Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:''ALTA VELOCITA’ – EX FCU- MOBILITA’ CITTADINA: NECESSARIA UNA POLITICA TERRITORIALE DEI TRASPORTI''

Riceviamo e pubblichiamo L’Alta velocità è una priorità per il rilancio dell’Umbria, mentre per il nostro territorio è una vera possibilità per uscire dall’isolamento. L’approvazione all’unanimità nell’ultimo Consiglio comunale del nostro ordine del giorno - ispirato all’azione e all’impegno parlamentare dell’On. Adriana Galgano sull’Alta velocità - rappresenta un primo passo verso l’integrazione dei territori e facilita la mobilità per i cittadini. Umbertide cambia, inoltre, ringrazia tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale per la responsabilità dimostrata, che è un investimento per il futuro. La stessa compattezza va adesso applicata per quanto riguarda la gestione dei trasporti e la viabilità in Umbria e nel nostro territorio. Un’azione comune e una pressione politica è indispensabile nei confronti della Regione per quanto riguarda la ex FCU. Siamo stati facili profeti nell’affermare, purtroppo, la sua chiusura. Comunque, l’Alta Valle del Tevere non può rimanere senza il trasporto ferroviario: di fronte al degrado del servizio e agli irresponsabili rimpalli sulla gestione c’è bisogno di un’alleanza tra i Comuni della Valtiberina-Toscana per spingere l’avvio dei lavori di manutenzione e ripristino del tratto Umbertide-Città di Castello, che è un bene comune da tutelare. I soldi ci sono, alla faccia di quanto dice Umbria Tpl e mobilità e la Regione: se non gli sbandierati 51 milioni (in realtà 33 per la manutenzione) ci sono in cassa i 12 milioni della Regione. Non si faccia come nel recente passato, quando i soldi per la manutenzione sembrano andati impropriamente a coprire altri costi. Collegato a questi lavori vi è la soluzione del nodo “bretella ferroviaria di Pierantonio”, ormai diventato un esempio di spreco di denaro pubblico, un cimitero della mobilità, un insulto della trasparenza amministrativa (possibile che nessuno va a vedere?). Oltre ad aspettare il “mea culpa” dei responsabili di tale disastro, sarebbe meglio destinare quelle risorse al potenziamento dell’officina di Umbertide, che potrebbe tornare ad essere il know-how regionale, data l’acquisizione da parte di RFI della ex FCU. Per quanto riguarda la mobilità in città abbiamo preparato una serie di ordini del giorno e richieste di Commissione per mettere mano ad un progetto di riordino generale (piste ciclabili, pedonali, traffico in rotonde e sottopassi, uscite della superstrada, gestione degli spostamenti scolastici) e dell’uso delle strade comunali-vicinali. Su quest’ultimo punto siamo veramente all’assurdo storico. Basta verificare il sito dell’Amministrazione: vige ancora un Regolamento - quello della Polizia rurale - che risale al tempo del fascismo (1931) ed è firmato dall’allora Podestà! Rinnovato in un articolo soltanto nel 1956, abbiamo chiesto a più riprese di mettere mano ad una Regolamento – di per sé molto importante (riguarda la gestione delle strade comunali, gli spazi e i lavori agricoli, l’uso delle concimazioni, le case rurali, le acque pubbliche e private) – che la maggioranza non ha voluto cambiare nemmeno recentemente, quando si è adottato il nuovo regolamento della Polizia municipale. Lasciamo allora la parola ai cittadini: dicano solo se questa è un’Amministrazione innovativa, con la testa rivolta al cambiamento e al passo con i tempi. Si sappia, comunque, che Umbertide cambia c’è.   Gianni Codovini, Presidente Umbertide cambia Claudio Faloci, Stefano Conti, Luigino Orazi, Gruppo consiliare Umbertide cambia

27/08/2017 16:30:21 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Altotevere Seminario di METAMEDICINA con Yvan Hérin all'agriturismo ''Le Tortorelle'' di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Seminario di METAMEDICINA con Yvan Hérin "Liberazione della Memoria Emozionale" 6 – 7 – 8 Ottobre 2017 Presso:  Agriturismo Biologico Le Tortorelle Molino Vitelli, 180 - 06019 Umbertide (PG) - Italia. www.letortorelle.it   In questo mondo, dov'è necessario essere così forti, abbiamo imparato sin da piccoli a nascondere e soffocare le nostre emozioni. Tuttavia le emozioni vissute sin dallo stato fetale sono iscritte nella nostra memoria emozionale e condizionano la nostra vita, i nostri sentimenti e le nostre azioni costringendoci a ripetere gli stessi schemi. Come trasformare questi schemi ripetitivi? Come ritrovare e aiutare il bambino ferito in noi? Come raggiungere il benessere e l'armonia? Tre giorni di lavoro in gruppo per iniziare a comprendere e ad acquisire le chiavi della Metàmedicina. Nel seminario, Yvan Hérin, animatore e Compagno di vita di Claudia Rainville, attraverso il racconto personale, accompagnerà il partecipante a comprendere quali esperienze possono avergli causato delle situazioni di sofferenza che ancora oggi hanno “potere” su di lui, dirigendo la sua stessa vita. Successivamente lo aiuterà a comprendere come liberarsene attraverso il processo chiamato "liberazione delle memorie emozionali". In questi tre giorni ogni partecipante sarà seguito, accompagnato, nel vivere quest'esperienza per liberarsi di ciò che non gli appartiene. Alla fine del seminario, a ogni partecipante saranno forniti degli strumenti per continuare il lavoro di consapevolezza in piena autonomia. Questo seminario è il primo importante scalino per iniziare il percorso della Metàmedicina. Un percorso esperienziale che ci può ridare il gusto e il piacere di ritornare a noi stessi, per riscoprire l'entusiasmo di “vivere”, lasciandoci così alle spalle tutto ciò che ci ha ferito e allontanato da noi stessi. Questo seminario è anche il primo passaggio del percorso formativo per diventare operatori di Metàmedicina. Per informazioni e iscrizioni, contattare Teresa: 329 4071831 o Marzia: 328 9086176 Orari del seminario : Venerdì 6 – ore13.00 Ritrovo Inizio del Seminario alle ore 14.00 fino alle ore 18.00 circa Sabato 7 e Domenica 8– Dalle ore 9 alle ore 18.00 con pausa pranzo. Per il programma dettagliato vedere il sito di metamedicina.    

27/08/2017 16:25:46 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Altotevere KUNDALINI YOGA E PRIMO CHAKRA, dal 15 al 17 settembre a Molino Vitelli di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo KUNDALINI YOGA E PRIMO CHAKRA Dal 15 al 17 settembre   Il seminario esperienziale è l’inizio di un percorso che ha lo scopo di equilibrare il radicamento alla Madre Terra, e attraverso il Kundalini Yoga che si avvale di numerosi Kriya (sequenze di posizioni, respirazioni e suoni) portare al risveglio dell'energia Kundalini per realizzare l'unione tra il Sé Individuale e il Sé Universale. Un Kriya è composto da Asana (posture), Pranayama (tecniche di respirazione), Mudra (posizione delle mani e delle dita), Bandh (chiusure corporee), Mantra (suoni sacri) e fasi di Rilassamento e Meditazioni.   Sarete guidati in questa esperienza da Barbara Coscini - Har Dhyan Kaur, Istruttrice di Kundalini yoga e da Aldo Alessi, Naturopata - libero ricercatore olistico, autore del libro “Liberi di Guarire”.   Cosa portare: abbigliamento comodo possibilmente di colore bianco, copricapo bianco (facoltativo), tappetino per Yoga, copertina leggera, calze antiscivolo e quaderno per appunti.   Costo del pacchetto, dalla cena di Venerdì 15 al pranzo di Domenica 17 - €250 in camera doppia, 300€ in camera singola. Per chi non alloggia in agriturismo, seminario più due pranzi 120€. Sede del seminario: Agriturismo “Le Tortorelle” Località Molino Vitelli, 180 – Umbertide (PG) Tel. 075/9410949. Per informazioni Barbara Coscini 335.1804213 – Aldo Alessi 329.6355072

27/08/2017 16:18:14 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Foligno: coltivava marijuana in casa, arrestato

Prosegue la lotta al contrasto allo spaccio di droga da parte della Compagnia Carabinieri di Foligno che nella giornata di venerdì 25 agosto, ha arrestato un cinquantenne italiano, nullafacente e con precedenti di polizia, indagato di coltivazione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Il blitz è stato compiuto dai militari del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Foligno che, a conclusione di una mirata attività investigativa, hanno perquisito il domicilio del cinquantenne. All’interno del giardino una vera e propria serra artigianale contenente undici piante di marijuana in fiore con altezza variabile fino a due metri, impianto d’irrigazione e materiale vario per la coltivazione. Le analisi delle piante presso i laboratori del Comando Provinciale (LASS) hanno confermato il brillante risultato conseguito dai Carabinieri. Il principio attivo della marijuana era rilevante ed il quantitativo di droga che poteva essere ricavato al termine del processo di essiccazione, sarebbe stato di circa 700 dosi. La vendita al dettaglio sulla piazza folignate avrebbe fruttato circa settemila euro. Tradotto in caserma, al termine delle formalità di rito il cinquantenne è stato posto in regime di arresti domiciliari. All’esito del giudizio presso il Tribunale di Spoleto, il GIP ha convalidato l’arresto e per il malfattore è stato disposto l’obbligo di presentazione in caserma tre volte al giorno e l’obbligo di permanenza notturna all’interno del proprio domicilio.  

27/08/2017 16:12:01 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Mercoledì 30 agosto al Teatro dei Riuniti di Umbertide concerto del Festival delle Nazioni

Riceviamo e pubblichiamo Si terrà mercoledì 30 agosto alle ore 21 presso il Teatro dei Riuniti il concerto “Mahagonny Songspiel”, evento promosso nell'ambito della 50esima edizione del Festival delle Nazioni di Città di Castello in programma dal 29 agosto al 9 settembre. L'edizione 2017 del prestigioso festival tifernate è dedicata alla Germania e si concentra sulla musica del Dopoguerra e sulle diverse reazioni del mondo culturale tedesco, specie quello musicale, alle difficoltà economiche e sociali causate dal conflitto mondiale. Il concerto di Umbertide vedrà l'esibizione dei vincitori del Concorso Comunità Europea 2017 del Teatro lirico sperimentale di Spoleto “A. Belli” con il pianoforte di Corrado Valvo, la regia di Giorgio Sangati e l'allestimento scenico di Alberto Nonnato. Coproduzione del Festival delle Nazioni e del Teatro lirico sperimentale di Spoleto, sarà un evento particolare perché unirà la musica classica con il teatro: “Mahagonny Songspiel” prende forma nel 1927 da uno degli incontri più interessanti e rivoluzionari della storia del teatro musicale, quello tra Bertolt Brecht e Kurt Weill. Lo scrittore e drammaturgo chiese a Weill di comporre una partitura a partire da alcune sue composizioni poetiche, per montare una specie di piccola opera sperimentale, un laboratorio stilistico che qualche anno più tardi, nel 1930, evolverà nell’opera Aufstieg und Fall der Stadt Mahagonny. Si tratta quindi di materiale di studio, ancora grezzo, frammentario, nella cui discontinuità sta forse la chiave degli esperimenti successivi nei quali Brecht dichiaratamente cercherà di rompere ogni forma di fluidità percettiva e scenica. Inizia con Mahagonny il tentativo di rompere le convenzioni dell’opera, creare un prodotto ‘culinario’, cioè con gli ingredienti dell’intrattenimento per usare le parole dello stesso Brecht, inaugurando al contempo un dialogo con il pubblico al fine di stimolarne un atteggiamento attivo piuttosto che passivo, dare all’assurdità delle convenzioni operistiche un materiale altrettanto irreale. La cantata Mahagonny Songspiel sarà introdotta da un prologo di canzoni musicate da Kurt Weill e Hanns Eisler su testi di Brecht in lingua originale. Per informazioni e biglietteria: tel. 075 8522823, fax 075 8552461, mail ticket@festivalnazioni.com.   

27/08/2017 15:57:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Al Museo Santa Croce di Umbertide mostra di giocattoli antichi e lanterne magiche

Riceviamo e pubblichiamo In occasione della rievocazione storica della Fratta dell‘800, verrà allestita presso il Museo Santa Croce la mostra „L’Ottocento in movimento. Le lanterne magiche prima dell’avvento del cinema“ a cura del Museo del giocattolo di Perugia. L’iniziativa è concepita non solo come una mostra di giocattoli d'epoca fine-ottocentesca, quasi tutti pezzi molto rari e di pregio, ma anche e soprattutto come un'occasione per far conoscere lo spettacolo delle lanterne magiche, un gioco con importanti risvolti e applicazioni in ambito scientifico, che costituisce il passo immediatamente più prossimo alla diffusione in Europa del dispositivo cinematografico vero e proprio, che vide il suo esordio in sala nel 1895, a Parigi, grazie all'intuizione rivoluzionaria dei fratelli Lumière. In questo periodo, infatti, era decisamente inconsueto poter osservare delle immagini in movimento, e pertanto questi spettacoli rappresentavano un momento in cui l'aspetto ludico si fondeva idealmente con le nuove forme di rappresentazione della realtà, momenti in cui si sperimentavano arditamente gli ultimi ritrovati della tecnologia, macchinari dai nomi improbabili quali il Prassiloscopio, lo Zootropio e gli strumenti per la visione tridimensionale; attrezzature al tempo visionarie e d'avanguardia che ancora oggi mantengono integro tutto il fascino della Belle Epoque.  La mostra vedrà esposta presso il Museo di Santa Croce una serie di strumenti ottici ottocenteschi necessari a produrre l'illusione delle immagini in movimento, in aggiunta ad altri giocattoli più classici risalenti allo stesso periodo. Inoltre nelal sala del Pomarancio sarnno esposte le lanterne magiche, delle quali verrà illustrato il funzionamento, anche attraverso lo spettacolo a cura del Museo del Giocattolo e di Sitema Museo che si terrà sabato 2 settembre alle ore 21 (ingresso gratuito su prenotazione. Per info: 0759420147 -  umbertide@sistemamuseo.it; www.sistemamuseo.it; www.museodelgiocattoloperugia.com ). Lo mostra sarà visitabile da venerdì 1 settembre (durante la festa è prevista anche l’apertura serale ad ingresso gratuito) e fino al 15 ottobre.

27/08/2017 15:51:42 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Fratta dell'800, quattro giorni di spettacoli tra musica, magia, teatro e danza

Riceviamo e pubblichiamo E' tutto pronto per l'edizione 2017 della Fratta dell'800 che prenderà il via giovedì 31 agosto fino a domenica 3 settembre. Si parte nel pomeriggio con i laboratori circensi per i più piccoli a cura dell'Accademia Creativa e gli spettacoli di burattini per bambini a cura dell'associazione il Gufo che verranno riproposti anche nei giorni successivi. Alle ore 20,30 si darà ufficialmente il via alla festa con il corteo delle autorità civili e militari che, accompagnato dalla fanfara cittadina, farà il suo ingresso in piazza Matteotti per la cerimonia dell'alzabandiera e l'omaggio alla statua di Garibaldi, seguiti dal saluto all'Italia con canti risorgimentali a cura del Coro Fractae Ebe Igi e dei piccoli coristi del Grillo Cantante. Quindi il sindaco darà il via alla festa e il centro storico di Umbertide sarà animato da giocolieri, saltimbanchi, mangiafuoco, uomini forzuti, poeti e comici erranti, cantastorie, briganti, stornellatori e musicanti della banda cittadina e della fanfara garibaldina a spasso per le vie del borgo. Nelle varie piazze prenderanno il via gli spettacoli: tutte le sere in piazza delle Erbe torna il Caffè degli Artisti, spazio gestito da Saverio Saloppa Produzioni, con interventi artistici improvvisati dell'Accademia dei Riuniti e dell'associazione culturale il Gufo mentre tra piazza del Mercato e piazza XXV Aprile si terranno gli spettacoli continuativi di acrobati e clown del Circo Bianconiglio tra tessuti aerei, magia e teatro. Piazza Matteotti sarà invece la piazza a disposizione delle taverne per la messa in scena dei propri spettacoli ma sarà anche il luogo animato ogni sera da un evento differente; si parte giovedì con il balletto delle eroiche donne garibaldine e la parata “White Lights” a cura dell'Accademia Creativa che si sposterà poi anche in piazza XXV Aprile per proseguire venerdì con l’Accademia creativa che presenterà la parata “White Ballons” ed ancora il balletto delle eroiche donne garibaldine. L'edizione 2017 sarà inoltre caratterizzata dell'eterna disfida delle locande, giochi e tornei a cura dei giovani delle varie taverne: si comincia giovedì alle ore 22 in piazza San Francesco con il torneo di calcio a purtine, per proseguire venerdì alle ore 22 in piazza Matteotti con il gioco “stroppa la corda”, sabato alle 17,30 in piazza del Mercato con la staffetta “Corsa su pe i vicoli”e concludersi domenica con la morra, la corsa degli insaccati e l'antriso, sfida culinaria tra giovani massaie under 35 che si cimenteranno nella preparazione delle tagliatelle all'uovo, poi valutate da un'esperta giuria. Venerdì sera inoltre in piazza del Mercato si terrà il balletto del Centro Studi Danza di Maria Paola Fiorucci mentre sabato alle ore 22,15 in piazza Matteotti andrà in scena lo spettacolo proibito della danza del ventre a cura de Les danseuses de Sherazade. Sabato sarà la serata della rappresentazione della grande battaglia finale, libera ricostruzione storica a cura dell'Accademia dei Riuniti con la partecipazione di tutti gli eserciti risorgimentali mentre al Caffè degli Artisti le improvvisazioni teatrali saranno intervallate dagli spettacoli di magia del Mago Kenzo e dalla musica e dagli scherzi della tradizione popolare della Brigata Pretolana. Ma la giornata di sabato comincerà sin dal mattino quando faranno il loro arrivo in città gli eserciti risorgimentali, circa 70 figuranti tra soldati del Battaglione Estense di Modena, Bersaglieri di Torino, Austriaci con il cannone da Peschiera del Garda e dieci Cavalieri di Tolentino, che allestiranno i rispettivi campi in piazza San Francesco, piazza del Mercato e nel parco della Piattaforma, dove nel pomeriggio si terrà “Vita al campo”, rievocazione storica della vita militare nell’Ottocento, dal rancio all’istruzione militare passando per le esercitazioni a fuoco. Anche domenica sarà possibile conoscere da vicino la vita da campo dei militari accampati in città che nel pomeriggio metteranno in scena anche esercitazioni e pattugliamenti dell'antica Fratta. La sera poi in piazza Matteotti si terrà il gran finale con il Gran galà dell'Ottocento e il ballo di soldati, dame e popolani, a cui seguirà la premiazione delle taverne mentre in piazza del Mercato andrà in scena uno spettacolo itinerante con finale di fuoco. Ancora l'Accademia Creativa darà vita alla Parata della creatività mentre al Caffè degli Artisti ci sarà spazio per le magie e illusioni del mago Kenzo. Infine al Museo Santa Croce sarà visitabile tutte le sere la mostra di giocattoli ottocenteschi e lanterne magiche “L'Ottocento in movimento” a cura del Museo del Giocattolo di Perugia e di Sistema Museo, mentre nella serata di giovedì alle ore 21 è in programma anche il balletto “La poesia della danza” a cura del Centro Studi Danza da Maria Paola Fiorucci.  

27/08/2017 15:30:09 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy