Notizie » Politica Umbertide Cambia: prosegue il dibattito politico ad Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Richiamando il  diritto di replica rispetto alla nota dell’Amministrazione Comunale in materia di tributi, si invia la seguente risposta. C’è pressione fiscale ad Umbertide? L’addizionale Irpef è gestita equamente? Le nostre posizioni sono diametralmente opposte a quelle dell’Amministrazione, anche se su un punto il Sindaco Locchi ha ragione: i numeri sono numeri. Questi non possono essere tirati da una parte o da un’altra. Fuori dalle polemiche ci affidiamo a studi neutrali e autorevoli, come quelli del CNA e del Centro Studi Sintesi, che di seguito riportiamo. Tali studi – e non Umbertide Cambia – dimostrano come, per quanto riguarda IMU e TASI, il Comune di Umbertide sia stato per il 2014, e non cambia per il 2015, il più caro dell’Umbria. Rispetto ad un laboratorio artigianale con rendita catastale 400 euro, la media regionale di IMU più TASI è di 611 euro, mentre Umbertide ha fatto pagare ben 670 euro, situandosi al primo posto in Umbria (Perugia e Città di Castello si fermano a 623). Per un opificio con rendita catastale di 4.200 euro, Umbertide si situa al settimo posto regionale (3.038), superando la media di 2.925 (IMU+TASI). Se poi si sommano IMU-TASI-TARI, la situazione di Umbertide è ancor più grave (riferimento rendita catastale 4.200 euro, 200mq): risulta essere il primo Comune in Umbria con un totale di 3.769 euro, superando la media regionale di 3.350. Questi i dati clamorosi di un ente terzo. E non basta dire, come afferma il Sindaco, che si è aumentata la TASI per dedurre il reddito d’impresa, agevolandola così fiscalmente. Infatti se si facilita leggermente da una parte si prende il doppio dall’altra. Capitolo Irpef. Qui non abbiamo detto che è aumentata l’aliquota (rimasta effettivamente allo 0,5 % ), ma che la sua applicazione fortemente iniqua ha aggravato la pressione fiscale sui ceti più deboli. Rimanendo invariata la  soglia di esenzione (12.000 euro) e imponendo a tutti, senza distinzioni di reddito, lo 0,5% la pressione fiscale grava maggiormente sulle fasce deboli. “Il compagno” ex comunista assessore Tosti crede veramente che l’equità sia far pagare lo 0,5% a chi ha reddito di 12.001 euro e chi, per esempio, ne ha 50.000 oppure 120.000? Il problema è che se la soglia di esenzione è bassa (perché non la si è alzata, visto che si afferma che il Comune ha un bilancio in avanzo?) e non è accompagnata da alcuna politica di compensazione come quella dei quozienti familiari, il peso fiscale si moltiplica per i redditi più bassi. Si provi, semmai, come hanno fatto gli altri Comuni di centro sinistra ad inserire uno scaglionamento per fasce di reddito, anche arrivando  allo 0,8% per i redditi sopra i 75.000 euro. Chi più ha, più metta. E si abbassi IMU e TASI sulle abitazioni: anche in questo caso le aliquote sono al massimo per le prime case, con una penalizzazione per le famiglie più numerose, e “oltre il massimo” per le seconde case.

03/09/2015 10:21:51

Notizie » Società Civile Artist Academy Talent Reality: i nomi dei 25 concorrenti

Riceviamo e pubblichiamo Terminate le audizioni composte da tecnici esperti e presiedute dalla persona di Michael Zurino, ideatore, direttore e conduttore di ARTIST ACADEMY Talent Reality, il nuovo Programma TV girato ad Umbertide, che vedrà la sua finale al Lyrick di Assisi, la Redazione comunica i nomi dei 25 concorrenti della prima edizione che si svolgerà da Ottobre 2015 a Giugno 2016. La Commissione, considerando talento, capacità e livelli differenti, ha reputato idonei a svolgere il percorso in programma i seguenti concorrenti che hanno, più di tutti, mostrato desiderio di crescita e di acquisizione di un bagaglio musicale, artistico e culturale possibile grazie all'opera di docenti eccellenti (tra cui ricordiamo Fiordaliso, Katia Ricciarelli, Donatella Rettore, Beppe Carletti, Edoardo Vianello e tantissimi altri). Riportiamo nomi, età e provenienza geografica:1) Elisa Paladin, 22 anni, Treviso 2) Maria Teresa Caiafa, 51 anni, Chieti. 3) Immacolata Recano, 20 anni, Città di Castello. 4) Giuseppe Oppedisano, 33 anni, Torino. 5) Angela Castello, 37 anni, Umbertide. 6) Antonio Duca, 40 anni, Palermo. 7) Alessandra Smacchia, 11 anni, Umbertide. 8) Valentina Cermelli, 37 anni, Milano. 9) Marta Sollevanti, 8 anni, Umbertide. 10) Rossella Matarazzo, in arte "Nicole", 32 anni, Milano. 11) Francesca Servadio, 20 anni, Bastia. 12) Ilary Pilato, 13 anni, Perugia. 13) Alberto Grandoni, 33 anni, Spoleto. 14) Sofia Di Renzo, 16 anni, Gubbio. 15) Leonardo D'Amico, 28 anni, Umbertide. 16) Martina Broccoli, 17 anni, Umbertide. 17) Erica Bettucci, 28 anni, Umbertide. 18) Francesco Fuoco, 32 anni, Biella. 19) Beatrice Merli, 15 anni, Umbertide. 20) Melissa De Armas, 16 anni, Perugia. 21) Alessandra Sigismondi, 23 anni, Spoleto. 22) Nadia Bardelli, 30 anni, Arezzo. 23) Maila Guza, 16 anni, Umbertide. 24) Antonia Bagnato, 15 anni, Umbertide. 25) Alice Fiorucci, 12 anni, Umbertide. La Redazione del Programma rimarrà, ancora per qualche mese, aperta all'ascolto di nuove proposte e nuovi talenti, e si dice disponibile ad accettare sponsorizzazioni che offrano sostegno a questa grande opportunità per Umbertide, per l'Umbria e per i sogni ed i sacrifici di ogni giovane artista che parteciperà a questa esperienza unica. Contatto Redazione - 333-3209854

02/09/2015 19:58:41

Attualità » Primo piano Incontro tra il Comune e la delegazione cinese di Shanghai, si aprono nuovi mercati per le imprese dell'Altotevere

Lunedì 24 agosto si è svolto in Comune l’incontro con una delegazione del Distretto di Changning di Shanghai, fortemente voluto dall'Amministrazione Comunale per promuovere nuovi scambi commerciali con ricadute positive per l'economia umbertidese ed altotiberina, rilanciando l’accordo già sottoscritto tra le due città nel lontano 2002. E’ stato il console italiano a Shanghai a chiedere di poter ridare nuovo vigore al patto allargando anche la zona inizialmente interessata e coinvolgendo tutto l'Alto Tevere. Anche la Regione Umbria, fortemente attiva a Shanghai, ha sollecitato l'avvio di questa nuova fase che potrà dare vita ad interessanti sbocchi economico-commerciali per il territorio. Oggi infatti numerose imprese altotiberine, operanti nei piu svariati settori, sono gia presenti in Cina ed altre ancora hanno instaurato proficui scambi commerciali con le realta produttive di Shanghai. All’incontro, presieduto dal sindaco Marco Locchi, hanno partecipato anche l’assessore allo Sviluppo economico Raffaela Violini, il dirigente della Regione Umbria Giampiero Rasimelli e il presidente del Gal Alta Umbria Mariano Tirimagni. La delegazione cinese era invece guidata dal vice governatore del Distretto di Changning Zhang Liacheng. Presenti anche sindaci e amministratori dei Comuni dell’Altotevere ed operatori economici di tutta la vallata. Il sindaco Locchi ha espresso la sua soddisfazione per il rilancio del gemellaggio economico con uno dei distretti più importanti e vitali della città di Shanghai, “un’occasione da prendere al volo – ha detto - per le attività produttive del nostro territorio e di tutto l’Altotevere al fine di accedere ad uno dei più grandi e importanti mercati del mondo”. Anche il vice governatore cinese ha sottolineato in maniera positiva la ripresa dell'accordo tra il distretto di Changning e un'economia dinamica come quella della regione Umbria e in particolare dell’Altotevere, con l'intenzione di potenziare l’interscambio già in atto e di aprire nuove linee di sviluppo. A seguire è intervenuto il presidente del Gal Alta Umbria Mariano Tirimagni che, presentando una serie di spot illustrativi delle bellezze artistiche, culturali e ambientali del territorio, in onda sulle reti nazionali, ha sottolineato la possibilità di intensificare gli scambi culturali tra i due territori per lo sviluppo di un turismo che valorizzi sempre più la qualità e la genuinità dei prodotti. Sono poi intervenuti alcuni operatori economici del territorio che hanno auspicato la possibilità di avviare e potenziare gli scambi commerciali tra i due territori.

01/09/2015 15:40:23

Notizie » Società Civile Inaugurati i nuovi gazebo del Mercato della Terra

Taglio del nastro per il Mercato della Terra di Umbertide che da sabato 29 agosto sfoggia un look completamente rinnovato. Grazie al progetto “L'Alto Tevere: tradizioni, cultura e prodotti della Valle delle genti” promosso dal Comune di Umbertide in stretta collaborazione con il Gal Alta Umbria che lo ha finanziato per intero, è stato possibile rendere più funzionale il Mercato della Terra attraverso la fornitura di gazebo professionali ed una serie di arredi e segnaletiche specifiche del Mercato. L'obiettivo è quello di rendere più omogeneo, radicato e continuativo il rapporto tra produttori locali e coproduttori ovvero consumatori, a testimonianza che il Comune di Umbertide è intenzionato a portare avanti il progetto dei Mercati della Terra Slow Food e a valorizzarne le potenzialità. Sabato 29 agosto è stata quindi inaugurata una nuova stagione che unisce tutto il territorio per promuovere l’economia locale ed insieme la tradizione agroalimentare. In generale, il progetto dei Mercati della Terra nasce in relazione all'esigenza sempre più pressante di avvicinare la terra alla tavola, i consumatori ai produttori e di creare una rete di mercati contadini organizzati nello spirito Slow Food; essi sono riservati solo a produttori selezionati, in particolare piccoli agricoltori e produttori artigianali che fanno più fatica a confrontarsi con il circuito della grande distribuzione, ma che forniscono prodotti di qualità. “Un Mercato della Terra nasce e funziona quando una comunità consapevole, produttori, enti pubblici, cittadini, condotte Slow Food e altri soggetti interessati come i ristoratori, creano un nuovo spazio di incontro fra consumatori e produttori alimentari – ha affermato l'Amministrazione Comunale – Il nuovo look del Mercato della Terra, con stand rinnovati ed omogenei, può contribuire a connotare Umbertide come un’identità unica, laddove la differenza la fanno anche la selezione dei produttori, la promozione del mercato stesso, il rispetto delle sue regole e la salvaguardia dell’ambiente”.

01/09/2015 14:38:34

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy