Sport PF UMBERTIDE: IL RESOCONTO DI UN’ALTRA STAGIONE DA INCORNICIARE

Di Francesco Cucchiarini Il 1 aprile si è conclusa, con la vittoria di Broni in gara 2 del primo turno dei playoff scudetto, la straordinaria stagione della Pallacanestro Femminile Umbertide. La stagione 2016-2017 è stata la nona consecutiva in A1 per la società umbertidese, ritenuta ormai una piazza storica e consolidata. La sconfitta con Broni non potrà cancellare gli importanti obiettivi che Moroni e compagne hanno raggiunto in un campionato difficile e formato da 12 squadre tutte molto competitive. Il primo obiettivo stagionale per il roster allenato da coach Serventi, considerato ormai ‘’umbertidese onorario’’ era la salvezza, raggiunto già nel mese di febbraio. Il 12 marzo invece, con la vittoria contro Broni, la PFU ha confermato il settimo posto in classifica ed il 26 marzo dopo aver battuto il fanalino di coda La Spezia la squadra bianco-azzurra ha concluso la regular season a quota 20 punti. Risultati strepitosi per la squadra con l’età media più bassa del campionato, attestata intorno ai 21 anni. Inoltre numerosi fattori hanno aumentato il valore degli obiettivi raggiunti, il campionato diviso in due ‘’blocchi’’, da una parte sei squadre con l’obiettivo di conquistare lo scudetto (Schio, Lucca, Venezia, Napoli, San Martino di Lupari e Ragusa) e sei squadre in lotta per la salvezza. Umbertide fiera dei suoi 20 punti e con la conferma della settima piazza della classifica , ha dimostrato di essere la migliore del gruppo delle seconde sei, distaccando notevolmente squadre ben costruite come Torino, Broni e Vigarano, le quali hanno dovuto lottare fino all’ultima giornata per raggiungere la matematica salvezza. Anche la sfortuna non ha tardato ad arrivare, il 16 ottobre nel match contro Vigarano, Emilia Bove ha subito un infortunio al tendine d’Achille, che l’ha costretta a saltare quasi l’intera stagione. Ilaria Milazzo invece, il play che ha contribuito alla salvezza della squadra con 10 punti di media a partita, ha subito la rottura del crociato durante un allenamento, pochi giorni dopo la vittoria sul difficile campo della Fixi Piramis Torino.   Diversi momenti resteranno impressi nella memoria dei tifosi umbertidesi. Su tutti il buzzer-beater di Antiesha Brown dello scorso 4 dicembre a Broni, grazie al quale la PFU ha conquistato due punti di platino per la corsa alla salvezza. L’impresa contro San Martino di Lupari del 21 dicembre e le tutte le altre vittorie, tutte fondamentali e con nessuna squadra che poteva essere definita ‘’abbordabile’’.   Eccezionali i tifosi, in particolare i Supporters Fratta, che hanno seguito le proprie beniamine in tutte le trasferte, a prova del fatto che ad Umbertide la Serie A1 deve proseguire. Infatti prima della partita contro Broni del 12 marzo scorso, dalla curva è stata sollevata una stella, la prossima sarà per Umbertide la decima stagione in A1 ed aver mantenuto la massima serie per 10 lunghi anni, avrebbe il valore di 10 trofei.   La Pallacanestro Femminile Umbertide contribuisce dalla stagione 2008-2009 a portare il nome di una cittadina di soli 16mila abitanti nei palazzetti di tutta Italia, in città lontane e molto più grandi, come Torino, Venezia e Ragusa, solo per citarne qualcuna. In nove stagioni si è arricchito il palmarès della società, formato anche da 5 partecipazioni alle Final Four di Coppa Italia, 8 stagioni consecutive ai playoff (record battuto solo da Schio), semifinali scudetto, una finale di Coppa Italia, una finale di Supercoppa italiana , vittorie contro squadre più blasonate, salvezze raggiunte con le squadre dall’età media più bassa del campionato. Inoltre dobbiamo ricordare che dal 2008 ad oggi, solo due squadre hanno sempre partecipato al campionato di Serie A1 senza mai retrocedere o rinunciare all’iscrizione, Umbertide e Schio. Questi sono i ‘’trofei’’ nella bacheca della PF Umbertide e tutti il popolo bianco-azzurro spera che questo sogno prosegua.  

22/04/2017 20:59:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Attivo presso le scuole umbertidesi lo sportello DSA

Riceviamo e pubblichiamo E' attivo presso le scuole del territorio umbertidese lo Sportello DSA, rivolto a coloro che desiderano ottenere chiarimenti, suggerimenti e indicazioni di intervento relativamente a casi di disturbi specifici dell'apprendimento già accertati e certificati. Il progetto è promosso dell’Associazione Gruppo Volontari Umbertide in collaborazione con la Cooperativa Asad, il Comune di Umbertide e il Servizio Integrato Età Evolutiva dell’Asl1 di Città di Castello ed è sostenuto dalla Regione Umbria attraverso gli interventi al sostegno della genitorialità. Lo scopo è quello di offrire ascolto, informazione e consulenza a docenti, genitori e studenti che vogliano avere informazioni, chiarimenti, sostegno emotivo e psicologico rispetto alle diverse difficoltà dell’apprendimento e nel contempo creare una rete di collaborazione fra i soggetti coinvolti nell’ambito dei DSA. Lo Sportello, che è composto da un educatore e una psicologa, sarà aperto sabato 22 aprile e lunedì 8 maggio dalle ore 11,30 alle ore 13 presso il Primo circolo didattico Garibaldi; martedì 2 maggio e martedì 16 maggio dalle ore 15 alle ore 16,30 presso il Secondo circolo didattico Di Vittorio e giovedì 11 maggio dalle ore 12 alle ore 13,30 presso l'Istituto comprensivo Umbertide – Montone – Pietralunga. E' possibile accedervi prenotandosi direttamente a scuola oppure contattando i seguenti numeri: Monica Nanni (Responsabile del progetto) 3292203797 - Roberta Ciribilli (Tecnico dell’apprendimento) 3463886342 - Alice Picchi (Psicologa) 3498607958 - Simone Bargelli (Educatore professionale) 3455575619 - Patrizia Framboas (Educatore professionale) 3292203818.

21/04/2017 20:33:11 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: il sindaco Locchi in visita alla Sca Componenti e al Gruppo Tiberina

Riceviamo e pubblichiamo Il sindaco di Umbertide Marco Locchi nel suo tour finalizzato a conoscere più da vicino il tessuto economico – produttivo umbertidese, facendo anche i raffronti rispetto agli anni precedenti, ha visitato nei giorni scorsi la Sca Componenti e il Gruppo Tiberina. Sca Componenti, una dinamica azienda metalmeccanica nata nel 1995, che oggi, oltre ai soci titolari, conta 32 dipendenti esperti e qualificati, più diversi lavoratori interinali ed è in grado di garantire al cliente la realizzazione di una commessa di qualità in ogni sua fase. Locchi è stato accolto con grande cordialità dai titolari i quali hanno illustrato la situazione attuale dell’attività aziendale, portando poi il Sindaco a visitare i vari reparti produttivi. Nonostante la crisi che ha interessato e interessa tuttora il nostro Paese e il mondo intero, l'azienda ha saputo superare la difficile congiuntura economica senza dover ricorrere mai ad alcun genere di ammortizzatore sociale. Vanta tra i suoi clienti grandi aziende metalmeccaniche del territorio come Promatec, Terex, Proma, Faist, Modulo, Erreppi, Emu Group, oltre a Knorr Bremse e Lasim. Tutte aziende molto solide che garantiscono un importante indotto locale con consegne immediate. Ciò che differenzia la capacità produttiva della Sca Componenti da altre aziende del settore è la possibilità di fornire prodotti finiti in tempi brevi, gestendo all’interno della propria produzione l’intera commessa: dal taglio laser, pressopiegatrici, saldaturici, puntatrici, presse per stampaggio a freddo della lamiere e impianto di vibrofinitura, avvalendosi esternamente di trattamentisti. Il Sindaco si è complimentato con i titolari per gli ottimi risultati conseguiti ed ha augurato loro di proseguire su questa strada per il bene dell’azienda e di tutta la collettività umbertidese. Sempre negli scorsi giorni il sindaco ha visitato anche la sede del Gruppo Tiberina ad Umbertide del quale fa parte anche la più conosciuta Metalmeccanica Tiberina. Dall’attività familiare nata nei primi anni ’60, oggi il Gruppo Tiberina è diventato un importante gruppo industriale anche a livello internazionale nel settore dell’automotive. Conta oltre 3.000 dipendenti sparsi tra le aziende italiane e quelle nel resto del mondo. Durante l’incontro con il Sindaco, gli amministratori presenti hanno voluto sottolineare il buon andamento attuale dell’attività che ha sempre i suoi cardini nell’organizzazione aziendale, nell’innovazione costante e nella massima attenzione al capitale umano. Hanno ricordato inoltre che nel bacino di Umbertide la holding occupa circa 550 lavoratori e gli stabilimenti nella nostra città sono tutti dotati di alta tecnologia, in grado di far uscire prodotti di altissima qualità, garanzia questa di sempre maggiori commesse. Per raggiungere questi obiettivi, l’azienda presta la massima attenzione alle capacità professionali dei propri dipendenti. Al riguardo hanno voluto rimarcare che l’anno scorso sono state dedicate 2.500 ore per corsi di aggiornamento. In particolare, si realizzano ad Umbertide i bracci oscillanti sospensioni monoguscio e biguscio e altri componenti di sicurezza per le autovetture, che in passato erano realizzati in ghisa, mentre oggi, con attrezzature all’avanguardia, vengono realizzati in acciaio ultra altoresistenziale di ultima generazione. Il Sindaco ha espresso grande soddisfazione per le ottime notizie sull’andamento del gruppo umbertidese che, con la sua attività, garantisce un importante indotto locale in grado di mantenere alti livelli occupazionali. Si tratta di un fiore all’occhiello della nostra città che si è sviluppato nel tempo e che oggi costituisce la spina dorsale dell’ economia locale. Tutto questo è stato possibile per la grande capacità imprenditoriale dei dirigenti del gruppo che hanno saputo e sanno stare al passo con i tempi, facendo dell’innovazione continua il cardine della loro attività.  

21/04/2017 12:45:18 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy