Notizie » Politica Firma accordo tra Ministro Minniti e associazioni islamiche, Sindaco Locchi esprime soddisfazione

Il Sindaco di Umbertide Marco Locchi mostra soddisfazione per la firma dell'accordo fra il Ministro dell'Interno Marco Minniti e le associazioni islamiche italiane. Sul gruppo Facebook ''UmbertidePartecipa'' il primo cittadino umbertidese ha affermato: ‘’Oggi credo che sia una giornata molto importante riguardo al centro culturale islamico. No, no per tutto quello che è uscito sulla stampa locale che mi importa poco. Vedete amici del gruppo a me interessa solo una cosa: fare l'interesse dei nostri concittadini. E cosi' quando oggi pomeriggio mi hanno chiamato per dirmi che OGGI stesso è stato firmato l' accordo fra il Ministro Minniti e le associazioni islamiche italiane che comprende tutta una serie di punti che da mesi stiamo dicendo e che volevamo inserire nel nostro patto di cittadinanza locale, sono rimasto molto contento per tutti noi’’. ‘’Ringrazio il Ministro Minniti (certo non voglio dire che è stato sottoscritto perchè domenica l'ho sollecitato con la mia lettera...), - prosegue Locchi- ma lo ringrazio perchè sta affrontando con capacità e determinazione questo problema, cosi' come tutto il problema della immigrazione. Il patto, del quale ho una copia e che immagino domani uscirà su tutti i giornali, contiene tutta una serie di punti che riguardano il sermone in italiano, la tracciabilità dei flussi finanziari, l'organizzazione di eventi e di iniziative culturali’’. ‘’Un ottimo supporto sulla base del quale potremo sottoscrivere un patto locale tra noi e l' associazione islamica che – conclude il Sindaco - continuerà a garantire pacifica convivenza e una sempre maggiore integrazione con la nostra comunità musulmana oramai da anni inserita nel nostro tessuto locale. A breve presenteremo il tutto in una specifica assemblea. Ho chiesto inoltre al nostro parlamentare On. Giulietti di darci una mano ad organizzare l' assemblea con l' On. Minniti’’.

02/02/2017 12:31:46

Attualità » Primo piano Concorso video ''I GIOVANI RACCONTANO IL LORO TERRITORIO''

Riceviamo e pubblichiamo La scadenza per la presentazione del video è il 15 maggio 2017   Dalla collaborazione dell’Informagiovani di Umbertide, dell’Informagiovani di San Giustino e del Centro di aggregazione giovanile di Città di Castello nasce il primo concorso video “I giovani raccontano il loro territorio”. Approvato e pubblicato con determina n.77 del 31.1.2017 del Comune di Città di Castello , il concorso video “I giovani raccontano il loro territorio” intende chiedere ai ragazzi di inviare un video di massimo 40 secondi, con il quale raccontare e promuovere il territorio della loro città - zona sociale. Destinatari: giovani tra 14 e 35 anni residenti nei comuni della Zona Sociale n.1 (Umbertide, Città di Castello, San Giustino, Citerna, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, Lisciano Niccone) Premio: 300 euro    TEMI ED OBIETTIVI DEL CONCORSO: Il progetto “I giovani raccontano il loro territorio” persegue i seguenti obiettivi: agevolare l’incontro, l’aggregazione e il protagonismo dei giovani tramite produzioni video con i quali i giovani dovranno raccontare e promuovere il territorio della loro città-zona sociale; promuovere il protagonismo giovanile cercando di cogliere tendenze, bisogni e attività espressive, mettendo al centro la loro visione del territorio; mappare i luoghi di incontro giovanili; valorizzare e agevolare la fruizione degli spazi d’incontro giovanili (formali ed informali); creare sinergie attraverso la mediazione degli operatori tra tutti i centri giovanili della Z.S. n. 1. Il progetto intende creare uno spot della Z.S. n. 1 attraverso l'elaborazione di video realizzati ed inviati dai giovani.    CHI PUO’ PARTECIPARE Giovani o gruppi di giovani residenti nella Z.S. n.1 (Città di Castello, Umbertide, San Giustino, Citerna, Monte Santa Maria Tiberina, Pietralunga, Montone, Lisciano Niccone) di età compresa tra i 14 anni compiuti e i 35 anni (che non abbiano compiuto, al momento della presentazione del video, il 36° anno di età). La partecipazione può essere singola o di gruppo, nel rispetto dei requisiti di età e di residenza da parte di tutti i soggetti appartenenti al gruppo. Per i minorenni è richiesta l’autorizzazione dei genitori o del tutore legale (allegato 3). La partecipazione è GRATUITA    REQUISITI TECNICI DEI VIDEO E MODALITA' DI PARTECIPAZIONE I giovani interessati dovranno inviare un video con il quale raccontano e promuovono il territorio della loro città-zona sociale. Il file video deve avere durata massima di 40 secondi e deve essere inviato in uno dei seguenti formati video: MOV, AVI, MP4, MPG e deve essere di dimensione non superiore ai 50 MB. Il video va inviato tramite mail a raccontailterritorio@cittadicastello.gov.it e a ciò va allegato anche: la scheda d’iscrizione corredata da copia di  documento d’ identità in corso di validità , se minorenni la scheda d’iscrizione autorizzata da entrambi i genitori/tutore legale, l’autorizzazione al trattamento dei dati. Nel caso in cui partecipi un’associazione o un gruppo di giovani la scheda d’iscrizione deve essere compilata da un rappresentante.    SCADENZA PRESENTAZIONE VIDEO: La documentazione dovrà pervenire, a pena rischio di esclusione, entro e non oltre il 15 maggio 2017.    CRITERI DI VALUTAZIONE: La valutazione dei video avverrà attribuendo a ciascun filmato un punteggio massimo di 100 punti, distribuiti secondo le seguenti caratteristiche: attinenza al tema del concorso  40  punti protagonismo giovanile 30  punti creatività 20  punti originalità  10 punti    PREMIO: Il video che la commissione selezionerà come miglior video riceverà un premio di € 300.00.  Qualora risultassero giudicati exequo più di un video, il premio verrà suddiviso tra i vincitori.    PRIMA DI INVIARE IL VIDEO CONSULTA E COMPILA: Il bando:  allegato trattamento dati allegato 2 (scheda iscrizione per maggiorenni): allegato 3 (scheda iscrizione per minorenni) e allega documento di identità    http://www.informagiovaniumbertide.it/News/Concorso-video-I-GIOVANI-RACCONTANO-IL-LORO-TERRITORIO 

01/02/2017 13:51:55

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: SULLA MOSCHEA IL SINDACO COPIA LE NOSTRE PROPOSTE

Riceviamo e pubblichiamo Non c’è da meravigliarsi, purtroppo, se la politica è simulazione e doppiezza, ma quando essa diventa schizofrenica allora è necessario intervenire. Con tutti i mezzi, altrimenti si rischia di slittare sul piano scivoloso della menzogna e di scambiare i ruoli. È il caso attuale della posizione politica e amministrativa del Sindaco sul caso Mosche-Centro culturale. Il Sindaco Locchi, infatti, si accorge dopo anni che l’intera città vede nella questione Moschea un’emergenza sociale e si ingegna a scrivere addirittura al Ministro degli Interni per denunciare una situazione con le stesse parole e con le stesse proposte che il nostro gruppo “Umbertide cambia” ha presentato in manifestazioni pubbliche e in Consiglio comunale, ma che sono state rifiutate senza appello dal lui stesso e dalla maggioranza consiliare del Pd. Benissimo che il Sindaco faccia proprie le proposte dell’opposizione, ma non scambiamo i ruoli. Chi ha creato questa situazione ha un nome e cognome: è la precedente Giunta Giulietti e la Giunta Locchi. La loro responsabilità è negli atti e nell’oggettività delle cose. Da entrambi aspettiamo dunque parole di verità e un riconoscimento degli errori. Altrimenti siamo alla simulazione. Dal Sindaco Locchi ci aspettiamo che non vesta, ambiguamente, i panni dell’opposizione  - qui la schizofrenia politica -, bensì che compia atti concreti di rottura con un passato e un presente che chiede soluzioni. Egli vuole la tracciabilità del denaro e dei finanziamenti della Mosche, che noi abbiamo chiesto in Consiglio? Non c’è bisogno di appellarsi al Ministro: basta che chieda l’avvio di un’indagine da parte della Guardia di Finanza. Lo può e lo deve fare. Vuole che il sermone del Venerdì sia conoscibile in lingua italiana? Bene: egli concluda la convenzione con la Comunità islamica e il Centro culturale, che noi abbiamo lanciato, prevedendo questa modalità. Il Sindaco si accorge ora che la Moschea è troppo grande? Si attrezzi a ridurre il progetto che ha egli approvato. Gli strumenti amministrativi ci sono: li applichi, senza appellarsi al Ministro e all’onorevole di turno.   Questa è la via della trasparenza; il resto è simulazione.   Gianni Codovini, Presidente Associazione Umbertide cambia Faloci Claudio, Capogruppo Umbertide cambia Conti Stefano, Consigliere comunale Umbertide cambia Orazi Luigino, Consigliere comunale Umbertide cambia    

01/02/2017 08:58:48

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy