Notizie » Politica Avorio (PD):''Rinuncio alla nomina a Consigliere Comunale''

La candidata sindaco del centrosinistra alle elezioni amministrative Paola Avorio, sconiftta al ballottaggio dal candidato del centrodestra Luca Carizia, ha annunciato:''Buongiorno, giorni fa ho avuto l'onore di ricevere la partecipazione di nomina a Consigliere Comunale del mio paese. Ritengo che per assolvere tale compito occorrano tempo e impegno che, per motivi strettamente professionali, non sono nelle condizioni di assicurare. La difficoltà oggettiva di poter conciliare professione e natura di questo ruolo politico mi impone di rinunciare alla nomina a Consigliere Comunale''. ''Posso farlo - continua Paola Avorio - con tranquillità poiché in seguito alla mia rinuncia le fila dell'opposizione in Consiglio Comunale si arricchiranno di una persona competente ed esperta, nonostante la giovane età, come Matteo Ventanni. Con lui come con tanti altri capaci giovani umbertidesi abbiamo creduto opportuno iniziare una fase politica di reale e proficuo cambiamento del centro sinistra umbertidese, che continuerò a seguire ed aiutare per quanto sarà nelle mie capacità. E dicendo questo vorrei dire a tutti i nostri elettori che non mi sto tirando indietro da un ruolo per abbandonare il percorso iniziato, ma per continuare a farlo progredire con maggiore impegno. Al Sindaco, ai componenti della Giunta e ai Consiglieri, rammaricandomi di non poter condividere con loro questo importante percorso per la nostra città, auguro un sereno e proficuo lavoro e porgo i più cordiali saluti. Paola Avorio''.

29/06/2018 14:37:17

Notizie » Politica Marchetti (Lega):''Episodi come quello di ieri in piazza Matteotti a Città di Castello non devono più accadere''

Riceviamo e pubblichiamo Marchetti su rissa piazza Matteotti: "Personaggi come questo, in passato più volte finiti agli arresti e con numerosi precedenti penali, non dovrebbero stare in Italia " "Episodi come quello di ieri in piazza Matteotti a Città di Castello non devono più accadere". Il deputato Riccardo Augusto Marchetti non ci sta e sottolinea l'esigenza della sicurezza come priorità nell'azione di Governo Lega. "L'episodio avvenuto ieri dove un pregiudicato tunisino si è ribellato agli agenti, picchiandoli e cercando di fuggire é vergognoso. Personaggi come questo, in passato più volte finiti agli arresti e con numerosi precedenti penali, non dovrebbero stare in Italia o, almeno, dovrebbero trascorrere molto tempo in galera. In Commissione giustizia alla Camera, della quale sono vicepresidente, discuteremo nei prossimi mesi di tematiche fondamentali per la sicurezza dei cittadini. Trattandosi di un extracomunitario pluripregiudicato, ci muoveremo affinché questi soggetti, scontino la pena in carcere o, meglio ancora, vengano espulsi o scontino la pena nel paese di origine. Ci muoveremo in concerto con le altre commissioni affinché le forze di pubblica sicurezza abbiano margini di intervento, ovvero la possibilità di utilizzo di mezzi persuasivi come il taser, senza che questo pregiudichi pene o sospensioni per l'agente o il militare. Incrementeremo e potenzieremo gli agenti o militari. Sarà nostro obiettivo approfondire tali tematiche. Nel frattempo mi occuperò in prima persona della questione di Città di Castello, affinché i cittadini possano sentirsi al sicuro e non più minacciati costantemente da certi personaggi".       Area degli allegati

29/06/2018 14:29:18

Attualità » Primo piano Città di Castello, la Lega porta la solidarietà al Vice Questore Ziliotto

Riceviamo e pubblichiamo Città di Castello, la Lega porta la solidarietà al Vice Questore Ziliotto Mancini e Rigucci: “L’amministrazione ci dica se questo soggetto pluri-pregiudicato gode di agevolazioni sociali” A nome della Lega, dei parlamentari umbri e dei rappresentanti istituzionali del Carroccio, Valerio Mancini Vice Presidente dell’Assemblea Legislativa e Marcello Rigucci, capogruppo comunale, hanno incontrato il Vice Questore Lucia Ziliotto, esprimendo solidarietà nei confronti degli agenti del Commissariato tifernate coinvolti nella incresciosa colluttazione avvenuta nel pomeriggio di ieri in pieno centro storico a Città di Castello e che ha visto un 47enne tunisino, ribellarsi ai poliziotti con pugni, calci e sputi, fino a denudarsi completamente. “A causa di un’immigrazione incontrollata e di una politica nazionale, fino a ieri, piena di chiacchiere e poco concreta, Città di Castello, così come altre cittadine italiane, sta perdendo quella tranquillità e quella normalità che tanto l’hanno contraddistinta nel tempo – spiegano i due leghisti - Quanto accaduto ieri pomeriggio, davanti a decine di passanti, è l’ennesima prova che di fronte a certe situazione serve il pugno duro, la certezza della pena e l’espulsione di massa”. Non le mandano a dire i due consiglieri che annunciano importanti azioni anche in assise comunale. “Vogliamo sapere dall’Assessore preposto se il soggetto che ieri ha aggredito gli agenti della Polizia di Stato gode di agevolazioni sociali come l’alloggio popolare o i contributi affitto. Qualora la nostra domanda trovasse riscontro positivo chiediamo immediatamente la sospensione delle agevolazioni comunali per lui e per la compagna poichè, con l’episodio di ieri, hanno dimostrato il non rispetto delle regole e della comunità tifernate, affrontando in maniera del tutto condannabile, le forze dell’ordine intervenute per fare il proprio dovere e alle quali – ribadiamo – va tutta la nostra stima e sostegno. Alla Dottoressa Ziliotto - concludono Mancini e Rigucci - abbiamo testimoniato la vicinanza dei nostri parlamentari umbri e del Sotto-Segretario agli Interni Stefano Candiani, tutti già informati tempestivamente dell’accaduto. Confidiamo in un ritorno del buon senso anche a Città di Castello”  

29/06/2018 13:33:31

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy