Attualità » Primo piano C. di Castello: rintracciato e arrestato dalla Polizia un extracomunitario

Gli agenti della Squadra Volante – Ufficio Prevenzione Generale del Commissariato, hanno tratto in arresto un cittadino extracomunitario originario della Tunisia. E.A.H. di anni 31, residente a Brescia, nella tarda serata di mercoledì, era stato notato dall’equipaggio della Volante, aggirarsi per il centro storico di Città di Castello. Il volto nuovo, non noto all’equipaggio operante, aveva attirato l’attenzione dei poliziotti, che, in servizio di controllo del territorio, avevano tentato di fermarlo per identificarlo. Alla vista degli agenti operanti, il tunisino si dava precipitosamente alla fuga, facendo perdere le proprie tracce nei vicoli del centro. Le ricerche, alle quali prendeva parte anche personale della Squadra Anticrimine, fornivano esito positivo. Infatti, il tunisino e la sua compagna venivano rintracciati nelle primissime ore della mattinata di ieri, alloggiati presso un albergo cittadino. Per evitare i controlli incrociati sugli alloggiati, l’arrestato forniva all’albergatore un documento falso, riportante generalità diverse, prive di ogni sospetto e pregiudizio di Polizia. Al momento dell’accesso in camera, il tunisino e la sua compagna venivano trovati in possesso di oltre 3000 euro in banconote di piccolo taglio. Al fine di esperire ulteriori accertamenti, venivano accompagnati presso gli uffici del Commissariato. All’interno il tunisino, dapprima aggrediva due agenti, poi si auto lesionava colpendo violentemente con la fronte il monitor di un computer. Ricondotto a ragione, veniva sottoposto a rilievi foto dattiloscopici, attraverso i quali si appurava la vera identità. Conosciuto sul territorio nazionale, alla banca dati interforze con ben 7 alias, si appuravano una lunghissima sfilza di precedenti e condanne per svariati reati, tra cui anche detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Inoltre emergeva un decreto di espulsione dal territorio nazionale, mai eseguito per irreperibilità, emesso dal Questore di Brescia. Il tunisino veniva tratto in arresto per violenza, minaccia, resistenza a Pubblico Ufficiale, lesioni aggravate, danneggiamento, false attestazioni a Pubblico Ufficiale, uso di atto falso e detenzione di documenti d’identità falsi. La compagna, non essendo in grado di giustificare il possesso della menzionata cifra, stante i precedenti penali specifici ed il ritrovamento di carta stagnola, ove evidente era stata la presenza di sostanza stupefacente, veniva denunciata per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

17/10/2014 14:14:29

Notizie » Politica Montone: nasce il movimento civico Uniti per Montone

Riceviamo e pubblichiamo Oggi nel nostro territorio comunale incomincia il cantiere di una nuova forza civica, UNITI PER MONTONE , la forza civica di origine espressamente civica di origine Moderata – Riformista . UNITI PER MONTONE  vuole essere qualche cosa di completamente nuovo nel panorama politico locale. “Noi crediamo che la politica sia prima di tutto Servizio e Volontariato , crediamo nella Politica quella vera , quella che sa prendersi le proprie responsabilità a testa alta senza se e senza ma; per noi prima vengono i cittadini e poi il resto. Viviamo in momenti difficili , la crisi che stiamo vivendo e sempre più dura e ci attanaglia sempre di più, e questo ci costringe a dare tutto noi stessi per far emergere il nostro territorio , gioiello culturale- economico – turistico di cui tutti andiamo orgogliosamente fieri. Staremo fuori dal Consiglio Comunale per questi 5 anni  ( non avendo purtroppo rappresentanti in consiglio comunale, ma abbiamo rappresentanti come membri esterni nelle commissioni consiliari) ma questo non ci fa paura, anzi, ci da più forza e stimolo per andare avanti e credere di più nella nostra idea e nel nostro lavoro per il nostro territorio. Faremo da stimolo pungente alla Maggioranza nella sua azione Riformista, restiamo dell’ idea fermissima  che  un gioiello culturale come il nostro territorio debba avere il massimo sostegno politico – amministrativo per crescere. Noi lanciamo un messaggio alla Maggioranza, quello che siamo disposti a collaborare (per i cittadini che sono la nostra prima priorità),  inutile ricordare che ci aspettano giorni difficili e momenti difficili ( causa la crisi che stiamo vivendo) per questo per responsabilità lanciamo questo nostro messaggio alla Maggioranza e a  tutte le forze politiche. Noi oggi abbiamo il coraggio di guardare oltre, verso una nuova politica,  da domani incominceremo a parlare dei veri problemi della gente e con la gente, noi diciamo basta a sterili polemiche , vogliamo riportare la politica nel suo più alto valore democratico,basta alla politica urlata, da domani la politica nel nostro territorio deve ripartire da Famiglia – Impresa- Cultura-Lavoro- Ambiente –Turismo e Servizi Sociali e Sanitari . Noi e su queste basi che ci confronteremo da domani con tutti i cittadini e con le altre forze e movimenti politici presenti nel nostro comprensorio. A breve verrà fissata una data per la presentazione del Movimento Civico, dove saranno invitati tutti i cittadini per far conoscere le linee guida e la composizione del movimento “.

17/10/2014 12:07:33

Notizie » Società Civile Preggio: al via la Sagra della Castagna

Torna dal 17 al 19 ottobre a Preggio la Sagra della Castagna, giunta oramai alla 47esima edizione. Quella di Preggio è tra le sagre più attese del territorio, in grado di attirare numerosi visitatori, grazie sia alla bellezza del luogo che alla gastronomia che in quei tre giorni viene offerta dalle botteghe aperte esclusivamente per l'occasione, che ripropongono piatti particolari il cui ingrediente principale è ovviamente la castagna. Tutti i giorni sarà infatti possibile gustare, oltre a brige e vino, i piatti tipici della tradizione nelle taverne, aperte venerdì dalle ore 19, sabato dalle ore 16 e domenica dalle ore 11. Inoltre per i tre giorni della festa sono in programma numerose iniziative collaterali, a partire da “C’era una volta la carbonaia”: venerdì pomeriggio verrà infatti accesa la carbonaia realizzata da maestri carbonari di Preggio nella zona del parcheggio da cui partono le navette per il centro del paese e resterà accesa fino a domenica. Domenica pomeriggio invece è in programma “Pittura a più mani: interpretiamo a Preggio la favola di Matteo Bruno ‘Il regno delle castagne’”; bambini e ragazzi avranno a disposizione fogli bianchi per disegnare con le tempere la piazza di Preggio e i disegni verranno pubblicati, insieme alla favola, sul notiziario “Preggio News” di dicembre. Sempre domenica sono inoltre previste una dimostrazione della tecnica ceramica raku da parte di Mirko di Deruta e il gioco della carta filata, con Marina che insegnerà con il suo fuso magico a filare la carta a partire da un foglio di giornale. 

17/10/2014 11:57:36

Notizie » Politica Interrogazione del Movimento 5 Stelle Umbertide sulla Piattaforma

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione al Sindaco per quanto riguarda la struttura La Piattaforma, dedicata alla memoria della Brigata partigiana Cremona; questo spazio fino al ventennio scorso era per i giovani umbertidesi e non, un importante punto di incontro e confronto generazionale, catalizzatore della crescita collettiva di intere generazioni. Oggi quello che ci appare sembra ben lontano dalle funzioni che la struttura dovrebbe ricoprire. Nel 1998 il Comune di Umbertide concedeva in comodato gratuito all’attuale associazione l’uso dell’immobile per la realizzazione e gestione di una struttura socio-ricreativa polifunzionale ad uso pubblico come meglio specificato nel relativo contratto di comodato. Tra le finalità vi erano: la creazione di un’area di incontro per l’intera cittadinanza, allo scopo di favorire attività di aggregazione, scambi culturali, partecipazione alla vita cittadina, realizzazione di attività ludico-ricreative, volte alla integrazione tra soggetti con e senza svantaggi socio relazionali, con particolare riguardo ai soggetti a rischio di emarginazione sociale, nonchè promuovere iniziative culturali che valorizzassero la Liberazione e la democrazia, in piena autonomia ed in coerenza con la storia del locale Club Cremona. Nel 2004 risultava la cessione dell’affitto in comodato da parte dell’associazione nei confronti di una cooperativa sociale, e la stessa cooperativa nel 2012 aveva a sua volta concesso la struttura tramite un contratto di subaffitto ramo di azienda ad una ditta individuale. La gestione passata ed attuale della struttura disattende quanto previsto dalla convenzione. Il locale ha assunto di fatto un ruolo puramente commerciale. Non è dunque osservata la funzione sociale, aggregativa, culturale e partecipativa per la cittadinanza. Il gruppo consiliare del M5S chiede al Sindaco se il Comune, quale unico proprietario, ha svolto il ruolo di controllore della struttura, affinché fossero adempiuti regolarmente e rispettati gli obblighi e le finalità per cui l’area era stata concessa in comodato. Si domanda anche come sia possibile che all’interno venga svolta unicamente un’attività commerciale (attuale pizzeria, l’area adibita a Bar ad oggi è chiusa ) tenendo conto che l’associazione che gestisce la struttura è per statuto senza scopo di lucro, e l’attività commerciale dovrebbe essere solo a supporto della realizzazione dei fini istituzionali e non avere carattere predominante ed esclusivo, creando al contempo una concorrenza sleale nei confronti di attività analoghe. Vorremmo conoscere le immediate soluzioni per riportare il locale alla sua storica funzionalità di collettore socio-educativo per i giovani umbertidesi. Il Comune è obbligato a monitorare la situazione e, qualora riscontri delle diverse finalità rispetto a quelle convenzionali riguardanti la gestione della struttura, deve prendere i provvedimenti necessari affinchè siano rispettati gli scopi della stessa. Nel deserto propositivo di Umbertide verso i giovani la Piattaforma deve tornare ad essere un centro aggregativo plurigenerazionale.

17/10/2014 11:48:11

Attualità » Primo piano Marcia per la Pace: presente il Comune di Umbertide

Il Comune di Umbertide parteciperà con il gonfalone alla Marcia per la Pace Perugia- Assisi in programma domenica 19 ottobre. La Marcia intende rivendicare, a cento anni di distanza dallo scoppio della prima guerra mondiale, il diritto alla pace come diritto umano fondamentale della persona e dei popoli, che deve essere effettivamente riconosciuto, applicato e tutelato ad ogni livello. A questo proposito, nel corso dell’ultima seduta, il Consiglio Comunale di Umbertide ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal Gruppo consiliare del Partito Democratico e illustrato dal consigliere Valdambrini che mira al riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace. Di fronte al persistente dilagare di guerre e conflitti e nella convinzione che il diritto alla pace è un diritto umano fondamentale, pre-condizione necessaria per l’esercizio di tutti gli altri diritti, il Consiglio Comunale di Umbertide, come recita l’ordine del giorno approvato all’unanimità, “plaude e sostiene l’iniziativa del Consiglio Diritti Umani delle Nazioni Unite tesa a riconoscere la pace quale diritto umano fondamentale della persona e dei popoli”, chiedendo al Parlamento e al Governo italiano di partecipare attivamente alla messa a punto del testo della Dichiarazione sul diritto alla pace e ad attivarsi presso le istituzioni dell’Unione Europea e i governi degli Stati membri affinché adottino una posizione comune favorevole all’iniziativa del Consiglio Diritti Umani e diano un fattivo contributo alla stesura della Dichiarazione. Inoltre il Consiglio Comunale “invita le Commissione Diritti Umani del Senato e della Camera ad avviare un’udienza conoscitiva riguardante il dibattito in corso sul riconoscimento del diritto alla pace e aderisce e si impegna a partecipare attivamente alla Campagna internazionale per il riconoscimento del diritto umano alla pace promossa dal Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani, dal Centro di Ateneo per i Diritti Umani e dalla Cattedra Unesco Diritti Umani, Democrazia e Pace dell’Università di Padova e dalla Rete della PerugiAssisi”.

16/10/2014 20:46:58

Notizie » Politica Il sindaco di Umbertide Marco Locchi nominato vicepresidente dell'Anci Umbria

Il sindaco Marco Locchi è stato nominato vicepresidente dell'Anci Umbria. La decisione è arrivata ieri pomeriggio quando a Narni l'Assemblea dei Comuni dell'Umbria è stata chiamata ad eleggere presidente, vicepresidenti e consiglio direttivo. Francesco De Rebotti, sindaco di Narni e dal luglio scorso vicepresidente vicario dell'Anci, è stato quindi riconfermato presidente di Anci Umbria; a rieleggerlo all’unanimità 67 tra sindaci e loro rappresentanti dei 92 Comuni umbri facenti parte dell’Anci regionale, riuniti nella X Assemblea congressuale. L’assemblea ha inoltre nominato tra tutti i sindaci cinque vicepresidenti: Marco Locchi di Umbertide, Stefano Ansideri di Bastia Umbra, Carlo Rossini di Todi, Marcello Nasini di Torgiano e Sergio Batino di Castiglione del Lago, questi ultimi due come vicepresidenti vicari. Il consiglio direttivo sarà composto da 30 membri e comprenderà i sindaci dei 16 Comuni umbri sopra i 15mila abitanti. All’assemblea, che ha registrato la più alta partecipazione di amministratori locali degli ultimi venti anni, sono intervenuti la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, Nando Mismetti e Leopoldo Di Girolamo, sindaci rispettivamente di Foligno e di Terni e neoeletti presidenti delle Provincie di Perugia e Terni. Per l’Anci nazionale era presente Antonio Ragonesi, responsabile area Sicurezza, Infrastrutture e Protezione civile. "E' per me motivo di soddisfazione poter rappresentare i Comuni dell'Umbria in veste di vicepresidente dell'Anci- ha affermato il sindaco Locchi -Il nostro compito sarà quello di sostenere le Amministrazioni dei nostri Comuni, oggetto di continui tagli ai trasferimenti statali che rendono sempre più difficile offrire i servizi di cui i cittadini hanno bisogno e di favorire un dialogo continuo e costruttivo tra i sindaci in modo che possano condividere progetti ed esperienze ed affrontare insieme le difficoltà legate al particolare periodo storico che stiamo vivendo". 

16/10/2014 20:42:24

Attualità » Primo piano C. di Castello. Donna tenta suicidio, salvata dalla Polizia

Gli agenti del Commissariato nella tarda serata di ieri, sono intervenuti, su segnalazione telefonica di un cittadino, per sventare un probabile suicidio. Giunti in prossimità del percorso verde di Città di Castello, che di fatto costeggia il fiume Tevere, sentivano provenire dal declivio del fiume, alcune grida. Malgrado il buio, riuscivano ad individuare tra gli arbusti, una donna, che in palese stato confusionale, tentava di rimanere aggrappata ad alcuni arbusti posti sul ciglio del fiume. Gli agenti si prodigavano affinchè la stessa non venisse trascinata via dalla corrente, peraltro particolarmente forte a causa delle recenti piogge. Con l’utilizzo anche di alcune corde, imbragavano la donna, sommersa dall’acqua sino al bacino, riuscendo a trascinarla sul declivio di cemento poco distante. S.M. tifernate di anni 67, in assoluto stato confusionale, probabilmente dovuto anche all’uso di alcuni farmaci, dichiarava di aver tentato il suicidio cercando di gettarsi nel Tevere con la sua bicicletta. Il tentativo non si concretizzava in quanto la presenza fitta di vegetazione ed il tempestivo intervento della Volante, non consentivano alla furia delle acque di trascinarla via. I motivi del tentativo sarebbero da addurre a presunte infedeltà coniugali, così come dichiarato dalla donna. Il marito e la figlia asserivano, che S.M. soffrirebbe da qualche tempo di crisi depressive ed abuso di sostanze alcoliche.

16/10/2014 20:36:48

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy