Attualità » Primo piano Il Campus Da Vinci premiato con 35.000 euro per il progetto ''Sicurezza in movimento''

Riceviamo e pubblichiamo L'istituto si è classificato al primo posto in Italia   Il progetto “Sicurezza in Movimento” presentato dal Campus “L. Da Vinci” nello scorso mese di novembre al bando nazionale del MIUR “Ampliamento dell’Offerta Formativa- Fondi ex legge 440”, è risultato primo in Italia tra i 15 selezionati, ottenendo il significativo finanziamento di 35.000 euro. Nella graduatoria delle 15 scuole che in Italia risultano vincitrici, Il Campus è al primo posto con 97 punti su 100. “Ciò ci riempie di orgoglio e soddisfazione e deve incoraggiare tutti, docenti ed alunni, a sviluppare la capacità di progettazione come competenza spendibile e utile per arricchire l’offerta formativa di una scuola e reperire le necessarie risorse finanziarie per sostenerla”, ha scritto la preside Franca Burzigotti in una nota inviata ad alunni, genitori, docenti e personale ATA . Nella stessa nota sono riportati i ringraziamenti e i complimenti alla Prof.ssa Birgitta Roselletti che ha strutturato l'interessante  progetto sul tema della mobilità, sicurezza e riqualificazione dei tragitti casa-scuola-città degli studenti e curato le procedure di accesso al bando. Sicurezza in Movimento è un progetto che sarà realizzato in rete con le altre scuole di Umbertide in modo da essere declinato su tutte le fasce di età e che promuove la mobilità sicura, invitando bambini e studenti a co-progettare soluzioni a criticità rilevate, in modo da mettere in luce la creatività ed il protagonismo dei beneficiari di progetto. Il progetto prevede il confronto con una realtà scolastica nordeuropea e l’interscambio di esperienze con la stessa anche attraverso un concorso di idee. L’esigenza primaria che ha motivato il Progetto è l’allarmante diminuzione dell’autonomia di spostamento dei bambini e la debole predilezione di adolescenti e giovani per la mobilità dolce a favore dell’uso dei veicoli a motore. Questi fattori fanno sì che il fattore esperenziale condizioni la conoscenza ambientale e faccia perdere alla città le sue peculiari caratteristiche di luogo di incontro e scambio, palestra quotidiana dove il senso di responsabilità e la solidarietà sociale crescono e si sviluppano. Ridare autonomia ai bambini, riportarli nelle strade e nelle piazze, così come sensibilizzare adolescenti e giovani a scelte di mobilità dolce sono uno dei percorsi più sicuri per il recupero della città e per il suo sviluppo sostenibile. Quindi l’idea del Progetto è declinare il concetto di sicurezza in chiave di mobilità sicura nei percorsi casa-scuola-città. Si intende promuovere la sicurezza negli spazi e nei percorsi che bambini, adolescenti e giovani vivono, per migliorare la qualità della vita e dei luoghi dentro e fuori la scuola.  Il Progetto sarà anche l’occasione di mettere in movimento risorse intellettuali e creative che attraverso la partecipazione ai processi decisionali dei soggetti direttamente coinvolti permettano di riflettere e promuovere scuole e città sicure con tempi e spazi orientati alla salute e allo sviluppo sostenibile.  

25/01/2017 16:23:13

Notizie » Politica M5s Umbertide su moschea: ''evitare la ghettizzazione''

Riceviamo e pubblichiamo Il centro culturale islamico di Umbertide, nonostante le promesse di chiarezza fatte dall’amministrazione locale e da parte di una delle associazioni islamiche presenti sul territorio, continua ad essere un argomento di discussione molto poco chiaro. Durante l’assemblea popolare tenutasi ad Umbertide il 29 aprile scorso alla sala San Francesco, con la partecipazione dell’Imam di Umbertide e di un esponente nazionale della comunità islamica, Massimo Cozzolino, oltre che con il sindaco ed altri esponenti della giunta comunale, una delle richieste poste da svariati partecipanti all’evento è stata quella di rendere chiaro e pubblico chi fossero i finanziatori del centro culturale islamico di Umbertide; il motivo, secondo i cittadini che lo hanno chiesto, è quello di essere sicuri che non ci possano essere future “spinte” da parte di possibili finanziatori esterni, sull’attività fisica od intellettuale supportata dal gruppo islamico di Umbertide. La necessità di rendere nota la lista dei finanziatori del centro culturale islamico resta secondo noi una priorità indiscussa e l’apertura delle porte della contabilità dell’associazione, pubblicamente sbandierata dall’Imam/presidente della stessa non ha prodotto alcun esito, finora si è dimostrata solo una dichiarazione di intenti senza valore. Un’altra richiesta emersa all’assemblea popolare è stata quella di scrivere congiuntamente con l’amministrazione una convenzione, regole per facilitare l’interazione con la popolazione e per tentare di evitare possibili infiltrazioni di soggetti radicali al suo interno. La richiesta fu accolta dai rappresentanti del centro culturale islamico di Umbertide e dall'esponente nazionale della comunità, ma ancora di questa convenzione non vi è traccia. Il Movimento 5 Stelle ha sollevato tutte le proprie perplessità sulla valenza ed efficacia di una convenzione che di fatto viene sottoscritta, nelle intenzioni dell’amministrazione, solo con i rappresentanti del Centro Culturale Islamico, escludendo di fatto quella parte della comunità musulmana maggiormente integrata. Siamo sicuri che tutti i musulmani locali vedono di buon occhio la costruzione del Centro islamico? La maggior parte di loro vuole solo un luogo dove andare a pregare, evitando strumentalizzazioni politico-mediatiche che generano divisioni e tanto clamore. Altrimenti il costruendo centro culturale rischia di divenire luogo di ghettizzazione e di divisione, cosa assolutamente da evitare e probabilmente neppure voluta dai musulmani locali più integrati. La nostra amministrazione sa con chi sta dialogando? L’associazione islamica con cui si dialoga non è l’unica presente sul territorio di Umbertide. Costoro sono dunque rappresentativi dell’intera comunità musulmana locale? Se l’associazione islamica di Umbertide che cura il progetto del Centro è un soggetto privato, allora l’associazione stessa potrebbe essere discriminatoria verso gli islamici locali non associati? Secondo noi la comunità musulmana non è rappresentata per la sua interezza da chi si presenta come suo rappresentante. Ci chiediamo come mai tante promesse non sono state mantenute, cosa si vuole nascondere? Vorremmo che alle parole seguano i fatti. Basta con manifestazioni di facciata tra l'amministrazione e l’associazione poiché non portano da nessuna parte. I dubbi e le perplessità che solleviamo sono sempre gli stessi e ancora non c'è stata nessuna risposta concreta da parte dell'Amministrazione. Continuiamo a pensare che il problema non ci sia?

25/01/2017 13:25:56

Sport Basket A1 femminile: PF Umbertide vince a Vigarano e vola a quota 12 punti in classifica

La PF Umbertide non sbaglia e dopo un match tiratissimo vince sulla Meccanica Nova Vigarano con il punteggio di 69-63. Partita in equilibrio e giocata punto a punto fino a un minuto e mezzo dalla sirena. La PFU sale a quota 12 punti in classifica, ancora non possiamo dire “missione compiuta”, ma raggiungere questo traguardo sembrava inimmaginabile ad inizio stagione.   Sugli scudi Mallard, con 21 punti e 11 rimbalzi, Brown, 18 punti , 13 punti per Capitan Moroni e 10 per Ilaria Milazzo.   Primo quarto   Il match è aperto dalla tripla di Moroni e quattro punti di Clark e Mallard. Coach Andreoli chiede time-out ed appena si ritorna sul parquet Lyttles sblocca il punteggio anche per Vigarano. La lunga USA realizza anche il libero aggiuntivo. Umbertide arriva a 10 con un canestro più fallo, le estensi inseguono con Reggiani e Aleksandravicius. Milazzo e Moroni tirano due bombe da tre, ma Crudo e Orrange portano la propria squadra sul 18-18. Allo scadere della prima sirena Lyttles sigla il primo vantaggio per Vigarano. E' 20-18 per la Meccanica Nova.   Secondo quarto   Milazzo fa 20-20 e porta in vantaggio con una tripla le bianco-azzurre a 8 minuti e mezzo all'intervallo lungo. Arriva anche una tripla di Mallard ed il punteggio è 26-22 Umbertide a 8 minuti dalla sirena. Le squadre continuano a darsi battaglia si va all'intervallo lungo con Vigarano in vantaggio 34-32.   Terzo quarto   Il terzo periodo è un'altalena di emozioni. Vantaggio Vigarano, poi con Mallard, Umbertide si porta in vantaggio. Brown per le bianco-azzurre fa il suo dovere. Moroni e Milazzo sono in gran spolvero e la terza frazione si chiude sul 52-50 per il roster allenato da coach Serventi.   Ultimo quarto   Ancora partita vietata ai deboli di cuore, a 4 minuti dalla fine Cigliani da 3 riporta in vantaggio Vigarano sul 61-60, con coach Serventi che chiede il time-out. Brown va in lunetta dopo un antisportivo e fa 2/2. Clark a 2 e 25 dalla fine piazza la tripla che spezza la partita. Orrange accorcia ma Brown va a canestro ed alla fine Umbertide trionfa.   Risultato finale MECCANICA NOVA VIGARANO – PALL. FEMM .UMBERTIDE 63-69 MECCANICA NOVA VIGARANO: Ferraro ne, Lyttles 18, Rosier ne, Ciarciaglini ne, Tridello ne, Reggiani 2, Crudo 4, Cigliani 5, Vian 7, Aleksandravicus 8, Orrange 19. Allenatore: Luca Andreoli PALL. FEMM. UMBERTIDE: Giudice ne, Cabrini, Dell'Olio, Moroni 13, Milazzo 10, Clark 7, Pappalardo, Paolocci ne, Fusco ne, Brown 18, Mancinelli, Mallard 21. Allenatore: Lorenzo Serventi        

25/01/2017 12:55:35

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy