Attualità » Primo piano Umbertide: approvato regolamento Tari, tariffe invariate rispetto al 2014

Nel corso dell'ultima seduta consiliare, il Consiglio Comunale ha approvato le aliquote e il regolamento per la disciplina della Tari. Il tributo è destinato alla copertura dei costi relativi al servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti ed è dovuto da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti urbani. Le tariffe sono determinate in modo da garantire la copertura integrale dei costi del servizio e sono commisurate alla superficie dell'immobile e al numero dei componenti del nucleo familiare per le utenze domestiche, e alla categorie di attività con omogenea potenzialità di produzione di rifiuti facendo riferimento al codice Ateco, per le utenze non domestiche.  Le tariffe si compongono inoltre di una quota fissa, determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti e di una quota variabile, rapportata alle quantità di rifiuti conferiti. Per l'anno 2015 rimangono sostanzialmente invariate le tariffe 2014 e specifiche riduzioni per chi non usufruisce del servizio di raccolta dei rifiuti o ne usufruisce in maniera ridotta. Nello specifico, il tributo è dovuto per intero nelle zone ove viene svolta la raccolta domiciliare completa, compresi i centri storici o ogni altra localizzazione in cui la raccolta domiciliare è resa inapplicabile per l’impossibilità a collocare i cassonetti presso ogni singola abitazione. Nelle zone in cui il servizio viene svolto con frequenza diversa si applicano invece, per le utenze domestiche, una riduzione pari al 5% se il servizio viene svolto nella forma della raccolta domiciliare completa ma con una minore frequenza rispetto alla zona servita e una riduzione del 10% se il servizio viene svolto nella forma domiciliare non completa (mancato ritiro domiciliare di una o più delle tipologie di rifiuto con l’utilizzo in sostituzione di raccolta in punti di prossimità o altre forme di smaltimento); per le utenze domestiche che non domestiche, è inoltre prevista una riduzione del costo del servizio se il servizio di raccolta domiciliare è sostituito da punti di raccolta ad uso plurimo pari al 20% se a distanza inferiore o uguale a 4 km e pari al 60% se a distanza superiore a 4 km. Il regolamento prevede altresì una riduzione pari al 20% per le abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o limitato e discontinuo. Tutte le riduzioni devono essere appositamente richieste dal contribuente. Inoltre si applica uno sconto dei 2/3 della tariffa per gli immobili posseduti da cittadini italiani residenti all'estero e iscritti all'Aire, già pensionati, nel caso in cui questi non risultino locati o dati in comodato d'uso. Qualora si rendano applicabili più riduzioni o agevolazioni, è consentito il cumulo, nel limite massimo complessivo all'70% della tariffa ordinaria. La tassa sui rifiuti è versata direttamente al Comune ed è articolata in tre rate con scadenza, per il 2015, il 30 aprile, 30 luglio e 16 novembre. Le prime due rate sono versate in acconto e sono pari al 33% ciascuna dell'importo complessivo, mentre la terza rata è calcolata a conguaglio. Il contribuente può richiedere il dilazionamento del pagamento con un massimo di sei rate bimestrali di pari importo, elevabile in 12 rate se le somme dovute superano i 5.000 euro e tale tipologia di pagamento viene concessa previa dimostrazione dello stato di disagio economico del contribuente e del suo nucleo familiare. I contribuenti sono tenuti a dichiarare ogni circostanza rilevante per l’applicazione del tributo e in particolare, l’inizio, la variazione e la cessazione dell’utenza, la sussistenza delle condizioni per ottenere agevolazioni o riduzioni, il modificarsi o il venir meno delle condizioni per beneficiare di agevolazioni o riduzioni. Il Comune svolge le attività necessarie al controllo dei dati contenuti nelle dichiarazione presentate dai soggetti passivi e le attività di controllo per la corretta applicazione del tributo e a tal fine può inviare al contribuente questionari da restituire debitamente compilati. 

10/08/2015 14:35:39

Sport Pfu: Chiara Fusco nel roster della prima squadra nella prossima stagione

L’accordo rinnovato anche per la prossima stagione tra Pallacanestro Femminile Umbertide, Pallacanestro Perugia e Basket Umbertide inizia già a dare importanti risultati. Dopo le finali nazionali under 19 di Battipaglia la passata stagione, infatti arriva un nuovo importante riconoscimento per i dirigenti delle società dei presidenti Paolo Betti e Mauro Manganello: Chiara Fusco, classe 1998, farà parte della formazione di Umbertide che nel 2015/16 disputerà il campionato di serie A1 sotto la guida di coach Serventi. Play molto promettente, dalla grande intensità, brava sia nell’attaccare la difesa avversaria che nel recuperare palloni, Chiara sarà la prima giovane della Pallacanestro Perugia ad arrivare alla serie A1, dopo che già nella passata stagione ebbe modo di allenarsi alcune volte con la prima squadra umbertidese. Così commenta coach Filippo Fiorucci, che ha da sempre creduto nelle qualità di Chiara Fusco, cresciuta cestisticamente sotto la sua guida: “Far parte del roster di una squadra di serie A1 è il sogno di ogni ragazzina e Chiara se l’è conquistato con il lavoro, la passione e il sacrificio. Sa bene che questa opportunità è un trampolino e non un punto di arrivo e sono felice che si giochi le sue carte con coach Serventi che è il numero uno in assoluto in Italia per lavorare con le giovani. Il grande passo del mio capitano testimonia la bontà del progetto della società e la qualità con la quale abbiamo lavorato in questi anni, sia prima che adesso come Pallacanestro Perugia. Ringrazio la società e Francesco Posti che cinque anni fa non esitò ad affidarmi Chiara e il gruppo 1998, con il quale sono stati ottenuti risultati apprezzabili sia a livello di squadra che di crescita delle singole atlete” Queste sono invece le prime parole di Chiara Fusco: “Sono molto contenta naturalmente, anche se ancora devo realizzare bene la cosa. Sarà una esperienza intensa, insieme ad atlete importanti, Conosco già coach Lollo e il suo modo di lavorare, soprattutto con noi giovani. Entrerò in punta di piedi cercando di migliorare giorno dopo giorno, ringrazio innanzitutto la Pallacanestro Perugia e il presidente Manganello per questa grande opportunità. Un pensiero va al mio coach Fili Fiorucci e a tutto il tempo che mi ha dedicato: giuro che il primo canestro in serie A glielo dedico…”. Naturalmente Chiara continuerà in parallelo il suo percorso giovanile dando man forte alla squadra under 18, una formazione ricca di talenti, che ha fatto bene negli anni passati e anche la scorsa stagione, dominando il basket regionale e ottenendo ottimi risultati a livello interregionale. Quest’anno, con l’aggiunta di un paio di ottimi elementi, l’obiettivo saranno le finali nazionali di categoria. Ci saranno anche altre ragazze provenienti dalla Pallacanestro Perugia che ruoteranno attorno alla prima squadra, a partire da Ricci, Zucchini, Aquinardi, Manganello e Meucci. Per tutte queste giovani promettenti ci sarà l’occasione di fare importanti esperienze e continuare a crescere. “Risultati importanti! Si può arrivare in alto. Questo mix è micidiale, tutte le ragazze possono fare il salto di qualità” chiosa il responsabile del settore giovanile della PFU Enrico Cristofani.

09/08/2015 09:44:38

Sport Agape 2000 verso la stagione 2015- 2016

Riceviamo e pubblichiamo L’Agape 2000, società di puro settore giovanile di Umbertide, si prepara alla prossima stagione sportiva. Le iscrizioni sono aperte per tutte le categorie della scuola calcio, a partire dai nati nell’anno 2010. La sede di Santa Maria (lato campo sportivo) è aperta dal lunedì al venerdì dalle 17.30 alle 19.30. L’attività si svolge durante l’anno presso lo stadio Maurizio Ferrari (Santa Maria), in erba naturale, e presso lo stadio USU (sotto la ferrovia), in erba sintetica. La quota di iscrizione è pari a 200 euro, ai quali si aggiunge la spesa per il materiale sportivo, acquistabile in base alle effettive necessità direttamente presso il negozio New Team di Umbertide, al costo massimo di 100 euro. “La nostra attenzione – spiega il presidente di AGAPE 2000 Luca Santinelli – è rivolta prima alla persona e poi alla formazione dell’atleta. Quello che ci caratterizza sono infatti i valori cristiani, morali ed umani nei quali crediamo e che cerchiamo di trasmettere ai nostri ragazzi nello stile dell’oratorio”. Lo sport, dunque, come strumento di formazione, ma anche con l’obiettivo competitivo. “Abbiamo già gruppi numerosi, che si distinguono sul piano agonistico. Per noi, infatti, imparare a vincere è parte del processo educativo dei ragazzi”. Anche per questo i tecnici di Agape devono rispettare un preciso percorso di insegnamento. “L’apprendimento dei giovani calciatori deve seguire un percorso graduale, coerente ed adatto alle diverse età. Per questo – spiega il responsabile del settore giovanile Manlio Citti – abbiamo condiviso e adottato una Guida Tecnica redatta sulla base delle indicazioni fornite dal Settore Giovanile e Scolastico, che rappresenta l’indirizzo da osservare nella definizione dei programmi di lavoro relativi alle varie categorie. Ed è in programma per i primi di settembre un corso di formazione interno di 4 giorni per tutti i tecnici ”. AGAPE 2000 non è solo sport. Sono infatti numerose, durante l’anno, le iniziative rivolte alle famiglie, mentre per i ragazzi verrà riproposto “Mi salvo in calcio d’angolo”, un aiuto scolastico pomeridiano reso possibile grazie al contributo di genitori ed amici. In primavera verrà inoltre organizzato per il secondo anno il torneo “AGAPE Umbertide”, rivolto ai bambini della scuola calcio. Insomma, AGAPE 2000, un modo di fare sport solido nei valori, aggiornato nei contenuti, che mette al centro la formazione del ragazzo, in tutti i suoi aspetti. Cogliamo l’occasione di questo spazio per invitare i ragazzi nati negli anni compresi tra il 2005 ed il 2010 (quindi pulcini e piccoli amici calcisticamente parlando) insieme, ovviamente, alle loro famiglie, al nostro Open Day che si terrà sabato 29 Agosto dalle ore 16:00 presso l’impianto sportivo M.Ferrari. Vi aspettiamo numerosi !!! Esordienti 2002/2003 2005 Pulcini 2006

07/08/2015 15:06:50

Cultura Domenica 30 agosto il Festival delle Nazioni fa tappa a Umbertide

Il Festival delle Nazioni torna a fare tappa ad Umbertide. Domenica 30 agosto, alle ore 21 la Chiesa di San Francesco ospiterà uno dei concerti della prestigiosa rassegna tifernate dedicata alla musica classica giunta alla 48esima edizione e quest'anno dedicata all'Austria. “Da Firenze a Vienna, il viaggio del fortepiano”, il titolo del concerto che vedrà esibirsi l'Ensemble Auser Musici composto da Andrea Vassalle al violino, Valeria Brunelli al violoncello, Riccardo Cecchetti al fortepiano e Carlo Ipata, flauto e direzione.  L’invenzione del fortepiano è databile a Firenze fra il 1697 e il 1700 ed è attribuita a Bartolomeo Cristofori, cembalaro padovano a servizio di Ferdinando dei Medici. Lo strumento, con il suo rivoluzionario principio sonoro basato sulla percussione delle corde, non ebbe subito molto successo. Per riscontrare interesse, dobbiamo attendere il 1732, quando il pistoiese Ludovico Giustini pubblicò a Firenze le prime Sonate da cimbalo di piano e forte, detto volgarmente di martelletti, e ancora il 1747 quando l’ormai vecchio Johann Sebastian Bach ebbe particolare apprezzamento per il “nuovo” strumento che ebbe modo di provare mentre era in visita a Federico Il Grande. Nonostante sia da molti considerato solo come un antenato del pianoforte, è innegabile come il fortepiano abbia avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo del linguaggio musicale europeo, soprattutto grazie all’utilizzo che ne fecero i grandi compositori del classicismo viennese. Il programma si sofferma su tre situazioni tipiche del nascente repertorio per questo strumento, proponendo brani di Lidarti, Haydn, Mozart e Hummel, ed inscrivendole in un immaginario percorso fra la Toscana e Vienna. 

06/08/2015 15:22:03

Attualità » Primo piano Tasi a Umbertide, confermate aliquote 2014 e detrazioni

Nel corso della seduta del 29 luglio scorso, il Consiglio comunale ha approvato le aliquote, le detrazioni ed il regolamento della Tasi, il tributo comunale per i servizi indivisibili dovuto da chiunque possieda fabbricati, compresa l'abitazione principale e le aree edificabili. La TASI concorre alla copertura dei costi dei servizi indivisibili erogati dal Comune, ovvero i servizi di polizia locale, viabilità, illuminazione pubblica, protezione civile, tutela ambientale del verde, urbanistica e gestione del territorio, anagrafe, stato civile, elettorale, leva e servizio statistico, gestione dei beni demaniali e patrimoniali, servizi necroscopici e cimiteriali e di istruzione pubblica. La base imponibile degli immobili soggetti alla TASI è quella prevista per l’applicazione dell’IMU. Nel caso in cui l'immobile sia occupato da soggetto diverso dal titolare, l'occupante è tenuto al versamento del 20% del tributo e il proprietario del restante 80%. E' inoltre prevista una riduzione del 50% per i fabbricati di interesse storico o artistico e i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili e di fatto non utilizzati. Per il 2015 il Consiglio Comunale ha confermato le tariffe 2014, senza apportare alcuna variazione, pertanto l'aliquota Tasi per l’abitazione principale è pari al 2,5 per mille.  Sono state inoltre confermate la detrazione di 50 euro per gli immobili adibiti ad abitazione principale con valore catastale superiore a 250 euro (gli immobili con valore catastale inferiore a 250 euro non pagano il tributo), e la detrazione di 50 euro per ogni figlio di età non superiore a 26 anni, a condizione che lo stesso dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale, fino ad un massimo di 100 euro. E' inoltre stabilita una detrazione pari ai 2/3 della TASI per gli immobili posseduti da cittadini italiani residenti all'estero e iscritti all'Aire, già pensionati, nel caso in cui questi non risultino locati o dati in comodato d'uso. Restano invariate anche le aliquote per gli altri immobili diversi dall'abitazione principali. Il pagamento è suddiviso in due rate con scadenza il 16 giugno e il 16 dicembre. Il Comune può inoltre svolgere le attività necessarie al controllo dei dati contenuti nelle dichiarazioni presentate dai soggetti passivi e le attività di controllo per la corretta applicazione del tributo e a tal fine può inviare al contribuente questionari da restituire debitamente compilati.

05/08/2015 20:14:57

Cultura La 25esima edizione del Calendario di Umbertide dedicata alla storia dell'emigrazione umbertidese

Giunto ormai all’importante traguardo della 25esima edizione, il Calendario di Umbertide ha deciso di dedicare le sue pagine ad un tema particolarmente interessante e, anche se sotto altri punti di vista, di grande attualità e cioè quello dell’emigrazione: un fenomeno che ha coinvolto per circa un secolo molti nostri concittadini che, spinti dalla necessità di un lavoro sicuro ed alla ricerca di un miglioramento economico per le loro famiglie, si sono spinti fino a località lontanissime dalla loro Umbertide. Distanze non solo geografiche, ma anche storiche e culturali, che per essere colmate richiesero tempi lunghi e pesanti sacrifici dovuti alla difficoltà di assimilare lingue ed usanze spesso molto diverse e agli atteggiamenti, a volte ostili, delle popolazioni ospitanti. La Redazione,  in accordo con l’Amministrazione Comunale – sindaco Marco Locchi e assessore alla cultura Raffaela Violini -, ha deciso di ripercorrere, attraverso le pagine del Calendario del 2016, le tappe della storia dell’emigrazione dei nostri concittadini, che in epoche diverse e nell’arco di un centinaio di anni,  hanno lasciato Umbertide per raggiungere località remote e perlopiù sconosciute, lasciando affetti ed amicizie ed affrontando una vita piena di incognite, guadagnando stima e considerazione e migliorando nel contempo le condizioni di vita delle loro famiglie. Storie diverse e spesso difficili da ricordare senza la testimonianza di foto e documenti oltre che dei racconti di chi le ha vissute, ed è in occasioni come queste che diventa indispensabile la collaborazione di quanti potranno fornire fotografie, documenti o storie come gli ex emigranti tornati in patria e le loro famiglie ed  i parenti e gli amici di quelli che si sono trasferiti definitivamente all’estero. Sarà questo materiale a riempire le pagine di un Calendario che sarà sicuramente tra i più interessanti editi in questi 25 anni e rappresenterà una concreta forma di riconoscimento nei confronti di quanti hanno contribuito alla crescita sociale del loro paese o di quello che li ha ospitati ed al miglioramento economico di intere generazioni. Tra i temi che verranno trattati sulle pagine del Calendario di Umbertide 2016, ci saranno anche quelli dell’emigrazione interna che coinvolse quanti, e furono tanti, si spostarono in altre regioni italiane in cerca di lavoro dai primi del Novecento fino agli anni ’50 e la storia più recente di un nuovo tipo di emigranti e cioè di quei giovani che, raggiunti alti livelli di specializzazione o comunque desiderosi di aprirsi ad un mondo più vasto, hanno lasciato il nostro paese facendosi onore nei settori più diversi e contribuendo alla diffusione del nome di Umbertide in ogni continente. La Redazione del Calendario invita chiunque sia in possesso di materiale fotografico, scritti e altri documenti sull’emigrazione, a rivolgersi all’Ufficio Programmazione del Comune di Umbertide (Fabio Mariotti tel. 075 9419249) o ad Adriano Bottaccioli, curatore del Calendario (tel. 338 3250726). Saranno molto graditi i suggerimenti di quanti hanno vissuto l’esperienza dell’emigrazione e vorranno contribuire con la loro testimonianza alla realizzazione di questo progetto.

05/08/2015 20:06:37

Cultura La 25esima edizione del Calendario di Umbertide dedicata alla storia dell'emigrazione umbertidese

Giunto ormai all’importante traguardo della 25esima edizione, il Calendario di Umbertide ha deciso di dedicare le sue pagine ad un tema particolarmente interessante e, anche se sotto altri punti di vista, di grande attualità e cioè quello dell’emigrazione: un fenomeno che ha coinvolto per circa un secolo molti nostri concittadini che, spinti dalla necessità di un lavoro sicuro ed alla ricerca di un miglioramento economico per le loro famiglie, si sono spinti fino a località lontanissime dalla loro Umbertide. Distanze non solo geografiche, ma anche storiche e culturali, che per essere colmate richiesero tempi lunghi e pesanti sacrifici dovuti alla difficoltà di assimilare lingue ed usanze spesso molto diverse e agli atteggiamenti, a volte ostili, delle popolazioni ospitanti. La Redazione,  in accordo con l’Amministrazione Comunale – sindaco Marco Locchi e assessore alla cultura Raffaela Violini -, ha deciso di ripercorrere, attraverso le pagine del Calendario del 2016, le tappe della storia dell’emigrazione dei nostri concittadini, che in epoche diverse e nell’arco di un centinaio di anni,  hanno lasciato Umbertide per raggiungere località remote e perlopiù sconosciute, lasciando affetti ed amicizie ed affrontando una vita piena di incognite, guadagnando stima e considerazione e migliorando nel contempo le condizioni di vita delle loro famiglie. Storie diverse e spesso difficili da ricordare senza la testimonianza di foto e documenti oltre che dei racconti di chi le ha vissute, ed è in occasioni come queste che diventa indispensabile la collaborazione di quanti potranno fornire fotografie, documenti o storie come gli ex emigranti tornati in patria e le loro famiglie ed  i parenti e gli amici di quelli che si sono trasferiti definitivamente all’estero. Sarà questo materiale a riempire le pagine di un Calendario che sarà sicuramente tra i più interessanti editi in questi 25 anni e rappresenterà una concreta forma di riconoscimento nei confronti di quanti hanno contribuito alla crescita sociale del loro paese o di quello che li ha ospitati ed al miglioramento economico di intere generazioni. Tra i temi che verranno trattati sulle pagine del Calendario di Umbertide 2016, ci saranno anche quelli dell’emigrazione interna che coinvolse quanti, e furono tanti, si spostarono in altre regioni italiane in cerca di lavoro dai primi del Novecento fino agli anni ’50 e la storia più recente di un nuovo tipo di emigranti e cioè di quei giovani che, raggiunti alti livelli di specializzazione o comunque desiderosi di aprirsi ad un mondo più vasto, hanno lasciato il nostro paese facendosi onore nei settori più diversi e contribuendo alla diffusione del nome di Umbertide in ogni continente. La Redazione del Calendario invita chiunque sia in possesso di materiale fotografico, scritti e altri documenti sull’emigrazione, a rivolgersi all’Ufficio Programmazione del Comune di Umbertide (Fabio Mariotti tel. 075 9419249) o ad Adriano Bottaccioli, curatore del Calendario (tel. 338 3250726). Saranno molto graditi i suggerimenti di quanti hanno vissuto l’esperienza dell’emigrazione e vorranno contribuire con la loro testimonianza alla realizzazione di questo progetto.

05/08/2015 20:06:37

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy