Notizie » Politica Umbertide Partecipa scende in campo a difesa dell’Ambiente e dello Sport

Riceviamo e pubblichiamo Umbertide Partecipa scende in campo a difesa dell’Ambiente e dello Sport attraverso un proprio gruppo di lavoro specifico che opera in stretta sintonia con Ivano Pino Presidente della 2^ Commissione Consiliare. UP rinnova l’appello alle istituzioni e agli organismi preposti affinchè prestino massima attenzione riguardo alle problematiche del Tevere che anche nell’ultimo periodo  estivo si è presentato  sempre torbido  e con odore nauseabondo di ammoniaca e di scarichi fognari, nonostante le consistenti piogge del periodo primaverile. Numerose sono state le persone che recandosi a passeggio lungo il Tevere hanno evidenziato tale situazione lamentando spesso irritazioni agli occhi e al naso. E’ evidente che tutto questo danneggia  l’impianto sportivo e  il mondo della pesca che rappresenta   anche sul piano  turistico ed economico un importante volano  per l’economia locale. Tutto ciò assume un valore ancora maggiore tenuto conto anche del fatto che siamo alla vigilia  di un importantissimo evento: infatti nel 2019 si terranno i campionati del mondo di pesca che vedranno la presenza di oltre  40 Nazioni; gare che si svolgeranno ai Laghi del Faldo, ma che comporteranno un coinvolgimento  di tutto il mondo della pesca  locale, del settore turistico e ricettivo  del nostro territorio e costituiranno  un momento di forte promozione  per entrambi gli impianti di pesca sia del Tevere, sia dei laghi del Faldo. Umbertide Partecipa conferma  il proprio impegno per  la  tutela di una risorsa così importante e auspica che quanto prima il campo gara dei laghi di  Faldo possa riprendere la propria attività sportiva, attualmente ferma, pena l’annullamento dei campionati del mondo. Umbertide Partecipa chiede alle Amministrazioni di Umbertide e Montone a farsi promotrici ai vari livelli di azioni che consentano rapidamente il ripristino delle condizioni di agibilità degll’impianto.

04/12/2018 15:54:11 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Natale ad Umbertide: tutti gli eventi in programma

Umbertide è pronta a calarsi nell’atmosfera del Natale. Mercatini, street food, eventi che vedranno coinvolti i bambini delle scuole, mostre, concerti, spettacoli, visite guidate in luoghi suggestivi, tombole di beneficenza e concerti animeranno la città per tutto il periodo delle festività natalizie. In sintesi: divertimento, gioia e serenità garantiti per tutti.  Uno dei momenti clou è fissato per l’8 dicembre, giorno dell’Immacolata Concezione, con la tradizionale cerimonia di accensione dell’albero di Natale in piazza Matteotti  (che avrà inizio alle ore 17 e resa possibile grazie al fondamentale contributo di Lions Club, Confcommercio e Aimet).  L’evento vedrà come protagonisti i bambini dell’Ape Birichina, che insieme ai loro amici del centro Lucignolo e delle scuole del I e II Circolo rallegreranno il cuore della nostra città con una grande festa ai piedi dell’albero. Il tutto sarà allietato dalle note della Banda Città di Umbertide diretta dal maestro Galliano Cerrini. Inoltre, sempre nel pomeriggio, alcuni hobbisti daranno vita a un tipico mercatino natalizio che potrà fornire interessanti idee per i doni da scambiarsi nei giorni delle feste.  Il fitto programma di eventi che si terrà in città per tutto il mese di dicembre fino all’Epifania è stato presentato lunedì pomeriggio all’interno della Residenza comunale nel corso di una conferenza stampa che ha visto la presenza del sindaco Luca Carizia, del vicesindaco con delega al Commercio Annalisa Mierla e dell’assessore alla Cultura Sara Pierucci. “Il segnale che abbiamo voluto dare come amministrazione con questo programma intenso – ha detto il sindaco Carizia – è cercare di trasmettere un’idea forte di comunità. E’ più che importante ricostruire uno spirito comunitario, puntando fortemente sullo spirito delle festività natalizie. Siamo convinti che l’insieme di eventi che abbiamo allestito sia di gradimento ai nostri concittadini. Pensare che l’anno scorso, la sera del 31 dicembre la piazza era deserta, è stato veramente molto triste. Credo che sia compito della politica ridare un segnale di vivacità, di energia e di voglia di fare. Ringrazio il vicesindaco Mierla e l’assessore Pierucci che con il loro importante lavoro hanno dimostrato una grande sinergia e questo non è un concetto da sottovalutare quando si parla di amministrare una città”. “Abbiamo iniziato a lavorare a settembre – ha affermato il vicesindaco Mierla – cercando di coordinare associazioni e commercianti per poter creare una programmazione che potesse riunire sia il capoluogo che le frazioni. Possiamo quindi presentare con orgoglio questo programma, che raccoglie tutti gli eventi dal 7 dicembre fino al 6 gennaio. Il Natale deve avere una grande impronta spirituale e grazie alla collaborazione con Don Pietro Vispi, sarà possibile ammirare un grande Presepe in piazza Mazzini, proprio di fronte la Collegiata. Piazza Matteotti, così come via Garibaldi, via Roma, viale Unità d’Italia, via Martiri della Libertà, piazza Michelangelo e via Leonardo Da Vinci a Pierantonio avranno delle bellissime luminarie. Tutto questo è stato possibile col grandissimo sforzo di associazioni, commercianti e aziende”. “Da parte degli umbertidesi ho riscontrato una grande voglia di collaborare alla stesura del programma e questo come amministrazione ci ha fatto un piacere immenso – ha dichiarato l’assessore Pierucci – Durante le festività natalizie di quest’anno ogni giorno è caratterizzato da un evento. Insieme al vicesindaco Mierla siamo riuscite a mettere insieme una serie di iniziative che riguardano sia l’aspetto culturale che quello del divertimento”. 

04/12/2018 15:20:39 Scritto da: Eva Giacchè

Attualità » Primo piano Inchiesta Spazzatura d'oro: il Comune di Umbertide si costituisce parte civile

La giunta Carizia ha deciso di costituirsi parte civile nel procedimento penale pendente nei confronti di Gesenu, Tsa e Gest. Oggi, infatti, davanti al Gip di Perugia, prenderà avvio il processo che scaturisce dalla nota inchiesta “Spazzatura d’oro connection” che ha coinvolto i tre gestori del sistema di raccolta e trattamento dei rifiuti in Umbria e, in particolare, le vecchie gestioni.  Il servizio di raccolta e trattamento dei rifiuti per il Comune di Umbertide è un servizio di preminente rilevanza, dal punto di vista economico ma, soprattutto, per la tutela del suo territorio e per la salute dei suoi abitanti. Gli utenti pagano tariffe sempre più onerose e hanno diritto a una gestione dei rifiuti lecita ed efficiente. Di contro, la frazione di Pierantonio, più di tutte, soffre da decenni miasmi intollerabili e l’inquinamento delle falde acquifere, riconducibili, sembrerebbe alla discarica di Pietramelina, presente a ridosso dei confini umbertidesi. Sarà la magistratura ad accertarlo, nel cui lavoro confidiamo insieme a quello svolto dalla polizia giudiziaria. Riteniamo doveroso che l’Amministrazione si costituisca tempestivamente parte civile già nell’udienza preliminare, non escludendo che gli imputati possano optare per un rito abbreviato e far venir meno la fase dibattimentale. Chiederemo il risarcimento di tutti i causati  all’erario, all’ambiente e alla salute cittadini, monitorando con attenzione il proseguo del giudizio. L’indagine sui rifiuti d’oro, di particolare complessità, è iniziata nel 2014, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia in collaborazione con il Nucleo investigativo provinciale di polizia ambientale e forestale del Corpo Forestale dei Carabinieri di Perugia e del Nucleo di polizia economica e finanziaria della Guardia di Finanza di Perugia. Pesanti le accuse formulate al termine delle indagini dal Sostituto Procuratore, Valentina Manuali, la quale nel decreto di rinvio a giudizio contesta molteplici ipotesi di reato, consumati anche in forma associativa, legati alla gestione illecita dei rifiuti pericolosi e non pericolosi, inquinamento ambientale, frode in pubblica fornitura, truffa aggravata, falso in registro e in atto pubblico ed altri ancora.  Da tali condotte penalmente rilevanti, secondo la magistratura inquirente, d’obbligo in questa fase l’uso del condizionale,  avrebbero tratto illecito arricchimento i gestori locali del servizio. All’ingiusto profitto sarebbe conseguito un grave pregiudizio per i Comuni e per i cittadini residenti che, pur impegnandosi nella differenziazione dei rifiuti e pagando tariffe sempre più elevate, non ottenevano uno smaltimento corretto dei rifiuti.

04/12/2018 12:34:20 Scritto da: Eva Giacchè

Ass.ne Informazione Locale
via Roma 99 06019 Umbertide (PG)
P.IVA 03031120540
Privacy Policy