Attualità » Primo piano Rientra illegalmente in Italia, di nuovo espulso ed accompagnato alla frontiera

Gli agenti della polizia di Stato hanno espulso ed accompagnamento alla frontiera, sino a Casablanca, un cittadino marocchino di 34 anni. L’uomo, pluripregiudicato per reati legati agli stupefacenti ed all’immigrazione clandestina, era già stato accompagnato alla frontiera ed espulso sei mesi fa. Lo straniero però, con l’intento di trovare un lavoro onesto, aveva ritentato di rientrare in Italia. Intrapreso nuovamente il viaggio della speranza verso l’Italia, era approdato, a suo dire dopo essere scampato ad un naufragio, sulle coste italiane riuscendo ad eludere i controlli. Una volta sul territorio nazionale, tuttavia, abbandonati i propositi di trovare un lavoro onesto, aveva ripreso le proprie abitudini di vita, ricominciando a dedicarsi alla più remunerativa attività di spaccio. Ma gli agenti della polizia ferroviaria lo hanno sorpreso lo scorso giugno alla stazione di Fontivegge in possesso di un cellulare rubato.  In quell’occasione lo straniero, nella convinzione di riuscire ad aggirare nuovamente il controllo e non essere identificato, aveva fornito agli agenti false generalità. In seguito alle verifiche, gli agenti avevano identificato compiutamente l’uomo e l’avevano arrestato per reingresso illegale sul territorio nazionale, contestandogli anche i reati di ricettazione e false attestazioni. Giudicato con rito direttissimo era stato condannato alla pena di 10 mesi di reclusione. A seguito del provvedimento di espulsione firmato dal Questore di Perugia Francesco Messina, il marocchino è stato rimpatriato, con scorta a bordo del volo di sola andata per Casablanca.

07/12/2016 20:32:15

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy