Categorie

Sport Basket A2/F, PF Umbertide contro S.G. Valdarno, Contu:''Nelle difficoltà il gruppo si è unito, tutte stanno portando un mattoncino''

Quinta giornata di ritorno con la Pallacanestro Femminile Umbertide che ospita la capolista San Giovanni Valdarno. Domenica 18 febbraio alle 18, Meschi e compagne, reduci dalla straordinaria vittoria sul difficile parquet di Faenza, saranno impegnate contro una corazzata che ha collezionato fino ad ora 16 vittorie e due sole sconfitte. Umbertide è a quota 12 punti ed ha come obiettivo il raggiungimento della salvezza. Tra le ex di turno Silvia Sarni e Maria Chiara Ortolani.   Abbiamo intervistato coach Alessandro Contu in vista del match, facendo anche il punto sul percorso compiuto dalla sua squadra.   La PFU ha concluso il 2017 con 4 punti, ora ne ha 12. Possiamo dire che questa squadra ha fatto progressi? Sicuramente, la squadra è cresciuta e si è visto anche sul campo, sia individualmente che di gruppo. C’è da dire che nel girone di andata siamo stati penalizzati dall’infortunio della nostra giocatrice straniera, la migliore, ed abbiamo buttato al vento alcune partire che potevano essere nostre, con qualche errore di meno. C’è mancato un faro che tenesse unita la squadra nei momenti decisivi e avesse la freddezza di chiuderla, questo ci ha penalizzati. Però devo dire che le ragazze sono cresciute e la vittoria di Faenza è anche frutto di questo. Se non ci fosse stata la sconfitta di Palermo, non per piangere sul latte versato, ma la sconfitta è maturata all’ultimo secondo, quando eravamo sopra di due, sarebbero state quattro vittorie consecutive e invece c’è stato questo stop. Comunque ricordiamo che Palermo è pretendente alla A1, seconda in classifica ed abbiamo fatto una grande partita. Poi abbiamo fatto una grande partita a Faenza, partendo male e poi reagendo, è una dimostrazione che qualcosa è servito. Molte partite le abbiamo perse partendo bene eccedendo nel finale, come se avessimo avuto paura di vincere o fossimo state incapaci di gestire il vantaggio. Questa è una squadra che paradossalmente gioca meglio quando è sotto che quando ha un vantaggio di 15 punti e non riesce a tirare fuori la grinta e l’esperienza per chiudere la partita. Nella difficoltà il gruppo si è unito, adesso giocano meglio insieme, riescono anche a sopperire a qualche carenza tecnica con l’agonismo che gli dà il gruppo e si allenano forte. Anche la mancanza di Landi è un altro colpo che abbiamo dovuto affrontare in questa stagione tribolata, però se la reazione è quella di Faenza, dobbiamo essere orgogliosi della squadra. Tutte stanno portando un mattoncino, è una squadra che non ha un leader incisivo, però ogni volta ha un protagonista diverso pronto a coinvolgere un po’ tutte. La straniera ha qualche difficoltà nell’inserimento tecnico e tattico dei giochi, anche lei sta cominciando ad inserirsi. In Germania giocava prevalentemente da 4, noi volevamo un 5 sotto canestro e dobbiamo essere bravi come squadra ad inserire il nuovo elemento, ma non è ma facile a stagione in corso. Tutto sommato devo dire che la stagione, per come era partita, come si sta evolvendo, lascia intravedere dei segnali positivi ed i risultati si vedono.   Affronteremo una delle squadre capolista. Sarà una partita nella quale non dovremo sbagliare niente. Sì, quando giochi contro queste corazzate, devi far sì che si sbagli il meno possibile, perché non è possibile sbagliare niente, altrimenti le partite finirebbero zero a zero. Devi giocare oltre le tue possibilità, anche se è dura e cercare di far sbagliare il più possibile le tue avversarie. Quindi è sempre un’impresa. Sia in attacco che in difesa devi essere sempre al massimo della concentrazione e mettercela tutta perché devi confidare sul fatto che loro potrebbero prenderti sotto gamba. Noi non abbiamo nulla da perdere e quindi dobbiamo cercare il colpaccio, anche sull’onda di questi miglioramenti, di queste nuove prestazioni, perché nell’emergenza è bene ritrovarsi, invece che lasciarsi abbattere dai problemi. Fino ad ora questa reazione sta avvenendo e vogliamo continuare su questa strada.

16/02/2018 20:30:26 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Sport Battuta d’arresto per il Volley Umbertide nella sfida contro Centova Perugia

Battuta d’arresto per il Volley Umbertide nella prima sfida casalinga del girone di ritorno contro Centova Perugia, che si aggiudica l’incontro con il punteggio di 3 a 1   Nonostante la sconfitta le padrone di casa mantengono il quarto posto in classifica e anche se la vetta della stagione regolare si allontana un po’, sono ancora in piena zona play off   di Raffaello Agea   Umbertide – La prima di ritorno della regular season aveva fatto ben sperare i colori del Volley Umbertide, poiché nonostante la vittoria ottenuta solo al tie break sul campo di San Mariano ed al netto di distrazioni e cali di tensione, le umbertidesi avevano (ri)trovato gioco e convinzione. Di certo, poi, la partita era alla portata della ragazze di Gabriele Violini, che all’andata si erano aggiudicate l’intera posta vincendo 3 a 1. Tuttavia, anche a causa di continui rimaneggiamenti di formazione cui Umbertide è stata costretta negli ultimi tempi, il gioco convincente ed a tratti autorevole visto fino a poche giornate fa, ha in sostanza latitato. Non che il compito delle avversarie sia stato agevole, poiché al di là del punteggio dei singoli parziali, le padrone di casa hanno sempre lottato con gagliardia. Ma, appunto, quando il gioco si vede solo a sprazzi, la convinzione di potercela fare non è sufficiente. Purtroppo per Umbertide, infatti, non sono stati sufficienti nemmeno i pur ragguardevoli scores personali delle sue schiacciatrici (Greta Ottaviani con 19 punti, Giada Palazzetti con 14 e Matilde Ercolani con 11) ed il discreto apporto delle centrali (Cecilia Rometti con 6 punti, Livia Bianchini con 4 ed Elisa Governatori con 1). Qualche errore di troppo al servizio ed in ricezione, con la conseguenza di rendere più difficoltoso il lavoro di Martina Ubaldi in regia, completano il quadro. E non bastano nemmeno alcune buone difese del libero Althea Giulietti per consentire di ricostruire e di contrattaccare. Se non ci sono state particolari luci, alla fine non ci sono state nemmeno particolari ombre individuali: in sostanza una prestazione un po’ sottotono nella quale la principale imputata è proprio al squadra. Quello che serve alle umbertidesi è la squadra vista nel terzo parziale, quando il gioco, seppur con qualche svista, ha consentito di portare a casa il game con il punteggio di 25 a 16, facendo ben sperare nel successivo. A questo punto, però, le speranze dovranno essere riposte nei prossimi turni, poiché se da un lato Umbertide ha mantenuto la quarta piazza, la classifica è sempre molto corta, tanto che sia per tentare agganci in alto, ma anche scivoloni in basso, serviranno punti e vittorie di qualità. Una qualità che non è mai mancata e che è certamente auspicabile possa essere ritrovata al più presto.     Il tabellino   Volley Umbertide – Centova Perugia 1 – 3   Parziali: 14 – 25, 19 – 25, 25 – 16, 15 – 25   Volley Umbertide: Ubaldi (C) 1, Ottaviani 19, Ercolani 11, Palazzetti 14, Bianchini 4, Rometti 6, Governatori 1, Pannacci, Giulietti M (L1). N.e.: Beacci, Rosi, Ceccagnoli, Giulietti M. (L2). B.s. 12, 9 ace, 38 errori. Allenatore: Gabriele Violini (non presente) Centova Perugia: Tromboni, Bellucci, Terchi, Calzola, Ciucarelli, Iacobelli, Ficola, Zuccaccia, Luiji. N.e.: Zizi, Miorelli. Allenatore: Paparelli (dati relativi agli scores individuali ed altro non disponibili)   Arbitro: Salinaro Angela      

14/02/2018 16:53:30

Sport Volley: la prima giornata di ritorno della regular season è favorevole al Volley Umbertide

La prima giornata di ritorno della regular season è favorevole al Volley Umbertide, che dopo una combattuta partita sul campo di San Mariano, si aggiudica l’incontro al tie break I due punti conquistati servono alle umbertidesi per mantenersi in solitario al quarto posto della classifica, a soli due punti dalla terza ed a quattro dalla vetta   di Raffaello Agea San Mariano – Dopo il giro di boa e dopo la pausa di un turno successiva al giro di boa, la squadra di coach Gabriele Violini, contrapposta a quella dell’ex Moretti, sfodera carattere e volitività, vincendo una partita che forse avrebbe potuto fare sua in quattro set. La vittoria, poi, è di indubbio valore: non solo per quel pizzico di sana soddisfazione che deriva dal successo contro un ex, ma soprattutto perché conquistata contro una squadra molto verde quanto all’età, ma molto ben assortita e congegnata. L’inizio, però, come a volte è accaduto quest’anno, non è dei migliori. E forse c’è anche un pizzico di tensione derivante dal desiderio di riscattare l’opaca prestazione della prima di campionato, quando sul terreno di casa le umbertidesi avevano ceduto l’intera posta (1 – 3). A complicare le cose per le biancorosse c’era anche la necessità di riassestare il reparto delle centrali dopo che Erica Biccheri ha lasciato la squadra per seguire un percorso di lavoro in Inghilterra, oltre ad una panchina veramente corta a causa di alcune assenze impreviste. Se fosse un bollettino meteorologico il lavoro delle padrone di casa è risultato assai semplificato nel primo set, poiché il messaggio è stato: nonostante il punteggio (20 – 25), Umbertide non pervenuta. Si cambia registro nel secondo game, quando l’attacco di Umbertide, grazie alla sempre precisa Martina Ubaldi al palleggio (con il solito ragguardevole bottino di punti in suo favore) , comincia a girare come sa. E malgrado il punteggio non sia ampio (25 – 22), la squadra gira, gli errori sono pochi ed il gioco c’è. La conferma della netta ripresa arriva nel terzo set, quando Umbertide, grazie anche ad un calo delle avversarie, largheggia nel punteggio (25 – 10). Anche il reparto delle centrali, con le giovani Livia Bianchini e Chiara Moretti (rientrata da poco dopo un lungo infortunio e non al meglio) ed al cambio garantito da Emma Antonini per dare respiro alle titolari, fa la sua parte sia in attacco che a muro, contribuendo … alla causa. Il resto lo fanno i terminali offensivi, con l’opposta Greta Ottaviani, e le schiacciatrici Matilde Ercolani e @Giada Palazzetti, che non si fanno certo pregare con palla buona, ma anche quando c’è da giocare un po’ “sporco” (alla fine, per loro, rispettivamente 16, 15 e 12 punti a referto). La quarta frazione è quella che potrebbe decidere il match in favore di Umbertide Si va avanti punto fino a quando alcune decisioni arbitrali, peraltro ritenute discutibili da mister Violini, fanno girare il parziale a favore delle padrone di casa con un 25 a 18 finale che è in realtà un po’ bugiardo rispetto al livello di gioco complessivamente espresso dalla sua squadra. Anche il tie break, purtroppo per le ospiti, non comincia nel migliore dei modi, che vanno sotto in modo che potrebbe sembrare inesorabile. Ribaltare un passivo di 5 a 10 al gioco decisivo non è impresa da poco, ma grazie alla tenacia ed alla forza di volontà, unita alla consapevolezza nei propri mezzi e ad una seconda linea che dà una mano decisiva con il libero Althea Giuliettie Agnese Girelli schierata con maglia “ordinaria” a causa delle ricordate assenze, la partita gira definitivamente a favore di Umbertide: finisce con significativo 15 – 13. Alla fine, quindi, il riscatto c’è stato. Ma quel che più conta è che nonostante il punto ceduto, Umbertide mantiene il quarto posto solitario in classifica, con la quinta a due punti, la terza ad un punto e la prima a quattro punti, peraltro con una sola vittoria in più. Il tabellino Ursini Assicurazioni Tuder Volley San Mariano – Volley Umbertide 2 – 3 Parziali: 25 – 20, 22 – 25, 10 – 25, 25 – 18, 13 – 15 Volley Umbertide: Ubaldi M. (C) 11, Ottaviani 16, Ercolani 15, Palazzetti 12, Bianchini 7, Moretti 4, Antonini, Girelli, Giulietti (L). B.s. 18, 15 ace, 23 errori. Allenatore: Gabriele Violini Tudor Volley San Mariano: Narciso, Giovacchini, Cardinali, Montacci, Santocchia, Sabatini, Divalirio, Pieroni, Lomoro, Pierin, Federici (L), Tenerin.  Allenatore: Francesco Moretti  (dati relativi agli scores individuali ed altro non disponibili) Arbitro: Giampà Anna Maria

06/02/2018 10:28:54

Sport Basket A2/F: Umbertide a Palermo per sognare

Dopo la vittoria sul San Raffaele Roma, che ha portato le ragazze di coach Contu a quota 10 punti in classifica, è arrivato il momento di affrontare la corazzata Palermo. Le palermitane sono allenate da Santino Coppa, coach artefice della conquista di diversi trofei con Priolo in A1. La PFU arriva da due vittorie consecutive, che hanno risollevato il morale e l’orgoglio della squadra. All’andata le siciliane avevano portato a casa la vittoria per 53-69, in un match in cui Umbertide aveva dominato fino all’intervallo lungo, prima di subire il ritorno della Andros Basket nella seconda metà della gara.   Palla a due domani, sabato 3 febbraio, alle 15:30 al PalaMangano di Palermo e diretta streaming sulla pagina Facebook della Andros Basket. Il video della diretta sarà condiviso sulla pagina della PF Umbertide.   Le altre gare: 03/02 18:00 Surgical Virtus Cagliari - Tigers Rosa Libertas Forli 03/02 18:30 Carispezia Cestistica Spezzina - Infinity Bio Faenza, Ceprini Costruzioni Orvieto-Progresso Bk Femm. Bologna 03/02 19:00 San Raffaele Bk Roma - USE Rosa Scotti Empoli, Mercede Bk Alghero-La Molisana Campobasso 04/02 18:00 Cestistica Savonese -RR Retail Galli Bk San Giovanni.   Classifica: Empoli 28, San Giovanni Valdarno 28, Palermo 26, Bologna 26, Civitanova 20, La Spezia 18, Orvieto 16, Faenza 16, Campobasso 16, Savona 14, Roma 10, Umbertide 10, Forlì 4, Virtus Cagliari 4, Alghero 2.

02/02/2018 16:27:00 Scritto da: Francesco Cucchiarini

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy