Cultura » Mostre Ha riaperto i battenti la Rocca di Umbertide con la mostra ''Intreccio''

Riceviamo e pubblichiamo E' una collettiva interamente declinata al femminile la mostra che è stata inaugurata venerdì 3 marzo nelle sale della Rocca e che ha aperto ufficialmente la stagione 2017 del Centro espositivo per l'arte contemporanea di Umbertide. “Intreccio” il titolo dell'esposizione a cura di Francesco Candelori e Joseph Roveto e con la partecipazione di Manuela De Leonardis, promossa da Galleria Grefti e Rocca – Centro per l'arte contemporanea. All'inaugurazione ha preso parte anche l'assessore alla Cultura Raffaela Violini che ha accolto con entusiasmo la collaborazione tra il Comune di Umbertide e la Galleria Grefti, ed ha sottolineato che quest'anno, in via sperimentale, la Rocca è stata aperta con qualche settimana di anticipo e dal mese di marzo fino al prossimo novembre ospiterà ben sette mostre, tra personali e collettive, che abbracceranno le varie forme d'arte, dalla scultura alla pittura passando per la fotografia, rispondendo alle esigenze di un pubblico vasto ed eterogeneo. Con “Intreccio” la Rocca lascia spazio alla creatività e all'estro artistico femminile visto che la collettiva è opera di sedici artiste, donne italiane e straniere che in questa mostra di respiro internazionale danno vita ad un vero e proprio intreccio di forme d'arte, di stili, di visioni, emozioni e sensazioni. D'altronde il filamento intrecciato dalla mano dell'artista è la metafora della visione estetica e morale della Galleria Grefti che con questa mostra alla Rocca visitabile fino al prossimo 26 marzo, mira a costruire e ricostruire un nuovo tessuto sociale, fatto di interazioni e collaborazioni, avvicinando all'arte la comunità locale. Un obbiettivo che Galleria Grefti tenta di raggiungere attraverso gli intrecci delle opere d'arte esposte nelle sale della Rocca, dai colorati e vivaci tessuti africani ritratti su tela alle dodici opere del progetto artistico “Il sangue delle donne” per condannare, attraverso l'arte, qualsiasi forma di violenza contro le donne. La mostra, visitabile tutti i giorni, dal martedì alla domenica, racchiude le opere di Virginia Ryan, Sofia Rocchetti, Betsy Lahassoise, Maimuna Feroze-Nana e una selezione di lavori tratti dal progetto artistico “Il sangue delle Donne” curato da Manuela De Leonardis, e realizzate da Alessandra Baldoni, Giovanna Caimmi, Rupa Chordia-Samdaria, Sara Ciuffetta, Kristien De Neve, Maria Diana, Victoria Manganiello, Elly Nagaoka, Virginia Ryan, Judy Tuwaletstiwa, Laura VdB Facchini, Nicole Voltan. Per informazioni: 340 5287529.

06/03/2017 11:41:53 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Venerdì 3 marzo con la mostra ''Intreccio'' riapre i battenti la Rocca di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Verrà inaugurata venerdì 3 marzo alle ore 18 nei locali della Rocca e sarà visitabile fino al 26 marzo la mostra “Intreccio”, a cura di Francesco Candelori e Joseph Roveto e con la partecipazione di Manuela De Leonardis, promossa da Galleria Grefti e Rocca – Centro per l'arte contemporanea. Il filamento intrecciato dalla mano dell'artista è la metafora della visione estetica e morale di Grefti e del progetto al quale la galleria sta lavorando; “Grefti” (“innesti”, in Iialiano) per definizione significa infatti “unire e creare qualcosa di nuovo”. Il concetto di interconnessioni, fin dagli esordi alla base delle nostre intenzioni, è presente nella mostra collettiva “Intreccio”, esposizione di artiste che usano il tessuto nel loro lavoro. Con questa mostra, in collaborazione con il Centro per l’Arte Contemporanea La Rocca di Umbertide, Galleria Grefti vuole parlare alla comunità e al pubblico locale, e non solo agli “addetti ai lavori” e a chi è già familiare alla scena dell’arte. Nonostante i moti artistici dei ferventi anni del ‘900 alludessero ad un avvicinamento tra arte e vita, il sistema dell’arte ha creato un divario di prospettive e purtroppo un senso di attuale inaccessibilità verso tale mondo; con questa mostra quindi Galleria Grefti intende portare avanti il suo impegno di inclusione sociale e di collaborazioni. Venerdì 3 marzo alle ore 18 verrà inaugurata alla Rocca la mostra collettiva di artiste attive nel territorio ed internazionali che utilizzano il tessuto nella loro pratica artistica. Saranno presenti i lavori di Virginia Ryan, Sofia Rocchetti, Betsy Lahassoise, Maimuna Feroze-Nana e una selezione di 12 opere dal progetto artistico “Il sangue delle Donne. Tracce di rosso sul panno banco” curato da Manuela De Leonardis, e realizzate da Alessandra Baldoni, Giovanna Caimmi, Rupa Chordia-Samdaria, Sara Ciuffetta, Kristien De Neve, Maria Diana, Victoria Manganiello, Elly Nagaoka, Virginia Ryan, Judy Tuwaletstiwa, Laura VdB Facchini, Nicole Voltan. La mostra “Intreccio” sarà visitabile fino al 26 marzo negli ambienti del museo di Arte Contemporanea La Rocca e presso la Galleria Grefti in via Cibo, 10. Per informazioni: 340 5287529.

02/03/2017 16:22:30 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Ha preso il via ieri ‘’Incontri d’Arte’’ al centro San Francesco di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Tanto interesse e partecipazione per questa iniziativa Ha preso il via ieri, venerdì 10 febbraio, al centro San Francesco, "Incontri d'Arte". L'iniziativa,  sostenuta e patrocinata dall'assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Umbertide e organizzata dall'Associazione di volontariato “Oltre La Parola” con la collaborazione di mons. Pietro Vispi in qualità di docente del corso, ha riscosso un notevole successo di partecipazione. Al primo incontro erano presenti anche il sindaco Marco Locchi, l’assessore alle pari opportunità Maria Chiara Ferrazzano e la presidente della commissione pari opportunità del Comune di Umbertide Stefania Bagnini.  Senza tanti preamboli, mons. Pietro Vispi ha iniziato subito la sua lezione sul “Significato del termine arte: realtà e rappresentazione – naturalismo e antinaturalismo. La Preistoria”. Nella sua esposizione è aiutato anche dalla proiezione di slide che illustrano gli argomenti esposti. L'iniziativa consiste in una serie di incontri sul tema dell'arte, intesa in tutte le sue espressioni e nelle diverse epoche storiche, rivolti ai pensionati di ogni età che scelgono di tornare a studiare per tenere allenata la mente, per imparare cose nuove e per un costante aggiornamento culturale. Alla guida di questo affascinante e complesso percorso teorico mons. Pietro Vispi, conoscitore e appassionato d’arte che con le sue ricerche d’archivio ha donato alla comunità umbertidese molti saggi di grande interesse. “Incontri d'arte unisce cultura e coesione sociale – ha affermato l'assessore Ferrazzano –  e si rivolge ai pensionati del nostro territorio al fine di offrire loro occasioni di formazione e crescita culturale. Con questo progetto intendiamo anche porre le basi per l'istituzione di una Università della terza età nella nostra città”. “Con questa iniziativa - ha aggiunto mons. Pietro Vispi – intendiamo fornire un servizio, ovvero informare e formare i cittadini sulle ricchezze storico-artistico-culturali del nostro territorio. E' un corso base di storia dell'arte articolato in dieci lezioni che intende fornire semplici strumenti di lettura del patrimonio che ci circonda e che spesso ignoriamo”. Il progetto è stato subito condiviso dalla Commissione Pari Opportunità di Umbertide, in quanto iniziativa che mira all'inclusione sociale e che favorisce la piena realizzazione umana, ed in particolare dalla sua presidente Stefania Bagnini che lavorerà al fianco dell'assessore Ferrazzano alla creazione di una vera e propria Università della terza età. Tutti gli incontri sono gratuiti. Il prossimo è previsto per venerdì 24 febbraio, alle ore 16.00, sempre presso il salone del centro San Francesco ed avrà per tema: “Arte egizia, micenea, cretese”.                

11/02/2017 12:52:51

Cultura » Mostre Venerdì 3 marzo alla Rocca di Umbertide inaugurazione della mostra ''Intreccio''

Riceviamo e pubblichiamo Verrà inaugurata venerdì 3 marzo alle ore 18 nei locali della Rocca e sarà visitabile fino al 26 marzo la mostra “Intreccio”, a cura di Francesco Candelori e Joseph Roveto e con la partecipazione di Manuela De Leonardis, promossa da Galleria Grefti e Rocca – Centro per l'arte contemporanea. Il filamento intrecciato dalla mano dell'artista è la metafora della visione estetica e morale di Grefti e del progetto al quale la galleria sta lavorando;  “Grefti” (“innesti”, in Iialiano) per definizione significa infatti “unire e creare qualcosa di nuovo”. Il concetto di interconnessioni, fin dagli esordi alla base delle nostre intenzioni, è presente nella mostra collettiva “Intreccio”, esposizione di artiste che usano il tessuto nel loro lavoro. Con questa mostra, in collaborazione con il Centro per l’Arte Contemporanea La Rocca di Umbertide, Galleria Grefti vuole parlare alla comunità e al pubblico locale, e non solo agli “addetti ai lavori” e chi è già familiare alla scena dell’arte.  Nonostante i moti artistici dei ferventi anni del ‘900 alludessero ad un avvicinamento tra arte e vita, il sistema dell’arte ha creato un divario di prospettive e purtroppo un senso di attuale inaccessibilità verso tale mondo; con questa mostra quindi Galleria Grefti intende portare avanti il suo impegno di inclusione sociale e di collaborazioni. Venerdì 3 marzo alle ore 18 verrà inaugurata alla Rocca la mostra collettiva di artiste attive nel territorio ed internazionali che utilizzano il tessuto nella loro pratica artistica. Saranno presenti i lavori di Virginia Ryan, Sofia Rocchetti, Betsy Lahassoise, Maimuna Feroze-Nana e una selezione di 12 opere dal progetto artistico “Il sangue delle Donne. Tracce di rosso sul panno banco” curato da Manuela De Leonardis, e realizzate da Alessandra Baldoni, Giovanna Caimmi, Rupa Chordia-Samdaria, Sara Ciuffetta, Kristien De Neve, Maria Diana, Victoria Manganiello, Elly Nagaoka, Virginia Ryan, Judy Tuwaletstiwa, Laura VdB Facchini, Nicole Voltan. La mostra “Intreccio” sarà visitabile fino al 26 marzo negli ambienti del museo di Arte Contemporanea La Rocca e presso la Galleria Grefti in via Cibo, 10. Per informazioni: 340 5287529.

08/02/2017 20:27:29

Cultura » Mostre Sabato 4 febbraio al Museo di Santa Croce, presentazione di ''Kathmandu, diario di Kali Yuga''

Riceviamo e pubblichiamo Concerto, reading e presentazione del volume con CD: KATHMANDU, DIARIO DAL KALI YUGA – Museo Santa Croce, Umbertide (PG), sabato 4 febbraio ore 17.30   Sabato 4 febbraio, alle ore 17.30, presso il Museo Santa Croce (Piazza S. Francesco, Umbertide), avrà luogo il concerto con reading e presentazione del libro con CD Kathmandu: diario dal Kali Yuga (Le loup des steppes, Paris, 2016), creato da Martino Nicoletti e dal compositore Roberto Passuti, grazie alla collaborazione artistica di Franco Battiato, Teresa De Sio e Giovanni Lindo Ferretti.   L’incontro sarà introdotto e accompagnato da un concerto dal vivo degli STENOPEICA (Martino Nicoletti e Roberto Passuti), dalle letture del poeta Paolo Pistoletti, dagli interventi del percussionista Paolo Damiani.   L’opera – che costituisce il primo volume della neonata collana di poesia e immagini La pupilla di Baudelaire, creata da Martino Nicoletti e dal poeta Paolo Pistoletti – rappresenta un vero e proprio itinerario iniziatico fatto di suoni e parole alla scoperta della mitica città sacra di Kathmandu, la splendida perla dell’Himalaya incastonata tra le scintillanti vette del Nepal.  Un autentico diario dal Kali Yuga – l’oscura epoca finale che, secondo l’antica mitologia indiana, conclude un ciclo cosmico – composto da testi, fotografie e da ben 20 tracce musicali che narrano di una metropoli in pelle viva e di come questo stesso universo urlante sappia ancor oggi dispensare bagliori di autentico splendore e d’indicibile quanto affilata bellezza.   L’evento è patrocinato dal Comune di Umbertide ed organizzato dagli Amici della Biblioteca di Umbertide.   Ingresso libero   Museo Santa Croce Piazza S. Francesco 06019 Umbertide info: 075 941 4256   Vi aspettiamo!!!  

25/01/2017 12:44:51

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy