Attualità » Primo piano Umbertide, Sindaco Locchi:''Riaprono lunedì la scuola materna e l'asilo nido''

Il Sindaco di Umbertide Marco Locchi, in un post su facebook ha affermato:''A tempo di record lunedi prossimo riaprono la scuola materna e il nido: è una grande soddisfazione perchè appena una settimana fa stavamo decidendo il da farsi, abbiamo passato domenica scorsa a girare per le scuole e poi così dopo una sola settimana si riparte. Grazie, grazie veramente ai Parroci Don Luca, Don Gerardo e Padre Francesco, a Sua Eccellenza il Vescovo che ha approvato immediatamente il trasferimento delle scuole. Una concreta dimostrazione di solidarietà dell...e nostre Parrocchie. Ma un grazie altrettanto grande lo voglio rivolgere a tutto il personale della materna che in questa settimana non si è risparmiato, alla Dirigente Angela Monaldi per l' altissima comprensione e disponibilità, a tutto il nostro personale del nido e agli operai del Comune. Un grazie di cuore va anche al nostro ufficio scuola e lavori pubblici che con grande capacità e professionalità hanno gestito tutte le attività connesse al trasferimento. Un grazie anche al nostro Segretario Comunale che ha sostenuto l'operazione fin dalle prime battute. Grazie anche all' Assessore all' istruzione Cinzia Montanucci e a tutti i colleghi di giunta che in modo compatto hanno condiviso prima le preoccupazioni mie e di Cinzia e poi la decisione, non facile, di chiudere la Morandi. Parlando con alcuni genitori questa mattina e con il personale della materna e del nido ho avuto la conferma che abbiamo fatto la scelta giusta: la tranquillità, la sicurezza dei nostri figli, del personale e di tutte le famiglie “ non ha prezzo”, anche se questo ha comportato un pò di disagio che grazie all'intervento di Lucignolo (ASAD), che ringrazio, abbiamo cercato di attenuare. La prossima settimana affronteremo anche le problematiche di altre scuole sempre con lo stesso spirito che caratterizza questa Amministrazione: assumere decisioni collegiali nell'interesse della collettività, agire rapidamente per raggiungere l'obiettivo. In questa ottica tutte le polemiche sollevate da certi partiti dell'opposizione, che non hanno mai fatto, nè proposto niente di concreto per la nostra città, ma sono solo capaci di sollevare polemiche sterili ed inutili (vedi ad esempio le unioni civili o la serra per disabili la cui realizzazione, come è stato ripetuto 100 volte è inserita nel piano dei lavori e quindi verrà fatta), o cercare di cavalcare progetti dell' Amministrazione, dico semplicemente che mi scivolano addosso nell' attesa che finalmente propongano qualcosa di concreto, di valido per la nostra collettività."

12/11/2016 16:14:32

Attualità » Primo piano Città di Castello: droga nel reggiseno, arrestata 38enne

Una 38enne di Città di Castello è stata arrestata dai carabinieri del nucleo operativo e radiomobile della locale compagnia. Nei pressi dell’uscita della E45 di Città di Castello sud, i militari hanno notato una macchina sospetta con targa italiana, con a bordo due persone. Il veicolo è stato fermato ed i carabinieri hanno eseguito un controllo sugli occupanti per accertarne l‘identità. Durante queste operazioni i due italiani, un uomo ed una donna, hanno assunto un atteggiamento ansioso e agitato tanto da far suscitare nei militari il sospetto che potessero occultare qualcosa. I militari hanno così operato una perquisizione e scoperto che la donna all’interno del reggiseno nascondeva  9 ovuli di hashish, pari a circa 50 grammi. La successiva perquisizione dell’abitazione della donna ha portato a trovare un ulteriore ovulo contenente 5 grammi circa di hashish e in due bustine di cellophane altrettanti dosi singole di cocaina. Sono stati inoltre rinvenuti e sequestrati materiale vario per il taglio ed il confezionamento degli stupefacenti. Complessivamente lo stupefacente rinvenuto sarebbe stato sufficiente a preparare oltre 670 dosi, verosimilmente destinate ad essere vendute ai clienti dell’Alta valle del Tevere. Al termine degli accertamenti la donna è stata arrestata in flagranza con l’accusa di detenzione al fine di spaccio di stupefacenti e l’uomo, un 31enne italiano, deferito in stato di libertà per concorso nello stesso reato. Al termine delle formalità di rito l’arrestata è stata condotta presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari. Il giudice del tribunale di Perugia ha convalidato l’arresto e, su richiesta di patteggiamento delle parti in aula, ha condannato la donna ad anni 1 e mesi 10 di reclusione.

12/11/2016 12:30:32

Attualità » Primo piano Umbertide: partecipata assemblea per il Sì con i Sindaci dell'Alto Tevere

Riceviamo e pubblichiamo Si è tenuta ieri sera un'assemblea pubblica molto partecipata al Centro socio-culturale San Francesco a sostegno del Sì al Referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. Erano presenti tutti i sindaci dell'Alto Tevere (assente soltanto il sindaco di Città di Castello per impegni istituzionali). L'iniziativa, organizzata dai Sindaci dell' Alto Tevere ed in particolare dal sindaco di Umbertide Marco Locchi, si ripeterà nei vari comuni proprio con l'intenzione di far sentire la voce degli Amministratori che rappresentando maggiormente gli interessi dei cittadini (sul piano sociale, economico, politico) sono quelli che più di chiunque altro possono fare la differenza. Presente anche il prof. Maurizio Oliviero, docente di Diritto pubblico presso l'Università degli studi di Perugia. Il dibattito è stato molto partecipato ed oltre venti persone hanno preso la parola; sono interventi anche i sindaci mentre il prof. Oliviero ha chiuso il dibattito. rispondendo a dubbi e domande venute dal pubblico e sostenendo la riforma costituzionale, che mira a semplificare l'iter legislativo attraverso la riorganizzazione del Senato che diventerà un luogo vero dove sindaci ed amministratori potranno discutere concretamente dei problemi dei territori che rappresentano. La riforma prevede inoltre una riduzione dei costi della politica e garantirà una maggiore dignità sociale, maggiore uguaglianza e più diritti ai cittadini.

12/11/2016 12:22:07

Notizie » Politica Umbertide Cambia su petizione ''ex serra''

Riceviamo e pubblichiamo COMUNICATO STAMPA – UMBERTIDE CAMBIA Petizione per “ex serra”. «Risultato raggiunto. L’obiettivo di mobilitare la cittadinanza sulla questione dell’ex serra è pienamente realizzato. Il fatto che la petizione popolare sulla costruzione della ex serra abbia raggiunto l’obiettivo programmato delle oltre 350 firme dice la sensibilità e l’attenzione ai problemi sociali degli umbertidesi», che ringraziamo, sostiene Gianni Codovini di Umbertide cambia che ha promosso l’iniziativa. La petizione e le firme sono state depositate in Comune. Fanno eco i consiglieri Conti, Faloci e Orazi che sostengono come «ormai non ci sono più alibi per la Giunta. Di fronte alla spinta popolare la maggioranza deve affrontare la costruzione dell’immobile promesso dal 2010-2011 con l’ex sindaco Giulietti. Lo stesso Pd in Consiglio non può far finta di nulla. Del resto – sostiene Umbertide cambia - per la costruzione della struttura polivalente per il recupero e il mantenimento dell’autonomia dei disabili, denominata ex serra, che avrebbe anche la funzione di mettere le basi per il “Dopo di noi” sono stati previsti e stanziati a bilancio e nel programma triennale delle opere pubbliche 250.000 euro. Le promesse amministrative si devono mantenere, pena l’inaffidabilità. O i soldi ci sono o si deve dire perché sono scomparsi. Comunque il segno tangibile e immediato la Giunta lo deve dare aprendo il cantiere». Gianni Codovini, inoltre, evidenzia che «con la buona legge sul “Dopo di noi” occorre potenziare l’aiuto su chi è più debole, in tutte le sue diverse forme. La ex serra dovrebbe rientrare in un piano più largo di una politica sociale di sostegno alla persona, dall’infanzia alla vecchiaia, che ora mostra purtroppo la corda. Come forza civica e comunitaria siamo disponibili a rivedere i modi e le forme dello Stato sociale ad Umbertide».   Umbertide cambia    

12/11/2016 12:18:34

Notizie » Politica M5S UMBERTIDE ''SINDACI: RAPPRESENTANTI DEI CITTADINI O DEL PD?''

Riceviamo e pubblichiamo Grande mobilitazione da parte dei sindaci dell'Alto Tevere che in barba alla norma hanno organizzato un evento a favore del Sì per spiegare la riforma dal punto dei vista “dell'istituzione più vicina ai cittadini”. La circolare della Prefettura su questo punto è chiara, lascia largo margine di manovra ai singoli soggetti titolari di cariche pubbliche che però possono compiere, solo da cittadini, attività di propaganda purché al di fuori dell'esercizio delle proprie funzioni istituzionali. Questo evento, al quale hanno preso parte i sindaci di Umbertide, Città di Castello, Montone, Pietralunga, Monte S.M. Tiberina, San Giustino, Citerna e Lisciano Niccone manca dei requisiti di impersonalità, indispensabilità ed indifferibilità, in relazione alle disposizioni di cui all'art.9 della legge 22 febbraio 2000, n. 28. E questi dovrebbero essere i sindaci di tutti ? No, questi sono sindaci di una parte, sono i sindaci che rispondono al loro partito e non ai cittadini, una vergogna! I vari sindaci hanno dunque dispensato consigli sul prossimo Referendum Costituzionale, servendosi del proprio ruolo istituzionale, tra l'altro l'invito a votare in un certo modo la riforma è espresso in maniera chiara nello stesso manifesto, che è stato affisso negli spazi pubblicitari senza il minimo rispetto delle restrizioni da rispettare. Ci siamo occupati della questione denunciando il fatto alla polizia municipale che ha coperto i manifesti. Rappresentanti delle istituzioni che vanno contro norme precise, è questo il rispetto dei cittadini?

10/11/2016 22:36:06

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy