Cultura » Mostre Cresce l'attesa per il concerto di Masini: «Sarà uno spettacolo unico e irripetibile» Ancora pochi i posti disponibili

Riceviamo e pubblichiamo CITTA' DI CASTELLO – Il Pala Ioan si è trasformato nel set di un concerto: è tutto pronto per la data “zero” di “Spostato di un Secondo” di Marco Masini in programma domani, 25 aprile alle 21. Questa mattina, sotto al palco dove i tecnici sistemando gli ultimi dettagli, il cantautore fiorentino ha incontrato Lucio Lelli, presidente del Kiwanis Club Città di Castello, sodalizio tifernate che ha organizzato l'evento il cui ricavato sarà interamente devoluto a Norcia, in particolar modo alla rinascita di una delle frazioni più colpite dal terremoto dell'ottobre scorso. “L'allestimento qui al Pala Ioan sta andando bene, - spiega Marco Masini – stiamo preparando anche delle novità tecniche che ci hanno rubato un po' di tempo. La data “zero” è un appuntamento importante per un cantante perché in genere è un esperimento nel quale può emergere anche qualche imprevisto che rende unica questa performance”. Non per questo, però, il concerto di domani sarà meno affascinante. “Stiamo approfittano di questo allestimento – continua il cantante - per fare anche delle sperimentazioni per stupire il pubblico”. La scaletta delle canzoni che Masini presenterà è ancora top secret: sicuramente accanto agli ultimi brani il cantautore proporrà anche i successi del passato, quelli che hanno caratterizzato i suoi 27 anni di carriera. Uno spettacolo moderno di oltre due ore, tra brani energici e ballate incalzanti che valorizzeranno l’inconfondibile timbro vocale dell’artista insieme a suggestive scenografie a led create ad hoc. Sul palco tifernate Masini proporrà il suo “percorso artistico” raccontando “quella che è una storia divisa in tanti racconti. Un brano – dice il cantante – può piacere, ricordare un momento di vita, emozionare, magari quello dopo offre quegli stessi sentimenti a chi ti sta seduto accanto”. Lelli ha colto l'occasione per invitare ancora gli altotiberini, “che da sempre sono noti per la loro anima solidale” a partecipare alla serata. Il presidente del Kiwanis ha poi ricordato che da "26 anni il club tifernate organizza eventi finalizzati al mondo dell'infanzia. Dopo il terremoto che ha distrutto parte della Valnerina, il club tifernate ha voluto concentrarsi su questa zona estremamente vicina a Città di Castello". E con quest'ultimo evento organizzato, il Kiwanis continua il lavoro in nome della solidarietà: “I proventi del concerto serviranno alla ricostruzione di Castelluccio di Norcia, per dare una mano ai giovani, bambini e ragazzi, a tornare nelle loro terre di origine, cercando, con questo nostro piccolo gesto, di fargli dimenticare l'incubo vissuto e per ricominciare”. Chi non ha ancora il biglietto, potrà acquistarlo direttamente al botteghino allestito all’ingresso del Pala Ioan domani sera.

24/04/2017 14:13:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Sparatoria ad Umbertide: arrestato il presunto responsabile

L'ex Sindaco di Umbertide ed attuale deputato PD Giampiero Giulietti, ha annunciato in un post su Facebook: ''Questa mattina è stato arrestato il responsabile della sparatoria in via Alfonsine ad Umbertide avvenuta alla vigilia di Pasqua. Grazie alla Polizia di Stato, grazie alle forze dell'ordine per il loro lavoro straordinario. Quanto avvenuto la notte del sabato Santo ci deve far riflettere sulle azioni da mettere in campo per combattere lo spaccio di sostanze stupefacenti e per garantire la necessaria sicurezza ai cittadini. Più che le polemiche sterili serve l'impegno di tutti a tutela delle nostre comunità''. Nelle ore successive ai fatti, era stata diramata la notizia dell'arresto di uno dei responsabili della sparatoria. Il presunto responsabile è stato arrestato nella mattinata di oggi. Numerose le reazioni sui social degli umbertidesi con commenti quali :’’Speriamo che ora la legge lo tenga dentro non agli arresti domiciliari’’ o ‘’Speriamo soprattutto di non diventare periferia di Perugia’’. Ed altri come: ‘’ E speriamo che un comune con più di 20000 abitanti abbia un presidio di forze dell'ordine 24 ore su 24 e non solo in orari di Ufficio’’. AGGIORNAMENTO ORE 15 In merito all'arresto del presunto responsabile della sparatoria avvenuta il 15 aprile scorso in via Alfonsine ad Umbertide, informiamo i lettori che il soggetto era già stato individuato e denunciato a piede libero il giorno dopo i fatti. Nei confronti dello stesso è stato disposto l'arresto da parte del Magistrato, visti gli elementi di prova a suo carico.

24/04/2017 13:57:55 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica SICUREZZA E COSTRUZIONE MOSCHEA A UMBERTIDE MARCO VINICIO GUASTICCHI SCRIVE AL SOTTOSEGRETARIO ALL’INTERNO GIANPIERO BOCCI

Riceviamo e pubblichiamo Lettera aperta del vicepresidente dell’assemblea legislativa dell’Umbria Umbertide, 24 apr. – Sicurezza e costruzione moschea ad Umbertide. Lettera aperta del vicepresidente dell’assemblea legislativa regionale Marco Vinicio Guasticchi al sottosegretario all’interno Gianpiero Bocci per chiedere l’intervento del governo. “Caro onorevole Bocci – scrive Guasticchi – a Umbertide stiamo vivendo una drammatica situazione causata da una gravissima recrudescenza dei crimini legati alla droga e ad altre concause criminose. Un tessuto sociale che si sta sgretolando a causa di errori passati e soprattutto di un atteggiamento ‘da struzzo’ delle amministrazioni precedenti a quella attuale. Umbertide è una cittadina di 18mila abitanti, di cui quasi 3mila extracomunitari. In passato si è cercato in tutti i modi di far transitare l’idea idilliaca di un’isola felice dove non esistevano criminali e dove l’integrazione era un fiore all’occhiello dell’amministrazione comunale. Poi… il risveglio. Un incubo vero e proprio. Non solo un tessuto sociale sgretolato, ma addirittura Umbertide è una città dove la criminalità viene praticata anche a livelli elevati, con sparatorie per strada e accoltellamenti. Mi ricordo ancora – prosegue il vicepresidente dell’assemblea legislativa regionale – quando da presidente della Provincia di Perugia, in sinergia con l’allora comandante provinciale dell’Arma colonnello Cuneo, tentammo di coinvolgere il sindaco del momento nel tentativo di trasferire la caserma dei carabinieri nell’area abbandonata della ex fornace. Tutto tacque. Oggi, purtroppo, tutti i cittadini di Umbertide sono preoccupati, non vedono prospettive, ma solo tentativi maldestri di chi ha avuto responsabilità gravi in passato di sfuggirne facendo appello al ministro dell’interno che neanche saprà dove si trova Umbertide. Un altro elemento di grande tensione è rappresentato, ovviamente, dalla costruzione dell’enorme moschea che a Umbertide sta generando gravi tensioni sociali. Quindi mi appello a lei, da consigliere regionale dell’Alta Umbria che vive ad Umbertide, perché lo stato possa aiutare questa comunità oggi in grande affanno. Vorrei, visto la sua costante disponibilità, invitarla a un incontro tra i vari livelli istituzionali, per palesarle il grave stato di insicurezza che stiamo vivendo. È doveroso – conclude Marco Vinicio Guasticchi –, per chi ricopre ruoli istituzionalmente superiori, aiutare questa amministrazione e questo sindaco a traghettare la comunità fuori dalla palude. Certo della sua disponibilità spero di incontrarla presto insieme a tanti altri protagonisti della vita di questa importante cittadina umbra per lavorare insieme”.  

24/04/2017 12:27:42 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Masini: ''Il concerto non sarà un evento di beneficenza, ma un gesto d’amore verso gli abitanti di Norcia''

Riceviamo e pubblichiamo CITTA’ DI CASTELLO – Cresce l'attesa per il concerto «zero» del tour «Spostato di un Secondo» di Marco Masini a Città di Castello. Al Pala Ioan è già stato allestito il palco dove, martedì 25 aprile alle 21, il cantautore fiorentino salirà per esibirsi nel concerto di beneficenza a favore della popolazione di Castelluccio di Norcia, su iniziativa del Kiwanis Club tifernate guidato dal presidente Lucio Lelli. Sono entrate nel vivo le prove per l'evento, che aprirà anche il tour: oltre alle nuove canzoni pubblicate nell'ultimo lavoro di Masini, «Spostato di un Secondo», testo presentato al Festival di Sanremo ed il nuovo singolo uscito a fine marzo «Tu non esisti», il cantante proporrà anche i successi più conosciuti e significativi dei suoi 27 anni di carriera. «La data 'zero' è un appuntamento importante, soprattutto perchè questo concerto ha un fine benefico, grazie al Kiwanis di Città di Castello: dare un contributo alla ricostruzione di Castelluccio di Norcia», dice Masini dispiaciuto per non aver avuto ancora modo di visitare la città, essendo impegnato a preparare al meglio la performance tifernate. «Il concerto – ha ribadito Masini – non sarà un evento di beneficenza, ma un gesto d’amore, di quelli che si devono fare per le persone care, come sono per noi gli abitanti di Norcia, che vogliamo aiutare con le possibilità che la musica offre di mobilitare e coinvolgere le persone». «Spero che la gente colga questa nuova opportunità di fare beneficenza ed incrementare l'aiuto, già consistente, che il Kiwanis Club sta facendo per la ricostruzione di Norcia e del suo territorio» - prosegue il presidente del sodalizio tifernate Lelli. Si ricorda che, per i più ritardatari, si possono ancora trovare i biglietti presso la «Libreria Paci La Tifernate», in piazza Matteotti a Città di Castello, ed on-line nella piattaforma Ticketitalia.com. Sarà inoltre possibile, salvo esaurimento posti, acquistarli anche martedì sera al botteghino allestito al Pala Ioan.    

24/04/2017 12:19:52 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Sport PF UMBERTIDE: IL RESOCONTO DI UN’ALTRA STAGIONE DA INCORNICIARE

Di Francesco Cucchiarini Il 1 aprile si è conclusa, con la vittoria di Broni in gara 2 del primo turno dei playoff scudetto, la straordinaria stagione della Pallacanestro Femminile Umbertide. La stagione 2016-2017 è stata la nona consecutiva in A1 per la società umbertidese, ritenuta ormai una piazza storica e consolidata. La sconfitta con Broni non potrà cancellare gli importanti obiettivi che Moroni e compagne hanno raggiunto in un campionato difficile e formato da 12 squadre tutte molto competitive. Il primo obiettivo stagionale per il roster allenato da coach Serventi, considerato ormai ‘’umbertidese onorario’’ era la salvezza, raggiunto già nel mese di febbraio. Il 12 marzo invece, con la vittoria contro Broni, la PFU ha confermato il settimo posto in classifica ed il 26 marzo dopo aver battuto il fanalino di coda La Spezia la squadra bianco-azzurra ha concluso la regular season a quota 20 punti. Risultati strepitosi per la squadra con l’età media più bassa del campionato, attestata intorno ai 21 anni. Inoltre numerosi fattori hanno aumentato il valore degli obiettivi raggiunti, il campionato diviso in due ‘’blocchi’’, da una parte sei squadre con l’obiettivo di conquistare lo scudetto (Schio, Lucca, Venezia, Napoli, San Martino di Lupari e Ragusa) e sei squadre in lotta per la salvezza. Umbertide fiera dei suoi 20 punti e con la conferma della settima piazza della classifica , ha dimostrato di essere la migliore del gruppo delle seconde sei, distaccando notevolmente squadre ben costruite come Torino, Broni e Vigarano, le quali hanno dovuto lottare fino all’ultima giornata per raggiungere la matematica salvezza. Anche la sfortuna non ha tardato ad arrivare, il 16 ottobre nel match contro Vigarano, Emilia Bove ha subito un infortunio al tendine d’Achille, che l’ha costretta a saltare quasi l’intera stagione. Ilaria Milazzo invece, il play che ha contribuito alla salvezza della squadra con 10 punti di media a partita, ha subito la rottura del crociato durante un allenamento, pochi giorni dopo la vittoria sul difficile campo della Fixi Piramis Torino.   Diversi momenti resteranno impressi nella memoria dei tifosi umbertidesi. Su tutti il buzzer-beater di Antiesha Brown dello scorso 4 dicembre a Broni, grazie al quale la PFU ha conquistato due punti di platino per la corsa alla salvezza. L’impresa contro San Martino di Lupari del 21 dicembre e le tutte le altre vittorie, tutte fondamentali e con nessuna squadra che poteva essere definita ‘’abbordabile’’.   Eccezionali i tifosi, in particolare i Supporters Fratta, che hanno seguito le proprie beniamine in tutte le trasferte, a prova del fatto che ad Umbertide la Serie A1 deve proseguire. Infatti prima della partita contro Broni del 12 marzo scorso, dalla curva è stata sollevata una stella, la prossima sarà per Umbertide la decima stagione in A1 ed aver mantenuto la massima serie per 10 lunghi anni, avrebbe il valore di 10 trofei.   La Pallacanestro Femminile Umbertide contribuisce dalla stagione 2008-2009 a portare il nome di una cittadina di soli 16mila abitanti nei palazzetti di tutta Italia, in città lontane e molto più grandi, come Torino, Venezia e Ragusa, solo per citarne qualcuna. In nove stagioni si è arricchito il palmarès della società, formato anche da 5 partecipazioni alle Final Four di Coppa Italia, 8 stagioni consecutive ai playoff (record battuto solo da Schio), semifinali scudetto, una finale di Coppa Italia, una finale di Supercoppa italiana , vittorie contro squadre più blasonate, salvezze raggiunte con le squadre dall’età media più bassa del campionato. Inoltre dobbiamo ricordare che dal 2008 ad oggi, solo due squadre hanno sempre partecipato al campionato di Serie A1 senza mai retrocedere o rinunciare all’iscrizione, Umbertide e Schio. Questi sono i ‘’trofei’’ nella bacheca della PF Umbertide e tutti il popolo bianco-azzurro spera che questo sogno prosegua.  

22/04/2017 20:59:51 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy