Attualità » Primo piano Coronavirus: presto attive 17 unità speciali per pazienti covid-19 che non necessitano di ricovero

Sono 17 le unità speciali Covid-19. Saranno attive sette giorni su sette - dalle 8 alle ore 20 - e impiegheranno all'incirca 44 medici: questo lo schema predisposto dalla Direzione regionale alla Salute per l'attivazione delle unità speciali per la gestione dei pazienti affetti da Covid-19 che non necessitino di ricovero ospedaliero.     "Le unità speciali – spiega il direttore Claudio Dario -  lavoreranno in sicurezza e ci teniamo a rassicurare i medici che sceglieranno di dedicarsi a questa attività.  La Protezione civile sta acquistando 500 mila mascherine e si sta adoperando per far sì che le aziende sanitarie abbiano a disposizione i dispositivi di protezione individuale per il personale".  "Le Unità – aggiunge - svolgeranno, in collaborazione con gli eventuali infermieri di riferimento, attività di monitoraggio telefonico e domiciliare presso il domicilio dei pazienti affetti da COVID-19 e anche dei pazienti posti in quarantena per sospetta infezione, in base alle segnalazioni dei medici di medicina generale dei pediatri di libera scelta, di continuità assistenziale o dai medici del distretto e del dipartimento di prevenzione". "Per quanto riguarda il reclutamento dei professionisti – conclude Dario -  anche in ragione dell'urgenza di conferire gli incarichi, le Aziende richiederanno la disponibilità volontaria e se non si raggiunge il numero stabilito, potranno procedere a chiamata diretta con  pubblicazione di avviso aziendale di disponibilità, con scorrimento delle graduatorie aziendali per incarichi a tempo determinato". Ai medici per le attività svolte è riconosciuto un compenso lordo di 40 euro all'ora. In Umbria i medici saranno assegnati dalle aziende sanitarie territoriali alle Unità Speciali territorialmente competenti, affidando il coordinamento delle attività al distretto competente.

21/03/2020 13:55:44 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Pensioni di aprile. Quando e come ritirarle

Anche Poste Italiane si adegua ai provvedamenti governativi in materia di contenimento del virus e distanziamento interpersonale. Vista e considerata l’evoluzione della situazione epidemiologica in atto, cambia la modalità di ritiro delle pensioni: Le pensioni del mese di aprile per i pensionati, titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution, saranno accreditate in anticipo il 26 marzo. Per chi fosse in possesso di una carta Postamat, una Carta Libretto o una Postepay Evolution, si ricorda che è possibile prelevare in contanti da oltre 7.000 Postamat, senza recarsi allo sportello. Se, invece, fosse necessario il ritiro allo sportello, Poste Italiane ha effettuato la seguente ripartizione delle giornate di ritiro, in base alla lettera del proprio cognome: 26 marzo giovedì  -  dalla A alla B 27 marzo venerdì -  dalla C alla D 28 marzo (mattina) sabato - dalla E alla K 30 marzo lunedì -  dalla L alla O 31 marzo martedì  - dalla P alla R 1 aprile mercoledì  - dalla S alla Z Poste Italiane ricorda inoltre che in questa fase ciascuno è pertanto invitato ad entrare negli uffici postali esclusivamente per il compimento di operazioni essenziali e indifferibili, in ogni caso avendo cura, ove possibile, di indossare dispositivi di protezione personale; di entrare in ufficio solo all’uscita dei clienti precedenti; tenere la distanza di almeno un metro, sia in attesa all’esterno degli uffici che nelle sale aperte al pubblico.    

21/03/2020 11:47:00 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile “'N FAMO I FREGNONI: STAMO A CASA”

di Mario Tosti Ci troviamo di fronte ad una delle più tragiche sfide della storia moderna, che ci sta sconvolgendo per le conseguenze fisiche e ci dovrebbe scuotere dalla mania di onnipotenza dell’uomo, messo a nudo nella sua piccolezza. Avremo la forza di riprendere il cammino con più umiltà e ragionevolezza, se avremo avuto la capacità di capire e riflettere. Non fa ben sperare la diffusa insofferenza per l’isolamento a cui dobbiamo sottoporci, per responsabilità collettiva.  Questa irresponsabilità rappresenta un insulto verso i tanti concittadini che si stanno prodigando in una tremenda trincea per tutelarci. È patetica agli occhi di quelli che sono stati costretti, all’opposto, ad abbandonare le loro case durante lo sfollamento dopo il bombardamento del ‘44; sconvolti e impauriti, ma confortati dall’accoglienza nelle stalle delle campagne vicine. È sacrilega rispetto ai nuovi sfollati che, anche in questo momento, fuggono da guerre abominevoli, di cui nuovi barbari dovranno rispondere alla storia: mandrie transumanti su territori sconfinati, lontanissimi dai loro paesi; scortate da minacciosi butteri di uomini; respinte da nuovi fili spinati. Cosa mangeranno; cosa berranno; dove si ripareranno dalle intemperie; dove dormiranno, si laveranno, defecheranno; chi consolerà quei bambini che trotterellano dietro a genitori disperati, come cerbiatti neonati, obbligati ad alzarsi subito e correre. Se il virus non avrà un minimo di pietà, sarà una catastrofe: senza tamponi, ospedali, letti, ventilatori, medici, infermieri, bare. Oggi sono scomparsi dalle televisioni: è una vergogna vivere nello stesso pianeta, inerti, cercando di non pensarci. Come potranno non odiare i persecutori di oggi? Proponiamoci almeno di reagire, ammaestrati dalla tempesta, per rifondare la convivenza fra i popoli: ci si presenta una condizione comparabile a quella che nel dopoguerra ha fatto nascere l’Europa, di cui oggi appare evidente l’indispensabilità. È l’ultima chiamata per farne tesoro.  

20/03/2020 20:37:40 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy