Attualità » Primo piano Camminatura a Monte Acuto e Monte Corona domenica 30 aprile in occasione delle Giornate dedicate alla natura nelle aree protette Natura 2000

Riceviamo e pubblichiamo Domenica 30 aprile è in programma una giornata intera fra la cima di Monte Acuto e Monte Corona. La prenotazione è OBBLIGATORIA entro venerdì 28 aprile. La passeggiata fa parte di una tre giorni organizzata in collaborazione con l'Associazione Valle del Carpina. Sono giornate interamente dedicate alla natura, immersi nelle aree Natura 2000, protette dall'Unione Europea, più suggestive dell'Alta Umbria: - 29 aprile Zona Speciale di Conservazione dei Boschi di Pietralunga - 30 aprile Zona Speciale di Conservazione dei Monti Acuto e Corona - 1º maggio Zona Speciale di Conservazione Serre di Burano L’obiettivo dell’evento è quello di valorizzare il territorio e promuovere il turismo sostenibile nelle Aree Natura 2000 dell’Alta Umbria. Il ritrovo per la passeggiata del 30 aprile è previsto per le ore 9.00 alla Badia di Monte Corona (Umbertide). La prima tappa sarà la cima di Monte Acuto, passando per Cima Cerchiaia, poi attraverso il sentiero didattico si scenderà fino all'area pic-nic dove si pranzerà con carni alla griglia offerte dall'organizzazione. Dopo pranzo, la navetta ci trasferirà nell’antico borgo di Santa Giuliana e da lì si raggiungerà l'Eremo di Monte Corona. In cima, i Monaci di clausura di Betlemme ci accoglieranno e ci guideranno alla visita dell'Eremo.  Scenderemo a piedi lungo l'antica via della Mattonata fino a raggiungere la Badia ai piedi del Monte.  Raggiungeremo poi Mola Casanova dove si potrà visitare la centrale idroelettrica e ci si potrà rilassare nel giardino attrezzato. Il costo, comprensivo di pranzo e navetta, è di € 29,00. Per maggiori informazioni: info@molacasanova.it - www.molacasanova.it La lunghezza del percorso a piedi è di circa km 12, difficoltà (E) - dislivello 350 m Il rientro a Mola Casanova è previsto per le ore 17.00 circa. Si consiglia di indossare scarponcini da trekking e di portare k-way e acqua. La cima di Monte Acuto è spesso ventilata.    

25/04/2017 13:32:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Giovedì 27 aprile presentazione del libro “Il labirinto delle spie”

Riceviamo e pubblichiamo Giovedì 27 aprile alle ore 10.30, presso il Cinema Metropolis, verrà presentato il libro Il labirinto delle spie, L'OVRA, la guerra e l'antifascismo a Perugia e provincia (Morlacchi Editore), di Andrea Maori. A seguire ci sarà la proiezione del documentario" Memoria e storia della Brigata San Faustino", realizzato dai ragazzi del Campus “Leonardo Da Vinci” di Umbertide. L’evento è stato organizzato dalla Biblioteca comunale di Umbertide, dagli Amici della Biblioteca di Umbertide e dall’Istituto di istruzione superiore Campus Leonardo da Vinci di Umbertide, nell’ambito della nuova programmazione di appuntamenti per promuovere la lettura e i libri. Gli apparati informativi e repressivi del regime fascista vengono indagati da Andrea Maori in questo libro dedicato in modo particolare alla Provincia di Perugia e in generale all’Umbria. L’ approfondita ricerca archivistica svolta con il rigore dello storico e la passione del detective ha portato a risultati sorprendenti. Emerge una fotografia dettagliata della rete informativa del regime. Al centro dell’organizzazione di vigilanza e repressione stava l’OVRA.  In Umbria tutte le operazioni di questo organismo erano dirette dall’Ispettore Pasquale Andriani, capo della IV zona (Abruzzi, Marche, Umbria), uno dei protagonisti di questa ricerca. L’ OVRA agiva in stretto contatto con la Questura ma nella regione agivano anche il Servizio di informazione militare e gli uffici politici di investigazione presso le legazioni territoriali della milizia.  Tutti questi organismi si avvalevano della censura postale il cui funzionamento è esaminato nel libro. L’ Autore analizza i luoghi e le modalità della soppressione del dissenso; quindi giunge a noi una realtà in gran parte inesplorata e sorprendente che fotografa un mondo underground in parte inedito.  Il libro è arricchito inoltre da documentazione fotografica, da testimonianze dirette, un elenco degli informatori OVRA in Umbria e da un aggiornamento della lista dei confinati, ammoniti e diffidati dalla Commissione provinciale di Perugia per i provvedimenti di Polizia dal 1940 al 1943.  

25/04/2017 12:32:05 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Premiati i vincitori del concorso di poesia “Umbertide XXV Aprile”

Riceviamo e pubblichiamo Si è tenuta ieri presso il Centro socio culturale San Francesco la cerimonia di premiazione del concorso nazionale di poesia “Umbertide XXV Aprile”, giunto quest'anno alla 35esima edizione. All'iniziativa ha preso parte anche il sindaco Marco Locchi che ha sottolineato l'importanza del concorso, grazie al quale si coltiva e trasmette alle giovani generazioni la memoria storica umbertidese, e ha ringraziato gli organizzatori e tutti i partecipanti della 35esima edizione. Presenti anche il presidente del Centro San Francesco, promotore dell'iniziativa insieme al Comune di Umbertide, Sergio Bargelli, il presidente della sezione Anpi di Umbertide Umberto Zoppo e la presidente di Giuria Anna Maria Farabbi, che ha sottolineato l'identità di impegno civile e culturale che il premio incarna. Un'edizione quella 2017 che ha visto, dopo anni di significativi cali delle presenze, un notevole aumento dei partecipanti, con oltre 250 persone provenienti da ogni parte d'Italia, compresi tre stranieri, praticamente il doppio rispetto alle ultime edizioni. Sono stati invece 22 i partecipanti alla sezione giovani. Le opere sono state valutate da un'apposita giuria presieduta da Anna Maria Farabbi e composta da Sebastiano Aglieco, Marco Bellini, Stefano Guglielmin, Rita Pacilio e Paolo Pistoletti. Alla fine, per la sezione adulti, si è classificato al primo posto Luigi D'Alessio seguito al secondo posto da Alessia Iuliano e al terzo posto ex equo da Alba Gnazi e Pasquale Balestriere. Per la sezione giovani è stata invece premiata Cristina Nuta Ioana. In concomitanza con il Premio “Umbertide XXV Aprile” si è tenuta anche la premiazione del concorso “Videoglass 2.0” promosso nell'ambito del progetto Glas (Erasmus +), finanziato con fondi europei e finalizzato a promuovere buone pratiche e sostenibilità ambientale. In gara videoclip della durata massima di tre minuti che sono stati valutati da una giuria internazionale in rappresentanza dei quattro Paesi partecipanti al progetto, Italia, Germania, Macedonia ed Estonia. Al primo posto si classificato Stefano Caranti con un video-denuncia su ecomostri ed abusivismo edilizio; al secondo posto si sono classificati gli studenti della classe II A della scuola media di Umbertide che hanno affrontato la tematica della mobilità alternativa e sostenibile, mentre l'Istituto superiore Da Vinci di Umbertide ha ottenuto la terza posizione con una clip sulla raccolta differenziata. La premiazione del concorso “Umbertide XXV Aprile” ha inoltre aperto ufficialmente le celebrazioni per la ricorrenza della Liberazione dell'Italia dall'occupazione nazi-fascista e del bombardamento di borgo San Giovanni in cui persero la vita 70 umbertidesi. Come da tradizione, le celebrazioni si terranno domani, martedì 25 aprile, presso piazza XXV Aprile dove alle ore 9,30 avrà luogo la santa messa officiata dal vescovo Mario Ceccobelli insieme ai parroci della città; poi a seguire alle ore 10,30 si terrà la cerimonia civile dal titolo “Libertà e democrazia i valori del 25 Aprile: non strumentalizzazioni politiche” che vedrà gli interventi del sindaco Marco Locchi e del presidente dell'Isuc – Istituto per la storia dell'Umbria contemporanea Mario Tosti, con la partecipazione degli ex sindaci di Umbertide on. Giampiero Giulietti, Gianfranco Becchetti e Maurizio Rosi. Alle ore 11, accompagnato dalle note della banda cittadina diretta dal maestro Galliano Cerrini, partirà il corteo che sfilerà per le vie della città, per la deposizione delle corone di alloro ai piedi dei monumenti ai Caduti. Sempre martedì 25 aprile, si terranno cerimonie commemorative anche a Pierantonio, con la santa messa officiata alle ore 11,30 da don Mauro Lironi e a seguire alle ore 12,30 la deposizione della corona al monumento ai Caduti alla presenza del sindaco Locchi, degli ex primi cittadini e del consigliere comunale Nicola Orsini e a Montecastelli, dove alle ore 17,30 si terranno la commemorazione e la deposizione delle corone presso la lapide di Giuseppe Bernardini e presso la targa dedicata ai Caduti alla presenza del sindaco Locchi, dell'assessore Raffaela Violini, degli ex sindaci e del parroco don Graziano Bartolucci. Sempre domani, alle ore 18,30 presso il Centro socio culturale San Francesco, verrà proiettato, ad ingresso gratuito, il film documentario di Marino Marini “Pane e partigiani”.

25/04/2017 12:22:27 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Le azioni sulla sicurezza del Comune di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo Sul fronte della collaborazione tra tutte le forze in campo, il sindaco Locchi e l’assessore Leonardi sottolineano l’impegno costante dell’Amministrazione L’ Amministrazione Comunale ha posto sempre al centro della propria attività il tema della sicurezza con investimenti ed azioni concrete nell’ottica di migliorare le competenze che la riguardano come Ente territoriale e con gli strumenti di cui può disporre. Ciò in quanto il tema della sicurezza investe molteplici aspetti gran parte dei quali travalicano i confini comunali (come lo spaccio di droga) e vanno affrontati attraverso soggetti specializzati e strutturati per affrontare specifici fenomeni criminosi. Talvolta il fenomeno si manifesta con episodi allarmanti come avvenuto di recente ma tutte le Istituzioni, compreso il Comune di Umbertide, sono già attive e intervengono tentando di contrastare i pericoli per la comunità e nel contempo non compromettere le indagini e gli interventi delle varie Forze in campo. Tuttavia è evidente che al cambiamento della società si è di pari passo affiancato un cambiamento della criminalità che vede nuovi strumenti sempre più complessi per delinquere e diramarsi. Dal proprio canto il Comune di Umbertide interviene su vari fronti sia con il potenziamento degli operatori sociali di strada che tentano di intervenire in modo preventivo, sia sul controllo del territorio posto in essere dalla Polizia Municipale. Quest’ultima negli anni si è dotata di moderni strumenti di accertamento e ha incrementato le proprie competenze anche in virtù della sempre maggiore specializzazione richiesta nell’operare in tema di sicurezza. In particolare è stato installato un moderno sistema di videosorveglianza che consente di identificare persone e registrare targhe di veicoli molte volte consultato anche dalla altre Forze di Polizia presenti sul territorio. Tale impianto verrà notevolmente implementato già quest’anno con nuovi postazioni posizionate anche nei luoghi maggiormente frequentate dai cittadini. Ma è soprattutto sul controllo della strada, della sicurezza della circolazione, degli interventi in caso di sinistri stradali che la polizia municipale ha il ruolo di protagonista nell’operare sul territorio. Per tale motivo è il primo referente per i sinistri stradali dove opera anche utilizzando drug test e strumenti per verificare l’eventuale stato di ebbrezza dei conducenti. La Polizia municipale è inoltre in possesso della strumentazione tecnologica per verificare in tempo reale la copertura assicurativa dei veicoli, la revisione e l’eventuale furto delle vetture e poter di conseguenza operare come accaduto anche recentemente con l’avvenuto sequestro di un veicolo circolante senza assicurazione. La polizia municipale è inoltre impegnata fortemente nella prevenzione realizzata attraverso l’educazione stradale agli studenti effettuata con modalità sempre nuove e in grado di migliorare la consapevolezza dei pericoli nei più giovani. Oltre che sul controllo della circolazione stradale, la polizia municipale interviene nel controllo del territorio e in particolare dell’ambiente e degli illeciti edilizi compiuti attraverso sopralluoghi nei cantieri, presso gli edifici privati e presso parchi e spazi pubblici. Ma l’ambiente urbano coinvolge anche le attività produttive nonché i mercati settimanali e le fiere del territorio che vedono controlli amministrativi costanti e silenziosi a tutela della regolarità delle transazioni, del corretto svolgimento delle manifestazioni e della sicurezza igienica dei consumatori. Inoltre la polizia municipale è il soggetto istituzionale impegnato nella verifica dei requisiti degli alloggi e della legittima occupazione delle residenze da parte dei cittadini italiani e stranieri. I controlli vengono ovviamente compiuti sotto l’attenzione degli operatori della polizia municipale nell’ambito delle prerogative riconosciute e dei diritti di tutti i cittadini al libero spostamento e alla riservatezza del proprio domicilio. Le forze in campo sono molte con gravosi compiti che giustamente coinvolgono anche l’obbligo di adempimenti amministrativi di trasparenza e correttezza dell’operato. Ciò determina quindi importanti attività anche sul piano amministrativo soprattutto laddove gli uffici siano impegnati in progetti sulla sicurezza con finanziamenti da Enti esterni come ottenuti dalla Polizia Municipale di Umbertide quale capofila del Progetto Sicurezza Intercomunale cofinanziato dalla Regione Umbria o il progetto Sicurezza Stradale Associata finanziato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che comportano impegni aggiuntivi per gli operatori della P.M. incaricati di migliorare l’ambiente cittadino. Anche sul fronte della collaborazione tra tutte le forze in campo il Sindaco Marco Locchi e l’Assessore Paolo Leonardi sottolineano un forte e costante impegno della Amministrazione. Ne è conferma l’incontro con il Sig. Prefetto di Perugia e con i vertici delle forze dell’ordine organizzato per il giorno 26/04/2017, in cui verrà riaffermata la necessità di interventi sul territorio umbertidese mirato ad aumentare i controlli e la presenza da parte delle forze dell’ordine. Sotto il profilo della collaborazione tra tutti i soggetti che a vario titolo sono coinvolti nell’azione di salvaguardia e tutela della legalità sul territorio viene inoltre ricordato l’accordo tra Prefettura, Comune di Umbertide e le agenzie private di vigilanza nello scambio di informazioni e il protocollo sulla legalità stretto nel 2016 tra la Prefettura e il Comune di Umbertide.        

24/04/2017 14:19:58 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Cresce l'attesa per il concerto di Masini: «Sarà uno spettacolo unico e irripetibile» Ancora pochi i posti disponibili

Riceviamo e pubblichiamo CITTA' DI CASTELLO – Il Pala Ioan si è trasformato nel set di un concerto: è tutto pronto per la data “zero” di “Spostato di un Secondo” di Marco Masini in programma domani, 25 aprile alle 21. Questa mattina, sotto al palco dove i tecnici sistemando gli ultimi dettagli, il cantautore fiorentino ha incontrato Lucio Lelli, presidente del Kiwanis Club Città di Castello, sodalizio tifernate che ha organizzato l'evento il cui ricavato sarà interamente devoluto a Norcia, in particolar modo alla rinascita di una delle frazioni più colpite dal terremoto dell'ottobre scorso. “L'allestimento qui al Pala Ioan sta andando bene, - spiega Marco Masini – stiamo preparando anche delle novità tecniche che ci hanno rubato un po' di tempo. La data “zero” è un appuntamento importante per un cantante perché in genere è un esperimento nel quale può emergere anche qualche imprevisto che rende unica questa performance”. Non per questo, però, il concerto di domani sarà meno affascinante. “Stiamo approfittano di questo allestimento – continua il cantante - per fare anche delle sperimentazioni per stupire il pubblico”. La scaletta delle canzoni che Masini presenterà è ancora top secret: sicuramente accanto agli ultimi brani il cantautore proporrà anche i successi del passato, quelli che hanno caratterizzato i suoi 27 anni di carriera. Uno spettacolo moderno di oltre due ore, tra brani energici e ballate incalzanti che valorizzeranno l’inconfondibile timbro vocale dell’artista insieme a suggestive scenografie a led create ad hoc. Sul palco tifernate Masini proporrà il suo “percorso artistico” raccontando “quella che è una storia divisa in tanti racconti. Un brano – dice il cantante – può piacere, ricordare un momento di vita, emozionare, magari quello dopo offre quegli stessi sentimenti a chi ti sta seduto accanto”. Lelli ha colto l'occasione per invitare ancora gli altotiberini, “che da sempre sono noti per la loro anima solidale” a partecipare alla serata. Il presidente del Kiwanis ha poi ricordato che da "26 anni il club tifernate organizza eventi finalizzati al mondo dell'infanzia. Dopo il terremoto che ha distrutto parte della Valnerina, il club tifernate ha voluto concentrarsi su questa zona estremamente vicina a Città di Castello". E con quest'ultimo evento organizzato, il Kiwanis continua il lavoro in nome della solidarietà: “I proventi del concerto serviranno alla ricostruzione di Castelluccio di Norcia, per dare una mano ai giovani, bambini e ragazzi, a tornare nelle loro terre di origine, cercando, con questo nostro piccolo gesto, di fargli dimenticare l'incubo vissuto e per ricominciare”. Chi non ha ancora il biglietto, potrà acquistarlo direttamente al botteghino allestito all’ingresso del Pala Ioan domani sera.

24/04/2017 14:13:45 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Sparatoria ad Umbertide: arrestato il presunto responsabile

L'ex Sindaco di Umbertide ed attuale deputato PD Giampiero Giulietti, ha annunciato in un post su Facebook: ''Questa mattina è stato arrestato il responsabile della sparatoria in via Alfonsine ad Umbertide avvenuta alla vigilia di Pasqua. Grazie alla Polizia di Stato, grazie alle forze dell'ordine per il loro lavoro straordinario. Quanto avvenuto la notte del sabato Santo ci deve far riflettere sulle azioni da mettere in campo per combattere lo spaccio di sostanze stupefacenti e per garantire la necessaria sicurezza ai cittadini. Più che le polemiche sterili serve l'impegno di tutti a tutela delle nostre comunità''. Nelle ore successive ai fatti, era stata diramata la notizia dell'arresto di uno dei responsabili della sparatoria. Il presunto responsabile è stato arrestato nella mattinata di oggi. Numerose le reazioni sui social degli umbertidesi con commenti quali :’’Speriamo che ora la legge lo tenga dentro non agli arresti domiciliari’’ o ‘’Speriamo soprattutto di non diventare periferia di Perugia’’. Ed altri come: ‘’ E speriamo che un comune con più di 20000 abitanti abbia un presidio di forze dell'ordine 24 ore su 24 e non solo in orari di Ufficio’’. AGGIORNAMENTO ORE 15 In merito all'arresto del presunto responsabile della sparatoria avvenuta il 15 aprile scorso in via Alfonsine ad Umbertide, informiamo i lettori che il soggetto era già stato individuato e denunciato a piede libero il giorno dopo i fatti. Nei confronti dello stesso è stato disposto l'arresto da parte del Magistrato, visti gli elementi di prova a suo carico.

24/04/2017 13:57:55 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica SICUREZZA E COSTRUZIONE MOSCHEA A UMBERTIDE MARCO VINICIO GUASTICCHI SCRIVE AL SOTTOSEGRETARIO ALL’INTERNO GIANPIERO BOCCI

Riceviamo e pubblichiamo Lettera aperta del vicepresidente dell’assemblea legislativa dell’Umbria Umbertide, 24 apr. – Sicurezza e costruzione moschea ad Umbertide. Lettera aperta del vicepresidente dell’assemblea legislativa regionale Marco Vinicio Guasticchi al sottosegretario all’interno Gianpiero Bocci per chiedere l’intervento del governo. “Caro onorevole Bocci – scrive Guasticchi – a Umbertide stiamo vivendo una drammatica situazione causata da una gravissima recrudescenza dei crimini legati alla droga e ad altre concause criminose. Un tessuto sociale che si sta sgretolando a causa di errori passati e soprattutto di un atteggiamento ‘da struzzo’ delle amministrazioni precedenti a quella attuale. Umbertide è una cittadina di 18mila abitanti, di cui quasi 3mila extracomunitari. In passato si è cercato in tutti i modi di far transitare l’idea idilliaca di un’isola felice dove non esistevano criminali e dove l’integrazione era un fiore all’occhiello dell’amministrazione comunale. Poi… il risveglio. Un incubo vero e proprio. Non solo un tessuto sociale sgretolato, ma addirittura Umbertide è una città dove la criminalità viene praticata anche a livelli elevati, con sparatorie per strada e accoltellamenti. Mi ricordo ancora – prosegue il vicepresidente dell’assemblea legislativa regionale – quando da presidente della Provincia di Perugia, in sinergia con l’allora comandante provinciale dell’Arma colonnello Cuneo, tentammo di coinvolgere il sindaco del momento nel tentativo di trasferire la caserma dei carabinieri nell’area abbandonata della ex fornace. Tutto tacque. Oggi, purtroppo, tutti i cittadini di Umbertide sono preoccupati, non vedono prospettive, ma solo tentativi maldestri di chi ha avuto responsabilità gravi in passato di sfuggirne facendo appello al ministro dell’interno che neanche saprà dove si trova Umbertide. Un altro elemento di grande tensione è rappresentato, ovviamente, dalla costruzione dell’enorme moschea che a Umbertide sta generando gravi tensioni sociali. Quindi mi appello a lei, da consigliere regionale dell’Alta Umbria che vive ad Umbertide, perché lo stato possa aiutare questa comunità oggi in grande affanno. Vorrei, visto la sua costante disponibilità, invitarla a un incontro tra i vari livelli istituzionali, per palesarle il grave stato di insicurezza che stiamo vivendo. È doveroso – conclude Marco Vinicio Guasticchi –, per chi ricopre ruoli istituzionalmente superiori, aiutare questa amministrazione e questo sindaco a traghettare la comunità fuori dalla palude. Certo della sua disponibilità spero di incontrarla presto insieme a tanti altri protagonisti della vita di questa importante cittadina umbra per lavorare insieme”.  

24/04/2017 12:27:42 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy