Attualità » Primo piano Rinnovate le cariche della Pro Loco di Pierantonio

Impegno per il paese e spazio ai giovani. Sono stati rinnovati nel corso dell'ultima assemblea dei soci gli organismi dirigenti della Pro Loco di Pierantonio.   A prendere il testimone del presidente uscente Angelo Mierla è stato Marcello Fiorucci, che guiderà l'associazione nel prossimo quadriennio. Un vero e proprio passaggio di consegne nel segno della continuità quello fra Angelo Mierla, che lascia una Pro Loco con all'attivo grandi eventi (come ad esempio i festeggiamenti per i primi dieci anni di attività della stessa) e Marcello Fiorucci, da sempre in prima linea nell'organizzazione di manifestazioni in paese e che ha già ricoperto ruoli di primo piano all'interno dell'associazione. Il nuovo consiglio direttivo della Pro Loco Pierantonio è composto da Michele Meniconi (vicepresidente), Andrea Celeste Bartocci (segretario), Cleana Mariani (tesoriere), Pamela Diarena (aiuto tesoriere) e dai consiglieri Giovanni Fiorucci, Massimo Vescarelli, Simone Fumanti, Giacomo Pannacci e James Vernon.   Una delle novità salienti è rappresentata dalla nascita della “costola” giovanile dell'associazione, interamente dedicata alle nuove generazioni. Ha infatti visto la luce il Gruppo Giovani della Pro Loco Pierantonio, che nell'ultima riunione ha eletto il 17enne Jacopo Cecchetti alla carica di presidente. Completano il quadro degli incarichi Giacomo Pannacci come vicepresidente, Margherita Riberti in qualità di segretario e il consiglio direttivo composto da 30 membri.  

03/02/2020 14:54:31 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Lega: due nomine in Altotevere per due giovani umbertidesi

Riceviamo e pubblichiamo   La Lega Umbria continua il suo processo di crescita nel territorio anche e soprattutto tra i giovani, con l’intento di formare le future classi dirigenti. Sono entrambi umbertidesi i due ragazzi chiamati a ricoprire l’incarico di coordinatore della Lega Giovani per l’Altotevere e di coordinatore regionale scuole. Si tratta di Alessio Silvestrelli, che coordinerà il lavoro dei giovani leghisti nei territori di Città di Castello, Citerna, San Giustino e Umbertide, e Alessio Ferranti, al quale è stata affidata la gestione delle attività all’interno delle scuole altotiberine. A margine dell’incontro che si è svolto venerdì 31 gennaio Silvestrelli e Ferranti hanno voluto ringraziare il coordinatore regionale della Lega Giovani, onorevole Riccardo Marchetti per la fiducia dimostrata nei loro confronti. Soddisfazione viene espressa da Alessio Silvestrelli: "La fiducia riposta sarà sicuramente ben ripagata con impegno e serietà. Poter dar voce al mio territorio è un onore e spero che nuovi giovani aderiscano al progetto e si rendano partecipi per le prossime iniziative. C'è da supportare il lavoro dell'amministrazione Carizia, che bene sta facendo ad Umbertide, e quello della nuova giunta regionale che ci vede per la prima volta protagonisti". Alessio Ferranti afferma: "Ringrazio tutto il direttivo per la fiducia mostrata,  in particolar modo l'onorevole Riccardo Augusto Marchetti. Da parte mia assicurerò il massimo impegno per far si che si formi un nuovo gruppo di giovani pronti a supportare la giunta regionale da poco insediata e la giunta Carizia in progetti che portino sempre più il nostro territorio ad essere conosciuto ed apprezzato a livello nazionale”. A conglatularsi con Silvestrelli e Ferranti è il capogruppo della Lega nel Consiglio comunale di Umbertide, Lorenzo Cavedon: "Conosco molto bene questi due ragazzi di valore ai quali faccio il più grande in bocca al lupo per il percorso che li attende. Sono sicuro che con loro si instaurerà un grande lavoro di collaborazione che porterà beneficio a tutto il territorio comunale". Subito al lavoro, quindi, con l’obiettivo di creare un gruppo dirigente forte e concreto in grado di crescere e radicarsi ancora di più.

03/02/2020 12:59:12 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica Nasce “Umbertide Civica”: intervista al promotore Luigino Orazi

di Fabrizio Ciocchetti © L’ Associazione “Umbertide civica” si è presentata alla città di Umbertide con Luigino Orazi e Mauro Santini dietro il tavolo dei promotori, presso il Centro “Giannino Balducci”. Presenti il Sindaco, il Vicesindaco e tutti gli amministratori della nuova Giunta, oltre che molti rappresentanti di ”Umbria civica” (che si è fatta conoscere alle ultime elezioni regionali) l’associazione civica frattigiana ha mosso i primi passi, scegliendo come frase del proprio logo:”Insieme per unire”. Quindi una prima uscita nel segno dell’unione e non della divisione della frammentazione. Abbiamo rivolto alcune domande ad Orazi per capirne di più. Innanzitutto chi è Luigino Orazi? Molti umbertidesi mi conoscono perché sono stato consigliere comunale ad Umbertide dal 2004al 2017. Eletto nelle file del PSI , ho dedicato poi dal 2006 il mio impegno politico nel movimento civico locale all’opposizione dei vari governi a guida PD che si sono succeduti. Nel2018. Ho dedicato il mio impegno per la tutela cittadini in campo ambientale, sanitario e della sicurezza. Nel 2018 mi sono di nuovo candidato a livello comunale  per una lista civica, dichiarandomi poi in sede di ballottaggio il mio appoggio al candidato sindaco di Umbertide di centro-destra, Luca Carizia. Con quale intento nasce Umbertide civica? Innanzitutto riconosco che tanto è stato fatto da questa amministrazione  nonostante le critiche che sentiamo a volte, ma molto di più si può fare e per farlo c’è bisogno anche del nostro aiuto, dell’aiuto di un movimento civico. Non si può per esempio lasciar morire un Ospedale come il nostro. Il PUC 2, che ha portato alla costruzione di una struttura assolutamente inutilizzata, deve vedere uno sbocco. Altro punto è la gestione dei Rifiuti che va sicuramente migliorata con il passaggio da Gesenu a Sogepu, per poi ritornare a Gesenu (è evidente che qualcosa non funziona). Per quanto riguarda la Piattaforma, bisogna trovare una formula di affidamento più appetibile. Bisogna affrontare quindi in maniera più decisa il discorso delle Frazioni (pensiamo a Preggio che ha una strada per arrivarci che sembra quasi una mulattiera) e anche Montecastelli necessita di interventi. Cosa deve fare in concreto l’Amministrazione? Noi vogliamo dare una mano a questa amministrazione e per questo ci proponiamo. Tutto quello che l’amministrazione ha realizzato va fatto arrivare alla gente. Come, per esempio, che per la prima volta un Consiglio di amministrazione si è ridotto i compensi. Ci pensate? In Italia quando si vanno a toccare i soldi tutti si tirano indietro nonostante le grandi idealità. Ai cittadini va comunicato questo. Va portata la trasparenza che è la base della democrazia. Va aperta la comunicazione dell’amministrazione verso i cittadini. Bisogna dire ai cittadini che tutti quelli che adesso sembrano avere una risposta ai problemi della città, che sono stati questi ultimi a crearli e a lasciarci questa pesante eredità. Ci sono nel nostro bilancio una serie di ammanchi che sono andati a coprire le spese scellerate di qualche amministratore senza scrupoli! Ma c’è stato veramente il cambiamento a Umbertide? Il cambiamento c’è stato a Umbertide, dopo decenni di immobilismo. Questo cambiamento si è avuto e si può toccare con mano. Abbiamo un Sindaco che è realmente nuovo, perché non è stato allevato nelle sedi dei partiti. Noi vogliamo portare dei cittadini nelle stanze del potere. Partite non per essere di contrasto ma per aiutare, collaborare con questa amministrazione, è  vero? Noi vogliamo collaborare con questa amministrazione. Chi parla è sempre stato in minoranza; ho cominciato a fare politica nel 2004 ed ero anche allora la minoranza. Non voglio tornare a fare l’opposizione. Ho avvertito uno scollamento tra la politica e la gente. La politica dovrebbe tornare in mezzo alla gente, ascoltare le persone e i loro problemi. Il civismo va un po’ a sopperire questa mancanza da parte dei partiti. I partiti storici abbiamo visto tutti che fanno molta fatica e il civismo può fare da collante tra i partiti in senso tradizionale e la gente, i cittadini. Anche a Umbertide si avverte questa necessità. Questa è solo una proposta civica che nasce dal contributo volontario di cittadini che animati da passione politica e amore per la città, hanno deciso di mettere a disposizione le proprie energie al servizio di Umbertide per dare un contributo concreto ed operativo al miglioramento del nostro vivere civile e sociale.   Tante le persone presenti ad affollare la sala per questa prima uscita di Umbertide Civica. Stiamo a vedere se il civismo lascerà un segno anche qui alla Fratta.          

03/02/2020 12:08:54 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Città di Castello, blitz della finanza: scoperti 154 lavoratori irregolari e un milione non dichiarato

La Guardia di Finanza di Città di Castello ha smantellato una rete di 154 lavoratori irregolari nel settore della macellazione e lavorazione carni. L'operazione oltre alle Fiamme Gialle ha coinvolto anche l'Ispettorato territoriale del lavoro e l'Inps, portando alla scoperta di tre aziende gestite solo formalmente dai rispettivi rappresentanti, che in realtà eranos emplici dipendenti. Secondo quanto ricostruito le attività erano di fatto amministrate da un unico soggetto che elargiva buona parte dello stipendio ai propri dipendenti senza applicare le ritenute previste dalla legge. Somme "aggiuntive" che nelle buste paga venivano indicate Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „con diciture improbabili come, ad esempio, “prestiti” o “somme aggiunte al netto”. 154 i lavoratori irregolari scoperti, Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „le cui posizioni sono ora sotto indagine per verificare che non sussistano casi di “reddito di cittadinanza” percepito irregolarmente. “Gli accertamenti hanno portato anche alla scoperta di Guardia di Finanza, blitz in tre aziende: 154 lavoratori pagati senza contributi e un milione nascosto al Fisco „redditi non dichiarati superiori al milione di euro e il mancato versamento di 500 mila euro di Iva e di un milione e mezzo di ritenute (in questo caso regolarmente applicate).“   Potrebbe interessarti:http://www.perugiatoday.it/cronaca/citta-di-castello-finanza-aziende-lavoratori-evasione-fisco.html Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/PerugiaToday/100142986753754  

03/02/2020 10:29:51 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy