Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA: ‘’API BENE COMUNE’’

Riceviamo e pubblichiamo Le api sono riconosciute come una delle più importanti risorse a garanzia dei macro sistemi che sono alla base della nostra stessa esistenza: quello naturale, quello economico, e quello sociale. Con un ordine del giorno presentato in Consiglio Comunale Umbertide cambia chiede di aderire alla campagna CooBEEration, che ha l’obiettivo principale di modificare la percezione dell’apicoltura da semplice attività generatrice di reddito a “Bene Comune Globale”. La campagna promuove la costruzione di una grande alleanza che metta insieme e coinvolga tutti quegli attori interessati a cooperare nella difesa dell’ape e dell’apicoltura . “L’apicoltura – afferma il movimento civico - ha un legame stretto e diretto con la specificità di un territorio e può svolgere un ruolo importante come strumento di tutela e salvaguardia dell’ambiente oltre che come strumento di emancipazione economica e sociale. Aderire alla Campagna Coobeeration e condividerla nel proprio ambito  - sottolinea Umbertide cambia - è quindi il primo passo da fare per promuovere l’Apicoltura riconoscendone il valore di Bene Comune”.   Tra gli impegni che si chiede di assumere, quelli di sostenere nella propria comunità locale lo sviluppo delle attività apistiche in maniera diffusa sul territorio, come opportunità di reddito e inclusione sociale; includere e incrementare nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di specie vegetali gradite alle api; porre grande attenzione ai trattamenti sulle alberate cittadine, da evitare in fioritura e in presenza di melata; ridurre progressivamente, fino ad eliminarlo, l’uso di erbicidi nella manutenzione dei cigli stradali e negli spazi verdi pubblici; promuovere una riflessione e un dibattito sia all’interno del Consiglio Comunale sia nella comunità locale coinvolgendo i cittadini e i principali portatori di interesse, sull’utilizzo degli agro farmaci in agricoltura e sul loro impatto sull’ambiente e sulla salute, e su possibili strategie di valorizzazione e salvaguardia del territorio che passino attraverso il recupero e l’adozione di buone pratiche agricole incentrate sulla sostenibilità.                                                                                                                                                Umbertide cambia     Di seguito l’ODG presentato                                                                                                     Al Sindaco del Comune di Umbertide                                                                                                 Al Presidente del Consiglio Comunale       OGGETTO:          ODG Umbertide cambia su Adesione alla Campagna CooBEEration –                                  Apicoltura Bene Comune     Umbertide 19.07.2017     IL CONSIGLIO COMUNALE DI UMBERTIDE   Premesso che la Campagna CooBEEration si realizza nell’ambito del progetto “Mediterranena CooBEEration: una rete per l’apicoltura, la biodiversità e la sicurezza alimentare”, promosso e realizzato da FELCOS Umbria ed APIMED grazie ad un finanziamento dell’Unione Europea.   Considerato l’alto valore etico dell’iniziativa CooBEEration Campaign1 e riconoscendo alle api e all’apicoltura il valore di Bene Comune Globale grazie al ruolo fondamentale che esse svolgono come elemento di sviluppo sostenibile dei territori e al tempo stesso come strumento indispensabile per la tutela della biodiversità e della sicurezza alimentare;   Condividendo la necessità e l’urgenza di dedicare una maggiore attenzione politica e normativa a tutti i livelli alla questione della tutela e del rafforzamento dell’apicoltura in quanto attività portatrice di interessi comuni globali;   Tenuto conto del ruolo di motore politico e di coordinamento strategico che i Comuni e gli Enti locali hanno per lo sviluppo umano sostenibile di un territorio;   Considerato il legame stretto e diretto che l’apicoltura ha con la specificità di un territorio e l’importante ruolo che essa può svolgere come strumento di tutela e salvaguardia dell’ambiente oltre che come strumento di emancipazione economica e sociale;   Preso atto che l’obiettivo principale della campagna CooBEEration è modificare la percezione dell’apicoltura da semplice attività generatrice di reddito a “Bene Comune Globale” e che le attività di campagna mireranno in particolare a:   - favorire la presa di coscienza sul ruolo delle api e dell’apicoltura per la salvaguardia della biodiversità e della sicurezza alimentare, e come opportunità di sviluppo economico sostenibile del territorio;   - rafforzare l’impegno dei governi e delle istituzioni a tutti i livelli, locali, nazionali ed internazionali, nella difesa e salvaguardia delle api e dell’apicoltura;   - costruire un’alleanza globale che metta insieme e coinvolga tutti quegli attori interessati a cooperare nella difesa dell'ape e dell’apicoltura riconoscendone il valore delle api e dell’apicoltura come patrimonio comune;   Dato atto che i Comuni che avranno aderito alla campagna, attraverso l’approvazione della presente delibera, riceveranno dagli enti promotori della Campagna il logo “Comune amico delle api” che potrà essere utilizzato nella comunicazione istituzionale del Comune stesso.   DELIBERA   di aderire alla “Campagna CooBEEration - Apicoltura Bene Comune” e di voler diventare “Comune amico delle api”2 impegnandosi in particolare a:   1. Sostenere nella propria comunità locale lo sviluppo delle attività apistiche in maniera diffusa sul territorio, come opportunità di reddito e inclusione sociale;   2. Includere e incrementare nella pianificazione del verde pubblico la coltivazione di specie vegetali gradite alle api;   3. Porre grande attenzione ai trattamenti sulle alberate cittadine, da evitare in fioritura e in presenza di melata;   4. Ridurre progressivamente, fino ad eliminarlo, l’uso di erbicidi nella manutenzione dei cigli stradali e negli spazi verdi pubblici;   5. Promuovere una riflessione e un dibattito sia all’interno del Consiglio Comunale sia nella comunità locale coinvolgendo i cittadini e i principali portatori di interesse, sull’utilizzo degli agro farmaci in agricoltura e sul loro impatto sull’ambiente e sulla salute, e su possibili strategie di valorizzazione e salvaguardia del territorio che passino attraverso il recupero e l’adozione di buone pratiche agricole incentrate sulla sostenibilità.   6. Considerato l’art. 4 della legge nazionale N.313/2004, di impegnarsi a far rispettare l’art. 94 della relativa legge della Regione Umbria N.12/2015, che vieta di eseguire qualsiasi trattamento con fitofarmaci ed erbicidi alle piante legnose ed erbacee di interesse agrario, ornamentali e spontanee, che possa essere dannoso alle api dall’inizio della fioritura. (Potranno essere eseguiti trattamenti fitosanitari su colture legnose, ornamentali e spontanee al di fuori del periodo di fioritura previa eliminazione o appassimento naturale della eventuale flora in fiore sottostante).   7. Intraprendere un’azione di lotta alle zanzare concentrandosi sulla prevenzione e privilegiando interventi larvicidi basati sull’uso di prodotti biologici (a base di Bacillus huringiensis israelensis);   8. Promuovere e sostenere iniziative a sostegno dell’apicoltura - eventi, mostre, convegni, premi, etc. - anche in collaborazione con altri Comuni, ivi incluso la realizzazione di azioni concrete e simboliche nella propria città al fine di sensibilizzare la cittadinanza, quali ad esempio la realizzazione di un “Giardino delle api” (con piante nettarifere o aromatiche, e eventuali arnie dimostrative), l’ideazione di percorsi didattico-informativi, l’utilizzo delle api come tema artistico-decorativo nei progetti di riqualificazione urbana e di decoro della città (sul modello street art), etc.   9. Promuovere iniziative di informazione e sensibilizzazione sul valore di Bene Comune dell’Apicoltura, coinvolgendo in particolare le scuole di ogni ordine e grado del proprio territorio;   10. Condividere i contenuti della campagna attraverso i propri canali informativi, mettendo sui propri siti il link a quello della campagna: www.coobeerationcampaign.org     Il Consiglio Comunale di Umbertide da inoltre mandato al Sindaco al fine di garantire la corretta applicazione del presente ODG.                                                                                                   Gruppo consiliare Umbertide cambia                                                                                                                 Claudio Faloci                                                                                                               Luigino Orazi                                                                                                               Stefano Conti

20/07/2017 10:18:49 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Attualità » Primo piano Maturità, sono 21 i ragazzi da ''cento'' all’Istituto Leonardo da Vinci di Umbertide

Riceviamo e pubblichiamo L’Istituto Superiore “Leonardo Da Vinci” di Umbertide continua a sfornare eccellenze agli Esami di Stato, con una media che si raddoppia di anno in anno,  come dimostrano gli esiti dell’ edizione 2017 appena conclusa. Sono, infatti, 21 sul totale di 139, gli studenti che hanno superato l’Esame di Stato con il massimo dei voti, 100/100, e di questi  3  hanno ottenuto anche la lode. Media altissima: 15,1% in totale per l’Istituto con punta massima del 28% nell’indirizzo Liceo Scientifico.  Dati alla mano, i più bravi risultano, infatti,  gli studenti dell’indirizzo Scientifico, che quest’anno conta ben 5 ragazzi da “cento” e 2 da “cento e lode”;  particolare menzione va fatta alla classe VA del Liceo Scientifico dove  sono state assegnate due lodi e alla classe 5A del Liceo Economico Sociale dove è presente l’altra lode; ottimi risultati nelle due classi quinte del Liceo Linguistico dove sono presenti ben 5  cento e 7 valutazioni che superano il 90, così come nella classe del Liceo delle Scienze Applicate dove i cento sono stati due. Significativo della qualità dei livelli di competenza degli studenti del Campus “Da Vinci” è che ben 21 ragazzi, distribuiti su tutti gli indirizzi, hanno avuto una valutazione compresa tra 90 e 99 centesimi e che in tutti gli indirizzi di studio, sia liceali che tecnici che professionali ci siano stati alunni da 100/100 e/o da 100/100 con lode: due alunne  per l’indirizzo “Servizi Commerciali del Professionale e un alunno per la classe dell’Indirizzo “Meccanica, Meccatronica ed Energia” del Tecnico.  Andando nello specifico, tutti i 139 maturandi hanno superato l’esame di stato: di questi, come già detto, 3 hanno ottenuto 100 e lode, 18 sono stati i cento, 21 i ragazzi, distribuiti sia sugli indirizzi liceali che tecnici che professionali, hanno ottenuto una votazione compresa tra 90 e 99 e 31 quelli nella fascia 80-89, pochissimi quelli che hanno preso il minimo di 60, solo 8.  Ecco i ragazzi da cento e lode che saranno inseriti anche nell’ Albo Nazionale delle Eccellenze:  Caseti Letizia e Lorenzini Martina per lo Scientifico, Merli Jessica per l’Economico Sociale, mentre gli studenti che hanno ottenuto una votazione di 100/100 sono Alunni Chiara, Nocentini Alessandro, Barafani Maria Francesca, Bucci Lucia, Distrutti Filippo per lo Scientifico, Becchetti Tommaso e Fratta Gianluca per le Scienze Applicate, Millington James, Palazzetti Laura, Conti Francesca, Migni Nicole, Naticchi Laura per il Linguistico, Francescangeli  Veronica delle Scienze Umane, Machelli Federica e Marchetti Martina dell’Economico Sociale, Fo Jaele e Marsili Nicoletta dei Servizi Commerciali dell’IPC e Cerbella Simone dell’ITI.  “E’ stato un anno di particolare soddisfazione  per l’Istituto su tutti i fronti, ottimamente concluso con i risultati degli Esami di Stato, sia in termini di voti conseguiti dagli studenti, tra i quali figurano numerose eccellenze, sia per lo svolgimento stesso delle prove, sia per il trend registrato dal RAV (Rapporto di Autovalutazione d’Istituto) che pone gli esiti agli Esami di Stati dei nostri studenti molto al di sopra della media della provincia di Perugia, dell’Umbria e dell’ Italia  – ha dichiarato la Dirigente Scolastica dell’Istituto “Leonardo Da Vinci” Franca Burzigotti – Mi complimento con tutti i ragazzi e ringrazio i Consigli di classe, tutti i membri interni delle sezioni, i Presidenti di commissione degli esami di stato e i commissari esterni che hanno dimostrato molto equilibrio, assicurato serenità agli alunni e valorizzato le loro prove”. Se confrontati con le tabelle desunte dal RAV dell’ Istituto elaborate dal MIUR, per gli ultimi due anni scolastici, si nota che i dati di questo anno superano di gran lunga le già elevatissime medie dei risultati degli esiti degli Esami di Stato riportate nel RAV (Rapporto di Autovalutazione di Istituto)  ) per i precedenti due anni scolastici. Come esempio si cita, per l’ a.s. scorso 2015/16, la percentuale dei 100 con lode del Liceo Scientifico (9,4) che risulta circa 3 volte superiore a quella degli altri Licei Scientifici della Provincia di Perugia (3,8), dell’ Umbria (4,2) e dell’ Italia (2,4). Altro esempio in tal senso sono i 100 e lode dello scorso anno per il Liceo Linguistico (14,3) che risulta circa 5 volte superiore a quella degli altri licei Linguistici della Provincia di Perugia (3,2), dell’ Umbria (2,6) e d’Italia (1,3). E se si considerano i dati appena calcolati di questo anno scolastico ancora migliori non si può aver dubbi sulla eccellenza della qualità formativa del Campus  di Umbertide.  

19/07/2017 17:04:40 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Economia Nuovo logo per l'azienda Aimet

Riceviamo e pubblichiamo IL GRUPPO LIBERA ENERGIA SI SVILUPPA ALL’INSEGNA DELLA QUALITÀ Umbertide (Pg), 19 luglio 2017 - Cambia la forma, si rafforza la sostanza. AIMET, società del Gruppo Libera Energia attiva principalmente nel Centro Italia, si rinnova attraverso un logo moderno ispirato a quello della Holding centrale.  L’obiettivo principale è di tradurre anche visivamente l’appartenenza da parte delle aziende locali a una realtà di più ampio respiro, Libera Energia, tra i più importanti operatori indipendenti di gas ed elettricità del Paese e protagonista di un recente piano di rafforzamento accolto con favore dal settore. Una strategia di posizionamento chiara e trasparente: le nuove vesti grafiche andranno a rafforzare AIMET, società leader nei territori di competenza, per comunicare la stretta sinergia con un operatore nazionale in costante sviluppo, la cui presenza consente di competere con realtà più grandi e di creare nuovi prodotti ad alto tasso di performanza.  La strada sin qui percorsa è stata lunga e densa di sfide, tutte vinte. Ma il processo di crescita non si fermerà, anzi procederà con maggior vigore in un ambito, quello del mercato libero, che ha aperto le porte a importanti margini di movimento a favore della collettività, con offerte vantaggiose, un servizio clienti sempre a disposizione e una struttura qualitativamente e quantitativamente soddisfacente. AIMET opera quindi sin dalla sua costituzione in un contesto competitivo, che consentirà di ottenere ulteriori benefici rivolti al pubblico. Con la serietà e l’impegno che contraddistinguono l’intero mondo di Libera Energia.

19/07/2017 10:55:04 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Notizie » Politica UMBERTIDE CAMBIA:’’SU CALZOLARO QUATTRO MOSSE: NOE, ORDINANZA DEL SINDACO, CONTROLLI DEL TRAFFICO E DELLE POLVERI SOTTILI, CONFERENZA DEI SERVIZI’’

Riceviamo e pubblichiamo Per il capo gruppo di Umbertide cambia, Claudio Faloci, “la situazione ambientale di Calzolaro è pienamente dentro le criticità del sistema regionale dei rifiuti, ed in questo contesto deve essere collocata e risolta”. “La nostra priorità – ribadisce Faloci – è tutelare la comunità locale. In mancanza di un comitato di cittadini e nella totale inerzia del Consiglio di quartiere – sottolinea il capogruppo di Umbertide cambia - stiamo affrontando la questione con azioni concrete. Abbiamo presentato già un anno fa un esposto al Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri (NOE), trasmesso alla Procura della Repubblica di Perugia, ora abbiamo presentato un ordine del giorno in Consiglio Comunale in cui si chiede, a fronte della conclusione dei controlli effettuati da ARPA, che sia il Comune stesso, qualora ne ravvisi le condizioni, ad emanare un’ordinanza di sospensione cautelativa dell’attività aziendale. Chiediamo inoltre di attivare un immediato controllo da parte della polizia municipale dei camion che portano rifiuti a Calzolaro, una ulteriore verifica dell’ARPA circa la eventuale presenza di polveri sottili o altre sostanze inquinanti, nonché l’indizione della Conferenza dei Servizi al fine di una nuova valutazione riguardante le autorizzazioni concesse alla ditta Splendorini. Necessario anche avviare entro l’anno l’apertura del cantiere stradale così come previsto dal piano triennale delle opere pubbliche”. “Se l’esposto al NOE è ancora in fase istruttoria – informa Faloci – la relazione conclusiva del monitoraggio condotto da ARPA offre un quadro preoccupante, definendo il disturbo olfattivo conclamato e persistente, così evidenziando dirette responsabilità della Provincia, che le ha materialmente rilasciate, ma anche della di Regione e del Comune di Umbertide, che con pareri  favorevoli ed unanimi le hanno condivise. Bene dunque che Giulietti e  Locchi si assumano le loro responsabilità, perché le hanno tutte, e bene che il PD di Umbertide, anche se in grave ritardo, cominci ad aprire gli occhi sulla vicenda. Ma è chiaro che da un lato occorre cercare soluzioni concrete immediate, dall’altro capire come si evolverà il paventato accordo con Sogepu. Sono tutti pezzi di un mosaico che dobbiamo responsabilmente tenere insieme – conclude Faloci – con l’obiettivo di garantire alla comunità di Calzolaro il sacrosanto diritto ad un ritorno alla normalità”.                                                                                                                                                Umbertide cambia   Al Sindaco del Comune di Umbertide                                                                                                                 Al Presidente del Consiglio Comunale     Umbertide li 19.07.2017     OGGETTO: ORDINE DEL GIORNO UMBERTIDE CAMBIA SU SITUAZIONE AMBIENTALE FRAZIONE CALZOLARO     Premesso che riteniamo condizione fondamentale di garanzia per i cittadini ed il territorio un controllo comune della gestione integrata del ciclo dei rifiuti;   che la gara d’ambito in essere prevede l’affidamento del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nell’intero ex ambito ottimale n.1, quindi in particolare nei comuni di Citerna, Città di Castello, Costacciaro, Fossato di Vico, Gualdo Tadino, Gubbio, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino, Scheggia e Pascelupo, Sigillo, Umbertide, ipotizzando la piena operatività del nuovo gestore dal gennaio 2019;   che nel territorio agisce storicamente So.Ge.Pu. S.p.a., azienda partecipata dai comuni di Citerna, Città di Castello, Gubbio, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino;   che anche il Comune di Umbertide è stato socio di So.Ge.Pu., e dopo l’uscita da tale società esso è stato parte della vicenda giudiziaria che dal 2011 ha caratterizzato la procedura di affidamento del servizio di nettezza urbana nel territorio comunale a Gesenu.   Considerato che So.Ge.Pu. ha presentato un piano industriale per gli anni 2017 / 2033 che prevede una estensione delle attività di servizio ed al tempo stesso il potenziamento della discarica di Belladanza, la realizzazione nella stessa area di nuovi impianti per il trattamento dei rifiuti, nonché la costituzione di un sistema a rete di impianti pubblici e privati che, nel rispetto di principio di prossimità, sia in grado di assicurare il servizio di gestione dei rifiuti anche a fronte di eventuali criticità che si potranno verificare nel più generale sistema regionale;   che lo stesso piano industriale di So.Ge.Pu. prevede, in quest’ottica, l’attivazione di una forma di collaborazione, peraltro già in atto, con VUS – Valle Umbra Servizi (soggetto pubblico gestore del ciclo integrato dei rifiuti nell’Ati 3) - per il trattamento del rifiuto indifferenziato, e l’acquisto di una partecipazione azionaria della Società Splendorini Molini Ecopartner Srl, per il trattamento del rifiuto organico   che i due accordi hanno una rilevanza fondamentale nel garantire una risposta efficace ai comuni dell’ex ambito 1 ed all’intero territorio regionale, in termini di continuità del servizio e di contenimento dei costi a carico della collettività, anche tenendo conto della forte instabilità e criticità del sistema regionale di gestione dei rifiuti, nonché delle vicende giudiziarie ancora in corso che vedono attualmente chiusi i siti di Pietramelina e Borgo Giglione;     Ricordato come la ditta Splendorini abbia ottenuto dalla amministrazione provinciale di Perugia, con il parere favorevole della Regione e del Comune di Umbertide, un costante aumento delle produzioni autorizzate: fino a 21.000 tonnellate nel 2013 e fino a 50.000 nel 2015;   Sottolineato come da tempo la comunità di Calzolaro, frazione del comune di Umbertide dove proprio a ridosso del centro abitato ha sede l’azienda Splendorini, soffre una non tollerabile condizione di disagio dovuta alle emissioni odorigenee nauseabonde generate dalle lavorazioni effettuate e dal traffico di mezzi pesanti ad esse connesso;   Considerato che il Comune di Umbertide e la Provincia di Perugia hanno competenza  per attivarsi ad un controllo del del traffico dei mezzi pesanti adibiti allo smaltimento dei rifiuti verso la Frazione di Calzolaro;   Constatato il Piano Triennale delle Opere pubbliche del Comune di Umbertide che prevede la realizzazione della variante stradale presso Calzolaro a partire dall’anno 2017 e con l’impegno finanziario di 700mila euro;   Posto quindi che la tutela della salute dei cittadini e dell’ambiente sono le priorità alle quali in tempi brevissimi occorre dare risposte risolutive concrete, in prevenzione con un’analisi dettagliata e sistematica dell’inquinamento ambientale presso la Frazione di Calzolaro, ancorché attraverso l’applicazione di interventi tecnici idonei, ed anche considerando l’ipotesi di una delocalizzazione dell’impianto;   Ricordato il nostro esposto al NOE in data 10 giugno 2016, ora presso la Procura della Repubblica di Perugia, che ipotizza una danno ambientale presso Calzolaro;   con il presente ordine del giorno il Consiglio Comunale di Umbertide chiede al Sindaco:   di attivare un puntuale controllo del traffico, anche con il sostegno della Provincia di Perugia, dei mezzi pesanti atto a valutare la regolarità del portato e della condizione igienico-sanitaria dei mezzi stessi;   di attribuire immediatamente all’ARPA o anche a ditta terza specializzata, l’indagine sul controllo sistematico e analitico delle polveri sottili PM 10 e PM 2,5 nonché gli ossidi di azoto presso la Frazione di Calzolaro;   di emanare, qualora se ne ravvisino le condizioni a fronte della conclusione dei controlli effettuati da ARPA e della relativa relazione acquista il giorno 11.07.2017, una ordinanza urgente di sospensione cautelativa dell’attività dell’azienda;   di sollecitare l’indizione della Conferenza dei Servizi al fine di una nuova valutazione riguardante le autorizzazioni concesse alla ditta Splendorini;   di mettere in atto l’apertura, entro l’anno 2017, del cantiere riguardante la variante stradale di Calzolaro, come dall’approvato Piano Triennale delle opere pubbliche;   Per le conseguenti ed opportune decisioni, il Consiglio Comunale impegna inoltre il Sindaco a riferire in sede consiliare in merito al mandato ricevuto entro il mese di settembre 2017.                                                                                                                   Gruppo Consiliare Umbertide cambia                                                                                                                                Claudio Faloci                                                                                                                              Luigino Orazi                                                                                                                              Stefano Conti    

19/07/2017 10:29:50 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Cultura » Mostre Umbertide, tutto pronto per Rockin' Umbria 2017

Si terrà domenica 23 luglio la performance esclusiva dei Matmos: nel Chiostro di Piazza San Francesco. Il duo californiano realizzerà un set concepito in modo specifico per Rockin' Umbria 2017, in programma dal 21 al 23 luglio ad Umbertide, coinvolgendo altri dieci artisti ospiti di Civitella Ranieri. Dopo i recenti live con la lavatrice al Sonar, il live per Rockin’ Umbria 2017 è il coronamento della residenza d’artista dei Matmos nella zona e anticipa il futuro progetto live e in studio con Squadra Omega. A una settimana dal concerto, i due gruppi hanno scelto il Centro San Francesco di Umbertide per la prima sessione di prove insieme.   Ospiti d’eccezione della venticinquesima edizione di Rockin’ Umbria, organizzata dal Comune di Umbertide in collaborazione con l’associazione culturale St.Art, l’etichetta To Lose La Track e l’associazione Effetto Cinema, il duo californiano dei Matmos, paladini della musica elettronica ed esploratori delle suggestioni più diverse, dall’elettroacustica alla kosmische Musik fino a sconfinare in territori vicini al rock. Attualmente ospiti di Civitella Ranieri per una residenza artistica, domenica 23 luglio i Matmos realizzeranno un set speciale nel chiostro di Piazza San Francesco, concepito per l’occasione e che coinvolgerà altri dieci artisti al momento al lavoro nella struttura. Il concerto è ad ingresso riservato per 100 persone e le prevendite sono disponibili sul  circuito LiveTicket . In occasione della permanenza dei Matmos in Italia, è venuta a crearsi un’inedita collaborazione con Squadra Omega, trio strumentale italiano tra neo-prog e improvvisazione, uno dei fiori all’occhiello della nuova “Italian occult psychedelia”. Le due band, che saranno in anteprima in concerto lunedì 17 luglio a Villa Ada a Roma, hanno scelto il Centro san Francesco di Umbertide per la prima sessione di prove in assoluto. In una lunga giornata di lavoro, Matmos e Squadra Omega hanno preparato la performance romana e gettato le basi per un imminente progetto in studio. La tre giorni di Rockin’ Umbria si apre venerdì 21 luglio con ‘Umbria Calling’, storico format di Rockin’ Umbria dedicato alla musica indipendente umbra. Sul palco del chiostro di piazza San Francesco i Malatesta ed Espada con Elvina Pinto. Oltre al loro repertorio originale, ciascuna band eseguirà un brano della scena di Seattle, in occasione della proiezione del film ‘Singles’ (USA, 1992) dopo i concerti. Sabato 22 luglio Rockin’ Umbria incontra l’Italian Party dell’etichetta indipendente To Lose La Track. Ventuno band provenienti da ogni parte d’Italia, dal Regno Unito e dagli Stati Uniti che si alterneranno sui due palchi del festival (piazza e chiostro): Culture Abuse, Havah, Valerian Swing, Cosmetic, Tiger! Shit! Tiger! Tiger!, Mood, Vespertina, Zeus, Bennett, Die Abete, Dags!, Action Dead Mouse, Labradors, Storm{o}, Autunno, Kint, Tante Anna, Zeman, Kairo, Stocktones, Devin (Delta Sleep). Presenti anche stand e banchetti dedicati alle autoproduzioni di vinili, magliette, cd, fumetti. Domenica 23 luglio, dopo il live dei Matmos, sul palco della piazza a ingresso gratuito Mother Island e Chicos de Nazca in concerto. Quintetto italiano ma con lo sguardo rivolto alla West Coast lisergica, i Mother Island si avvicinano alle atmosfere di Growlers e Allah-Las. Hanno all’attivo due dischi, entrambi registrati presso l’Outside Inside studio di Matt Bordin (Squadra Omega/The Mojomatics). Band cilena di base a Berlino in cui militano membri de La Hell Gang, i Chicos de Nazca raccontano una dimensione allucinata e onirica, distillata alla perfezione nell’ultimo lavoro ‘Ether’, uscito a maggio di quest’anno: dai viaggi lisergici classici dei 13th Floor Elevators al neo-psych degli Spacemen 3, la band si mantiene fedele alla tradizione 60s riletta secondo una sensibilità lo-fi tutta contemporanea. Durante l’intera serata, nel chiostro della piazza sarà attiva l’installazione video “The Circle” di Luca Cataldo, artista multimediale specializzato nella realizzazione di installazioni audiovisive, grandi proiezioni, vjing e djing.

18/07/2017 17:08:14 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy