale  non c’è ancora (come abbiamo richiamato), a maggior ragione, il bando comunale si sarebbe dovuto emanare ancor più velocemente e secondo le regole. Altro che rinnovo (e proroga del servizio)! Magari la competente Giunta potrebbe chiedere anche qui un parere pro veritate, vista la sua dimestichezza al riguardo? Vedrà la risposta. Chiarito il fatto che la Giunta ha proposto un atto improprio, il nostro comunicato sulle politiche scolastiche tende ad evidenziare la continuità di questa Giunta con quella precedente di Locchi. Anche qui nessuna risposta. Dunque si ammette il fatto. La prova provata? La fotocopia della delibera di Giunta attuale come quella precedente sulle tariffe per il servizi scolastici ed educativi; non a caso la Giunta dice esplicitamente di averle confermate. Quindi nessun abbassamento delle tariffe.  Ma noi evidenziamo – e qui lo ribadiamo – che c’è una ineguaglianza di trattamento tra famiglie con lavoro autonomo e dipendente  riguardo la retta mensile omnicomprensiva di tutti i servizi del Nido d’Infanzia e del Centro bambini. Per quale motivo? Anche qui nessuna risposta della Giunta, che dunque conferma. Lasciamo ai cittadini il giudizio con qualche dato: per il Nido di Infanzia una famiglia con lavoro dipendente e reddito lordo pari a 10.329 paga una quota mensile di 184 euro, mentre una famiglia con lavoro autonomo con reddito lordo pari a 4.648 euro paga una quota mensile di 253 euro! Per il Centro Bambini una famiglia con reddito lordo da lavoro dipendente fino a 20.658 euro paga una quota mensile di 103 euro, mentre una famiglia con reddito lordo da lavoro autonomo di 4.648 euro paga una retta mensile di 103 euro! Vero o falso? Quello che chiediamo, in questo caso e nelle altre questioni, è un segno di discontinuità dalla giunta precedente di Locchi, che allo stato dei fatti continua dunque a governare. Chiediamo all’assessore all’Istruzione anche di dirci qualcosa (mica tanto, visto il silenzio anche nel comunicato di risposta) sull’offerta formativa, sul sostegno alla disabilità, sulla gestione dell’integrazione, sulle reti progettuali territoriali, sull’alternanza scuola lavoro e sulle politiche di avviamento al lavoro giovanile. Così per sapere, gentilmente, se dobbiamo riprendere le precedenti delibere fotocopia.   

03/09/2018 16:13:39

Cultura Fratta dell'Ottocento, calato il sipario sull'edizione 2018: ai Musicanti il Torneo delle Locande

Gran finale per l’edizione 2018 delle Feste di settembre di fine Ottocento. Domenica sera è calato il sipario sulla kermesse ottocentesca umbertidese, che per quattro giorni - dal 30 agosto al 2 settembre -, ha animato vie, piazze e vicoli del centro storico di Umbertide tra spettacoli, rievocazioni, numeri circensi, musica, balletti, fanfare, magia e le tante taverne con i gustosi piatti tipici della tradizione culinaria contadina. Oltre ai tanti umbertidesi che hanno invaso il cuore storico della Fratta facendolo diventare un vero e proprio teatro a cielo aperto tra figuranti nobili e popolani, garibaldini, bersaglieri e briganti, sono stati numerosi i visitatori provenienti da fuori città che hanno voluto vivere l’esperienza di immergersi nella magica atmosfera ottocentesca. Sabato e domenica, inoltre, la rievocazione si è arricchita grazie alle presenza del Battaglione Estense di Modena, che ha inscenato la rievocazione di una battaglia fra garibaldini e austriaci. Come al solito, le tante taverne e locande storiche, nelle quattro serate hanno lavorato sodo proponendo piatti della tradizione frattegiana. Anche in questa edizione, il gruppo dei Freghi dei Giochi ha dato vita al Torneo delle Locande, sfidandosi a sbatti palle (gara supervisionata dal Borgo degli Artigiani), tiro alla fune, corsa coi sacchi, morra e nella gara de “l’antriso” andata in scena il pomeriggio della giornata finale, in cui giovani donne sotto i 35 anni hanno dovuto preparare dei “capeletti” sotto gli occhi attenti di una giuria composta da massaie over 60. Alla fine della competizione a salire sul gradino con 450 punti, è stata l’Osteria del Musicante i cui membri hanno voluto dedicare la vittoria alla memoria di Camillo Chiesi. Secondo posto per l’Osteria del Mattatoio (350), mentre la “medaglia di bronzo” se l’è aggiudicata la Taverna dei Briganti (325). Completano il quadro la Taverna degli Antichi Sapori (275), la Taverna dei Tintori (125) e Osteria dei Mille (25). Ai trionfatori, infine, é stata consegnata una realizzazione di Franco Rossi, scrivano del Borgo degli Artigiani. “Le Feste di Settembre di fine Ottocento anche in questa edizione hanno dimostrato di essere la vera festa degli umbertidesi – dice il sindaco Luca Carizia -. I luoghi magici di Umbertide si sono riempiti di taverne, spettacoli, giochi e soprattutto di gente di tutte le età: l’incontro fra le varie generazioni di umbertidesi è il vero valore aggiunto di questa rievocazione storica. Tanti giovani sono stati insieme ai meno giovani creando una mistura di allegria, simpatia ed energia contagiosa. Come nuova Amministrazione ringraziamo tutte quelle persone che si sono impegnate nella riuscita di questo evento così importante per il nostro paese. Il nostro intento sarà quello di sostenere e, dove possibile, di migliorare tale rievocazione in modo che gli umbertidesi si sentano sempre più protagonisti”. Bilancio più che positivo anche per Achille Junior Roselletti dell’Accademia dei Riuniti che, nel ringraziare l’Amministrazione comunale, aggiunge: “Questa è stata un’edizione particolare per noi, sia dal punto di vista logistico e dei tempi, sia per la nostra associazione dal punto di vista emotivo. Siamo pienamente soddisfatti, vista la grande partecipazione agli spettacoli e il grandissimo impegno da parte dei tanti volontari. Come umbertidese, dico che l’edizione di quest’anno è stata fantastica. Le Feste di Settembre di fine Ottocento si confermano una festa che sa unire la comunità. Questa manifestazione ha il giusto mix fra parte artistica e divertimento per chi partecipa, Questo è un patrimonio umbertidese che non deve essere disperso ma rilanciato”. Appuntamento quindi al 2019, con un’altra imperdibile e fantastica edizione delle Feste di Settembre di fine Ottocento.

03/09/2018 12:35:02

Cultura Fratta dell'Ottocento, il programma per la serata di sabato 1 settembre

PIAZZA DEL MERCATO Ore 21.30 ESERCITAZIONI MILITARI E PATTUGLIAMENTO DELLE VIE CITTADINE - a cura del “Battaglione Estense”   PIAZZA MATTEOTTI Ore 18.30 STRAMAGANTE - Spettacolo di Magia ed Illusione Ore 21.00 DAL MISTERIOSO ORIENTE “IL PROIBITO SPETTACOLO DELLA DANZA DEL VENTRE” - Balletto a cura di Les Danseus de Sherazade Ore 21.30 BALLO DI GALA CON SOLDATI, DAME, BORGHESI E POPOLO TUTTO Ore 23.00 STRAMAGANTE - Spettacolo di Magia ed Illusione   PIAZZA DELLE ERBE Dalle ore 21.00 CAFFE’ DEGLI ARTISTI dal 1848 Assenzio e Spiriti - Tutte le sere attori e artisti animano il caffè a cura dell’Accademia dei Riuniti   MUSEO SANTA CROCE Apertura straordinaria dalle 18.00 alle 23.30, visite guidate gratuite Dalle ore 22.00 NOTTURNI AL MUSEO: “A PASSO DI SUITE” - Spettacolo di Danza a cura di Centro Studi Danza diretto da Maria Paola Fiorucci e Nuova Scuola Popolare di Musica diretta da Ivano Rondoni - Coreografia Marta Benvenuti - Danzatrice ospite Chiara Tosti - Al violoncello Giulio Rondoni   PIAZZA XXV APRILE Ore 21.30 BRUTAL CIRQUE Acrobazie e Tessuti Aerei Ore 22.00 DAL MISTERIOSO ORIENTE “IL PROIBITO SPETTACOLO DELLA DANZA DEL VENTRE” - Balletto a cura di Les Danseus de Sherazade Ore 22.30 BRUTAL CIRQUE Acrobazie e Tessuti Aerei   VIA BOVICELLI Dalle ore 21.00 LA MESCITA DE L’ARMAJOLO a cura della Pro-Loco Umbertide - Mostra d’Armi, Mescita di Bevande d’Epoca e Giochi Popolari

01/09/2018 16:27:45

Notizie » Politica Trasporto scolastico, la Giunta Carizia risponde a Umbertide Cambia

Riceviamo e pubblichiamo Di nuovo questa amministrazione deve intervenire per correggere inesattezze e stoppare i soliti tentativi di mistificazione della realtà. Oggi tocca a Umbertide Cambia che con la sua uscita sul tema dei trasporti scolastici dimostra supponenza e poca dimestichezza con la questione. Non è consuetudine per questa giunta rispondere a certe illazioni ma quando si mette in dubbio il corretto operato della struttura amministrativa, allora è necessario precisare con esattezza come stanno le cose. Il servizio trasporto scolastico è stato affidato al Consorzio Ar.Ti di Umbertide mediante gara d’appalto con procedura aperta ed il contratto fissava la data di scadenza il 30/06/2015.  Nel bando di gara, che stabiliva in 5 anni la durata ordinaria della gestione del servizio, si prevedeva altresì la possibilità per l'Ente di rinnovare (e non prorogare come scritto da Umbertide Cambia) agli stessi patti e condizioni, il contratto in essere per un massimo di tre anni. Tale facoltà di rinnovo fu esercitata dall'Amministrazione Comunale con delibera di G.C. n 215 del 26/06/2015  per due anni fissando così la nuova scadenza nel 30/06/2017.  Con successiva delibera di G. C. n. 229 del 28/06/2017, si procedeva al terzo ed ultimo anno di rinnovo con decorrenza 01/09/2017 – 30/06/2018. Alla base dei rinnovi, oltre la convenienza economica e la valutazione positiva del servizio erogato, si valutò positivamente la possibilità per i Comuni di aderire alla gara unica regionale per il Trasporto Pubblico Locale, nel cui bando (a tutt'oggi non ancora pubblicato contrariamente a quanto sostiene UC che vorrebbe veder partecipare il Comune a qualcosa che non c'è!) sarebbe stato inserito un apposito capitolo inerente il trasporto scolastico così come previsto dalle delibere di G.R. n. 520 del 20/04/2015 e n. 615 del 31/05/2017.  La recente delibera di G.R. n. 709 del 25/06/2018 ha ribadito... ”che i Comuni si avvarranno della gara per affidare i servizi trasporto di loro competenza aggiuntivi, e potranno altresì avvalersi del medesimo bando per ricomprendere l'affidamento dei trasporti scolastici”, ma da tale atto, oltre alla proposta,  che seppur meritevole di attenzione dal punto di vista dell'efficacia ed economicità dell'azione amministrativa,  non si evincono ancora tempi e costi certi per l'espletamento della gara e quindi dell'individuazione del soggetto aggiudicatario.  Si è ritenuto pertanto opportuno procedere alla prosecuzione in proroga del contratto vigente con Ar.Ti agli stessi patti e condizioni, nelle more della predisposizione degli atti di gara per l'affidamento del servizio trasporto scolastico, le cui linee di indirizzo saranno fornite all'Ufficio competente, con specifico atto di Giunta Comunale.  Tale decisione peraltro è in linea con la Relazione di fine mandato del Commissario Straordinario Dott. Castrese De Rosa nella quale si evidenziava la necessità di procedere ad una prosecuzione in proroga del contratto vigente, agli stessi patti e condizioni, acquisendo la disponibilità del Consorzio affidatario, al fine di garantire l'ordinario funzionamento del servizio alle famiglie richiedenti.  Per concludere e per chiarezza d'informazione si precisa che il servizio mensa erogato nelle scuole d'infanzia e primarie, prevede una quota contributiva fissa a pasto consumato, e che le fasce di reddito menzionate da UC si riferiscono al nido - come peraltro già rettificato da UC - per la determinazione della retta mensile omnicomprensiva di tutti i servizi.

01/09/2018 16:21:39

Notizie » Politica Pd Umbertide: "Si parla di riaprire al traffico Piazza Matteotti e di spostare la farmacia comunale"

Riceviamo e pubblichiamo dal Pd di Umbertide Sentiamo parlare da più parti di riapertura del centro storico al traffico e di spostare la farmacia comunale dalla piazza. Delle due l'una: se si rimettono le macchine in piazza per favorire il commercio non si capisce perchè si dovrebbe spostare la farmacia comunale. Farmacia che tra l'altro è stata rinnovata solo qualche anno fa, anche con un notevole investimento. Spostare la farmacia significa impoverire ulteriormente il centro storico di un servizio importante. Sarebbe opportuno invece impegnarsi per fare in modo che la farmacia di piazza Matteotti possa dare servizi ulteriori, possa essere punto di interesse reale per i cittadini. Sentiamo dire che la farmacia deve stare vicino ad un parcheggio: ebbene si rimettono le auto in piazza e si sposta la farmacia, se non è confusione questa.. . E non si dica che si risparmia sull'affitto di un piccolo locale tenendo conto di tutte le risorse che occorrerebbero per adeguare nuovi locali (oltre centomila euro) e con gli investimenti già fatti (ma questa sarà materia della Corte dei conti). I centri storici vivono di servizi, di qualità, di momenti di partecipazione: si provi una strada che valorizzi il centro della nostra città spostandovi più servizi, investendo di più sull'arredo urbano, sfruttando appieno le misure di finanziamento relative ai centri storici: su questo come Partito Democratico vogliamo sfidare l'amministrazione e su questo noi ci saremo anche a fianco di chi governa per il bene della nostra città.

01/09/2018 16:10:52

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy