Notizie » Politica IL FRONTE NAZIONALE DI ASSISI SULLA SITUAZIONE DELLO STABILIMENTO COLUSSI

Riceviamo e pubblichiamo Questa mattina il Segretario di Assisi del Fronte Nazionale Roberto Pierotti e Massimo Morelli Segretario provinciale UGL Umbria Agroalimentare hanno tenuto un incontro per parlare della delicata situazione dello stabilimento Colussi di Petrignano di Assisi. Questo incontro non avviene a caso ma anche in relazione alla strana “dimenticanza” dell’amministrazione Comunale che non ha invitato UGL Agroalimentare all’incontro tenutosi nei giorni scorsi con tutte le altre sigle sindacali, evidentemente anche in questa situazione che dovrebbe consigliare di mettere da parte vecchie e stereotipate ideologie, per il bene supremo dei lavoratori e delle loro famiglie, qualcuno nella maggioranza guarda ancora al passato. Da questo incontro è venuto fuori un quadro estremamente preoccupante, poiché la situazione come tutti sappiamo è estremamente delicata, la paventata delocalizzazione della linea di produzione delle fette biscottate e del conseguente esubero di circa 70 operai dallo stabilimento di Petrignano, è solamente l’ultimo tassello di una politica produttiva quantomeno aleatoria da parte dell’azienda e non bastano di certo a rassicurare i lavoratori le promesse di “produzioni alternative” tutte da definire. D’altro canto anche il “caso Colussi” va ad inserirsi in un quadro Regionale e Nazionale già deteriorato per colpa di politiche suicide, che in questi ultimi anni hanno privilegiato il liberismo economico e quello finanziario fine a se stesso, piuttosto che incentivare e privilegiare politiche del lavoro e della produzione di beni reali. L’Umbria non fa eccezione purtroppo, anzi in questi ultimi anni è stata la regione in Italia ad avere perso più PIL ( -8.3 % nel 2016 – dati Eurostat ) e francamente le battute di qualche esponente politico del PD su economisti in erba non solo ci paiono fuori luogo ma anche di cattivo gusto ed ai 70 lavoratori della Colussi e alle loro famiglie, interessate dal provvedimento in questione, non fanno certo ridere. Per quanto in suo potere il Fronte Nazionale di Assisi farà il possibile e l’impossibile per aiutare prima di tutto le famiglie e i lavoratori colpiti dalle scelte liberiste della Colussi ed invita l’amministrazione Comunale di Assisi e la sua maggioranza a fare altrettanto anche in considerazione del fatto che dovrebbero avere l’incondizionato appoggio della dirigenza Regionale, che tento si è prodigata per loro alle recenti elezioni comunali. Roberto Pierotti Segretario Cittadino Fronte Nazionale Assisi

20/03/2017 11:54:27 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano E’ del Campus ‘’L. da Vinci’’ di Umbertide la studentessa finalista alle Olimpiadi di Filosofia

Riceviamo e pubblichiamo Grande soddisfazione, per l’Istituto Superiore “L. da Vinci” di Umbertide, per il risultato ottenuto da Sofia Bianchini, studentessa della classe VB Liceo Linguistico che si è classificata al primo posto nella selezione regionale delle Olimpiadi di Filosofia, tenutasi a Perugia, per il canale in Lingua straniera. L’eccellente alunna del Campus rappresenterà, quindi, l’Umbria alla gara nazionale che si terrà a Roma nei giorni 27-28-29 Marzo. La XXV Olimpiade di Filosofia, organizzata dalla Società Filosofica Italiana in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, è un appuntamento molto partecipato tra gli studenti dell’ Istituto umbertidese che rispondono sempre più numerosi all’ impegnativo Progetto. L’Olimpiade della filosofia è una gara che ha luogo a livello nazionale tra studenti delle scuole superiori, chiamati ad elaborare in lingua italiana ed in lingua straniera una loro riflessione su in tema filosofico scelto dalla Commissione esaminatrice. Il tema scelto questo anno a livello regionale era quello della “Libertà” ricchissimo di spunti filosofici e di possibilità di riflessione ed argomentazione. Molta cura ed attenzione viene dedicata al Progetto delle Olimpiadi della Filosofia da parte del Dipartimento di Filosofia, Storia e Scienze umane, che ha organizzato un ciclo di lezioni preparatorie sul tema tenute dalla prof.ssa Elisa Vannocchi, partecipate da un folto numero di studenti degli indirizzi Liceali, alle quali è seguita una prima selezione di Istituto. Le vincitrici della selezione interna sono state quattro (nella foto): due per il canale in lingua italiana - Martina Broccoli (classe VA Liceo Scientifico) e Millington Caroline (Classe IV A Liceo Linguistico)- e due per il canale in Lingua straniera Aurora Giulioni (classe IVA Liceo Scientifico) che ha sostenuto la prova in Inglese e Sofia Bianchini (classe VB Liceo Linguistico) che ha sostenuto la prova in Francese. Le studentesse hanno poi partecipato alla selezione regionale che ha visto il piazzamento, al primo posto, per il canale in lingua straniera di Sofia Bianchini (nella foto) che parteciperà pertanto alle selezione nazionale a Roma con grande orgoglio della Preside e di tutta la comunità scolastica. Ottimi piazzamenti anche per le altre studentesse che pur non risultando vincitrici, hanno dimostrato una buona capacità linguistica, di rielaborazione critica ed argomentativa. Un risultato di grande prestigio, dunque, per l’Istituto che partecipa da vari anni alla competizione per avvicinare gli studenti alle tematiche filosofiche. Questa attività infatti contribuisce allo sviluppo delle competenze richieste alla fine del percorso liceale relative all’acquisizione di un metodo di studio autonomo e flessibile, che consenta la ricerca e l’ approfondimento personale, al saper sostenere una propria tesi valutando criticamente le argomentazioni altrui, all’acquisizione dell’abitudine a ragionare con rigore logico compiendo le necessarie interconnessione. Ha poi valore aggiunto il fatto che il tema sia trattato in Lingua straniera e quindi ancor più prestigioso il risultato di Sofia Bianchini che ha svolto il tema in Francese dimostrando anche ottime competenze in tale lingua. Un grande plauso dunque alla finalista e alle altre studentesse da parte del Dirigente Scolastico Prof.ssa Franca Burzigotti che si è complimentata anche con il Dipartimento di Filosofia, Storia e Scienze umane, con la Prof.ssa Elisa Vannocchi che ha curato la preparazione specifica dei ragazzi partecipanti e con il gruppo di progetto interno, coordinato dalla prof.ssa Sonia Venturi che ha gestito tutta l’iniziativa e concorso al successo formativo delle studentesse. Ed ora non ci resta che fare uno speciale in bocca al lupo alla vincitrice per il prossimo appuntamento a Roma.    

18/03/2017 17:37:31 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica Lega Nord su furti e spaccio a Ponte Felcino: una caserma ad hoc o il potenziamento delle forze dell’ordine

Riceviamo e pubblichiamo La Lega Nord chiede l’intervento del sindaco Romizi “Ponte Felcino da anni teatro di furti e spaccio, occorre una maggior vigilanza per un territorio abbandonato a se stesso in termini di sicurezza nonostante lo sforzo delle associazioni locali per il bene comune, ma e'evidente che non basta. Chiediamo al sindaco Romizi un intervento immediato” . Ad affermarlo è la Lega Nord Perugia, con il suo commissario cittadino Riccardo Augusto Marchetti a seguito dell’ennesimo furto verificatosi pochi giorni fa ad un supermercato, in pieno centro abitato. “I numerosi reati che si verificano quotidianamente a Ponte Felcino – spiega Marchetti - sono la diretta conseguenza di una mancanza di vigilanza costante, poco possono fare le caserme di Ponte San Giovanni, Ponte Pattoli o Colombella, con un organico evidentemente ridotto a causa dei tagli alla sicurezza stanziati dal Governo Renzi. Se le amministrazioni di sinistra, da quelle comunali a quelle nazionali, passando per la Regione, non garantiscono tutele ai cittadini, confidiamo nel sindaco di Perugia, Andrea Romizi, al quale chiediamo di attivarsi presso il Prefetto, Dott. Cannizzaro, al fine di trovare una soluzione concreta che per noi è identificata nella realizzazione di una caserma ad hoc per Ponte Felcino. Se ciò non fosse possibile riteniamo indispensabile un presidio costante delle forze dell’ordine sul territorio. Siamo convinti che un maggior numero di corpi armati che controllano le frazioni oltre l’orario “di ufficio”, possa limitare lo sviluppo di attività illecite e se la realizzazione di una caserma, per noi la soluzione migliore, risulti un’utopia allora si potrebbe chiedere il potenziamento della caserme limitrofi. Un’altra soluzione – continua Marchetti – a basso costo ma con maggior resa, sarebbe quella di estendere l’orario di lavoro della polizia municipale di Ponte Felcino, oltre le 19, così che anche durante la notte ci siano agenti che controllano il territorio e che fungono da deterrenti per i criminali. In entrambe i casi, con costi ridotti si può garantire un pronto intervento immediato. Credo – conclude il commissario leghista – che la situazione non possa più essere sottovalutata, i costanti reati preoccupano tutta la frazione e l’amministrazione perugina deve assolutamente intervenire per risolvere un problema che tedia i ponte-felcinesi da tempi immemori” 

18/03/2017 10:41:43 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy