Attualità » Primo piano Torna a rivivere la Piattaforma grazie al Cinema, su il sipario il 28 giugno

  Per tutta l'estate gli umbertidesi torneranno a vivere uno dei luoghi più importanti della città. Infatti, la Piattaforma ospiterà la arena cinematografica estiva che ogni anno si svolge nel centro storico cittadino. “Cinema in Piattaforma”, questo il nome del progetto, è stato realizzato grazie alla collaborazione tra il Comune di Umbertide e l'Anonima Impresa Sociale (società cooperativa che gestisce il Cinema Metropolis di Umbertide e il Postmodernissimo di Perugia) e avrà inizio a partire da domenica 28 giugno con un evento inaugurale dedicato a Federico Fellini e ad Alberto Sordi a cento anni dalla loro nascita nel corso del quale sarà proiettato il film “I Vitelloni”. “Abbiamo accolto questo progetto con entusiasmo insieme ai gestori del Cinema Metropolis, che da tempo, insieme alle associazioni nazionali del settore profilavano di organizzare arene cinematografiche all'aperto come previsto dalle direttive per far fronte contro l'emergenza Covid-19 – dichiara l'assessore alla Cultura, Sara Pierucci - La Piattaforma, rappresentando il punto di incontro giovanile della città da tanti anni, si è rivelato da subito il luogo più idoneo per allestire il cinema all'aperto, sfruttando così allo stesso tempo l'opportunità di riqualificare un luogo storico al quale tutti gli umbertidesi sono affezionati. Tanti nostri concittadini non resisteranno a passare una bella serata a guardare un film di qualità nella nostra Piattaforma”. “Dal 2010 – spiegano Luca Benni e Matteo Cesarini - durante i mesi estivi l’attività del Cinema Metropolis di cui siamo gestori si sposta nei luoghi del centro storico, trasformando alcuni scorci già di per sé incantevoli in veri e propri templi del cinema, in un connubio di arte, paesaggio e cultura fortemente vivo in grado di rinnovare la capacità attrattiva del territorio. L’offerta di film di qualità, gli eventi speciali e le rassegne e la programmazione in lingua originale, molto gradita dai numerosi cittadini stranieri di stanza nel nostro territorio nei mesi estivi, ne fanno una delle arene cinematografiche all’aperto simbolo della nostra regione”. “Per l’estate 2020 – proseguono - data l’eccezionalità della fase che stiamo vivendo, in accordo con l’amministrazione comunale si è optato per un cambio di location spostandoci dal Chiostro di Piazza San Francesco che ha ospitato le edizioni degli ultimi anni. Lo spazio individuato, che si trova sempre nell’area del centro storico umbertidese, è un luogo da sempre simbolo di rinascita, incontro e aggregazione: la Piattaforma. Fondata nell’immediato dopoguerra dai reduci e dalle reduci della Brigata partigiana “Cremona” in un parco di circa 4000 mq con annesso punto di ristoro nel cuore della città, la Piattaforma doveva essere, ed è stata fino alla fine degli anni novanta, un centro di ritrovo ricreativo culturale per le estati degli e delle umbertidesi. Ripensare gli spazi, dargli nuova vita recuperando anche frammenti di memoria storica collettiva rappresenta da sempre una delle finalità della nostra impresa sociale e culturale. In particolare, tra gli obiettivi del riportare in quel luogo cultura e socialità c’è anche l’attenzione nei confronti dei più giovani, con attività legate al loro coinvolgimento attivo, delle famiglie, degli appassionati di arte spettacolare in generale (musica e cinema) in una ipotesi di trasformazione di quello spazio in linea con lo spirito che ha sempre animato il cuore culturale della città”.

19/06/2020 15:25:19 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Campus Leonardo Da Vinci, nuovo traguardo: medaglia e diploma dall’Ordine Nazionale dei Giornalisti

Ancora una volta il Campus “Leonardo da Vinci” di Umbertide stupisce. Con il suo giornalino ‘’Il Leonardo’’ si qualifica, unico istituto in Umbria, tra i vincitori dell’edizione 2020 del concorso ‘’Il giornale e i giornalismi nelle scuole”, indetto dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti.   L’iniziativa, giunta alla 17esima edizione, si propone di esaminare e valutare i giornali scolastici degli oltre 500 istituti italiani partecipanti di ciascun grado (elementari, medie e superiori). Tra questi ne sono stati selezionati 25 per ogni categoria, che meglio hanno saputo celebrare lo scopo del concorso: quello di far avvicinare i ragazzi al mondo del giornalismo attraverso il confronto pratico con le dinamiche e le metodologie dell’informazione, acquisendo così nuove competenze. Infatti, secondo Lorenzo del Boca - presidente dell’Odg durante l’anno di ideazione del progetto - “il mondo della scuola e quello del giornalismo sono come due mezze mele che se riuscissero a ritornare una mela, insieme, potrebbero darsi delle reciproche utilità e portarsi reciproci vantaggi’’.   La preside Franca Burzigotti è soddisfatta di questo ennesimo traguardo ottenuto dalla scuola: “Il risultato ottenuto dal gruppo di ragazzi del Campus rappresenta un traguardo di cui essere davvero orgogliosi, in quanto frutto dell’impegno e della partecipazione che gli studenti hanno dedicato alla realizzazione del giornalino ‘’Il Leonardo’’.   Un progetto che, nel 2014, ha ridato vita al precedente giornalino che ha accompagnato la lunga storia, ormai lunga più di 50 anni dell’istituto “Da Vinci” di Umbertide. Un'attività di arricchimento dell’offerta formativa nata spontanea proprio per desiderio dei ragazzi che hanno scelto di mantenere il nome “Il Leonardo” e che ancora oggi viene portato avanti con molta soddisfazione dal Campus da Vinci”. Il concorso vuole incoraggiare le iniziative delle scuole italiane per la valorizzazione dell’attività giornalistica, quale strumento di arricchimento comunicativo e di modernizzazione del linguaggio. Intende, soprattutto, avvicinare gli studenti al mondo dell’informazione, della comunicazione e della scrittura, svolgendo una attività, quella giornalistica, che rappresenta uno strumento di arricchimento del linguaggio scritto e di maturazione della coscienza civile e della libertà di espressione.    

18/06/2020 16:17:10 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Parte “Venerdì in centro”, negozi aperti la sera dei venerdì dell'estate per rivitalizzare il centro della città

Negozi aperti dalle 21.00 alle 23.00 di tutti i venerdì della stagione estiva per rivitalizzare il centro della città. Tutto questo è “Venerdì in centro”, iniziativa organizzata dall'associazione commercianti “Don Chisciotte” in piena collaborazione con il Comune di Umbertide. Il tutto prenderà il via nella serata del 19 giugno e vedrà coinvolti gli esercizi del centro storico, di via Garibaldi, via Roma, piazza Mazzini e piazza Gramsci.   “Con forze e risorse tutte umbertidesi si concretizzano una serie di eventi che puntano a diventare un appuntamento fisso – afferma la vicesindaco con delega al Commercio, Annalisa Mierla - Tutti i venerdì della stagione estiva avremo la possibilità di passeggiare nel centro e oltre ad ammirare le bellezze della nostra città, con i negozi aperti in orario serale. Inoltre, nelle prossime settimane sarà installato anche un impianto di filodiffusione che con un sottofondo musicale arricchirà ulteriormente la cornice nella quale si svolgerà l'evento.   Questa serie di appuntamenti sono una grande opportunità sia per i commercianti che per tutti gli umbertidesi e racchiudono un grande significato per quanto riguarda la ripartenza e il graduale ritorno alla normalità dopo l'emergenza Coronavirus. Come Amministrazione crediamo fortemente a 'Venerdì in centro' perché si tratta di una iniziativa che ha grandi potenzialità. Per questo vogliamo ringraziare gli organizzatori e tutti i commercianti che vi hanno aderito”.  

18/06/2020 15:00:16 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Società Civile Giovani giornalisti al Campus da Vinci di Umbertide: 5 video dedicati a progetti del territorio

Un progetto regionale di notevole rilievo, è quello a cui hanno partecipato gli studenti del Campus Leonardo da Vinci di Umbertide. Nello specifico la classe 3A dell’indirizzo Economico – Sociale che, insieme ad altre 5 scuole dell’Umbria, ha aderito al Progetto Giovani Giornalisti per l’Europa, promosso dalla Regione Umbria e realizzato da Centro Per il Giornalismo di Perugia. Gli studenti dopo un periodo  di formazione con esperti del settore radiotelevisivo, coordinati dal Dott. Luca Garosi, hanno prodotto 5 video che presentano come sono stati utilizzati i Fondi Sociali Europei nel nostro territorio. Dal progetto "Baskin", alla "Casa Paradiso" di Città di Castello passando epr il Made in Italy dellì'azienda Renzini. Questi i titoli dei video prodotti dagli studenti umbertidesi, che possono essere votati da tutta la comunità per un sostegno al lavoro svolto con tanto impegno ed entusiasmo da ragazzi del territorio   1) Baskin: il Basket come momento integrativo per ragazzi con disabilità coordinati dal Prof, Silvio Bartolini https://youtu.be/AY3UyOKAMl0   2 )Progetto di vita indipendente: appartamento Casa Paradiso a Città di Castello per favorire l’autonomia di persone disabili https://youtu.be/WPA8qeqoUc4   3) Family Help: assistenza per le famiglie che hanno necessità attraverso l’aiuto di una persona attivata dal comune di Umbertide https://youtu.be/0oPJBpk_d9E   4) Il Campus Leonardo Da Vinci vola in Svezia per l’esperienza di alternanza scuola lavoro con la Prof.ssa Fioravanti Silvana, Prof.ssa Marta Ciancabilla https://youtu.be/Y_Cf1vGlT2I   5) Renzini , il Made in Italy che fa la differenza ditta di eccellenza nella Norcineria del nostro territorio che attraverso i Fondi Sociali Europei punta all’ecosostenibilità https://youtu.be/MXZhLtVmoN8   Ringraziamo per la collaborazione l’Assessore Luciana Bassini, l’Assessore Sara Pierucci e il Dott. Renzini, la Dirigente scolastica Prof,ssa Franca Burzigotti e tutti i ragazzi del Baskin e di Casa Paradiso.  

18/06/2020 11:56:59 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Politica L'Amministrazione Comunale: “La Rsa riapre, opposizioni smentite un'altra volta”

"Avevamo detto che avremmo fatto di tutto per far ripartire la Rsa all'interno dell'ospedale cittadino e che questo sarebbe avvenuto non appena si fosse placata l'emergenza sanitaria in corso". Inizia così la nota stampa a firma dell'Amministrazione comunale di Umbertide, dopo la comunicazione della riapertura dell'Rsa. "Eccoci qua a mantenere quello che avevamo annunciato. Infatti dal 22 giugno ci saranno dei posti letto per la Rsa di Umbertide. Le opposizioni avevano strumentalizzato la temporanea chiusura della Rsa, tanto da presentare un ordine del giorno (protocollo n. 7961/2020) firmato da tutti i consiglieri di Partito Democratico, Umbertide Cambia e Movimento 5 Stelle nel Consiglio Comunale del 23 aprile nel quale si chiedeva la riapertura immediata del servizio proprio nel momento di maggiore criticità dell'emergenza Covid-19. Per tutelare i nostri malati, l'atto è stato prontamente bocciato dai consiglieri di maggioranza. Noi abbiamo sempre sostenuto che la chiusura momentanea della Rsa era una scelta giusta e doverosa per proteggere i nostri malati più anziani e che passata la fase emergenziale dell'epidemia avremmo fatto di tutto per riattivare il servizio. L'analisi che avevamo fatto, condividendo la scelta sanitaria dell'Usl Umbria 1, era semplicemente basata sul fatto che il virus stava colpendo le persone più anziane che andavano curate o in medicina o a domicilio e non in una struttura potenzialmente a rischio. Non ci sembrava un ragionamento tanto difficile da comprendere, ma si vede che la contrapposizione politica della minoranza non può fare a meno di andare sempre e comunque contro. Alla faccia della collaborazione e della responsabilità annunciate all'inizio della pandemia".   

18/06/2020 09:28:10 Scritto da: Eva Giacchè

Notizie » Altotevere La pizza del “Ternano” più forte del Covid-19. Torna nel centro storico di Città di Castello l'attività che da 53 anni accoglie generazioni di tifernati

La pizza de “Lu ternano” ha resistito anche al Covid-19. Dopo 53 anni di attività ha riaperto stamattina a Città di Castello la storica “Pizzeria Express” della famiglia Manni, con Vincenzo e Stefania Febino, rispettivamente 83 e 77 anni di età, protagonisti di una delle più belle storie di resilienza ai tempi della pandemia da Coronavirus.  “Vincenzo e Stefania riaprono per amore del loro lavoro e per amore di Città di Castello”, hanno sottolineato stamattina il sindaco Luciano Bacchetta e l’assessore al Commercio e Turismo Riccardo Carletti nel far visita ai proprietari dell’attività di corso Vittorio Emanuele. “Questa pizzeria rappresenta la storia della nostra città, perché per mezzo secolo tutte le generazioni di tifernati l’hanno frequentata da giovani e poi da adulti”, hanno detto Bacchetta e Carletti, che hanno rimarcato come “la ripartenza di questi professionisti, che sono una eccellenza della nostra comunità da decenni, sia un bellissimo segnale, perché dimostra come il desiderio tornare alla normalità sia davvero forte”. “Professionalità come quelle di Vincenzo e Stefania sono d’esempio in momenti come questi, in cui bisogna tirare fuori tutte le energie e le qualità, ma anche la passione e l’attaccamento al lavoro”, hanno detto Bacchetta e Carletti, che hanno portato il simbolico saluto dell’amministrazione comunale, insieme al ringraziamento per il messaggio di fiducia che è venuto dalla loro iniziativa.   “Noi non ce la facciamo a stare in casa, sono settant’anni che stiamo al pubblico”, hanno raccontato Vincenzo e Stefania, che fin da bambini sono stati abituati a dare il proprio supporto al sostentamento delle famiglie. “Questa pizzeria è la nostra vita, da quando ci siamo trasferiti a Città di Castello non ci siamo più spostati, abbiamo riaperto anche per dare un contributo alla vitalità del centro storico e un messaggio di fiducia, soprattutto ai giovani, nel riprendere il cammino e andare avanti”, hanno spiegato i coniugi Manni, nel ricordare le generazioni di tifernati che sono passate davanti al bancone e che da oggi sono tornati a servire. “Chi adesso è nonno da bambino veniva a prendere la pizza qui” è l’aneddoto di Vincenzo e Stefania che più di tutti ha testimoniato l’affetto dei tifernati nell’incontro con il sindaco e l’assessore, che nel 2017 li avevano omaggiati con una targa ricordo per il traguardo dei 50 anni di lavoro in città. La storia della famiglia Manni affonda le radici nel lontano 1962, a Roma, a due passi dalla Basilica di San Paolo, quando Vincenzo, originario di Terni, e Stefania, nata nella Capitale, iniziarono a impastare lievito e farina per poi trasferirsi a Città di Castello e aprire la “Pizzeria Express” il 15 ottobre del 1967. Grande appassionato di calcio e tifoso della Ternana, Vincenzo ha sempre esibito in negozio bandiera e foto ricordo della mitica promozione in serie A dei rossoverdi di Corrado Viciani nel 1972, ma nel cuore ha sempre avuto anche i colori biancorossi del Città di Castello, grazie all’amicizia con il compianto storico del calcio tifernate, Siviero Sensini, che veniva in pizzeria con la squadra dopo ogni vittoria casalinga. “Oggi riapriamo nel rispetto di tutte le norme di sicurezza e delle distanze, anche se qui tutte le raccomandazioni sull’igiene sono sempre state di casa, perché abbiamo sempre avuto il massimo scrupolo nel servire la nostra pizza, insieme al piacere di prepararla con ingredienti di prima qualità”, hanno sottolineato Vincenzo e Stefania.

17/06/2020 18:42:26 Scritto da: Eva Giacchè

Sport Basket A2/F: La Bottega del Tartufo Umbertide conferma Giorgia Paolocci

Altra conferma in casa Pallacanestro Femminile Umbertide. Giorgia Paolocci farà parte del roster di serie A2 anche per la prossima stagione. La cestista capitolina vestirà la maglia bianco-azzurra per la quinta stagione consecutiva. Giorgia era arrivata ad Umbertide nel 2016 dalle giovanili della Stella Azzurra Roma e da allora non ha più abbandonato la PFU, esordendo dapprima in A1 il 29 ottobre 2016 e decidendo poi di rimanere ad Umbertide nell'anno dell'auto-retrocessione in A2. Nell'ultima stagione, l'ala classe 1999, ha dato un grande contributo alla squadra, in particolare nelle memorabili vittorie contro Faenza e Campobasso. Purtroppo durante la sessione di allenamento dello scorso 2 gennaio, pochi giorni prima dell'importante match contro Ariano Irpino, Giorgia ha subito la rottura del legamento crociato ed è ora in fase di recupero sotto la guida del preparatore atletico Leonardo Grilli. Abbiamo scambiato quattro chiacchiere con Giorgia nel momento del rinnovo:”Prima di tutto volevo ringraziare la società per la fiducia che mi ha dato nonostante il mio infortunio”. “Volevo ringraziare – prosegue Giorgia - il nostro preparatore Leonardo Grilli per avermi seguito nonostante la pandemia anche tramite un computer. Ci allenavamo ogni giorno per essere pronta il prima possibile. Il lavoro svolto durante questo brutto periodo che abbiamo vissuto, mi sta permettendo di recuperare nei tempi giusti”. “La gente di questo paese, la società stessa – spiega Giorgia - mi hanno fatto sentire da subito a casa. Questo ha fortificato il mio attaccamento alla maglia che ormai indosso da 5 anni. Sono molto contenta di rimanere qui e di vivere un altro anno pieno di soddisfazioni, per continuare il bello che stavamo facendo prima della pandemia”.  

17/06/2020 18:36:31 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Arrestato per spaccio 37enne residente ad Umbertide

Arrestato per spaccio, ieri pomeriggio, un 37enne nato in Colombia ma naturalizzato italiano e residente ad Umbertide. A compiere l'operazione  i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Città di Castello, con l’ausilio del Nucleo Cinofili Carabinieri di Firenze. Con un’approfondita attività di indagine i Militari, nelle scorse settimane, hanno effettuato una serie di appostamenti nei pressi dell’abitazione di residenza del 37enne, dove da tempo era stato segnalato un continuo via vai di persone. In effetti, i servizi effettuati hanno confermato la presenza di soggetti provenienti sia dai comuni limitrofi, sia residenti ad Umbertide e noti agli operanti. Al momento dell’ingresso nell’abitazione, i Carabinieri hanno trovato al suo interno alcuni acquirenti. Gli accertamenti successivi hanno consentito di acquisire elementi tali che delineavano una presunta attività di spaccio posta in essere dall’uomo la cui perquisizione domiciliare, con l’ausilio di un’unità cinofila, ha portato al rinvenimento di 10 grammi di cocaina, 9.5 grammi di semi di canapa indiana oltre a tutto il materiale necessario al confezionamento ed alla suddivisione delle dosi e ad una somma contante di € 1.820, ritenuta dagli investigatori provento dell’attività di spaccio.  Al termine delle operazioni, su disposizione del Magistrato di turno, l’uomo è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione in attesa dell’interrogatorio di garanzia da parte dell’A.G. ma questi, totalmente incurante di quanto fosse successo, non ottemperava all’obbligo di non uscire perché sottoposto al regime restrittivo. Nella stessa serata, infatti, si è arbitrariamente allontanato dalla propria abitazione. I militari lo hanno sorpreso e di nuovo tratto in arresto per “evasione” e, questa volta, trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del processo con rito per direttissima tenutosi oggi con la convalida dell’arresto.    

17/06/2020 18:08:09 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy