Attualità » Primo piano Aimet: il 7 maggio premiazione del concorso Save Energy

Si terrà giovedì 7 maggio 2015 alle ore 10.30 presso il Centro socio-culturale San Francesco di Umbertide la cerimonia di premiazione di “Save Energy 2015”, il concorso promosso da AIMET – Azienda Intercomunale Metano Energie del Territorio s.r.l. - , con il patrocinio dei Comuni di Umbertide, San Giustino, Montone e Corciano, finalizzato a sensibilizzare le nuove generazioni ad un utilizzo più consapevole delle risorse energetiche e a promuovere una nuova cultura dell’energia in grado di consolidare nei giovani di oggi i modelli sostenibili degli adulti di domani. Sono ben 11 gli istituti scolastici provenienti dall’intero comprensorio dell’Altotevere, da San Giustino ad Umbertide passando per Montone, Città di Castello, Trestina e Pierantonio, che hanno aderito all’iniziativa, giunta alla seconda edizione, per un totale di oltre 400 studenti coinvolti, bambini e ragazzi dai 6 ai 18 anni che hanno dato libero sfogo alla loro fantasia e creatività e, attraverso disegni, ipertesti, video, fumetti e fotografie, hanno espresso il loro concetto di sostenibilità energetica ed ambientale. “Anche quest’anno abbiamo centrato l’obbiettivo che ci eravamo prefissati, quello di stimolare i ragazzi a riflettere sul tema sempre più attuale della sostenibilità ambientale – ha affermato il presidente di AIMET dott. Matteo Baldelli – Le scuole hanno risposto con entusiasmo al nostro invito, intraprendendo un percorso educativo e formativo volto a fare dei giovani studenti di oggi dei cittadini adulti consapevoli della necessità di un uso sostenibile delle risorse energetiche”. “La positiva partecipazione alla prima edizione del concorso ci ha spinto a riproporlo anche quest’anno, mettendo a disposizione delle scuole del territorio buoni per l’acquisto di materiale didattico per un valore complessivo pari a 4.000 euro – ha aggiunto l’amministratore delegato di AIMET ing. Patrizio Nonnato – Quest’anno il concorso ha riscosso un successo ancora maggiore rispetto alla prima edizione e ha visto raddoppiare il numero delle scuole partecipanti; questo ci permetterà di contribuire in maniera ancora più incisiva a sensibilizzare le nuove generazioni ad un uso razionale dell’energia”. Alla cerimonia di premiazione parteciperanno il presidente di AIMET Matteo Baldelli, l’amministratore delegato di AIMET Patrizio Nonnato, i sindaci e gli assessori dei Comuni di Umbertide, San Giustino, Città di Castello, Corciano e Montone e l’on. Giampiero Giulietti.

05/05/2015 12:01:31

Notizie » SLIDER Biennart: premiati i vincitori

Si è conclusa con la cerimonia di premiazione al Centro socio culturale San Francesco, “Biennart”, la prima biennale di arte contemporanea che ha coinvolto i comuni di Umbertide, Pietralunga, Montone e la cittadina siciliana di Modica. In una sala gremita sono stati consegnati i premi ai vincitori della prima edizione della biennale che ha visto la partecipazione complessivamente di 160 artisti, in rappresentanza di 20 Paesi, che hanno esposto le proprie opere alla Rocca di Umbertide, al Centro Museale San Francesco di Montone e al  Centro Espositivo Sant’Agostino di Pietralunga. Presenti gli ideatori dell'iniziativa, Emanuele Ventanni e Roberto Guccione, i membri della giuria presieduta da Andrea Baffoni, l'artista di fama internazionale Luca Alinari, il segretario generale dell'associazione Artisti slovacchi Maria Orvatova e i sindaci dei Comuni di Umbertide e Montone. La giuria ha deciso di assegnare all'unanimità il primo premio a Maurizio Avi, seguito al secondo posto da Marco Amore e al terzo da Daniele Miglietta. Oltre al premio, i primi due classificati avranno anche l'opportunità di esporre le proprie opere per due settimane a Bratislava. Sono stati poi assegnati 34 premi per il quarto posto ex aequo, premi speciali e premi per i giovani. L'artista Cinzia Carasi si è invece aggiudicata il premio “Marcella Monini”, riconoscimento che le studentesse degli indirizzi liceali linguistico e scienze umane dell'Istituto “Leonardo Da Vinci” hanno voluto assegnare all'opera che più di altre le ha emozionate, in ricordo della mamma umbertidese che perse la vita in mare per salvare i suoi figli.

04/05/2015 15:00:46

Notizie » Politica M5S su nomina Consigli di Quartiere: scarsa partecipazione

Riceviamo e pubblichiamo dal Movimento 5 Stelle Umbertide Nell’ultimo Consiglio comunale sono stati eletti i nuovi consigli di quartiere, nati con lo scopo di promuovere la partecipazione e la consultazione dei cittadini. Proposito lodevole, peccato poi che con il tempo siano stati svuotati della loro reale funzione; ora ci appaiono come una sorta di paravento tra i cittadini e l'amministrazione: intesi dall’Amministrazione più come elemento ornamentale che come vivo strumento di partecipazione, tant'è che con il tempo i consiglieri che lo compongono, che con impegno portavano avanti questo compito, hanno perso la speranza di vedersi concretizzare le richieste dei singoli quartieri. I consigli di quartiere dovrebbero essere gli strumenti per promuovere la partecipazione dei cittadini, dovrebbero essere i consigli dei cittadini volontari che fanno da interfaccia tra territorio e Comune; dovrebbero dunque farsi portavoce delle esigenze della popolazione locale. Alla richiesta da parte del partito della maggioranza di fornire dei nominativi per comporre i consigli di questo comune, il M5S Umbertide ha rifiutato l'invito, sottolineando le carenze e mettendo in dubbio lo stesso assetto dei consigli. Ci sono state realmente candidature spontanee e non dettate dalla politica locale? Questi Consigli dovrebbero essere composti da cittadini volontari, desiderosi di partecipare in maniera attiva al miglioramento del proprio territorio, e non persone scelte in maggioranza dal partito dominante, non dunque dei nominati, ma dei volontari. Tra l’altro è previsto nel regolamento comunale di questo organo che l’amministrazione provveda annualmente a creare un apposito capitolo di spesa da mettere a disposizione dei Consigli di quartiere. Ma la maggioranza lo saprà? Non si può parlare di partecipazione quando di fatto non vi è, la partecipazione è un processo che va costruito giorno per giorno, coinvolgendo realmente le persone che vivono nel territorio, ascoltando realmente le loro istanze e cercando una soluzione comune per il miglioramento del proprio luogo e del vivere civile. Per far questo serve innanzitutto mostrare ai cittadini un cambio di rotta, realizzare nel concreto iniziative che portino ad una fattiva collaborazione tra istituzione e cittadini, risvegliare le coscienze al senso civico, al non delegare più, ma al farsi portavoce seri dei bisogni della propria zona. Quando si avrà riacquistata questa consapevolezza, questo senso di unità, anche senza paura di esporsi, abbandonando ogni campanilismo politico, si potrà procedere verso un percorso reale di partecipazione. Il M5S che da sempre incoraggia le forme di partecipazione, anzi nasce proprio con la funzione di portare i cittadini nelle istituzioni, non può pertanto ammettere un organo composto per lo più da nominati. La democrazia diretta di cui tanto si parla è ben altra cosa.

04/05/2015 14:50:45

Notizie » Società Civile Montone: nuovo percorso ciclopedonale

Continuano gli sforzi dell’Amministrazione Comunale in tema di mobilità sostenibile. Infatti è da poco stata ufficializzata la notizia del finanziamento di un altro dei progetti strategici che l’Amministrazione Comunale ha individuato all’interno dello studio denominato Montone Smart 2020, presentato alla comunità montonese per la prima volta il 25 ottobre 2014, presso la chiesa di San Francesco, alla presenza dell’assessore regionale Silvano Rometti. L’obiettivo dello studio è stato quello di affrontare organicamente l’analisi e la diagnosi della realtà esistente, e formulare proposte organiche su norme, strategie, politiche ed interventi per la riduzione del traffico e il miglioramento dell’accessibilità con priorità per i residenti e i turisti.  Si tratta di un documento di programmazione strategica, di ampio respiro, realizzabile in un arco temporale di medio periodo (10 anni), rispetto al tema della mobilità e dell’accessibilità sostenibile, con un approfondimento particolare nei confronti della mobilità pedonale e ciclabile del centro storico di Montone. Tale lavoro, viene inquadrato all’interno delle strategie europee di smart city, cioè non affronta solamente il tema della mobilità intesa come infrastrutture pesanti (opere pubbliche) ma pone particolare attenzione anche ai servizi legati al tema della mobilità (trasporto pubblico, bike sharing, car pooling, mobilità elettrica, applicazioni info traffico etc..). L’idea di fondo è quella di rendere l’intero nucleo urbano di Montone, compreso quindi il centro storico, una grande zona 30, dove il pedone è il principale attore della scena urbana. Per realizzare questo progetto, prima di tutto si devono creare le condizioni minime affinché il pedone si possa muovere liberamente e in assoluta sicurezza all’interno dell’intera area. In questa cornice si inseriscono i progetti del PUC3, ossia la riqualificazione urbana di porta del Verziere e il nuovo percorso ciclopedonale di collegamento tra il centro storico (Porta del Verziere) e le nuove aree residenziali lungo la Sp 201, da poco finanziato dalla Regione dell’Umbria, attraverso l’approvazione della graduatoria relativa al Piano Legge Regionale 16.12.1997 n. 46 – anno 2014. Quest’ultimo progetto è articolato in 3 stralci funzionali. Nei prossimi mesi vedrà la luce il primo stralcio funzionale che riguarda il tratto avente una lunghezza pari a 750 mt e che va dell’incrocio tra la SP 201 e via dei Magistrati fino alle aree di nuova espansione. Il progetto di importo complessivo di € 150.000,00, verrà realizzato grazie ad un contributo regionale di € 120.000,00.

04/05/2015 14:41:07

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy