Notizie » Politica LEGA NORD: UN FONDO PER ELIMINARE LE BARRIERE ARCHITETTONICHE NEGLI EDIFICI PRIVATI

Riceviamo e pubblichiamo APPROVATA ALL’UNANIMITA’ LA MOZIONE DELLA LEGA NORD Marchetti e Mancini: “Nel 2016, a Città di Castello 91 famiglie hanno chiesto il sussidio stabilito dalla Legge nazione del 1989. Solo una richiesta è stata soddisfatta. Da qui la nostra proposta” “Un Fondo speciale nazionale per l’eliminazione e il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati” è questa la proposta della Lega Nord accolta all’unanimità dal consiglio comunale tifernate. Sulla questione intervengono i consiglieri del Carroccio, Riccardo Augusto Marchetti e Valerio Mancini: “ Sono quasi 1900 le famiglie umbre in attesa del contributo per l’abbattimento delle barriere architettoniche nella propria abitazione – spiegano i due leghisti - . Da qui la nostra proposta di chiedere l’intervento immediato, da parte dell’amministrazione affinchè si attivi all’interno dell’Assemblea dei Sindaci e dell’Anci, per ottenere, dalla Giunta Regionale, adeguate risorse. Nel 2016 a Città di Castello sono state 91 le famiglie che si sono appellate alla legge nazionale del 1989 secondo la quale occorre rispondere alle esigenze dei più deboli istituendo un fondo ad hoc da finanziare entro un anno, ma solo una realtà tifernate ha avuto accesso al finanziamento. Occorre che il comune di Città di Castello prenda in mano la situazione e, se necessario, alzi la voce perchè in questi casi, la politica ha il dovere morale di dare risposte immediate. La Lega Nord più volte si è mostrata sensibile al tema della disabilità, a Città di Castello abbiamo recentemente espresso la necessità di un sollevatore adiacente alle scale mobili del Cassero, ma per l’assessore competente, Luca Secondi, non ce n’era bisogno, limitando di fatto, i diversamente abili ad un percorso più lungo e complesso per arrivare sino in Piazza Gabriotti. In Regione, durante la discussione dell’ultimo bilancio di previsione, la Lega Nord chiese di svuotare la quota prevista al mantenimento degli immigrati e destinarla tutta ai disabili, ma anche in quel caso il Pd bocciò la proposta. Questa volta è prevalso il buon senso e la Giunta Bacchetta ci ha garantito, approvando la nostra mozione, che intercederà presso le sedi opportune, per acquisire le risorse necessarie alle famiglie richiedenti. Ci auguriamo solo – concludono Marchetti e Mancini - che questa mozione non finisca tra le scartoffie, come è accaduto per lo sportello di Umbra Acque anch’essa approvata all’unanimità ma in attesa di attuazione, qui ci sono 90 famiglie che aspettano e soprattutto meritano risposte immediate”

07/04/2017 18:04:07 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Controlli dei carabinieri, i risultati delle attività

Nell’ambito di un servizio di controllo, disposto dal Comando Compagnia dei Carabinieri di Assisi, finalizzato al contrasto  di reati predatori ed  utilizzo di sostanze stupefacenti ed alcooliche che ha interessato i Comuni di Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara e Torgiano, i Carabinieri della Compagnia città serafica hanno controllato 140 automezzi, 180 persone e due locali pubblici. Il servizio ha visto l’impiego di 20 militari e dieci autovetture con i colori d’istituto.  Nel corso dei controlli, 7 persone sono state deferite in stato di libertà per vari reati: furto aggravato, ricettazione, porto abusivo di armi, mancata esecuzione di un provvedimento del giudice, rifiuto dell’accertamento del tasso alcolemico, guida senza patente. Cinque persone sono state sanzionate amministrativamente per: detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale, esercizio del commercio su area pubblica senza autorizzazione ed esercizio dell’attività di parcheggiatore senza autorizzazione. In particolare un 40enne del folignate è stato denunciato per furto aggravato avendo asportato un telefono cellulare all’interno di un bar di Cannara, un 34enne tunisino è stato trovato in possesso di un coltello di circa 20 cm mentre tre giovani (due italiani ed un albanese) sono stati trovati in possesso di gr. 7 di sostanze stupefacenti. Due cittadini nigeriani sono stati invece sanzionati amministrativamente per complessivi euro 5.700 per l’esercizio del commercio abusivo di maglieria e l’esercizio abusivo di parcheggiatore. 

07/04/2017 17:54:56 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Due arresti da parte dei carabinieri

I Carabinieri della Compagnia di Todi nell’ambito delle attività di controllo  del territorio finalizzate alla prevenzione e repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, seguendo le direttive impartite dal Comando Provinciale di Perugia, durante la giornata di mercoledì 5 aprile, hanno tratto in arresto un giovane, sorpreso nella flagranza del reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. In particolare i militari, nell’ambito di una mirata attività investigativa, sono intervenuti a Perugia, dove un sedicente 35enne albanese, gravato da pregiudizi penali è stato fermato nel momento in cui cedeva un involucro contenente “cocaina” a tossicodipendenti. La perquisizione del giovane arrestato ha permesso di recuperare e sequestrare la somma di circa 400 euro provento dello spaccio e materiale per il confezionamento. Le indagini del Carabinieri del NORM sono continuate con il controllo dei giovani acquirenti, trovati in possesso, ognuno, della propria dose di cocaina e segnalati, quindi, alla Prefettura di Perugia, in qualità di tossicodipendenti. I Carabinieri della Stazione di Marsciano, durante un servizio antidroga e di controllo del territorio per prevenire e reprimere delitti contro il patrimonio, hanno tratto in arresto un giovane del luogo in attuazione di ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Perugia. Il provvedimento restrittivo, per una pena complessiva di tre mesi, era stato emesso perché il giovane era stato ritenuto responsabile di porto di oggetti idonei ad offendere.  La droga e il materiale ritenuto utile alle indagini, sono stati sottoposti a sequestro. Il primo degli arrestati è stato associato alla casa circondariale di Perugia, il secondo presso quella di Spoleto.        

07/04/2017 17:46:27 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Alla Di Vittorio incontro con la Polizia di Stato su bullismo e cyberbullismo

Riceviamo e pubblichiamo Il Secondo Circolo di Umbertide prosegue il percorso di informazione in favore della lotta contro bullismo e cyberbullismo realizzando un incontro con il Sovrintendente capo della Polizia di Stato, Giancarlo Salvadori, che si è svolto martedì 4 aprile nei locali dell'aula magna e al quale hanno partecipato le classi quarte e quinte delle scuole primarie "G. Di Vittorio" di Umbertide e Lisciano Niccone e le classi quinte di Niccone e Verna. L'iniziativa si collega a quelle già promosse in occasione del Safer Internet Day (SID) e  "Il Nodo Blu - le scuole unite contro il bullismo", portate avanti dall'insegnante Placido Pellegrino, coordinatore del Progetto "Generazioni Connesse", finalizzate a far riflettere i bambini sull'uso consapevole della Rete e a favorire una maggiore conoscenza delle tematiche in considerazione della necessità di far fronte a un’emergenza sociale in costante aumento e dai risvolti potenzialmente drammatici, che, con l'ingresso dei media digitali, sta assumendo forme nuove e preoccupanti. Nella sua "lezione di criminologia" sul bullismo, il sovrintendente capo Salvadori, con un linguaggio a misura di bambino e con l'ausilio di diversi video, ha indicato gli elementi distintivi del bullo, evidenziando le caratteristiche tipiche del prepotente con i tradizionali atteggiamenti di sistematica prevaricazione e sopruso sulla vittima prescelta che, subendo queste continue molestie, vive nel terrore, arrivando perfino a perdere la fiducia in sé, a sprofondare nella depressione, e, nei casi più gravi, a rinunciare a vivere. Salvadori si è poi soffermato sulle modalità attraverso cui il bullismo può manifestarsi, dall'attacco di tipo fisico che include sia atti aggressivi fisici diretti verso la vittima, sia il danneggiamento o la sottrazione di proprietà, a quello di tipo verbale che si sostanzia attraverso insulti, offese, derisioni, o diffusioni di maldicenze, per arrivare al bullismo elettronico, detto anche cyberbullying, messo in atto tramite gli apparati elettronici o informatici, "un nemico invisibile ma molto potente" che rende possibili interventi aggressivi e denigratori immediati. La scuola ha così un ruolo importantissimo sia nella prevenzione che nella lotta, in quanto è il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e, in virtù del suo ruolo educativo, ha la responsabilità di farsi portavoce di alcuni valori che possono aiutare a prevenire un fenomeno sociale, deviante, purtroppo sempre più frequente. "E’ estremamente importante che le vittime si sentano sostenute, per questo riteniamo che il dialogo sia fondamentale, perché solo assumendo un atteggiamento di apertura è possibile aiutare gli alunni a trovare il coraggio di parlare per denunciare il problema - ha spiegato Angela Monaldi, dirigente scolastico del II Circolo -. Occorre mettere in atto azioni preventive e consentire che i bambini crescano accompagnati da genitori e insegnanti preparati e informati sul tema del bullismo. Vorrei per questo ringraziare il sovrintendente Salvadori per la grande disponibilità e la professionalità con cui ha saputo comunicare ai bambini, e la dottoressa Lucia Ziliotto, vicequestore aggiunto e dirigente del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Città di Castello, che ha reso possibile l'incontro".

07/04/2017 17:41:33 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Umbertide: sabato 8 aprile FabLab Day all’Istituto da Vinci

Riceviamo e pubblichiamo Sabato 8 aprile, dalle ore 9 alle ore 13, si svolgerà presso il Campus “Leonardo Da Vinci” di Umbertide l’evento FabLab Day, organizzato in collaborazione con Comune di Umbertide, Regione Umbria e GAL Alta Umbria. L’iniziativa ha l’obiettivo di valorizzare le numerose attività sviluppate intorno alla recente realtà del FABLAB SCHOOL dell’ Istituto umbertidese inaugurato nello scorso mese di maggio, grazie al sostegno finanziario del Gal Alta Umbria, della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, dell’Istituto stesso e di importanti imprenditori del territorio che sono intervenuti o con proprie risorse finanziarie o con donazioni di strumentazioni tecnologiche e digitali di ultima generazione. “Ringraziamo ancora le istituzioni e gli imprenditori del nostro territorio, non solo comunale, per aver sostenuto l’Istituto nell'avvio di questo importante e innovativo progetto del FABLAB in una scuola pubblica, ed in particolare Tiberina Group, Faist, Proma, Modulo, Aimet e Persichetti; ora abbiamo ampliato le nostre collaborazioni con altre realtà imprenditoriali del territorio e centri di ricerca e innovazione. Sopratutto abbiamo incrementato le opportunità formative rivolte a studenti e cittadini offrendo Corsi di Stampa 3D, guida Droni, Fotografia Digitale con certificazioni riconosciute sul territorio nazionale ed europeo", ha affermato la preside Franca Burzigotti. La giornata sarà caratterizzata da una breve conferenza nell’aula magna “Marcella Monini” alla quale interverranno la preside Franca Burzigotti, il sindaco Marco Locchi, l'assessore regionale all'Istruzione e all'Innovazione Antonio Bartolini, la presidente del Gal Alta Umbria Giuliana Falaschi, Stefano Bigaroni di Umbria Digitale, e a seguire gli imprenditori Antonello Palmerini (Palmerini), Samuele Mazzini (SMRE), Antonio Di Martino (Dimatica) e Marco Patata (Modulo). seguita da percorsi liberi per il FabLab e altri spazi dell’Istituto distinti in due aree d’interesse: “Produrre competenze” e “Innovare in Digitale” ricchi di laboratori, workshop, short talk e mostre. E’ stata data priorità ad attività legate alla nuova rivoluzione industriale di Industria 4.0 e ai nuovi mestieri collegati: serviranno tecnici di stampa 3D, esperti in Plotter 3D, Robotica, modellazione 3D, pilotaggio droni, mestieri maggiormente qualificanti e meno legati ad azioni ripetitive ed alienanti.

07/04/2017 17:33:00 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Lunedì 10 aprile l’Amministrazione comunale incontra i cittadini

Riceviamo e pubblichiamo Si terrà lunedì 10 aprile alle ore 18 presso il Centro socio culturale San Francesco l'incontro pubblico organizzato dall'Amministrazione Comunale "Quale Umbertide? La parola ai cittadini", iniziativa che segue quella promossa ad inizio gennaio che ha di fatto inaugurato un nuovo percorso di informazione e partecipazione degli umbertidesi alla vita pubblica della città.   Per i cittadini sarà  l'occasione per proporre idee, progetti e suggerimenti al fine di migliorare ulteriormente Umbertide e contribuire in maniera fattiva alla sua crescita e sviluppo. Con questa iniziativa, l’Amministrazione intende inoltre illustrare alla popolazione il bilancio di previsione 2017, approvato lo scorso 28 marzo dal consiglio comunale, che per l’anno in corso non prevede alcun aumento di tasse e tariffe, mira al sostegno delle imprese e alla salvaguardia del territorio e favorisce l'attivazione e il completamento delle opere pubbliche. "Con questa seconda assemblea pubblica dell'anno - ha affermato il sindaco Marco Locchi - l'Amministrazione comunale intende continuare a promuovere incontri pubblici per affrontare in maniera seria ed approfondita le questioni più importanti che riguardano la città, al fine di stabilire un confronto costruttivo, diretto e costante con tutti gli umbertidesi".  Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare. 

07/04/2017 17:26:15 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Rubano bottiglie di liquore al supermercato: uno arrestato e uno denunciato dai Carabinieri

Due giovani colti sul fatto mentre rubano all'interno di un supermercato di Assisi: uno arrestato e l’altro denunciato a piede libero. I Carabinieri della Stazione di Bastia Umbra, nel corso di un mirato servizio volto al contrasto dei reati predatori, hanno proceduto all'arresto, in flagranza di reato per furto aggravato in concorso, di un giovane che è stato bloccato dai militari subito dopo aver asportato dal supermercato, diverse bottiglie di liquore. Due uomini, entrati nel supermercato, hanno fatto incetta di diverse bottiglie di liquori di vario genere e marca, occultandole all’interno degli indumenti indossati, dopodiché hanno superato le casse dell’esercizio commerciale, senza pagare la merce. Per loro sfortuna però un dipendente ha segnalato telefonicamente la loro presenza alla centrale operativa di Assisi, che ha inviato sul posto una pattuglia dei Carabinieri di Bastia Umbra. I militari giunti sul posto hanno fermato uno dei ladri, mentre l’altro, che aveva tutta la refurtiva occultata negli indumenti, si è dato alla fuga nelle vie circostanti. Quest’ultimo è stato comunque identificato e quindi denunciato a piede libero. In considerazione del trascorso giudiziario e del fatto che la mercanzia trafugata non era certo di prima necessità, il giovane fermato è stato sottoposto agli arresti domiciliari e giudicato con rito direttissimo davanti al Tribunale di Perugia che ha convalidato l’arresto.

07/04/2017 17:21:24 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Minaccia e picchia i genitori per ottenere i soldi per la droga

Per anni ha minacciato, ingiuriato e aggredito i suoi genitori, ingenerando in loro uno stato continuo di sofferenza psicofisica, con effetti di sconforto, prostrazione e avvilimento, oltre che un perdurante stato di ansia e di paura ed il timore per la loro l’incolumità fisica. E’ finito l’incubo di una famiglia del folignate grazie all’arresto del figlio 37enne, eseguito dai militari della Stazione Carabinieri di Spello, per i reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni personali aggravate. Il provvedimento è stato eseguito in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Spoleto su richiesta della Procura a conclusione delle indagini svolte dall’Arma. L’uomo, nullafacente, assuntore di sostanze stupefacenti da oltre quindici anni, per acquistare la droga effettuava continue e sempre più ricorrenti richieste di denaro ai genitori, diventando aggressivo e minaccioso in caso di mancato accoglimento delle sue reiterate pretese. In diversi episodi era arrivato a minacciarli di morte anche con l’uso di coltelli, finanche a cagionare lesioni alla mamma, per le quali la donna aveva fatto ricorso alle cure ospedaliere. Tale condotta sopraffattrice, generatrice di un clima di insano timore e tensione nel contesto familiare, aveva reso la convivenza particolarmente dolorosa ingenerando nei familiari un grave e perdurante stato d’ansia e paura che li aveva portati ad alterare le proprie abitudini di vita e ad adottare, loro malgrado, misure di tutela quale il trasferimento presso l’abitazione dei nonni dell’altro figlio, fratello dell’arrestato. Le denunce dei genitori avevano portato all’emissione delle misure di prevenzione nei confronti del 37enne, ma tali provvedimenti non avevano fatto desistere l’uomo dal continuare a tenere condotte violente nei confronti dei familiari, portando quindi il PM, concorde con le risultanze investigative dei Carabinieri di Spello, a richiedere al G.I.P. di Spoleto la misura cautelare in carcere. Il 37enne è attualmente rinchiuso nella casa di reclusione Spoleto in regime di custodia cautelare e dovrà rispondere dei reati di maltrattamenti in famiglia, estorsione e lesioni aggravate.

07/04/2017 17:14:43 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy